Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'affidabilità'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 13 results

  1. Salve, sono in procinto di registrare circa 30 domini per alcune iniziative che intendo lanciare. Vorrei condividere con voi quale possa essere il percorso di scelta, magari contenendo la spesa e optando per un servizio di buona qualità. 1- cosa chiedere al provider per capire se il servizio di registrazione dominio e gestione DNS sia soddisfacente? La modifica/creazione di record A, CNAME, MX è la base di gestione, quanto può essere importante poter modificare i record TXT e PTR? 2 - come valutare l'uptime dei nameserver messi a disposizione? vale la pena prendere un vps su cui mettere solo BIND (o equivalente) ed affiancarlo ai nameservers del provider? Veniamo alla voce prezzi: vorrei poter usufruire dell'ID SHIELD. Quali provider offrono registrazione e id shield a buon prezzo? Al momento (chi per un motivo, chi per altro) i provider in grado di soddisfare questa mia esigenza sembrano essere GoDaddy (ma non mi dispiacerebbe scegliere un provider italiano) Fastnom (sarà sufficientemente affidabile per il mio progetto???) e TopHost (che ancora non ho capito però se offre id shield). Hostingsolutions.it potrei sceglierlo per i domini .it, poichè offre id shield gratis in fase di registrazione Voi operatori del settore e appassionati, come vi comportereste? Grazie per le risposte che vorrete dare. P.S. Non avendo trovato uno spazio idoneo ad un post di presentazione, aggiungo qui 2 righe per fare i miei complimenti alla community di HT, sono mesi che leggo avidamente tutto e c'è sempre da imparare. Spero di poter dare un contributo minimo alla causa. Ciao
  2. Salve, mi chiamo Fabrizio Latini, di professione tour-operator con un passato di web-designer. Voglio segnalare un caso direi clamoroso che riguarda il maintainer Register.it, uno dei precursori in Italia che gestisce piu' di un milione di siti. Si tratta di un caso di gravissima sparizione dal server di 18 pagine html e altrettanti video in formato flv e mp4 inseriti nelle pagine stesse, per un totale di 36 file! I contenuti dei i video riguardavano viaggi da me effettuati in diverse localita' del Kenya e della Tanzania. Lo scopo era quello di promuovere i viaggi anche in zone del tutto sconosciute dell’Africa. In alcuni casi i video sono stati girati in localita' turistiche e facilmente raggiungibili. In altri casi riguardavano spedizioni effettuate in zone molto remote, difficili da raggiungere e sottoposte al rischio di assalti da parte di tribu' in stato di conflitto, come il Lake Turkana, all'estremo nord del Kenya, o il delta del Tana River, estremo Est del Kenya, dove si trova la tribu' che ha effettuato la strage nel campus kenyano in Somalia. In un’altra situazione l’oggetto del video era la costruzione di un eco-lodge in Tanzania, cosa che mi e’ costata l’arresto e detenzione di 10 giorni in una prigione che poco ha a che fare con il comfort... In altri casi i video hanno documentato eventi di straordinaria importanza, come una cerimonia di matrimonio in un villaggio Masai, mai ripresa da un uomo bianco. Oppure una festa a Zanzibar che si svolge un giorno all'anno in cui centinaia di persone si scontrano a colpi di rami di banano. Ripeto ancora una volta: si tratta di ben 18 situazioni del tutto rare ed irripetibili. Purtroppo non dispongo piu’ dei video originali, quindi la sparizione di quelli contenuti nel server e’ di una gravita’ assoluta. Ho fatto presente la cosa a Register il quale mi risponde con telefonate da parte di un’assistente che lasciano un po’ il tempo che trovano oppure tramite e-mail in maniera molto evasiva, come ad esempio: Gentile cliente abbiamo verificato nei nostri backup sino a 4 settime fa e non risulta presente né la cartella gallery, né la cartella video. Per problemi sul servizio hosting, può contattare direttamente il numero 800734478 Distinti Saluti Il che non significa assolutamente nulla dal momento che le pagine esistevano ed ora non vi sono piu’. Il sito era stato allestito circa 5 anni fa. Le pagine ed i contenuti erano inserite nel sito: http://terradiconfinekenya.net/ come si puo’ constatare in maniera molto semplice, tutte le pagine del sito sono perfettamente navigabili, tranne che per tutte quelle che contengono i video (anche questo dettaglio non mi sembra trascurabile). Alcune delle pagine sparite: http://www.terradiconfinekenya.net/gallery/video/intervista_homepage.html http://www.terradiconfinekenya.net/gallery/video/gallery.html http://www.terradiconfinekenya.net/gallery/video/gallery_gombe_stream.html http://www.terradiconfinekenya.net/gallery/video/gallery_mkuru.html http://www.terradiconfinekenya.net/gallery/video/gallery_serengeti.html navigando in prima persona e cliccando sui tasti “video” si puo’ verificare in prima persona. Direi che per un maintainer aver “smarrito” 36 file (pagine html + video) rappresenti un errore della massima gravita’, dato il valore dei file stessi. Il danno non puo’ essere quantificato in termini economici dal momento che di sole spese vive per effettuare le varie spedizioni parliamo di una cifra superiore ai 20.000 euro mentre il valore simbolico dei contenuti non ha prezzo. Ancora piu’ grave mi sembra l’atteggiamento di Register che nega in maniera clamorosa ogni piu’ banale evidenza dei fatti. Chiedo alla rete consigli e suggerimenti per capire anche tecnicamente come il tutto puo’ essere risolto. Credo che vi siano tutti gli estremi per procedere in termini legali ma non conosco professionisti specializzati nel settore. Chiedo supporto... Grazie Fabrizio Latini
  3. Ciao a tutti, sto contrattando con un azienda l'acquisto di un servizio hosting su server dedicato. Tuttavia il contratto che ci è stato presentato ha delle parti un po' oscure che abbiamo intenzione di modificare. In particolare la parte un po' grigia è quella riguardante i vincoli sulla qualità che ci viene garantita e le relative penali per l'azienda. Sul contratto infatti ci sono voci come "se il sito è lento..." oppure "presenta malfunzionamenti...". La domanda che mi sorge spontanea è "quanto lento?" che significa "malfunzionamenti"? Quello che volevo sapere da voi è se esistono dei parametri OGGETTIVI per valutare lentezza, malfunzionamenti e altre cose riguardanti l'affidabilità. Ed eventualmente cosa in genere viene richiesto e/o garantito dai più comuni servizi di hosting. Ad esempio: "Lentezza": si garantisce il 90% della banda disponibile per il 99% del tempo "Malfunzionamenti": Il sito deve stare in up per problemi HW il 99% del tempo E cosi via...
  4. Sto cercando un hosting con le seguenti caratteristiche Hosting linux Ip dedicato con certificato ssl Amministrazioni del DNS per aggiungere domini di terzo livello Nessun limite di banda Uptime elevato e magari garantito Nessuna restrizione al database come limite query orario e porcate simili Banda senza limiti o comunque elevata. Spazio su disco scalabile e superiore a 1-2 giga per iniziare. Non c'e' nessun problema se il datacenter risiede in europa. Budget: sono consapevole che la qualità si paga e nessun problema a pagarla. L'hosting sarà dedicato all'istallazione di wordpress multisito. Ci sono tantissime offerte ma vorrei avere riscrontri da clienti soddisfatti. Graize Andrea
  5. Da 5 anni ho a noleggio 2 server dedicati, adesso devo sostituirli con nuove macchine. Prima di riacquistare nuovi server dedicati mi chiedevo se è meglio convertirmi a questa alla nuova religione dei Cloud Server? Oltre le prestazioni che penso siano uguali se non superiori che garanzia offre il Cloud Server rispetto al server dedicato in relazione alla perdita di dati? Il server dedicato essendo una macchina singola è soggetta a tutte le possibili rotture del caso; dai dischi alla scheda madre, alimentatore ecc.ecc. Il Cloud server è praticamente a zero rischi rotture? abbiamo la certezza che il servizio è sempre disponibile e non va mai nulla in crash? Roberto
  6. Buongiorno a tutti, per caso sono venuto a sapere di una pesante perdita di dati da parte di SwissDisk. Avete presente il recente disastro di SideKick, poi (almeno in parte) rimediato? Beh qui hanno fatto di ben peggio: Swissdisk suffers spectacular cloud snafu ? The Register Ho scoperto questa vicenda grazie al blog del proprietario di Rsync.net, John Kozubik, un servizio di offsite backup: John Kozubik: SwissDisk Doubles Down Il punto di vista Kozubik è piuttosto conservatore, ma secondo me assolutamente pragmatico e sensato: Il sunto del discorso potrebbe essere: "Ok, volete i benefici della cloud? Allora non aspettatevi che un'infrastruttura gestita da dieci persone sia in grado di gestire la complessità e garantire l'affidabilità promessa." Insomma cloud = tanti tanti tanti investimenti
  7. Visualizza l'offerta completa di dettagli e costi LevelIP ha proposto e realizzato per SYNAPSIS un progetto di clustering software. A seguito del progetto, LevelIP mantiene ed opera tale architettura per SYNAPSIS nel proprio data center di Via Caldera - Milano. Maggiori informazioni su : http://blog.levelip.com/2008/sep/2/infrastruttura-ad-alta-affidabilita-per-synapsys/ info@levelip.com
  8. Virtualizzazione non significa solamente consolidamento del proprio parco macchine, risparmio nella gestione o utilizzo maggiore delle risorse a nostra disposizione. Uno dei maggiori vantaggi degli ambienti virtualizzati è la possibilità di costruire strutture che fanno uso dell'alta affidabilità per garantire alti livelli di servizio. Se un nodo hardware subisce un downtime, le nostre macchine virtuali migrano su altri nodi senza alcuna interruzione, i nostri clienti non si accorgono di nulla e l'azienda riesce a rispettare i propri SLA. Leggi il contenuto dell'articolo Alta affidabilità in ambiente VMware, con o senza vCenter
  9. Ciao a tutti, mi trovo a dover progettare un portale istituzionale su piattaforma joomla di cui non ho mai progettato la parte architetturale, la necessità è di dover prevedere sia alla parte di scalabiltà che della distribuzione dei componenti sia dell'alta affidabilità dei vari componenti HW. L'ipotesi è di utilizzare un'architettura di questo tipo: Un Load Ballacer hardware, DUE webserver APACHE bilanciate tramite Load Ballacer UN DATABARE MYSQL ( IN CLUSTER ) Un server separato per un eventuale LDAP Tutti i server sono: --------------------------------------------- HP Proliant DL360G4 Processori 1 processore Xeon Dual Core RAM 4Gb RAM Disco 2 dischi da 72Gb in modalità RAID1 Schede di rete 2 schede di rete Gbit Ethernet Sistema Operativo Red Hat 2.4.21-15 32 bit --------------------------------------------- Cosa ne pensate, un architettura di questo tipo che picchi di carico può reggere ? Secondo voi con jommla è possibile utilizzare tale architettura ? O me ne consigliate qualcuna. Ciao e grazie Luciano
  10. E' il caso di usare un servizio di terze parti per monitorarel'uptime. Tipo SiteMonitor che prova e riporta l'uptime da diverse connessioni. esistono servizi che ti avvisano dei downtime di host o servizi anche via sms
  11. Devo registrare un dominio.it e farlo puntare ad un hosting di terze parti. Mi chiedevo se per la registrazione è necessiaria la stessa attenzione che serve nella scelta del proprio piano di hosting. Cioè se l'azienda non è affidabile anche per i domini possono verificarsi dei tempi di down? Oppure posso tranquillamente fidarmi di chi propone il prezzo più basso (chiaramente con la gestione dei dns)?
  12. Sono intenzionato ad acquistare dello spazio su asmallorange, provider del quale ho letto un gran bene anche su questo forum. Poi, però, mi sono imbattutto in questa discussione http://www.vistainter.com/reviews/A/asmallorange.com/ e non vorrei darmi la zappa sui piedi visto che lo spazio è per la mia azienda. Qual è, insomma, la verità su asmallorange? Grazie, Filippo
  13. Secondo voi, gli utenti italiani sono attratti dalle megaofferte e dai tanti giri di parole che ti fanno invogliare ad acquistare un servizio, oppure alle aziende che senza tanti giri di parole e offerte con garanzie di spazio, banda etc, ti piazzano un uptime SLA 99.9? :fagiano: Mi è venuto questo dubbio... :stordita:
×