Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'cliente'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 14 results

  1. Una delle scelte economiche più rilevanti quando si compra un prodotto da qualche provider, è la scelta della durata del contratto. La possibilità di pagare mensilmente, è in Italia legata sopratutto ai piani di vps e server dedicati, mentre nei paesi anglosassoni, questa modalità è diffusa anche per i semplici piano di hosting condiviso. In genere quando si opta per dei contratti annuali, per qualsiasi servizio, si riceve una percentuale di sconto. Tuttavia, porta l'obbligo di essere vincolati a quel provider per un tempo molto lungo. Quando dovete scegliere quindi il contratto per il vostro servizio web, quale preferite? E soprattutto avete riscontrato un diverso livello di attenzione al cliente, quando scegliete un contratto mensile anzichè annuale? Vale secondo voi la percentuale di sconto media, il lungo periodo ti tempo per cui si è vincolati al provider, oppure è meglio pagare un pò di più, e poter fuggire in qualsiasi momento?
  2. Cerco un'azienda seria che possa offrirmi un hosting per un cliente che ha un sito di annunci. Le caratteristiche principali del piano devono essere: Spazio disco almeno 30Gb Memoria Ram 4Gb Database Mysql php4 /5 Possibilità di inserire file cron da lanciare periodicamente. Assistenza per il trasferimento dei file dal server attuale all'hosting. Ip dedicato Inoltre il mio cliente chiede la possibilità di un contatto telefonico fisso. Offriamo e chiediamo massima serietà. Resto in attesa di nuove proposte. Grazie
  3. Salve a tutt*, posto qui perchè mi pare la più meglio delle soluzioni- I'll say- Secondo voi, ed in base alle vostre conoscenze nell'ambito I.T., com'è possibile avere un injection su un file a chmod 666? parliamo di un config.php di WP. per la cronaca , dopo 2 mesi è arrivato anche alle nostre SERP il mitico P3P0.com meglio tardi che mai.
  4. Mi serve un PhpInfo, in produzione, live :D Grazie!
  5. Una cattiva pubblicità per Amazon EC2, il noto servizio di cloud computing erogato dal gigante dell'ecommerce. Durante la fine della scorsa settimana un cliente del servizio, la compagnia Bitbucket, fornitrice di un servizio di code hosting. Nel fine settimana l'istanza e il relativo EBS del sito, completamento hostato all'interno del servizio di Amazon, sono risultati down per oltre 19 ore consecutive, con gravi perdite economiche e di immagine per la compagnia. Leggi Cloud Computing: un cliente di Amazon EC2 colpito duramente da attacchi DDoS
  6. Sono stato contattato per trasferire un sito da un provider ad un altro ed effettuare alcune modifiche ed update. Sembrava un lavoro semplice semplice, come ne capitano tanti, ma: - il vecchio provider si rifiuta di fornire username e password per accesso al pannello di controllo, ftp e mysql. Dice che in base al contratto stipulato con il cliente, per "motivi di sicurezza" non può fornirli. Ok, è una carognata, ma pazienza. Chiedo allora la password di Joomla per poter almeno dare un'occhiata e effettuare alcune modifiche, e la risposta è: "mi mandi la lista delle modifiche che le implementiamo noi". Quindi non forniscono neanche la password di Joomla, e in pratica è impossibile lavorare su quel sito e trasferirlo. Tra il cliente e il provider non ci sono problemi economici: l'hosting è stato pagato (profumatamente e anticipatamente) fino a dicembre. Come se non bastasse, dato che al provider è stata mandata una mail di disdetta informandolo della volontà di trasferire il sito e richiedendo username e password necessarie ad effettuare il trasferimento, ora dicono che in base a quella disdetta venerdì cancelleranno tutto, e se vogliamo un backup sono 300 euro per il lavoro + le spese per andare a ritirare il dvd perchè si rifiutano di spedirlo via mail o uploadarlo sul mio ftp. La situazione è talmente da film che non so come comportarci, sinceramente. Non so che cosa sia avvenuto tra il cliente e il provider (e sinceramente non voglio neanche saperlo perchè non riguarda il mio lavoro), in ogni caso non si tratta di mancati pagamenti o problemi economici (che potrebbe al limite farlo sentire giustificato a non fornire i dati di accesso). Vi do solo qualche altra informazione per inquadrare bene la situazione. Il cliente è totalmente digiuno di internet, voleva semplicemente un sito per la sua attività e glie lo hanno fatto, e ne effettuavano la manutenzione, ovviamente a prezzi che si praticano a chi non conosce il mercato (ovvero altissimi). Ora al vecchio provider scoccia perdere la gallina dalle uova d'oro che pagava più di un dedicato per un sito joomla da 200 accessi al giorno. A qualcuno è capitato qualcosa di simile? Come ci si può comportare di fronte a questi ricatti? Non me ne viene niente dal risolvere questo problema: ho già investito in mail, telefonate e assistenza più tempo di quello che mi verrà pagato e ancora non ho iniziato il lavoro, però mi sembra una tale scorrettezza e disonestà che non mi va abbandonare un cliente nelle mani di personaggi del genere.
  7. Da poco abbiamo pubblicato online una intervista con un'azienda da poco nel mercato italiano, abbiamo usato la parola innovazione per lo shared hosting, fatto che avrà fatto storcere il naso a molti, utenti e provider. Effettivamente spesso ci si chiede come si possa innovare in un settore che, quasi sempre, si basa sull'uso degli stessi software e pannelli di controllo, e che gioca tutto su altri fattori, dalla collocazione delle macchine all'assistenza. leggi tutto Leggi il resto di L'arte di assistere il cliente nel settore hosting - 1 parte sul blog di HostingTalk.it
  8. upgrade

    vmware esx a lato cliente

    Salve a tutti niubbo di vmware, volevo chiedervi una volta installati i server esx e il Vcenter come poter offrire una gestione automatizzata della Vm lato cliente. Per intenderci: Sito web rivenditore offerte compro offerta vps, pago Fin qui ok, quello che mi manca è sapere come fare i seguenti processi. Spedizione automattizato email al cliente con username e password creazione della vm automatica In che modo far amministrare la vm al cliente, reset, spegnimenti etc in caso di crash del suo sistema. Voi cosa utilizzate ? esiste qualche Sw preconfezionato da personalizzare? Delucidatemi, vi ringrazio! :approved:
  9. Ciao a tutti, ho provato un pò a spulciare le discussioni vecchie ma non ho trovato niente in merito o forse non ho cercato bene :fagiano: 1) ho un cliente che ha un dominio .com questo cliente vuole trasferirlo 2) dal whois appare che il dominio è di proprietà della webagency che ha fatto il sito dunque i miei quesiti sono 1) se riesco ad ottenere l'auth code e il via libera posso trasferire il dominio senza problemi, pur essendo il richiedente diverso da quello del dominio ? 2) è possibile cambiare anche registrare poi il dominio a nome del cliente finale piuttosto che della webagency ? basta al momento non mi vengono in mente altri quesiti credo :D Grazie mille a tutti in anticipo per le eventuali risposte
  10. Salve a tutti, ho appena assistito ad una situazione che secondo me è veramente fuori di testa. Durante dei controlli di routine per il rifacimento di un sito per un mio cliente mi sono messo a controllare i dati relativi al dominio sul registro domini italiani ed ho fatto una scoperta per me molto strana. Il dominio è registrato a nome del mantainer! :63: Praticamente la mia cliente ,sprovveduta e mal consigliata a suo tempo, quando ha registrato il proprio dominio si è affidata ad una ditta di hosting che non cito, la quale a quanto pare a pensato bene di registrare il domino a se stessa. Non sto parlando dei campi tech e mantainer ma della sezione Registrant! Secondo voi è una cosa plasuibile / legale ? Visto che il registrant non è in nessun modo reperibile non ho la più pallida idea di come muovermi... consigli, impressioni sul caso?
  11. Quando con un cliente non sai più che dirgli.... perchè proprio non ti ascolta, metti mano alla tastiera e con voce sicura gli dici: "Si effettivamente ha proprio ragione, aspetti che controllo come fare per accontentarla" Poi dai un'occhiata all'interfaccia (se non usi Windows c'è un'interfaccia in pyton che va bene anche con Linux :asd:) Guardi il cliente, gli fai un sorriso, eventualmente controlli un momento la mira con il puntatore laser e poi un colpo di invio e....... Addio cliente rompib........ :emoticons_dent2020: (minimo un suo occhio se miri bene :emoticons_dent2020:) Peccato che questo giochino in usb costa uno sproposito, se no me lo immagino in qualche ufficio open space :asd:
  12. Buongiorno a tutti, sto preparando un preventivo per un potenziale cliente, il quale ha bisogno del solito sito pubblico/privato + posta. I requisiti (soprattutto per la posta) per il momento sono modesti, si parla di max 5-10 indirizzi di posta. In passato ho utilizzato Google Apps, soprattutto per la mail; la versione di base infatti possiede caratteristiche molto interessanti: - molto spazio; - interfaccia web... beh c'è ancora qualcuno che non l'ha mai usata? - calendar, docs, sites... Ecco una tabella riepilogativa: Google Apps for business – edition comparison Sopra i 50 utenti devo dire che costa veramente troppo (50 verdoni), ma come avere capito non è il mio caso. Insomma, avete mai proposto Google Apps ad un cliente per il suo progetto? Come vi siete trovati? Dov'è la fregatura? Certo, le possibilità di Google Apps siano molto limitate rispetto ad un hosting tradizionale, ma penso anche che questo strumento copra quel 90% di necessità che TUTTI hanno, a costi del tutto irrisori (per il cliente) e praticamente NULLI per il consulente, cioè io :fuma: Ho schedulato il preventivo per mercoledì sera, se mi aiutate vi posto qualche tutorial :approved:
  13. Ciao a tutti! In questi giorni sto lavorando per un cliente (il primo che mi capita senza già un sito online), il quale intende delegare a me tutta la parte di registrazione del dominio. Il problema è che, trattandosi di un .it per il sito di un negozio - senza vendita online -, non ho idea di come la cosa funzioni: chi firma la LAR? Devo registrare a suo nome (e se si, come?) o a mio? Mi ha dato i soldi per pagare il primo anno, ma quelli che seguiranno? Mi appello dunque a voi, come vi organizzate in questi casi? Grazie mille! PS: Credo dovrei fare in modo da indicare come Technical Contacts e Registrar il mio nome, e come Registrant e Admin Contact il suo. Ma come?
  14. daniele_dll

    problemi di rete da un cliente

    Hola, stamattina sono stato da un cliente, per la precisione ci sono ancora :) Succede una cosa strana: tutt'insieme, mentre lavorano, gli salta la connessione col sito web con cui lavorano All'inizio pensavo fosserò problemi di dns però mi sono accorto che non è cosi perché da un'altra connessione ADSL, lo stesso indirizzo, con gli stessi DNS settati andava perfettamente. Sto seriamente pensando ad un problema sulla rete, anche perché lanciando un traceroute su tcp, dato che l'icmp/igmp lo bloccano, mi sono accorto che la connessione passa dall'ucraina :062802drink_prv: Qui c'è il normale traceroute Rilevazione instradamento verso xxx.xxx.com [88.44.98.xxx] su un massimo di 30 punti di passaggio: 1 <1 ms <1 ms <1 ms 10.1.0.254 2 48 ms 49 ms 49 ms hostXX-XXX-static.183-80-b.business.telecomitalia.it [80.183.xxx.xxx] 3 * 50 ms * host129-198-static.45-88-b.business.telecomitalia.it [88.45.198.129] 4 48 ms 48 ms 48 ms host151-193-static.21-80-b.business.telecomitalia.it [80.21.193.151] 5 * * * Richiesta scaduta. 6 66 ms 65 ms 64 ms r-rm225-csr-rm003.opb.interbusiness.it [151.99.99.90] 7 65 ms 65 ms 66 ms 80.21.4.69 8 67 ms 67 ms 65 ms host118-56-static.44-88-b.business.telecomitalia.it [88.44.56.118] 9 * * * Richiesta scaduta. 10 * * * Richiesta scaduta. 11 * * * Richiesta scaduta. 12 * * ^C Il nove corrisponde all'ip di destinazione, ma non si può vedere con il normale traceroute per via del loro firewall Se notate l'hop numero 7 guardando sul ripe ... vedrete che è abb. strano che ne dite voi? --- l'ho rieseguito poco fa e adesso il risultato è questo 1 <1 ms <1 ms <1 ms 10.1.0.254 2 49 ms 49 ms 47 ms host49-175-static.183-80-b.business.telecomitalia.it [80.183.175.49] 3 * * 49 ms host129-198-static.45-88-b.business.telecomitalia.it [88.45.198.129] 4 49 ms 48 ms 50 ms host151-193-static.21-80-b.business.telecomitalia.it [80.21.193.151] 5 67 ms * * host117-8-static.20-80-b.business.telecomitalia.it [80.20.8.117] 6 66 ms 66 ms 65 ms r-rm225-csr-rm003.opb.interbusiness.it [151.99.99.90] 7 195 ms 94 ms 67 ms 80.21.4.69 8 65 ms 67 ms 65 ms host118-56-static.44-88-b.business.telecomitalia.it [88.44.56.118] 9 * * * Richiesta scaduta. 10 * * * Richiesta scaduta. come vedete ci sono i primi punti che davano richiesta scaduta che ora vanno :\
×