Vai al contenuto

sineverba

Members
  • Numero contenuti

    33
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    1

L'ultima giornata che sineverba ha vinto risale al 31 Agosto 2017

sineverba ha ottenuto più reazioni positive in un giorno nei suoi contenuti!

Su sineverba

  • Rango
    Nuovo utente
  1. sineverba

    Posso ospitare una zona DNS sul mio Raspberry?

    Grazie! Alla fine ho trovato il mio workaround. Gestisco il dominio tramite cloud flare che mi permette di scrivere i DNS tramite API. Da li viene facile un semplice script ogni 10 minuti di check IP esterno che se cambiato va ad aggiornare il record A. Alla fine un personale DDNS :) Grazie per la pazienza e la gentilezza e le spiegazioni!
  2. sineverba

    Posso ospitare una zona DNS sul mio Raspberry?

    Purtroppo non mi è arrivata la notifica della risposta... :( Ok, il "non puoi" vale solo per il .it? Per i .com è piu' permissiva la cosa? Non ti chiedo la pappardella, tranquillo, puoi mettermi però sul corretto binario di ricerca con qualche "termine" o "indicazione" cosi continuo a studiare per conto mio? :) Grazie ancora!
  3. Ciao a tutti! Ho un dominio registrato su un importante registrar, che attraverso il CNAME del WWW reindirizzo al DDNS impostato nel mio router. Quando cambia l'ip della connessione di casa quindi non ho grossi problemi e riesco ad accedere ai miei servizi a casa tranquillamente tramite il mio www. Ora la domanda che mi è venuta in mente... Vorrei agire sul benedetto A... quando cambia l'IP aggiornare direttamente il record A. Ovviamente non posso farlo a mano, è impossibile, e non ho possibilità di farlo a mano. Ora la mia domanda è... Ma come potrei fare per avere sul mio raspberry tutta la zona DNS del mio dominio, compreso il record A? Dovrei immagino farmi autorizzare due NS ? Considerate pure che il dominio è un .it... Grazie mille!
  4. sitonline :) Alla fine il trasferimento è avvenuto, malgrado gli avvisi ricevuti per email fossero di diverso avviso.....
  5. Alla fine, il dominio .com è stato trasferito senza problemi, dopo aver chiesto la modifica della email del registrante e ottenuto di lasciare il dominio non in fase lock. E durante tutto il trasferimento il dominio non è mai andato down, neanche durante il pending transfer. A questo punto mi chiedo se è una strategia messa in atto dal provider per spaventare e cercare di non far trasferire i domini o se semplicemente è stato evitato al nostro ordine di essere cessato... bah....
  6. Ciao VonT, l'abbiamo chiesto (con il Cliente) direttamente tramite chat. Non mi fornisce i DNS, nel senso non mi fa entrare nella configurazione (gli NS puntano a lui e quindi la zona la mantiene lui) Cmq confermo che l'attuale provider fa esattamente quanto dici tu. Al momento, essendo in ballo, preferirei non fare nomi, ma appena possibile non macherò di descrivere le situazioni. Tra l'altro hanno messo nel campo REGISTRANTE come mail il valore "null"... e quindi per far fare quella modifica ribloccheranno il dominio per altri 60 giorni...
  7. Buongiorno a tutti, scusate per il titolo poco chiaro ma cercherò di spiegarlo meglio. Un mio cliente ha registrato un .com da alcuni anni con un'azienda che fornisce solo template per fare un sito e caselle di posta (no hosting, no gestione DNS). Tale azienda registra tramite REGISTER (da un Whois il registrante è proprio REGISTER). Ora, venuto il momento di portare via quel dominio per costruirci un sito "vero", abbiamo chiesto all'assistenza se avessero sospeso i servizi anche durante il trasferimento o solamente dopo. La loro risposta è stata che DURANTE TUTTO IL TRASFERIMENTO nessun servizio sarebbe stato più raggiungibile. Ovviamente è subentrato il "panico" perchè non si può restare senza posta elettronica (aziendale) per 5/7 giorni. I passi che ho fatto: Ho chiesto (anche a pagamento) la modifica del record MX se non degli NS > risposta "non si può fare, non offriamo questo servizio" Ho chiesto di lasciare in piedi i servizi fino alla scadenza contrattuale (non del dominio) prevista a dicembre 2017 > risposta "non si può fare, cessiamo quando te ne vai" Ho chiesto di lasciare in piedi i servizi fino alla avvenuta MIGRAZIONE del dominio (e quindi ad avvenuto cambio registrar) > risposta "guarda che dipende dal nuovo mantainer, noi cessiamo, deve sistemare lui". Ho chiesto a REGISTER di bypassare loro dato che il dominio l'hanno registrato loro e register mi ha detto di no. Vi chiedo allora: 1) In fase di migrazione di un .com, se il NUOVO registrar / mantainer me lo permette, io posso tranquillamente ricreare intanto (almeno) le caselle di posta, giusto? 2) In fase di migrazione di un .com se il VECCHIO registrar vuole, può lasciare tranquillamente i servizi attivi, giusto? Dato che poi con la migrazione gli NS puntano a nuovo servizio, loro semplicemente avranno un servizio "fermo a far polvere". Questo per evitare qualche disagio, che si fermano soltanto alle 12/24/36h di propagazione DNS dopo il trasferimento Voi cosa fareste in questa situazione? Che ne dite del punto 2? Grazie Alessandro
  8. sineverba

    Blog "anonimo" ma privacy obbligatoria...

    Ciao a tutti, ho aperto un blog che vorrei mantenere "anonimo". Mi ci sfogo di problemi personali. E' su .com per il quale ho attivato l'hidden shield. E' in hosting su hostinger, free, che credo sia estero. Domanda: se lascio i commenti aperti le persone devono inserire la email, e quindi devo specificare una policy privacy... per la quale devo mettere il mio nome e cognome... Anche se metto analytics mi ritrovo a dover mettere una policy privacy. Il dominio l'ho acquistato da un provider italiano che però riregistra all'estero (credo in Francia). Scrivo contenuti dall'Italia. Sono obbligato secondo voi? E se in una pagina a parte scrivessi a chiare lettere "Usate una email fasulla, tanto a me non interessa, di quelle temporanee. Come statistiche c'è Google Analytics ma basta che bloccate il cookie e io non vi vedo più (cmq non ho vostri dati personali)?" Cioè, se insomma scaricassi la "palla" agli utenti? Se no veramente, volevo rimanere "anonimo" ma con la privacy non posso rimanere "anonimo". Ripeto, è un blog... "psicologico". Nè guerre nè altro ;) Anche perchè so benissimo che posso essere rintracciato da magistratura e affini in un attimo. A me interessa solamente non far sapere a un paio di conoscenti che sono io.... Grazie!
  9. sineverba

    Breve e veloce conferma se ho impostato i DNS correttamente

    Plesk....ho spento i dns x quel dominio e sembra funzionare tutto :-) grazie mille x le risposte!
  10. sineverba

    Breve e veloce conferma se ho impostato i DNS correttamente

    OK... Ho disabilitato completamente la zona DNS sul mio server. Ancora però sussiste il problema che il server "gira la posta internamente". E' solo questione di attendere? Grazie ancora!
  11. sineverba

    Breve e veloce conferma se ho impostato i DNS correttamente

    No,sinceramente no... Sul mio Plesk ho lasciato praticamente tutto invariato... C'è una novità però: scrivevo da un account che sta sullp stesso Vps e tornava indietro,da Gmail invece no. Credo che se scrivo da un account presso lo stesso server la posta rimane "interna" e quindi avró semprr errore... Nn so se mi sono spiegato :-)
  12. sineverba

    Breve e veloce conferma se ho impostato i DNS correttamente

    Grazie intanto ad entrambi... Stamattina ho ancora provato a scrivere ad una casella configurata su register e solo li e ancora risponde il mio VPS dicendo che il destinatario è sconosciuto... La modifica l'ho fatta ieri pomeriggio verso le 15.00 :( E se sul mio VPS impostassi l'MX di register? Perchè ad oggi, ovviamente, è cosi: aaaa.com MX (10) mail.aaaa.com (con il nome del dominio quindi). Se gli mettessi l'MX di register? Rimbalzerebbero all'infinito perchè register rispedirebbe da me?
  13. sineverba

    Breve e veloce conferma se ho impostato i DNS correttamente

    Grazie Rey, immagino sia solo tempo... Quindi secondo te la configurazione è corretta per quello che voglio ottenere?
  14. Scusate per il titolo :) Spiego velocissimamente: Cliente con dominio .com su register.it, vuole gestire le email li ma il sito su un mio VPS. Su Register (che ripeto, ha registrato il dominio) ho impostato questi DNS: [TABLE] [TR] [TH]Nome[/TH] [TH]Tipo[/TH] [TH]Valore[/TH] [TH]Cancella[/TH] [/TR] [TR=class: odd] [TD]aaaaa.com [/TD] [TD]A [/TD] [TD]176.xxxxxx [/TD] [TD] Cancella [/TD] [/TR] [TR=class: odd] [TD]ftp.aaaaa.com [/TD] [TD]CNAME [/TD] [TD]aaaaa.com [/TD] [TD] Cancella [/TD] [/TR] [TR=class: odd] [TD]pop.aaaaa.com [/TD] [TD]CNAME [/TD] [TD]mail.register.it [/TD] [TD] Cancella [/TD] [/TR] [TR=class: odd] [TD]webmail.aaaaa.com [/TD] [TD]CNAME [/TD] [TD]webmail.register.it [/TD] [TD] Cancella [/TD] [/TR] [TR=class: odd] [TD]www.aaaaa.com [/TD] [TD]CNAME [/TD] [TD]aaaa.com [/TD] [TD] Cancella [/TD] [/TR] [TR=class: odd] [TD]aaaaa.com [/TD] [TD]MX 10 [/TD] [TD]mail.register.it [/TD] [TD] Cancella [/TD] [/TR] [/TABLE] Ns1 e ns2 sono entrambi ns1.register.it e ns2.register.it In questa maniera: 1) QUando si propagheranno i DNS, la mail arriva su register? 2) Il sito si vedrà quello ospitato sul mio vps, esterno a register, sull'IP 176... ? 3) Qualsiasi cosa scriverò nel mio mio VPS, nel pannello DNS, verrà semplicemente ignorato, giusto? Perchè ho fatto questa operazione un paio d'ore fa ma ancora register non risponde correttamente (le email inviate su caselle configurate da register e non sul mio vps tornano indietro).... Giusto per sapere se devo semplicemente aspettare... Grazie mille a tutti e buon lavoro
  15. sineverba

    Rendere un dominio .it offline

    Ho cancellato tutti i DNS che vi facevano riferimento. Purtroppo però PLESK vuole almeno un NS, quindi è rimasto solo un record che ho modificato a mano cambiandolo in un dominio che non esiste. Ora aspetto l'aggiornamento dei DNS per vedere che succede...... Grazie intanto
×