Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'costa'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 9 results

  1. Durante il mese di Febbraio mi sono occupato di recensire il piano hosting linux offerto da Televideocom s.r.l., società nata nel 2005 e proprietaria di un datacenter di circa 2000mq collocato a Sassari. Il piano fornito in prova è denominato "Dominio + Hosting Linux" ed ha un costo pari a 7€ + iva annui (8,40€ iva inclusa); a mio avviso il nome del piano è più che indovinato, essendo la fornitura del servizio hosting una delle componenti del pacchetto, ma non quella fondamentale, che risulta essere la registrazione/il trasferimento di un dominio: rispetto ad un comune piano hosting, dove la registrazione del dominio alle volte è addirittura un optional, Televideocom ha voluto dare risalto a quest'ultima componente; ciò è comprensibile anche da un punto di vista economico, dato che oltre il 50% del costo del piano è giustificato dai costi vivi sostenuti per la registrazione/trasferimento del dominio scelto. Leggi la recensione
  2. 14 milioni di dollari, tanto è stato fermato da un downtime nella notte del 29 Ottobre del popolare sistema di pagamento PayPal. Circa 74 minuti di downtime, un tempo davvero consistente per un servizio utilizzato in tutto il mondo, al quale accedono migliaia di siti web, privati e compagnie di calibro mondiale, tramite anche API interne. Leggi Quanto costa un downtime per PayPal?
  3. Stavo leggendo qualche notizia ed ho trovato questo post molto divertente. :cartello_lol::cartello_lol:
  4. Ciao a tutti. Sto vedendo online le varie offerte per un server managed e visto che conosco Inet di fama (ne ho sempre sentito parlare molto bene) volevo vedere quanto costa un server da loro. Navigando per il loro sito pero' non sono riuscito a trovare nulla riguardo l'offerta/costo ho inviato una mail ma ancora non mi hanno risposto. Qualcuno di voi ha esperienza con loro in questo senso? O mi puo' consigliare una valida alternativa? Grazie a tutti e buon anno!
  5. Internet cresce e YouTube è uno dei siti che stanno trainando maggiormente la produzione di nuovi contenuti. Negli scorsi giorni HostingTalk.it ha pubblicato uno speciale su YouTube, mentre Wired.com, il noto magazine americano, ha deciso di vederci chiaro sul conto pagato da YouTube per la banda consumata dalla visione di oltre miliardi di video ogni anno. Se qualcuno di noi decidesse di avviare un simile servizio, con lo stesso numero di utenti, probabilmente il conto della banda consumata sarebbe esorbitante, e peserebbe, insieme all'energia elettrica utilizzata per i server, al 90% delle spese. Leggi YouTube, la banda consumata non costa quasi nulla
  6. In questi mesi la questione IPv6 sta invadendo i principali blog tecnologici e le testate specializzate di tutto il mondo, ormai ogni tot settimane un nuovo annuncio ci ricorda che andiamo verso la fine degli indirizzi appartenenti a IPv4 ed entro 3 o 4 anni questi potrebbero essere esauriti. Anche su HostingTalk.it ne abbiamo parlato più e più volte, ricordando quanto il passaggio sia evidentemente in ritardo e molte aziende non abbiano ancora pianificato nulla a riguardo. Leggi Google: il passaggio a IPv6 è facile e costa poco
  7. forse ci scappa 1 discussione seria :asd: la domanda apparentemente è semplice: perchè in italia costa tanto la banda rispetto a altri paesi europei come la germania? parlo di webfarm seguite queste mie considerazioni: - negli ultimi 2 anni c'è stata 1 rivoluzione in termini di diffusione della banda larga per l'ambiente residenziale. -abbiamo 1 varietà di offerta abbastanza larga...i vari ISP offrono offerte da 20/24mb, il massimo attualmente commercializzato in europa (oltre vari esperimenti di fibra in cina&svezia dove si va a 100mb) -siamo 1 paese non molto grande quindi teoricamente dovremmo essere avvantagiati -abbiamo diversi ISP che hanno reti proprietarie sepolte per lo stivale (telecom, fastweb, wind, tiscali, eutelia) - siamo il 4' parte in europa per diffusione di banda larga - le infrastrutture ci sono nelle principali città (ovvio che le webfarm sono nelle grandi città quindi il digital divide non è problema) - milano sta 1 in posizione strategica in europa quindi non devi fare chissà quale cablaggio e perdipiù è la prima città in europa per cablaggio in fibra ora, ok che molti punti descritti qui sopra riguardano connettività residenziali che quindi non c'entrano niente con i bisogni delle webfarm, ma sono solo indicativi per dire che non siamo all'età della pietra :stordita: abbiamo subito/stiamo subendo un conversione all'adsl senza precedenti nel mondo in termini di velocità... voi cosa dite? :stordita: sapete dare qualche perchè?
  8. Salve, il tizio per cui lavoro (ossia il mio capò) vuole finalmente rinnovare il sito aziendale (e ti credo!!!!!) http://www.seleo.it visibile correttamente solo con IE (...se proprio ci tenete a vederlo ...) Come modello di sito, giusto per dare un'idea, lui ha dato ad alcuni webmasters ( o sedicenti tali) questo sito qui a modello : http://www.mercury-diagnostics.com L'hosting sarà però su una VPS linux based che abbiamo su areaserver.it. Ora, abbiamo ricevuto le offerte + disparate che spaziano da 450 euro a 1200 euro ! Capirete la nostra perplessità. Quello che chiedo a voi che siete a contatto con queste realtà produttive è: secondo voi, qual'è il prezzo + congruo per un sito come quello ? come motivereste un vostro preventivo ? Per completare il discorso, la parte grafica è a carico vostro, noi forniamo al + le foto dei prodotti e i loghi. Mi raccomando non sparate prezzi insensati e sia ben chiaro che nessuno "busserà alla vostra porta" perchè mi serve solo a capire come valutare le offerte ricevute. (io ho un'idea ma potrei aver sottovalutato alcuni aspetti ...) Ciao!! *questo post aderisce al protocollo fmx by ceccus®
  9. Utilizzando Google ho trovato questo link, ci sono delle offerte assurde, gb di hd e traffico a poche decine di euro. Ma i prezzi negli Usa sono così bassi ?
×