Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'apple'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 61 results

  1. Intel è, ed è sempre stato, il più grosso produttore di processori al mondo. Ma questo primato potrebbe non essere mantenuto a lungo infatti, i dispositivi tecnologici aumentano e oggi i processori... Continua a leggere, clicca qui.
  2. Dopo giorni di dubbi la notizia è stata ora confermata: il nuovo iPad sarà nei negozi italiani venerdì 23 marzo. Nessuna data rimandata dunque, ma anche nessun preordine da poter effettuare.*In It... Continua a leggere, clicca qui.
  3. Era il 1992 quando il primo smartphone venne immesso sul mercato dall’IBM sotto il nome di Simon Personal Communicator. Poteva contare su quelle che oggi potremmo definire app standard, come il cale... Continua a leggere, clicca qui.
  4. I cavi ottici per porte Thunderbolt che permettono trasferimenti dati più veloci su distanze più lunghe per computer Apple Macintosh saranno disponibili entro quest\'anno, come dichiarato da Intel l... Continua a leggere, clicca qui.
  5. CPU più veloce, schermo Retina, LTE: il nuovo iPad, Apple lo chiama così senza aggiungere un 3, fa tutto quello che ci si aspettava da lui alla vigilia. Nonostante la consueta cortina di riservatezza, insomma, questa volta i rumor ci avevano preso appieno. Il nuovo iPad è lo stesso tablet visto da due anni a questa parte nella forma, ovvero uno schermo 4:3 da 9,7 pollici di diagonale, con un guscio di alluminio. La differenza la fa tutta lo schermo, comunque: ora è da 3,1 megapixel con una densità pari a 264 punti per pollice, quanto basta a Tim Cook per proclamare dal palco che si tratta di un display Retina con un miglioramento anche nella capacità di restituire colori più vividi. Per riuscire nell\'impresa di far stare 2048x1536 pixel in così poco spazio (è una risoluzione superiore a quella dei televisori fullHD in commercio, che di solito hanno diagonali dai 20 pollici fino a 60), Apple ha deciso di montare un display con la circuiteria che trasporta i segnali sotto la matrice dei pixel. Il risultato, non trascurabile, è che il prezzo da pagare per delle immagini super-definite è uno spessore complessivo della tavoletta che aumenta da 8,8 a 9,4 millimetri, aumento che possiamo comunque considerare trascurabile (sfido l\'utente medio ad accorgersi dell\'aumento dei 5 mm). È comunque facile immaginare che il marketing della concorrenza si scatenerà su questo neo. Ovviamente, gestire 4 volte i pixel del vecchio schermo non è cosa da poco quindi per questo il nuovo iPad monta una CPU dual-core più veloce che, a giudicare dal nome, dovrebbe essere un\'evoluzione della precedente. In ogni caso Cook e compagni dal palco affermano coraggiosamente che l\'A5X sarebbe 4 volte più potente di un Nvidia Tegra 3, grazie anche a un comparto grafico quad-core di tutto rispetto. Ovviamente, sarà complicato confrontare i benchmark visto che le piattaforme montano OS differenti ma pare pacifico affermare che più che le prestazioni assolute, per l\'utente fi... Continua a leggere, clicca qui.
  6. La corsa al cloud computing è una gara alquanto affollata. Se l\'avessimo vista con gli occhi di 15 anni fa non ci avremmo creduto, la frammentazione del mercato consumer ci avrebbe fatto impressione, con gli occhi abituati a vedere software e sistemi operativi Microsoft ovunque. Oggi i giganti sono Google, Apple e poi anche Microsoft, che si trova però a dover costantemente inseguire i propri avversari. Google da par suo ha esitato e sta ancora esitando nel suo rilascio di un servizio di cloud storage quale dovrebbe essere l\'ormai leggendario Google Drive, mentre il suo Google Docs che nei primi tempi dall\'uscita dava l\'idea di rappresentare una rivoluzione che non ci avrebbe più fatto usare file di sistema e Microsoft Office ha ridimensionato la sua gittata, e a me personalmente appare oggi come un fuoco di paglia. Se vuoi un block notes o meglio ancora un post it da appiccicare frettolosamente come bozza da far leggere a qualcuno o promemoria per te stesso funziona alla grande, ma un livello di utilizzo più profondo obbliga ancora a servirsi di altri editor, perché se sei un manager ed hai bisogno di costruire uno spreadsheet articolato senza impazzire non userai mai google docs. Comunque in attesa dell\'uscita di Google Drive che starà sicuramente terrorizzando i suoi avversari, Microsoft con Skydrive sta perseguendo l\'obiettivo di rendere il suo cloud universale ed il suo linguaggio comprensibile ad altre piattaforme, e questo all\'occhio di 15 anni fa precedentemente tirato in ballo dovrebbe sembrare ancora più strano. Certo, se sei Microsoft il tuo miglior interesse è quello di rendere agevole per i tuoi clienti spostare i dati tra il maggior numero di dispositivi Windows possibili. Apple vuole anch\'essa assicurare la sincronizzazione nella comunicazione tra iPhone, Mac e AppleTV. E Google da par suo vuole rappresentare il centro di smistamento informazioni per i suoi clienti, da quando è andato oltre il suo nucleo di semplice motore di ricer... Continua a leggere, clicca qui.
  7. Apple ha costruito il proprio successo su due pilastri fondamentali: innovazione tecnologica ed immagine. Ultimamente, però, l’immagine complessiva dell’azienda ha subito diversi brutti colpi. Un numero crescente di persone in tutto il mondo inizia considerare la compagnia come un’altra delle tante “corporation” che sfruttano lavoratori malpagati nei paesi emergenti, come la Cina. La vicenda ha, inoltre, richiamato l’attenzione di molti statunitensi sull’enorme quantità di lavoro che la compagnia, invece di creare negli Stati Uniti, esporta all’estero in una situazione di crisi economica strisciante.*La compagnia è sempre stata attenta a sottolineare le proprie radici americane: sia per evitare simili problemi, sia per l’appeal maggiore che un prodotto costruito negli Stati Uniti può avere su una parte dei consumatori. Sul retro dei propri prodotti l’azienda inserisce, così, la particolare dicitura Designed By Apple in California and Assembled in China.*La multinazionale, in considerazione della pressione pubblica, ha deciso, inoltre, di rilasciare alcuni dati sui posti di lavoro che l’azienda avrebbe creato nel paese, tratti da due differenti studi. La prima ricerca, effettuata da Analysis Group, ha provato a calcolare l’impatto diretto ed indiretto dell’azienda sull’economia USA, utilizzando uno standard per calcolare il lavoro indiretto creato sviluppato dall’U.S. Bureau of Economic Analysis.*Apple avrebbe creato, secondo i dati, 304000 posti di lavoro. 47000 sarebbero gli impiegati diretti di Apple nel paese, mentre 257000 i lavori creati indirettamente. Tali lavori creati indirettamente spaziano nei più vari settori, tra cui: sviluppo e produzione di componenti, professioni scientifiche e tecniche, vendite ai consumatori, trasporti, vendite alle aziende e cure mediche. La società sottolinea inoltre che*i posti di lavoro direttamente creati dall’azienda*sarebbero più che quadruplicati in dieci anni, passando ... Continua a leggere, clicca qui.
  8. Il lettore di Amazon, Kindle versione 3, è il campione di vendite della nota compagnia di vendite online. Nel 2009 aveva raggiunto a stento i 3 milioni di pezzi venduti, nel 2010 ha superato qualsiasi aspettativa arrivando addirittura a vendere 8 milioni di pezzi in tutto il mondo, il numero più alto mai raggiunto e in assoluto il prodotto più venduto di Amazon.com. Da quanto Jeff Bezos, CEO di Amazon, ha pensato di creare e lanciare Kindle, era il 2007, ci sono voluti 3 anni per arrivare ad una completa affermazione di questo dispositivo e soprattutto per arrivare ad una completa diffusione degli ebooks e della lettura digitale, dapprima vista come un prodotto destinato a fallire nel breve periodo. leggi tutto Leggi 8 milioni di Kindle nel 2010: dove Amazon ha vinto contro Apple
  9. Come di consueto il keynote di Apple lo scorso 1 Settembre ha rinnovato alcuni dei prodotti musicali di Cupertino, ma ha portato con se anche Ping, un social network per gli amanti della musica, integrato con iTunes (ora in versione 10) e derivante dalla tecnologia che Apple ha acquisto grazie a Lala.com. Leggi Apple lancia Ping e tocca un milione di utenti in poche ore
  10. Tra poche ore (o minuti) dovrebbe essere distribuito a livello mondiale il nuovo iOS 4 da Apple per iPhone. Impressionante vedere come su Twitter le persone aggiornino continuamente lo status per l'attesa, e ancora più impressionante pensare a come si organizzi Apple con Akamai per la distribuzione di un simile aggiornamento, con milioni di download in contemporanea. Penso che sia un buon esempio di come diverrà un problema sempre più concreto anche la distribuzione di software/dati in rete: nel caso di compagnie che necessariamente devono distribuire sw ai loro utenti, oppure grandi quantità dati, con cadenza periodica, è ormai inimmaginabile farlo senza l'uso di costosi servizi di CDN. Sarà un mercato con molta concorrenza nel giro di pochi anni? Vi sono già oggi decine di aziende, non certo grandi come Akamai, che si occupano di distribuire contenuti con i loro network.
  11. Quale browser utilizzate sul vostro portatile? Internet Explorer, Firefox, Safari, Chrome, Opera, la scelta è ampia e di recente anche Microsoft ha dovuto allargare il proprio sistema favorendo la scelta di un nuovo browser. E sul vostro cellulare o smartphone? Qui fino ad oggi la scelta è stata più difficile, per via di software proprietario standard sui dispositivi, o per via del fatto che non vi fossero alternative altrettanto valide. Se siete possessori di un iPhone avrete sicuramente usato fino ad oggi Safari. Leggi Opea Mini vuole entrare nell'AppStore di Apple. A rischio il ruolo di Safari?
  12. Apple ha avviato alcuni mesi fa la realizzazione di un data center dalle enorme dimensioni, un investimento di 1 miliardo di dollari che dovrebbe alle spalle un ampio progetto e, probabilmente la rivoluzione del modo in cui gli utenti usano iTunes. Un articolo di TechCrunch mette in luce questo aspetto riferendosi alla recente acquisizione del servizio online Lala.com. Leggi iTunes nella cloud potrebbe essere un valido motivo per i data center Apple
  13. In molti avevano notato negli ultimi rilasci di Mac OS X, in particolare Snow Leopard, che ZFS, il file system di casa Sun che doveva il cuore di Mac OS, era del tutto assente senza alcun cenno particolare di Apple. Forse per la complicata situazione di Sun, per i problemi di integrazione con Apple o semplicemente per una scelta interna, sembra chiaro che ZFS sia un progetto definitivamente abbandonato da Apple, come conferma un annuncio di Mac OS Forge, community dedicata allo sviluppo di tutti i progetti opensource seguiti da Apple e specifici per Mac OS X. Leggi Apple e MacOS X: il file system ZFS viene definitivamente abbandonato
  14. Nella giornata di ieri Apple ha presentato una nuova linea di prodotti, oltre ad aver rinnovato il suo notebook Macbook, la compagnia ha anche portato nei suoi store due nuovi modelli di Mac Mini, uno dei prodotti maggiormente apprezzati nella storia di Apple, e lasciato senza aggiornamenti da ormai troppo tempo. Leggi Apple presenta una versione server del proprio Mac Mini
  15. Apple ha confermato nelle scorse ore quella che sta divenendo oggetto di discussione di molti blog e portali specializzati nella copertura delle news di Cupertino. Una falla nel nuovo sistema di Snow Leopard è nota anche agli ingegneri del team di sviluppo, la sua gravità non è banale, il sistema di login infatti presenta un bug che porta alla perdita totale dei dati dell'utente una volta eseguito il login sul sistema tramite account "guest". Leggi Snow Leopard ha un grave bug, Apple conferma
  16. Rich Miller, editor e fondatore di DatacenterKnowledge, ha rilasciato una bella intervista a Cult of Mac relativamente al nuovo data center in costruzione per conto di Apple, annunciato come una delle più grandi strutture al mondo, con i suoi 500.000 square foot di estensione (circa 45.000 metri quadri). Leggi Il data center di Apple sarà dedicato al cloud computing
  17. Uno degli effetti più "preoccupanti" derivanti dalla costruzione del nuovo data center di casa Apple, potrebbe coinvolgere i CDN, i servizi come Akamai o Limelight, ampiamente utilizzati da Cupertino per la distribuzione dei suoi contenuti e dei suoi servizi, uno tra i migliori clienti di aziende d'oro, che grazie ai loro network riescono a raggiungere gli utenti di tutto il mondo a bassissime latenze. Leggi Apple verso la realizzazione di un proprio CDN
  18. Apple sembra sempre più intenzionata a migliorare i propri data center, in preparazione ad una serie di sviluppi di cui l'AppStore potrebbe essere solamente una piccola parte del progetto. Olivier Sanche, data center executive del gruppo eBay, è stato assunto da Apple nel ruolo di Director of Global Data Center Operations. Si presume che Sanche sarà il supervisore del nuovo data center da 1 miliardo di dollari, data la sua esperienza in eBay, dove si è occupato dei grandi data center realizzati dalla società negli USA. Leggi Apple assume il responsabile dei data center di eBay
  19. Come avevamo anticipato, Apple sarebbe pronta alla realizzazione di un nuovo data center in North Carolina, una costruzione di importanza notevole, visto il costo di 1 miliardo di dollari, in parte ridotto dagli sconti che Apple dovrebbe ottenere sulle tasse applicate dallo stato. La fonte ufficiale parla di 50 posti di lavoro che verranno creati con il nuovo data center, e l'utilizzo dello stesso per potenziare lo sviluppo e la distribuzione di musica e applicazioni, tramite iTunes Store e App Store per iPhone. Leggi Ufficiale la realizzazione di un data center Apple in North Carolina
  20. Dopo l'ingresso nel mondo dei servizi online con MobileMe, una esperienza per altro non iniziata nel migliore dei modi sul fronte della disponibilità del servizio, sembra che Apple ora voglia espandere le proprie operazioni nel web, realizzando un imponente data center nello stato del North Carolina, con un investimento di 1 miliardo di dollari, una cifra non certo comune per una simile struttura. Leggi Apple, un data center da 1 miliardo per i nuovi servizi web?
  21. Oggi l'annuncio che sarà Oracle ad acquisire Sun Microsystems, non IBM come si diceva fino a pochi giorni fa. Le due compagnie sono sul mercato da anni e in questi anni hanno collaborato insieme diverse volte, per cui l'acquisizione sembra quasi un passo di completamento. leggi tutto Leggi il resto di Oracle potrebbe divenire la Apple del settore enterprise? sul blog di HostingTalk.it
  22. mattacchioni... Ratbags take "Windows 7" to the street - Videos - ZDNet Australia :asd:
  23. gipo

    Apple TV

    Ciao a tutti... stavo pensando di prendermi l apple tv, qualcuno di voi lo ha gia preso ? Cosa ne pensate?
  24. guest

    Odio e amore per Apple

    Te si che hai afferrato l'unico valido motivo per acquistare un mac. Gettare via l'elettronica interna (magari tirandogli prima secchiate d'acqua a computer acceso e poi dandogli fuoco) per poi utilizzare lo chassis come distributore di carta igienica.... Un peccato per la carta igienica però, messa dentro li si sminuisce e fa sembrare il mac troppo importante... :D
  25. Presentate le nuove versioni delle sue distribuzioni Linux, che forniscono supporto per reti 3G e virtualizzazione. L'obiettivo è raggiungere l'usabilità del mondo Mac. Leggi la News
×