Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'mercato'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 52 results

  1. IAB in corso in questi giorni a Milano, io me lo son perso quest'anno, ma è possibile seguire la diretta sul web: IAB Forum Milano - 3/4 novembre Temi molto interessanti, e non importa se siete aziende, professionisti o webmaster in erba, i consigli sono diversi e spaziano dall'uso dei social networks a come monetizzare la partecipazione sui social networks, anche indirettamente, portando visite sui siti!
  2. Solamente ieri l'acquisizione da parte di GI Partners di Softlayer. L'acquisizione si fa notare nel settore hosting per il fatto che lo stesso gruppo sia anche investitore di primo piano di ThePlanet, la più grande compagnia americana nel settore dei server dedicati, con 7 data centers attivi e una espansione, ormai prossima, anche nel mercato europeo.* Leggi ThePlanet + Softlayer: un colosso da 80.000 server che potrebbe spiazzare il mercato
  3. Poco tempo fa ho postato una discussione per capire come è cambiato l'uso del server dedicato nel tempo (qui la discussione: http://www.hostingtalk.it/forum/server-dedicati/15102-server-dedicato-cosa-e-cambiato-nel-2010-a.html). Abbiamo parlato di server dedicati a noleggio, ma sarebbe curioso parlare anche di come va il mercato della colocation: quali sono i clienti che oggi scelgono ancora questa strada? Come e perchè lo fanno? Da quel che vedo non sono molti e quasi sempre si fa per esigenze particolari, ma anche con costi superiori, che se non giustificati, quasi sempre portano i clienti ad una soluzione a noleggio.
  4. Ne abbiamo parlato diverso tempo fa e poi ci siamo un po' dimenticati del cloud computing di OVH, la compagnia che si fa riconoscere per le lunghe fasi di testing accompagnate dal supporto diretto degli utenti: pochi mesi alcuni annunci sul forum chiedevano proprio di iniziare a testare, per tre giorni, le istanze della nuova piattaforma di cloud computing. Leggi La Cloud di OVH è quasi pronta, sarà leadership nel mercato Europeo?
  5. Negli ultimi mesi abbiamo discusso più volte di cloud computing e della possibilità di utilizzarlo a dovere per quello che attualmente viene realizzato con soluzioni virtuali/shared o dedicate. Qui una serie di topic e risorse per capire cosa è il cloud computing e avere una idea generale su quello che pensano gli utenti al suo riguardo: Cloud Computing: cos?è e quali sono le aspettative attese e disattese fino ad oggi | HostingTalk.it http://www.hostingtalk.it/forum/cloud-computing-cloud-hosting/11876-quanto-e-affidabile-la-cloud.html http://www.hostingtalk.it/forum/cloud-computing-cloud-hosting/11828-qualche-dato-su-amazon-ec2-cosa-ce-dietro-il-servizio-di-amazon.html In particolare vorrei ora soffermarmi sul mercato italiano e capire quanti di voi hanno intenzione di provare in futuro una soluzione cloud e cosa ne pensano a riguardo! Sentitevi quindi liberi di rispondere a questo sondaggio e cercare di spiegare il vostro voto, se volete, nei commenti! :approved: Grazie a tutti per il vostro contributo!
  6. Complice una richiesta di un amico l'altro giorno, stavo pensando che al momento come cloud computing "strutturato" vi è solamente la soluzione di Seeweb a livello italiano. Ancora niente di pari livello da provider anche grandi o da aziende che vogliano entrare in questo settore, quali sono i motivi? Mi pare che cloudhosting e seeweb stiano riscuotendo successo, per cui difficile capire perchè non vi siano altri investimenti da parte dei restanti provider nel mercato. Almeno di quelli "grandi" che hanno tutto il necessario per una simile infrastruttura. A breve dovrebbe arrivare NGI con una offerta cloud del suo VirtuoPro, ma si tratta sempre di una offerta diversa da quella del cloud hosting.
  7. Consiglio ad aziende e utenti, forse più alle prime, la lettura di questo ottimo articolo pubblicato su DK da James MacDougall, è in inglese non dovrebbe essere un problema, se c'è interesse si può tradurre: Selling Hosting in a Sophisticated Market « Data Center Knowledge Mi soffermerei su un punto: lui sostiene che i clienti di oggi sono molto più "svegli" e più inclini a chiedere di una volta, hanno maggiori disponibilità come scelta e soprattutto spesso sanno chiaramente come valutare un hosting provider. Penso sia un punto importante da cui partire per capire come trattare questo settore e come approcciare i clienti. Molto utile anche il paragrafo sull'uptime del 100%: "Here’s an axiom that is no surprise: Technology will break and humans will fail. These are 100% guaranteed and unfortunately, they are also the two pillars on which data centers stand. The hosting organization that remains tall when these pillars sway are the ones who respond swiftly and correctly. Get it fixed, minimize damage, mitigate recurrence, and make it right. It’s this last part – making it right – where Sales performs. The sales team who embraces Lifestyle Selling has prepared for the axiom’s reality because the sale has never ended. Hard times experienced by outages or billing issues are softened by the pre-existing and ongoing relationship germinated and cultivated by Sales. And the recurring revenue is protected since the lifestyle seller is deeper into the customer beyond the one or two contacts who inevitably leave their organization. Never mind that the contract term will eventually end and a renewal will become necessary. The Lifestyle Selling sales team is ahead of the paperwork and has never ceased mutually collaborating with the customer at multiple levels. Never. For Lifestyle Selling teams, problem solving is far less painful and contract renewals are usually no-brainers. The Lifestyle Selling team not only generates revenue, but they protect it, as well." Buona lettura! :)
  8. Oggi ospitiamo sulle pagine di HostingTalk.it una nuova azienda, Rubalo.it. Non si tratta di una presenza nuova nel mercato italiano nè tanto meno di imprenditori e tecnici nuovi al mondo del webhosting: dopo l'esperienza di ConsultingWeb, ora proprietà del gruppo italiano Aruba Spa, la società Emmeweb Srl ha voluto creare in Italia un nuovo brand lowcost con il marchio Rubalo. Leggi il resto dell'intervista: Rubalo.it: lowcost e servizi professionale in una offerta ambiziosa per il mercato italiano
  9. Domani pubblicheremo una news inerente le ottime performance di Sedo, la compagnia piu famosa che permette di mettere all'asta i propri domini, o di acquistarne in diversi tld e cctld. Si parla di una crescita molto consistente per .it, volevo sapere quale è la vostra opinione in merito a questi servizi e quale l'idea che si ci puo fare da questo dato, un'evoluzione del web italiano? Un maggior numero di persone online? Anche un'idea sui risvolti che ciò potrebbe avere è interessante :) Grazie a chi vorrà dire la propria !
  10. Xen Cloud Platform alpha expected for early February 2010 | virtualization.info Alessandro fa notare che Xen Cloud è per ora la sola alternativa, in vista, per quanto riguarda la possibilità di creare cloud private, per clienti o meno, complete di tutta la gestione e di tutti i sw necessari. A parer mio molto simile all'offerta che oggi è disponibile per la virtualizzazione, soluzione completa con sw di gestione del nodo, analisi performance e quanto altro. Cosa è cambiato rispetto alla virtualizzazione? VMware ha lanciato il suo vSphere puntando proprio al cloud computing, e vCloud oggi viene usato da pochi provider al mondo, in attesa come dice l'articolo che esca dalla beta. Però Vmware non è più sola, ora Citrix ha capito esattamente come funziona il mercato e potrebbe offrire a breve un prodotto molto simile. Quando ci saranno queste proposte disponibili allora probabilmente anche i primi hosting provider inizieranno a testarle, a valutarle l'affidabilità e le potenzialità e in molti casi a portarle online con un proprio servizio di cloud computing "ben confezionato". E' uno scenario possibile per una tecnologia che tutto sommato è abbastanza complessa, soprattutto nelle garanzie di servizio?
  11. Un annuncio di IBM sul proprio sito, relativo al terzo quadrimestre, rende noto come la compagnia abbia raggiunto un market share del 31,7 % nella vendita di server nel mondo, divenendo così uno dei maggiori produttori a livello mondiale. I server x86 sono quelli che crescono maggiormente in vendite nel 2009 di IBM, negli ultimi mesi l'incremente è stato del 2,2 %. Leggi IBM, regina del mercato dei server
  12. L'articolo di TechCrunch di ieri è dedicato ad un settore che ultimamente sta riscontrando molto successo e una crescente visibilità, il mercato secondario dei nomi a dominio cresce con una rapidità non paragonabile ad altri business del settore web, e lo fa contando sulle potenzialità del mercato dei domini, aziende e privati continuano a registrare nuovi nomi, alcuni ovviamente ad alta potenzialità e sono questi ultimi a creare business nel "dark side" del mondo dei domini. leggi tutto Leggi il resto di TechCrunch sul mercato secondario dei domini: il caso SnapNames sul blog di HostingTalk.it
  13. Tier1 Research ha annunciato il rilascio di un nuovo documento inerente il mondo dei data center, un focus sulla loro evoluzione tecnologia e sul loro impatto, a tutti i livelli della società, ma in primis economico e ambientale. Il documento, intitolato Datacenter Design: The Business of Technology, si concentra principalmente sulle nuove tecnologie che consentono di ridurre il tempo necessario per l'erogazione di nuovi servizi, ma anche per ridurre il consumo di energia elettrica. Leggi Tier1 rilascia un nuovo documento sul mercato dei data centers
  14. Stavo navigando e Web Host and Hosting Domain Names - CloudyDomains da quanto posso intuire la richiesta è alta, per domini che sono tutti uguali poi...
  15. Rifletto da alcuni giorni sulle VPS e sulle tante compagnie che nascono con questi servizi, se in principio era una questione di presenza sul mercato con shared hosting e registrazione domini, oggi molte aziende nascono con l'idea di offrire VPS, perchè giudicate più richieste e redditizie. Nell'ultima settimana ho sentito 3 neo aziende che partiranno a breve (non hanno sito o notorietà nel mercato, iniziano da zero), e mi sono chiesto quale sia effettivamente la richiesta. Quale è la vostra opinione? Penso che oggi alle spalle di queste aziende ci debba essere sicuramente un grosso investimento, per iniziare a competere, con forza, con competitors già presenti. A me pare, altrimenti, un mercato abbastanza saturo, almeno per la modalità con cui vengono proposte le varie soluzioni virtuali :)
  16. AMD cerca di raggiungere Intel, il rivale da battere per tornare ad una presenza omogenea sul mercato. L'azienda riparte dai prezzi per cercare di offrire i propri processori al grande pubblico, in questo caso tecnologia quad-core con gli Athlon II X4 630 a 2,8 GHz e X4 620 a 2,6 GHz, basati sulla stessa microarchitettura K10 dei fratelli maggiori Phenom II. Leggi AMD: un quad-core economico per aggredire il mercato
  17. Crescita confortante per Tucows, il popolare sito internet che si pone come reseller di livello globale di nomi a dominio tramite il brand OpenSRS: quest'ultimo ha visto una crescita del fatturato nell'ultimo trimestre a 14 milioni di dollari, una cifra più che buona considerando il periodo di crisi dei mercati, mentre Tucows ha registrato un fatturato di 4,48 milioni di dollari, il doppio rispetto ad un anno fa. Merito anche della decisione della società di vendere il comparto webhosting, ceduto per 1,5 milioni di dollari. Leggi Tucows in ottima salute, il mercato dei domini torna a crescere
  18. Il settore hosting è tra i mercati tecnologici meno colpiti dal calo delle vendite registrato negli ultimi mesi, la necessità sempre maggiore di servizi professionali per aziende e privati, porta al rialzo anche compagnie del settore che sono specializzate in soluzioni di alto livello. Nonostante il trend possa essere definito omogeneo a livello globale, il mercato europeo conferma il suo andamento positivo, dato che giunge sia dai principali attori del mercato data center, sia dalle aziende di spicco presenti nel vecchio continente. Leggi Mercato hosting europeo in crescita, la conferma arriva da HostEurope
  19. Salve, Avrei da farvi un pò di domande sul settore domini e hosting e sullo start-up di un'impresa di hosting. Ho notato che in rete ci sono molti provider che offrono domini a prezzi che oscillano abbastanza ma che in genere si attestano tra gli 8 e i 10 euro. E provider che offrono pacchetti hosting condiviso (con 1 GB di spazio diciamo) con prezzi che variano da una decina a un centinaio di euro. Premettendo che nel formulare le seguenti domande mi riferisco alla condizione di una nuova impresa di hosting dotata di un budget limitato, volevo chiedervi quanto segue: 1. Quali sono i fattori che determinano il successo o il fallimento di un'iniziativa nel settore hosting? 2. Quali sono i passi da seguire per far acquisire a un nuovo brand del settore hosting una certa visibilità? Dalla mia breve esperienza in questo campo sto notando che la competitività dell'offerta (domini a prezzi molto bassi e hosting full optional ad un prezzo molto competitivo) non è poi così determinante. Pertanto, che altro serve per rendere un'offerta davvero imperdibile? 3. C'è richiesta di domini e pacchetti hosting nel mercato italiano? Se sì, come va intercettata questa domanda? 4. Chi offre domini a più di 10 euro e piani hosting a più di 50 euro riesce a fare delle vendite o è tagliato fuori dal mercato? 5. Un servizio di registrazione domini a 5 euro (cioè la metà rispetto ai prezzi praticati dai principali provider italiani) potrebbe avere successo? In che modo dovrebbe essere promossa un'offerta del genere? 6. Quanto deve investire in pubblicità una compagnia per far acquisire visibilità al proprio brand e alle proprie offerte? 7. La pubblicità produce dei risultati? Fa aumentare le vendite in modo significativo al punto da permettere la copertura dei costi? 8. E' possibile intaccare il quasi monopolio che c'è in Italia nel settore domini e hosting offrendo questi servizi a prezzi molto contenuti? O tutte le nuove imprese che nascono in questo campo si devono rassegnare ad un ruolo di marginalità? 9. L'utente medio italiano acquista domini e hosting o tende a diffidare e magari si affida al webmaster per l'acquisto dell'hosting? 10. Quali sono i canali principali per far conoscere un nuovo brand e come entrare in contatto con i webmaster e con i grandi collettori di ordini? Per il momento mi fermo qui. Spero che possiate aiutarmi a capire qualcosa di più sul modo di muoversi in questo mondo. Grazie in anticipo.
  20. OVH è entrata con prepotenza nel mercato italiano, con una gamma di server dedicati lowcost che hanno eroso le quote di altre compagnie, presenti nella stessa fascia di mercato. Aruba, dopo aver rinnovato pochi mesi fa la propria offerta di server dedicati, introduce in questi giorni una nuova gamma di macchine lowcost, il cui costo mensile parte da 25 Euro + Iva. Leggi Aruba sfida il mercato, server dedicati lowcost da 25 Euro al mese
  21. AMD non ha intenzione di rimanere indietro nella competizione, serrata, con Intel, che da poco ha rivelato una serie di informazioni sulla sua prossima piattaforma Nehalem. Nonostante il gap di separazione nelle vendite, le due compagnie stanno dimostrando di avere le idee chiare per il settore server, e soprattutto, conoscere bene quali sono le esigenze dei clienti in questo ambito applicativo. Leggi AMD lancia le CPU Istanbul, nuova sfida al mercato dei server
  22. Nonostante ICANN sia in un difficile periodo di transizione e sia impegnato nello studio di un metodo indolore per l'introduzione dei nuovi gTLDs, sembra che il futuro della rete, almeno sul fronte dei nomi a dominio, sia davvero roseo e pronto a offrire diverse opportunità alle aziende che decideranno di registrare un nuovo TLDs con ICANN. Leggi Nuovi TLDs: un mercato di nicchia per le aziende di consulenza
  23. L'abbiamo già detto, questo settore non è particolarmente colpito dalla crisi, almeno non per ora, tanto che le aziende del settore registrano in ogni caso una crescita, più lenta ma costante. In questi giorni la rete riporta però l'ottimo andamento del mercato dei domini, sia delle nuove registrazioni sia delle vendite nel mercato secondario dei nomi a dominio. Un 35% in più di vendite nel 2008 che fa ben sperare Sedo, il noto sito di aste online di nomi a dominio, il prezzo medio di vendita è di 1400 Euro, e l'interesse per il TLD .it è notevole, il prezzo medio di vendita per questa estensione è sopra i 2000 Euro. leggi tutto Leggi il resto di La bontà dei nomi a dominio, un mercato che cresce sul blog di HostingTalk.it
  24. Si torna a parlare di un prodotto hardware da lanciare a breve che permetta alla compagnia di allargarsi nel mercato hardware. Si tratterà quasi sicuramente di una soluzione orientata alla virtualizzazione, il target è quello dei data center e l'obiettivo è la gestione totale tramite software e hardware Cisco. Leggi Cisco pronta ad entrare nel mercato dei server, a Marzo il lancio
  25. Si torna a parlare di un prodotto hardware da lanciare a breve che permetta alla compagnia di allargarsi nel mercato hardware. Si tratterà quasi sicuramente di una soluzione orientata alla virtualizzazione, il target è quello dei data center e l'obiettivo è la gestione totale tramite software e hardware Cisco. Leggi la News
×