Jump to content

newgipsy

Members
  • Content Count

    109
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by newgipsy

  1. newgipsy

    Prozone ha chiuso ?

    Ciao, non vorrei fare un "pasticcio" parlando di sito simile a questo e forse un po in concorrenza ma prozone.it ha chiuso? Lo frequentavo sporadicamente e c'erano anche discussioni interessanti ma ora è morto da parecchi giorni. Qualcuno sa qualcosa?
  2. Salve, un mio cliente ha alcuni server presso il datacenter di Tiscali in via Caldera. La situazione sta diventando drammatica: 1)caldo infernale, hanno addirittura piazzato dei pinguini de longhi tra gli armadi 2)sporco e abbandono totale, la prossima volta prima di entrare mi conviene fare il richiamo dell'antitetanica 3)ultima novita': ci piove! ci sono dei secchi che raccolgono delle infiltrazioni d'acqua. La situazione va avanti cosi' da parecchio e ormai alle assicurazioni dei tecnici e dei commerciali è difficile credere, qualcuno di voi ha notizie? Conviene consigliare a qualche cliente a cui si tiene di "levare le tende" prima di qualche brutta sorpresa?
  3. Concordo con la perplessità, da quello che so questo genere di commutazioni avvengono in automatico. E' anche vero che nel comunicato parlano anche di un muro abbattuto, magari qualcosa si è anche danneggiato. Piuttosto mi chiedo: ma non esistono protezioni? a casa se faccio un cortocircuito su un cavo mi scatta l'interruttore non mi crolla certo casa (e meno male :stordita:) qui un cortocircuito di cavi ha fatto una catstrofe. ...non per fare il vecchietto agli incidenti stradali ma... esistono foto?
  4. Ciao, è da un po che manco... ma vedo che qui le cose vanno sempre al meglio. Sono contento. Qualcuno ha esperienza di realizzazione di un cluster per web attivo/attivo con DRDB e OCFS? secondo voi e' usabile per 3 macchine che fanno da web server (solo web + php, senza database)? se metto la directory dove il php memorizza le sessioni in OCFS potrei avere dei problemi?
  5. Salve a tutti, casualmente mentre studiavo una soluzione per trasmettere il video su internet mi sono imbattuto in questo sito: http://www.ustream.tv/ Mi è sembrato interessante: fanno streaming live completamente gratis, non mi è chiaro come tengano in piedi il tutto (economicamente) ma mi è sembrata una cosa interessante da segnalare, stante anche il fatto che funziona alla grande
  6. newgipsy

    Infrastruttura Tophost

    Mi spiace aver scatenato questa discussione e, ovviamente, non sapevo che quelle foto erano legate ad un articolo che state facendo. Spero di non aver fatto un guaio.
  7. newgipsy

    Want to be an Hosting Provider?

    No, per la verità stavo cercando su youtube e su flickr mettendo i nomi di hoster e aziende similari più o meno a caso alla ricerca di foto di datacenter. Si trovano delle cose interessantissime, senza stare qui a mettere i link consiglio di provare ;-)
  8. newgipsy

    Want to be an Hosting Provider?

    Riporto in vita questo thread perchè, nel vagare domenicale sulla rete ho trovato queste: http://www.flickr.com/photos/tophost/ Magari è roba nota e solo io non le avevo mai viste ma quello che voglio dire è che non mi sembra propriamente "un'infrastruttura lowcost", almeno cosi' "a occhio". A questo punto mi chiedo: siamo sicuri che per fare l'hosting lowcost bastano un paio di server in croce da 50 Euro/mese? Del resto guardando quelle foto la prima cosa che ho pensato è stata: Ma tophost è tutta qui? dichiarano quasi 50.000 siti ma di hardware non ne vedo molto, certo non è roba economica però mi pare "un po poca" ;-)
  9. newgipsy

    Want to be an Hosting Provider?

    Scusate se mi intrometto in un ambito del quale capisco poco. Se però parliamo di offerte lowcost mi viene in mente Aruba e oggi, ancor di più, Tophost. Parliamo di 10 E per 100MB o sbaglio? qualsiasi altra cosa che costi di più non penso si possa definire "low cost". Secondo me oggi il low cost è solo Tophost e credo che bisognerà farsene una ragione, o si compete su quel campo di gioco oppure non possiamo parlare di hosting low cost. Ovviamente IMHO
  10. Salve a tutti, come avevo accennato in passato il datacenter a milano in via caldera di levelip è in corso di smobilitazione, qualcuno di voi ha notizie di prima mano circa quello che succederà? Aspetteranno che tutti vadano via o chiuderannno prima?
  11. Fa molto piacere leggere, finalmente, una voce che "venga dall'alto" sulla vicenda. Quando si è anche solo consigliato in passato una determinata soluzione si sente il peso di questi problemi, che per la verità sono abbastanza frequenti ultimamente nel settore. Converrà che un "terremoto" c'è stato senza che nessuno si fosse preso la briga di tranquillizzare i clienti. Qualunque cosa succeda mi aspetto che si tengano in considerazione i clienti e le loro esigenze di continuità del servizio. Da Galactica a Elitel passando per WMG di clienti "spenti" per settimane, di server da riavere col l'aiuto dell'avvocato ne ho visti tanti.... Per il resto: i migliori auguri.
  12. Diciamo che si tratta di "voci" molto insistenti in quel di caldera. E poi il tecnico "di punta" di levelip è andato via da qualche mese, ora mi risulta che sia andato via anche il commerciale...
  13. Dopo la vostra news ho seguito un po la vicenda e debbo dire che temo "abbiano indovinato ancora una volta": http://clienti.tophost.it/ Non si può certo dire che siano a corto di idee e comunque sanno fare marketing e comunicare, è indiscutibile; anche se sulle prime generano perplessità (vedi quest'estate). Non sono un loro cliente "tipico" ma ultimamente ho registrato qualche dominio con loro da far puntare su dei miei server e non mi sono sembrati male.
  14. newgipsy

    Tophost reloaded

    Infatti dopo aver letto la vostra news ho seguito la cosa, come al solito il merito è vostro che riuscite a riassumere il meglio di quello che succede nel settore ! Sul fatto che quello dell'estate scorsa sia stato uno sfogo ho le mie perplessità. Che nulla sia poi seguito in effetti non è vero, a distanza di 3 mesi è seguito questo :-) A pensarci bene ci vedo anche delle relazioni visto il curioso blog lasciato "a ruota libera" con tanto di feed e di "ping" a technorati (ho controllato). C'è da dire che in un settore che dal punto di vista delle idee e della comunicazione è più che "piatto" loro si fanno notare ;-)
  15. Ciao a tutti casualmente ho trovato queste presentazioni, alcune delle quali molto interessanti per chi fa il nostro lavoro: http://www.seeweb.it/eventi/1 Ho pensato di segnalarle, non ho intento pubblicitario anche perchè vedo che di pubblicità qui già ne stanno facendo :-)
  16. Non posso prendere "decisioni" in merito ma solo dare consigli al cliente. Gli si è rinnovato il contratto a maggio scorso e non vuole perdere dei soldi facendo uno spostamento anticipato (mi sembra comprensibile se non c'è pericolo imminente). Da parte mia ho consigliato di fare una raccomandata a Tiscali (corredata di foto) denunciando il fatto, ho fornito al cliente un paio di offerte da valutare, vedremo.
  17. newgipsy

    Sla

    Non lo metto in dubbio ma io ho un contratto per un rack più banda Inet è c'è tanto di capitoletto sullo SLA. Che poi è più marketing che altro, ma c'è ;-)
  18. newgipsy

    Sla

    A me risulta invece che lo offre. Il punto è che si tratta di uno SLA "inutile" in quanto basato sul "tempo di non disponibilità" del servizio. Per esempio se sei "out" per 1 settimana ti tocca c.a. il 20% del canone mensile il che è ridicolo. Più che uno SLA è una specie di rimborso del disservizio. Conosco solo un'unica compagnia italiana che offre una SLA "serio".
  19. newgipsy

    hostingplan???

    Devi ammettere che comunque quelli di Aruba si muovono alla grande sul fronte delle acquisizioni ! Sarebbe interessante fare una specie di "mappa" degli Hoster Italiani con i legami di proprietà, i legami tecnici (tipo x sta nel datacenter di y). Potrebbe essere utile, anche se andrebbe aggiornata frequentemente credo :-) Una cosa simile alla "mappa del potere" che ha beppegrillo. Se la sente HT, potrebbe essere carina :-)
  20. newgipsy

    Diventare isp in italia?

    Ciao, io prima di passare alle tue domande ne farei una io: ma cosa vuoi fare di preciso? Hosting, connettività, cosa di preciso? Sicuramente te le danno, giusto per darti un'idea per 100mb stai sui 2500 Euro/mese Ci sono, da 10 a 150 Euro/ora (e anche oltre) ... dipende dalla bravura :-) Però ritorno alla domanda iniziale: qual'è il tuo progetto?
  21. Non solo e' impensabile ma sarebbe pericolosissimo. Mi spiegava proprio un progettista che occorre tenere presente il "punto di rugiada", avvicinarsi a quella temperatura significherebbe produrre "rugiada" ovunque con problemi immaginabili dentro server e quant'altro. Da quello che ho capito la temperatura ottimale e' tra i 20 e i 23 è ovvio che quando fuori fa caldo e ci entri dentro ti sembra di stare in un congelatore :sisi:
  22. newgipsy

    Wefarm in Italia

    Non solo: Redbus non è in caldera e Grapes Network è fallita.
  23. Intanto vedo che c'è qualcun altro che ha avuto la mia stessa "impressione", a questo punto mi farebbe piacere sentire il parere di qualcuno che è "cliente Inet" (io non lo sono, ho trattato con loro conto terzi). Siccome qui ce ne sono tanti sarebbe interessante, soprattutto su: 1)livello di professionalità dei commerciali 2)qualità della banda IP, soprattutto internazionale 3)velocità, efficienza ed efficacia nello gestire situazioni critiche (specialmente DoS, casi in cui ho avuto ripetute pessime e spiacevoli esperienze). Dire: "a livello tecnologico sono anni luce avanti" non significa nulla. Hanno dei muri belli, una reception con una guardia che fa il muso cattivo ma non si accorge se "andando via a predendere una cosa in macchina" rientri con un amico di cui lui non ha il documento. ma con "tutta questa tecnologia" in molte sale ci sono "sacche di caldo" oltre i 28 gradi... ne vogliamo parlare?
  24. Sto preparando per un possibile cliente un'analisi comparativa tra varie soluzioni di server dedicati ora debbo indicare i collegamenti che ogni provider ha a disposizione. In effetti però mi devo fidare di quello che dichiarano i provider stessi (e nemmeno tutti), mi chiedo: esiste un qualche modo per "indagare" su questa cosa. Per esempio: con chi è collegata Inet? c'è qualche tool che fornisce queste informazioni?
  25. Intanto questo non è vero, ci sono molti altri IDC in Italia che hanno il concetto di "sala dedicata" come e meglio di Inet. V'è da dire che Inet non ha fatto una "scelta" mettendo dentro di tutto un po: dagli uffici, agli spazi disaster recovery, alle sale macchine. Infatti nonostante "l'imponenza" dell'infrastruttura (per infrastruttura intendo i muri) del datacenter non è per nulla noto a livello internazionale come i nomi tedeschi, inglesi e americani che magari hanno telehouse più piccole ma con molte più facilities adatte all'uso come datacenter. Qualche esempio di quello che "Non mi piace di Inet"? 1)il fatto che non abbia un "listino", mi spiace dirlo ma è da "cantinari" in questo modo ci sono clienti che comprano la stessa cosa a prezzi "paurosamente diversi". Ho avuto due preventivi "identici" fatti a due clienti diversi uno da 30.000 e uno da 17.000. Questo non è serio e alla lunga fa scappare i clienti 2)come conseguenza: "i commerciali" di Inet non sono un gran che', mi spiace dirlo perchè si offendono delle persone ma è così. 3)il fatto che per un'azienda che vorrebbe essere "best in class" non ha connettività internet all'altezza (soprattutto internazionale) in quanto compra banda da pochi operatori e soprattutto dai più economici. 4)circa un anno fa ho avuto problemi di dDoS su un cliente in Inet e ci hanno messo 10 ore per fare qualcosa. Qui porto un'esperienza diretta: in Seeweb per un problema analogo (e alle 5.00 di mattina) hanno mitigato in 15 minuti ! 5)Il futuro di Inet è "incerto" non che quello di tutti gli altri sia certo per definizione ma Inet non avendo più l'interesse dei fondatori (non ci sono più tra chi comanda e hanno anche ceduto tutte le loro azioni) ed essendo ormai il "management" debole nel senso che non ha più nessun coinvolgimento "passionale" in quello che fa non mi aspetto grandi progressi (e in effetti non ce ne sono stati tranne la costruzione di "mura" oltretutto progettate dai "vecchi" fondatori". Secondo me questo, unito ad una situazione finanziaria che non "genera valore" è un punto di preoccupazione. 6)Oggi il datacenter di Inet non ha nulla di più di un qualsiasi grande datacenter di Telecom Italia e si avvia ad averne tutti i lati negativi legati all'elefantiasi e all'incompetenza di chi lo gestisce. 7)Prova a metterti in colo da Inet e voler acquisire banda tua che non sia quella di inet, collegarti direttamente ad altri operatori ecc ecc. Per altre Telehouse è la regola. Con questo non voglio "demolire un'azienda" che ha significato tanto per la storia dell'internet Italiana, voglio solo far notare che "le cose sono cambiate". Internet è andata avanti, altri fino a ieri nemmeno lontanamente "considerabili come scelta" (vedi Seeweb) sono cresciuti e tanto e Inet è sempre li "immobile" sperando di fare utili. Tra altri tre anni che succederà? In questo mondo "chi si ferma è perduto", è la prima regola!
×