Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'cluster'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 18 results

  1. guest

    MySQL Cluster

    Sapevate di questo? L'avete mai usato in modalità disco?
  2. MySQL dovrebbe uscire davvero rafforzato dalla conferenza in corso a Santa Clara, dove sono emerse le prime motivazioni che spingono Oracle a investire in questo prodotto. Nel corso della conferenza è arrivato anche l'annuncio della disponibilità di una nuova versione di MySQL Cluster 7.1, un prodotto spesso reputato troppo poco maturo per essere adottato in grandi ambienti di produzione, al quale evidentemente Oracle vuole dare un ruolo più degno. Leggi MySQL Cluster 7.1: Oracle annuncia una svolta nella gestione di MySQL in cluster
  3. Non ridete, è una idea bislacca che mi è venuta in mente ieri leggendo un 3d sul p2p. In fin dei conti se piazzo da 2 a X server con un qualsiasi sistema di p2p installato ci manca pochissimo per creare un cloud storage. Basta qualche script per verificare in tutti i server se vengono inseriti nuovi file e aggiungerli automaticamente in lista di scarico. Forse più che cloud è un cluster, ma non stiamo a sottilizzare. E' pur vero che la stessa cosa la posso fare con un banale rsyn o qualche altro software di mirror, ma usando la tecnologia p2p nel momento che un server inizia a scaricare un'altro della rete può riduplicare il file anche da lui, in sostanza si bilanciano automaticamente i carichi di rete.
  4. ServerWeb.net è un’azienda relativamente giovane nel mondo del webhosting, nata come brand di EOS Net Srl, la storia della società milanese ci porta di fronte ad un gruppo di professionisti del settore IT che hanno deciso di unire le loro forze per avviare un marchio di qualità nel settore hosting. Nessun stupore a trovare dietro al brand anche Cristiano Gatti, imprenditore del settore webhosting, che dopo aver creato e ceduto una compagnia di successo, ha deciso di entrare in Eos Net per arricchire i servizi della società con la visione e l’esperienza di chi ha lavorato agli albori del settore. Leggi tutta la recensione su HostingTalk.it
  5. Marco Borromeo

    Cluster XEN

    Posto qui un piccolo articolo su come tirare in piedi un cluster 2 nodi XEN. Magari qualcuno vuole giocarci un pò :asd: http://www.debian-administration.org/articles/578 Lo so che è OT, ma non sapevo dove postare (Professione Hosting Provider oppure Virtual Servers?) e ho poco tempo che son di corsa :stordita: sry, ciao marco.
  6. La scorsa settimana abbiamo parlato di Cloudera e del suo utiizzo su Facebook, ora la compagnia ha annunciato la disponibilità di Cloudera Desktop, piattaforma web-based, funzionante su Windows, Linux e Mac OS X, che consente la gestione, semplicizzata, di clusters realizzati con il software Hadoop, attualmente uno dei progetti più apprezzati e più utilizzati per la realizzazione di infrastrutture di cloud computing. Leggi Cloudera fornisce un tool online per la gestione dei cluster Hadoop
  7. Ciao a tutti, ho finalmente collocato i miei 2 server e sto girando un po per configurarli. Cio che mi serve, tra le altre cose e il load balancing per quanto riguarda le richieste web. Vorrei riuscire a fare questo: -il carico delle chiamate web deve andare su le 2 macchine e ovviamente le cartelle dei siti replicate fra i 2 server -anche il db dovrebbe essere sia replicato che bilanciato per il suo lavoro -se cade una macchina vorrei fare in modo che l'altra risponde da sola e che poi quando torna in vita recupera i dati dall'altra Sembrano poche cose ma sono le principale che mi portano ad una cosa... ... i cluster. Questa cosa che per me fin ora era solo una semplice parola che mi sapeva di industriale. Leggendo di qua e di la da un po di giorni, mi sono imbattuto principalmente in due cose ... DRBD e GFS che poi se ho capito fa parte dal RHCS(redhat cluster suite) Si come che sui server gira centos 5.2 ... per stare in linea pensavo di implementare RHCS anche per piacere di usare roba redhat Sul sito dicono che fa sia il balancing che il HA. La documentazione che trovo in rete mi porta per di piu al DRBD... ma non ho capito ancora se da solo sa fare anche il balancing. Comunque... quello che vorrei chiedere... secondo voi, o al meno qualcuno di voi :-) ... posso studiarmi e cominciare a configurare RHCS ? o vado sul DRDB (ammesso che fa anche load balancing)? Ovviamente potete darmi consigli su altri prodotti... basta che siano a sbaffo:-) Grazie in anticipo Denis
  8. Dunque supponiamo di avere un bel cluster mysql con il suo bravo load balancer tutto perfetto e funzionante e che lo storage dei dati avvenga su 2 macchine. Per ipotesi se una delle 2 va giù il tutto continua a funzionare su quella rimasta up. Ora la domanda che mi pongo è: quando torna su lo storage che ha avuto problemi come vengono reinserite le query che sono state lanciate mentre il server era down?
  9. Il costruttore sta creando offerte complementari alle nuove funzionalità aggiunte a Windows Server 2008. Leggi la News
  10. Ciao, è da un po che manco... ma vedo che qui le cose vanno sempre al meglio. Sono contento. Qualcuno ha esperienza di realizzazione di un cluster per web attivo/attivo con DRDB e OCFS? secondo voi e' usabile per 3 macchine che fanno da web server (solo web + php, senza database)? se metto la directory dove il php memorizza le sessioni in OCFS potrei avere dei problemi?
  11. Salve a tutti nella ricerca del server soluzione hosting perfetta mi sono imbattuto in un bel problema, vorrei creare un bel gruppo di server per fare hosting condiviso, però vorrei proporre qualcosa di davvero performante. Quindi ho pensato ad un qualcosa di questo tipo 2 server per i dns 2 server database 1 server per mail ed infine 2 server web 1 linux e l'altro windows. L'idea di base è quella di dover affidare i compiti di dns e mail oltre a mysql a linux ed invece 1 server mssql e 1 web windows, questo per avere maggiori performance visto che i server sono studiati nei componenti e nel software per fare il loro compito. Purtroppo al momento non ho trovato un pannello che permette di fare questo, anche se l'idea è ottima. Helm fà questo ma è solo per windows ed inoltre dopo l'acquisizione da parte di parallels (plesk) ho constatatato che il supporto tecnico è diminuito!! Infine per linux cpanel permette solo di avere dns server a parte. Quindi volevo sapere se conoscevate un pannello di controllo che faccia questo. Inoltre mi chiedevo come facessero grandi hoster che propongono alcuni pannelli di controllo senza cluster, ad avere dns a parte perchè normalmente si dovrebbero avere 2 dns ....
  12. Mi stavo documentando sulle soluzioni di clustering mysql. Ho "scoperto" che, quando un server non basta più e non si vogliono modificare gli script abbiamo queste possibilità: - Dedicare delle macchine alle query in lettura ed altre alle query in scrittura - Cluster tipo HPC - Load Balancing Esistono altre soluzioni?
  13. Nuova frontiera? Vps in cluster... si può arrivare anche a diversi nodi... http://www.zone.net/virtual_clusters/value.php Che ne pensate? :fuma:
  14. Ciao, vorrei provare una configurazione cluster per garantirmi la continuità dei servizi di alcune macchine virtuali in azienda. Il sistema operativo è CentOS 5, avrò diverse macchine virtuali, ma solo di 4 o 5 mi interessa preservarne l'attività, le altre sono di test e possono "star ferme" anche un'intera giornata lavorativa. I server avranno 4 schede di rete gigabit. Premesso che a livello di configurazione di cluster sono ignorantissimo :062802drink_prv: come organizzereste le cose? Immagino sia d'obbligo uno storage esterno per i file delle macchine virtuali...
  15. Ciao Ragazzi, ho un server dedicato, che è ormai arrivato al collasso. Per tamponare ho preso un secondo server linkato al primo in cross che fa esclusivamente da server mysql, mentre il primo è Apache server. Capisco che sia una soluzione molto stupida, ma era necessaria per tamponare velocemente. Adesso sto leggendo un pò in giro su quali possono essere le soluzioni per creare un vero cluster. Ammetto di essere per adesso abbastanza ignorante, e per tale motivo non mi sbilancio su possibili soluzioni, poichè ho le idee ancora poco chiare. Volevo capire quali sono i passi fondamentali da compiere. 1) devo costruire un cluster Apache, e un Mysql del tutto indipendenti? 2) Quali sono i prodotti che vanno per la maggiore e che sono di "facile" configurazione e amministrazione? 3) in un'applicazione tipo quella di un forum, avendo due server identici, uno apache e l'altro mysql, secondo vuoi quale sarò il collo di bottiglia, e che quindi va sicuramente per primo clusterizzato? Ringrazio in anticipo chiunque mi dia un consiglio. Ciao a tutti. Luca
  16. Navigando tra i siti dei vari hoster italiani ho notato che soluzioni di clustering non sono molto pubblicizzate.. Siccome soluzioni/tecnologie per creare dei clustering sono varie e diverse, credo sarebbe interessante per tutti poter analizzare e confrontare le varie esperienze (hardware, software, prezzi, ...). Ciao! :approved:
  17. Con il rilascio della versione finale di Windows Compute Cluster Server 2003, MS entra formalmente nell'high-performance computing. Ecco come si prepara a sfidare le soluzioni Unix e Linux Redmond (USA) - Microsoft è pronta a dare battaglia alle piattaforme Unix/Linux anche in un segmento dove queste hanno da sempre dominato: quello dei cluster di server e, più in generale, dell'high-performance computing (HPC). Lo farà con Windows Compute Cluster Server (CSS) 2003, un sistema operativo appena rilasciato nella versione Released To Manufacturing che arriverà sul mercato ad agosto. Le ambizioni di Microsoft relative al settore HPC si erano palesate nel 2004, quando il colosso ha annunciato la creazione di un team che oggi raccoglie molti progettisti provenienti dal mondo Unix. Questo stesso team ha preso il codice alla base di Windows Server 2003 e vi ha aggiunto le caratteristiche necessarie per girare in ambienti di supercomputing. Bob Muglia, senior vice president del Server and Tools Business di Microsoft, sostiene che Windows spingerà le tecnologie HPC sul mercato mainstream, facendone un prodotto alla portata di un più ampio bacino di aziende ed enti pubblici. Windows CCS gira esclusivamente su processori x86 a 64 bit ed include tutta una serie di tool per il deployment e la gestione dei cluster, l'integrazione con le esistenti infrastrutture aziendali basate su Windows, e lo sviluppo di applicazioni ottimizzate per l'HPC. Il sistema operativo è già stato testato da alcune grandi aziende che operano nel campo petrolifero, biologico e automobilistico, tra cui l'organizzazione italiana CASPUR (Consorzio interuniversitario per le Applicazioni di Supercalcolo Per Università e Ricerca). Sebbene Microsoft sostenga che Windows CSS possa battere Linux nel rapporto prezzo/prestazioni, e questo anche grazie alla sua piena integrazione con l'ecosistema Windows e con Visual Studio 2005, il gigante di Redmond dovrà riuscire ad annullare anche uno dei maggiori vantaggi goduti da Linux: la disponibilità del codice sorgente. Questa caratteristica, particolarmente apprezzata in questo settore, permette come noto alle aziende di ottimizzare al massimo le prestazioni e adattare Linux alla propria infrastruttura di supercomputing. Per sopperire a questa mancanza, Microsoft punterà probabilmente sulla propria licenza Shared Source che, benché contornata da molti steccati, consente ai suoi clienti più importanti di guardare il codice e proporre eventuali modifiche. Dalla sua parte il colosso di Redmond avrà invece la possibilità di legare in modo stretto le piattaforme di HPC a quelle desktop e di espandere i propri tool di sviluppo, già ampiamente diffusi, su grid e cluster di computer. Fonte : punto-informatico.it La vedo dura soprattutto per la questione codice sorgente che in questi casi è importante...però stiamo a vedere :zizi:
  18. Cosa sono? :fuma: Non l'ho mai capito :fagiano:
×