Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'apple'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 61 results

  1. Segnalo che il 19/11 a Roma ci sarà l'iPhone Tech Talk World Tour. Maggiori info: - http://developer.apple.com/events/iphone/techtalks/ - http://developer.apple.com/events/iphone/techtalks/#europe Purtroppo l'agenda per l'europa non presenta tutta la parte dedicata a OpenGL ES, che rende la cosa un pò meno emozionante, ma potrebbe pur sempre interessare a qualcuno :) Iscrizione gratuita, posti limitati. Ciao, marco.
  2. Il Cern si avvale della tecnologia VMware per l'analisi dei dati, in particolare l'utilizzo di VMware Fusion consente di avere più ambienti virtuali per il collegamento LHC Computing Grid. Leggi la News
  3. La società riconosce i problemi registrati dagli utenti nei giorni scorsi. E corre ai ripari, anche con l'aiuto di un blog. Leggi la News
  4. Il thread su App Store ha sollevato un argomento che, a mio avviso è estremamaente interessante. Data la delicatezza di tale argomento e l'enorme facilità con cui potrebbe evolversi in un flame mostruoso, cercherò di toccare molti punti con estrema precisione. Chiedo a tutti coloro che vorranno partecipare di non usare, per questo thread specifico, ogni battuta o faccina per evitare che in un attimo debba chiudere la discussione. Grazie. Lo spunto deriva dall'articolo segnalato da Ste: http://www.techcrunchit.com/2008/07/15/the-new-apple-walled-garden/ In questo articolo, vi è un analisi di cosa potrebbe comportare il nuovo sistema di distribuzione applicazioni Apple. Partiamo, però, da lontano: come risaputo, a livello filosofico, uno sviluppatore può scegliere, fondamentalmente, tre tipologia di licenza: ***Software proprietario, in cui all'utente va solo il compilato (a pagamento oppure no). ***Software GPL, in cui l'utente riceve anche il codice ed ha la piena possibilità di modificarlo a suo piacimento a patto che lo restituisca alla comunità. ***Software BSD, in cui l'utente riceve anche il codice ed ha la piena possibilità di modificarlo a suo piacimento senza vincoli di alcun tipo (ovvero può costruirsci sopra un appplicativo closed). Risulta evidente che non c'è un modo "migliore" per approcciare il problema in quanto si va su un discorso di scelta personale. Approfondendo il confronto GPL/BSD, personalmente (e sottolineo personalmente) ho sempre teso a scegliere BSD perchè, la ritengo, concettualmente, la forma più pura di "software libero", in quanto è data pienissima liberta all'utilizzatore di fare ciò che vuole. La GPL, ti impone, di fatto, di restituire alla comunità ciò che hai fatto. Ovviamente l'approccio GPL è dovuto al fatto che non viviamo in Utopia, ma nel mondo reale e quindi è stato ritenuto necessario, obbligare l'utente di software GPL a continuare la catena ed evitare che un software libero diventi, in futuro, closed. Detto questo, come risaputo, Apple ha sfruttato moltissimo software open (BSD) per creare Mac OS X e derivati e lo ha fatto nel pieno rispetto di una licenza BSD. Tra l'altro il mercato le ha dato ragione, poichè il valore aggiunto rispetto ad un BSD (e stiamo parlando di desktop soprattutto) è tangibile tanto che l'utente paga la licenza d'uso. E' ovvio che se Mac OS X fosse un BSD abbellito, tutti ppunterebbero su BSD. Da questo punto di vista, Apple non ha commesso alcun furto, semplicemente ha sfruttato a suo vantaggio una licenza che permette di farlo in piena libertà. Ora, con iPhone, la distribuzione di applicazioni avviene attraverso iTunes che diventa l'unico mezzo di distribuzione effettivo sul melafonino. La cosa può piacere come no, se piace si utilizza, se non piace si dimentica il mondo Apple e finisce lì. Tra l'altro, il distribuire tramite iTunes non inficia assolutamente il discorso open-source poiché il creatore dell'applicativo può tranquillamente rilasciare il codice e distribuire su iTunes. Tale approccio, aprirebbe anche uno scenario estremamente interessante, distribuire a pagamento un software open. Se il software in questione è valido diverrebbe interessante capirne il successo per vedere quanto l'open-source attiri l'utente per il fatto che non costa nulla oppure perchè ha il codice in mano. Senza guardare in casa Apple, basta girare un po' di hoster per notare come Red Hat non abbia troppo seguito, ma guarda caso, CentOS spopola... entrambe sono open, se ne deduce che la maggior parti degli utenti associa l'open source al gratuito ma non contribuirà mai al progetto. E qui vediamo il fortissimo limite di GPL nel mondo reale, ovvero, non monetizza se non in grandissime realtà (oppure arriva qualcuno ad acquisire). Oggigiorno il software open è tantissimo e spesso di ottima qualità, ma non si può certo pretendere che un'azienda si basi sulle donazioni. Tornando al discorso di distribuzione Apple, effettivamente è stato accolto a braccia aperte insieme ad iPhone e nell'articolo vedo un atteggiamento quasi scandalo perchè parliamo di un oggetto "chiuso" come se closed source fosse il male e l'open il bene quando sappiamo tutti benissimo che ci sono svariati casi in cui parecchi software open messi insieme non riescono a battere, in qualità un concorrente commercial (mi viene in mente Photoshop). Ricordo che il fatto di distribuire tramite iTunes non obbliga in *alcun modo* a chiudere il codice, è una scelta personale, ma forse, cosa infastidisce di più è il fatto che ci si debba applicare al programma di sviluppo a 99 dollari e sappiamo ben tutti come nell'open source sia difficile parlar di moneta. Termino con l'appunto sul fatto che quando fu Microsoft ad applicare DRM ci fu un colossale boato negativo del mondo informatico, mentre invece per Apple ci sono praticamente stati applausi. Credo fermamente che ciò sia dovuto a come le due aziende siano percepite in modo nettamente diverso dal pubblico. Apple è ha la sua nicchia ed è verissimo che spesso c'è un rapporto quasi "religioso" coi suoi fan sfegatati (cosa che non condivido), mentre Microsoft ha sempre avuto un immagina più professionale e rigida che forse la rendono più "antipatica" al pubblico. C'è ancora un piccolo punto che quoto dal thread precedente: Apache foundation o Sun potrebbero tranquillamente farlo come no. Non c'è alcun vincolo e nemmeno alcun bisogno di impazzire dietro questi due software visto che alla porta ci sono parecchi sostituti (spesso anche migliori), poi, come ho spiegato, il distribuire via iTunes non vuol dire rendere closed il sorgente.
  5. Rilasciato da Apple un nuovo aggiornamento per Leopard Server, che giunge ora alla versione 10.5.4. Leggi la News
  6. HostingTalk.it si allarga con l'aggiunta di una nuova sezione all'interno del suo forum: Apple's Lair. Una "tana" per tutti coloro che sono appassionati e utilizzatori del software e hardware di casa Apple. Una scelta fatta per dar naturale seguito anche alla presenza del marchio nel nostro settore con news che potranno ora essere approfondite nel forum e per allargare la cerchia di discussioni anche legate al settore hosting/housing, nel quale è indubbio che oggi Apple stia iniziando a ricoprire un proprio ruolo con il proprio software e le soluzioni hardware lato server. Lasciamo il forum sotto la moderazione di Valeriano (Ummon), esperto e competente in questa materia e la migliore figura per orientare questa nuova area a soluzioni tecniche anche dedicate ai core topics di HostingTalk.it Grazie a tutti, Stefano :approved:
  7. Nuova versione del filesystem San per Mac OS X. Leggi la News
  8. Valeriano Manassero

    Apple Store (Philadelphia)

    E' una vita che le ho in un angolino del desktop e non ho ancora finito il mega-album online del viaggio di nozze, quindi ho estrapolato quattro foto dal nostro giro all'Apple store nel suburban di Philadelphia... Ho goduto come un maiale da competizione :asd: Nella fattispecie troverete: -me all'ingresso in piena frenesia alimentare -me e l'iPhone con cui ho fatto di tutto -mia moglie che voleva portarsi via l'iMac -ed una veduta generale (peccato che le foto del Genius Bar siano venute brutte se no ci mettevo pure quelle :asd: )
  9. Secondo alcuni rumors, Apple potrebbe abbandonare Akamai per affidarsi a Google, la sola compagnia a disporre di banda e server sufficienti a soddisfare le richieste dell'azienda di Cupertino. Leggi la News
  10. Ciao, stavo facendo un giro sul sito della apple ed ho visto che un'azienda offre dedicati mac mini. Allora mi sono chiesto: qualcuno, nel mondo, offre hosting su mac? La cosa avrebbe costi spropositati, ma si sa mai che sia possibile...
  11. Se l'hanno fatto apposta, sono degli idioti. Se qualcuno ha bucato il loro sistema di posta nell'azienda, lascio a voi i commenti sulla sicurezza informatica della mela. Fatto sta, che credo che Leopard uscirà nel 2008 e che questo "smacco" gli costa un pacco di soldi. E ci godo immondamente perché proprio Jobs (dal carattere non proprio amato) insultò MS quando annunciò il ritardo di Vista e spese parecchie paroline poco carine nei confronti di Etch. Adesso che anche Leopard ha accumulato più di un anno di ritardo, godo io. http://www.melablog.it/post/3711/una-mail-da-4-miliardi-di-dollari
×