Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'google'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 413 results

  1. Google ha rivelato parte dei segreti del suo hardware solamente nel 2009, quando ha mostrato la realizzazione interna di alcune componenti dei suoi server. La compagnia produce da anni tutto l'equipment utilizzato all'interno dei suoi data center, questo per alcune ragioni fondamentali che hanno condizionato l'evoluzione di Google in questi anni. La realizzazione dei server, così come degli switch, ha da sempre permesso a Google di ridurre fortemente i consumi energetici e adattare i server alle sue necessità, come testimoniato dalla presenza di una batteria che funge da UPS all'interno dei server. Cosa è cambiato in questi anni? ... Continua a leggere, clicca qui.
  2. Google si rifà il trucco: l’azienda di Mountain View è pronta a cambiare le regole del proprio motore di ricerca, puntando molto sulla semantica. A parlarne è il Wall Strett Journal: Google non ha in mente dei semplici cambiamenti, ma una vera e propria rivoluzione che dovrebbe portare a una lettura più ‘umana’ delle query di ricerca. In pratica il motore di ricerca non intende più offrire soltanto link presso cui trovare ciò che si cerca, ma fornire le risposte in prima persona: l’azienda non mira a sostituire l’attuale sistema di ricerca, ma vuole piuttosto fornire risultati più pertinenti attraverso una ricerca semantica che punta a comprendere il reale significato delle parole. ... Continua a leggere, clicca qui.
  3. Google mette in sicurezza le ricerche: il colosso di Mountain View ha, infatti, annunciato che estenderà la crittografia SSL (Secure Socket Layer), attualmente utilizzata solo sul .com, anche a livello internazionale. Il protocollo HTTPS era stato introdotto da circa un anno per gli utenti americani, mentre adesso l'azienda ha deciso la sua estensione a livello mondiale. Tra i paesi dove sarà introdotta la novità c'è anche l'Italia: maggior sicurezza e privacy, quindi, per gli utenti Google che effettueranno delle ricerche dopo essersi loggati a uno dei servizi dell'azienda americana. ... Continua a leggere, clicca qui.
  4. Abbiamo parlato in un articolo di qualche tempo di Gladinet come applicazione Cloud per interagire con Amazon S3, lo richiamiamo ora in causa per via della sua recente collaborazione con Google.*Il blog di Google Enterprise ha pubblicato ieri un articolo intitolato \"Google Cloud Storage offre più soluzioni di storage per le imprese\".*Cito dal blog: \"Noi (Google) sono anche vedendo un sacco di fornitori di tecnologia di integrazione di Google Cloud Storage direttamente nelle loro offerte.*Per esempio, diversi fornitori di soluzioni di storage enterprise si sono integrati con Google Cloud storage per rendere i loro prodotti e servizi ancora meglio\". Gladinet è uno dei primi partner menzionati nell\'articolo in quanto ha portato una soluzione unica a Google Cloud Storage, grazie alla quale il nuovo servizio assicura una semplice collaborazione on line, file storage on line, backup offsite e un ambiente adatto per il lavoro di team. Ancora nel 2008 Gladinet era meglio conosciuta per il suo client ubiquo che si connette a servizi di cloud storage e crea un disco visibile nel desktop dell\'utente, grazie al quale gli utenti possono spostare e trascinare file dalla cartella locale ai servizi cloud storage e viceversa. Dal 2008 Gladinet si è evoluta per avere una soluzione file server che porta volumi virtuali di servizi cloud storage ad un file server, in aggiunta alla soluzione desktop. Si è evoluta da semplice backup mirror a backup snapshot integrato col servizio Windows Volume Shadow Copy. L\'anno scorso con l\'uscita di Gladinet Cloud per team tutti i desktop client, agenti server, mobile app e interfacce web sono adesso tutti unificati attorno ad un singolo servizio cloud, il Gladinet Cloud, con la possibilità di supportare diversi servizi cloud storage come plugin. Adesso Google Cloud Storage è uno dei plugin di default per un utente che desideri questo tipo di servizio. Quindi gli utenti possono ospitare tutti i propri file in Google e accedere... Continua a leggere, clicca qui.
  5. Tutti in uno: con Google Play l'azienda di Mountain View porta tutti i suoi servizi all'interno della nuova piattaforma. Da Google Music a Google eBookStore passando per l'Android Market: il nuovo servizio Play unificherà in un unico ambiente cloud tutti i prodotti del Big G, in modo da consentire ai propri utenti l'acquisto, la sincronizzazione, e lo streaming di contenuti multimediali. Con Play, Google vuole mettere a disposizione un servizio completo di intrattenimento digitale, in grado di soddisfare tutte le esigenze degli utenti: la nuova piattaforma è stata già lanciata sul web e potrebbe essere la mossa dell'azienda americana per rispondere alla Apple e a iTunes. ... Continua a leggere, clicca qui.
  6. Entro quest\'anno Google trasformerà le sue diverse piattaforme di gioco esistenti in una singola piattaforma unificata alla quale gli sviluppatori si possano riferire più facilmente.*Questa è la promessa fatta oggi da Punit Soni, product manager responsabile dell\'ambito social di Google+. La dichiarazione di Soni è uscita durante la Game Developers Conference di San Francisco. \"Entro il prossimo anno non staremo qui a parlare di Google+ Games, Chrome Web Store Games o Android Games, ma solo ed esclusivamente di Google Games\", ha affermato Soni.*Questa decisione sembra voler suggerire che Google intenda unificare il proprio browser web, le proprie piattaforme sociali e mobili e fornire a sviluppatori di terze parti l\'accesso ad un pubblico potenzialmente enorme. Le tecnologie usate per assicurare ai giochi le prestazioni necessarie in questa cross-platform potrebbero essere HTML5 e Native Client.* Google+ conta attualmente più *di 100 milioni di utenti mensili attivi e 50 milioni di utenti attivi ogni giorno, inoltre gli utenti trascorrono più di un\'ora al giorno su Google, e l\'attività ha visto incrementare il rendimento degli annunci dal 5 al 10 per cento, secondo Punit Soni. Le compagnie di giochi da un lato saranno sicuramente entusiaste di avere un\'alternativa a Facebook, e dall\'altro grazie a Google hanno a disposizione un sacco di nuovi modi per pubblicizzare i propri prodotti agli utenti. *Gli sviluppatori di giochi on line*sono entusiasti di avere un\'alternativa a Facebook, e comunque grazie a Google aumentano le loro possibilità di promozione di giochi agli utenti.*Soni ha detto che Google introdurrà tecnologie all\'avanguardia nella nuova piattaforma di giochi, come ad esempio luoghi di ritrovo per comunicare tramite video, Native Client (schede grafiche più veloci su Chrome browser web), giochi per cellulari, e una migliore distribuzione e reperibilità. Soni ha nominato Google + come un \"Social Layer\", Google 2.0 che... Continua a leggere, clicca qui.
  7. La corsa al cloud computing è una gara alquanto affollata. Se l\'avessimo vista con gli occhi di 15 anni fa non ci avremmo creduto, la frammentazione del mercato consumer ci avrebbe fatto impressione, con gli occhi abituati a vedere software e sistemi operativi Microsoft ovunque. Oggi i giganti sono Google, Apple e poi anche Microsoft, che si trova però a dover costantemente inseguire i propri avversari. Google da par suo ha esitato e sta ancora esitando nel suo rilascio di un servizio di cloud storage quale dovrebbe essere l\'ormai leggendario Google Drive, mentre il suo Google Docs che nei primi tempi dall\'uscita dava l\'idea di rappresentare una rivoluzione che non ci avrebbe più fatto usare file di sistema e Microsoft Office ha ridimensionato la sua gittata, e a me personalmente appare oggi come un fuoco di paglia. Se vuoi un block notes o meglio ancora un post it da appiccicare frettolosamente come bozza da far leggere a qualcuno o promemoria per te stesso funziona alla grande, ma un livello di utilizzo più profondo obbliga ancora a servirsi di altri editor, perché se sei un manager ed hai bisogno di costruire uno spreadsheet articolato senza impazzire non userai mai google docs. Comunque in attesa dell\'uscita di Google Drive che starà sicuramente terrorizzando i suoi avversari, Microsoft con Skydrive sta perseguendo l\'obiettivo di rendere il suo cloud universale ed il suo linguaggio comprensibile ad altre piattaforme, e questo all\'occhio di 15 anni fa precedentemente tirato in ballo dovrebbe sembrare ancora più strano. Certo, se sei Microsoft il tuo miglior interesse è quello di rendere agevole per i tuoi clienti spostare i dati tra il maggior numero di dispositivi Windows possibili. Apple vuole anch\'essa assicurare la sincronizzazione nella comunicazione tra iPhone, Mac e AppleTV. E Google da par suo vuole rappresentare il centro di smistamento informazioni per i suoi clienti, da quando è andato oltre il suo nucleo di semplice motore di ricer... Continua a leggere, clicca qui.
  8. Sono passati pochi anni da quando per caricare una pagina web si era disposti ad aspettare qualche secondo: i tempi sono cambiati e ora attendere anche solo qualche millisecondo per accedere a un sito sembra un’eternità. Arvind Jain, un ingegnere di Google che si occupa proprio di velocità della rete, sostiene che inconsciamente ai cibernauti non piace attendere. L’azienda di Mountain View è una delle tante che sta prendendo parte alla guerra della velocità, una corsa spasmodica a essere il più veloce: ricerche hanno confermato che gli utenti non tornano su siti web lenti, in particolare si ritorna meno spesso su un portale rispetto a un competitor che è di 250 millisecondi più rapido. ... Continua a leggere, clicca qui.
  9. Connessioni da 1Gbit/s e auto-robot: questo il futuro presentato da Eric Schmidt , presidente esecutivo di Google, al Keynote tenuto al Mobile World Congress di Barcellona. Il numero uno di Mountain View vede come non molto lontana la possibilità di avere connessioni con picchi di 1Gbit/s (come Google sta costruendo in Kansas), cosa che fino a ora poteva rappresentare soltanto fantascienza. Fantascienza sono al momento anche le auto-robot che secondo Schmidt aiuteranno invece a ridurre il numero di incidenti, visto che ben il 90% di quelli mortali è dovuto a errori umani. ... Continua a leggere, clicca qui.
  10. Un milione di dollari a chi riuscirà ad hackerare con successo Chrome: è quanto ha promesso di fare Google durante la CanSecWest, conferenza sulla sicurezza in programma la prossima settimana. Diversi i premi in palio (60mila, 40mila e 20mila dollari) a seconda della gravità delle imprese, come annunciato dal team di sicurezza di Moiuntain View che ha bandito il concorso Pwnium. La sfida ricalca quella del Pwn2Own, concorso giunto alla sesta edizione che premia chi riesce a comandare da remoto un computer sfruttando le vulnerabilità dei vari browser: lo scorso anni sia Internet Explorer che Safari sono stati violati, mentre nessuno è riuscito a farlo con Chrome. ... Continua a leggere, clicca qui.
  11. Marissa Mayer è a capo di uno dei dipartimenti più difficili per Google, soprattutto per una come Google, dove l'esperienza dell'utente fa molto del suo fatturato, anche in modo del tutto indiretto. Marissa ad oggi è Vice President of Search Product e User Experience, per cui ha sulle spalle un peso non da poco nel decidere quali sono i progetti di Google che devono essere portati avanti per migliorare l'esperienza di ricerca, e quali invece possono anche peggiorare le performance del gruppo nella resa dei click online. ... Continua a leggere, clicca qui.
  12. Nasce Cuil.com, un motore di ricerca il cui progetto è partito nel 2005 dalle menti di quattro fondatori, tre dei quali uscenti da un'esperienza in casa Google. Si definisce, nei numeri, il più grande motore di ricerca al mondo, ora deve dimostrare di esserlo. Leggi la News
  13. Oltre ai due citati, esistono altre offerte sul mercato che consentono di gestire la posta del proprio dominio in ogni sua parte? (solo servizi di posta, non hosting tradizionale)
  14. Il giorno stesso che ho iniziato ad usare adwords su un certo dominio gli utenti che arrivavano naturalmente su tale sito per mezzo di google (circa il 95% del traffico in ingresso nel sito) sono letteralmente crollati... è stata una coincidenza davvero troppo lampante per non farmi venire qualche dubbio Oo qualcuno ha avuto problemi simili? spero finisca in fretta il credito prepagato di adwords (dato che non serve a nulla e porta pochissimi utenti) e poi magari riesca a riprendere posizioni come prima :/ Il sito è un sito di ecommerce e tratta prodotti interessati da un'altissima competitività e interessa da parte dei vari guru del seo
  15. Da questa mattina, inizialmente solo su http://www.hostingtalk.it/forum è attivo un nuovo motore di ricerca per tutti gli utenti che vogliono cercare informazioni all'interno di HostingTalk.it. Di seguito alcune immagini di screenshots che mostrano possibili query di ricerca: Abbiamo scelto Google come partner tecnologico per questa soluzione per assicurare la massima precisione possibile nei risultati di ricerca e fornire un'esperienza realmente utile per chi cerca informazioni. Il nuovo motore di ricerca esegue la propria ricerca su tutti i contenuti del network: hostingtalk.it, forum, offerte e pagine providers. Man mano che il network si espanderà includerà automaticamente tutti i nuovi dati. Il motore utilizza la stessa tecnologia di Google, il suo utilizzo è pertanto del tutto uguale a quello del noto motore di ricerca: potete utilizzarlo con lo stesso approccio nella scrittura di frasi, informazioni e altre query di ricerca. Come vengono mostrati i risultati? Perchè usare il motore di ricerca di Hostingtalk.it? Trovare in pochi secondi informazioni tecniche Trovare consigli su una azienda di webhosting Inserire errori o report specifici Ricercare consigli e informazioni su acquisti di nuovi piani hosting e domini Ricercare news sul mondo tecnologico Ricerca informazioni su nuovi software A breve il nuovo motore verrà integrato in tutte le pagine di HostingTalk.it. Come usare il motore di ricerca? Inserire il nome di un'azienda per avere consigli, informazioni, recensioni e tanto altro Inserire il nome di un piano hosting per avere informazioni relative al piano e al provider Inserire la descrizione delle risorse che si desiderano per avere informazioni sui piani che le includono Forniremo maggiori informazioni sulle possibilità di utilizzo una volta completata l'integrazione anche nel resto del portale. Vi ringrazio per la lettura, eventuali errori/segnalazioni o richieste direttamente all'indirizzo info@hostingtalk.it
  16. Salve a tutti, ho un problema che mi fa snervare da ben 3 settimane. Possiedo un pannello domini ( vdh panel ) presso tiscali ( ex areaserver ). Non riesco proprio a configurare i record MX per utilizzare i servizi di posta elettronica offerti da Google. Il problema consta nel fatto che, oltre ai classici parametri come ip a cui far puntare il nuovo dns, ttl e priorità ve n'è uno noto come "nome record" che non so come configurare. Per tutti gli altri dns non ho nessun tipo di problema. Qualcuno utilizza il binomio google mail ( su google apps ) + dominio tiscali ? Vi ringrazio anticipatamente per una vostra eventuale risposta. P.S. In rete ho trovato qualcuno che suggeriva di utilizzare "@" come nome record ma non ha funzionato.
  17. Google ha voluto fornire alcuni numeri sulla sua piattaforma di blogging Blogger, uno dei più grandi siti web al mondo, visto che solamente questo servizio di Google genera gran parte delle page views di Mountain View: nel corso del tempo ha raccolto 500 milioni di posts inseriti dai suoi utenti e riceve il 75% delle visite da paesi al di fuori degli USA, a significare che lo sforzo di Google per renderlo disponibile in oltre 50 lingue è servito e ha permesso al servizio di diffondersi a livello mondiale. leggi tutto Leggi Google Boggler: la piattaforma si aggiorna dopo anni
  18. Google ha previsto di far crescere del 25% il numero dei suoi impiegati nel corso del 2011, ad oggi nel mondo sono oltre 24.000, durante quest'anno dovranno raggiungere la cifra di 30.000 circa, con 1000 assunzioni anche in Europa, e così in Italia. Il processo di assunzione in Google è simile a quello di qualche altra grande multinazionale, con una serie di colloqui e interviste telefoniche a vari livelli, la compagnia infatti ha una storia di successi nello scegliere le migliori persone per il suo team. leggi tutto Leggi Google assumerà il 25% in più di dipendenti nel 2011, le assunzioni in Italia
  19. Microsoft e Google si preparano ad una guerra nel mondo del cloud computing, nel frangente di interesse per entrambi: i servizi di gestione di documenti online, un mercato in rapida espansione soprattutto per la clientela business di entrambe le aziende. Tutto nasce dal plugin rilasciato da Google, Cloud Connect, che consente di portare nella cloud di Google i documenti elaborati tramite la suite Microsoft Office, permettendone poi la modifica direttamente online, tramite Google Docs.* leggi tutto Leggi Google e Microsoft: è guerra sul fronte del cloud computing
  20. tecnolive

    Codice Google 100€

    Ciao a tutti, Google mi ha mandato una cartolina a casa con una bella scheda di plastica di colore verde.... Nella scheda c'è un codice per avere 100€ per il servizio AdWords.... Per ora non me ne faccio nulla e scade il 28 febbraio.... a qualcuno interessa? lo vendo la metà :asd: (accetto paypal, ricarica postepay, bonifico)... astenersi pagamenti in natura. Fatemi sapere. Ciao ! :062802drink_prv:
  21. I risultai della ricerca di Google sono divenuti peggiori rispetto al passato. Pensavo di essere l'unico ad aver notato questo aspetto ormai quotidianamente, e invece mi sono accorto da qualche settimana che in rete se ne discute già in maniera molto aperta, tale da far credere che a Google qualcosa davvero si sia inceppato nel loro migliore prodotto, quello che ha dato a Sergey e Larry la vittoria assoluta sul mondo della ricerca online. leggi tutto Leggi il resto di I risultati della ricerca su Google sono diventati troppo scadenti? sul blog di HostingTalk.it
  22. Google ascolta la rete, e non ha fatto a meno di notare le tante lamentele che in questi mesi sono giunte direttamente dai suoi migliori clienti, i milioni di utenti che ogni giorno utilizzano il motore di ricerca, navigano tra i risultati e ovviamente, come clienti, cliccano sugli annunci pubblicitari. leggi tutto Leggi Google: a breve regole stringenti per aggregatori e content farm
  23. L'articolo che leggete di seguito è stato scritto da Tim Schumaker, CEO di Sedo.com, una delle aziende che a livello mondiale conclude il maggior numero di compra vendite di nomi a dominio e sta in parte rivoluzionando il settore con una serie di strumenti che dovrebbero aiutare anche gli ISP. Non si tratta in alcun modo di un post sponsorizzato da Sedo, ma di un utile possibilità di sentire una opinione utile su quel che oggi rappresenta il delicato eco-sistema dei nomi a dominio e come questo si possa far combaciare con quello creato da social network come Facebook o Twitter. leggi tutto Leggi il contenuto dell'articolo L’incubo della navigazione: dove Facebook, Google, e le Apps non battono i domini internet
  24. Ho ricevuto ieri la notifica da Google: è stato lanciato l'High Replication Datastore, annunciato mesi fa. L'annuncio è qui Google App Engine Blog: Announcing the High Replication Datastore for App Engine E' a consistenza eventuale, ma rimane disponibile durante i down ed è istantaneamente replicato tra diversi datacenter. Rimane disponibile l'altro datastore, definito ora master/slave, che soffre di periodi di readonly e potrebbe portare a perdite temporanee di dati in caso di switch di datacenter (out of sync); i dati rimaasti nel vecchio DC vengono resi disponibili per una reintegrazione manuale dopo il recovery. Choosing a Datastore (Python) - Google App Engine - Google Code Qui c'è una comparazione. E' interessante perchè anche Amazon ha lanciato una cosa simile. Il loro SimpleDB rimane sempre e comunque in high replication, senza alternative, ma per salvare tempo cpu hanno lanciato da poco le query a consistenza eventuale. Ora quindi credo sia un passo avanti Amazon. Offre alta replicazione e consistenza strong. Che ne dite?
  25. Ciao a tutti, chi ha visto ieri sera verso le 23.40 lo speciale su Google trasmesso su Nat Geo su sky? veramente bello, parlano anche (per alcuni minuti) della loro infrastruttura server.. ci dovrebbe essere una replica se non erro ma non so quando!
×