Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'datacenter'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 95 results

  1. Deflagrator

    OpenSource e sostenibilità

    Se pongo la domanda, l'opensource è sostenibile? Probabilmente la risposta è, se da tanti anni va avanti, evidentemente sì. Tuttavia, quello che mi chiedo è, come mai in ambito datacenter/server l'open source si è dimostrato ben sostenibile, e anzi ha sbaragliato tutti i grandi competitor (microsoft ha un ruolo di minoranza, e anche oracle, è più di nicchia). Mentre in ambito desktop, o comunque frontend (tipo nelle workstation) non è riuscito a scalfire i giganti del software proprietario? Non si parli di ignoranza, e attaccamento dell'utenza, perchè aimè quel che manca in ambito desktop/workstation, è il software. Senza che diciamo inutilità, OpenOffice, non raggiunge Microsoft Office. Gimp non ha nulla a che vedere con Photoshop. Autocad non ha sostanzialmente rivali opensource. E si potrebbe continuare a lungo... Ubuntu potrà migliorare quanto vuole la sua interfaccia e usabilità, ma senza il software mai nessuno lo prenderà in considerazione. Cosa è che frena l'opensource dallo sviluppo di software valido in ambito desktop, come in quello datacenter? Io credo sia una questione di soldi, in ambito datacenter i software ricevono cospicue donazioni (per i security bug fix, per funzioni personalizzate...), e viene acquistata assistenza. L'utenza desktop/workstation è invece, meno disposta a donare, pagare... voi che ne dite?
  2. Deflagrator

    Il fascino dei datacenter

    Leggevo qualche giorno fà questo articolo The Illustrated Data Center » Data Center Knowledge che è più una raccolta delle immagini più belle tratte dai vari datacenter. Come dice l'articolo stesso, sono un pò tutti caratterizzati da poca luce, interrotta dalle migliaia di led dei server, che generano un atmosfera affascinante e futuristica. Tuttavia nei datacenter di uso comune, di certo non regna la perfezione che viene mostrata da foto, angolate appositamene. Tuttavia, è inutile dire che un datacenter "bello" sembra anche essere un datacenter ordinato e probabilmente lo è davvero (sperando che non si sia nascosta la polvere sotto il tappeto :D). E probabilmete vale anche l'inverso. Oggi faccio una domanda di pura curiosità (e forse non molto utile :stordita:), che può sembrare non c'entri molto con quanto ho fin qui detto: Effettivamente, vale la pena mantenere un datacenter ordinato come le foto? O ridurlo ad un groviglio di fili o quasi, risulta in ogni caso più sbrigativo del tenere sempre tutto in ordine? Per chi ci vive in questi posti, mantenerlo in maniera tanto rigorosa, serve solo per le foto?
  3. Intel guarda al futuro dei datacenter e lo fa con l'intento di variarne l'architettura e di costruire un centro dati ultramoderno Continua a leggere, clicca qui.
  4. Un milione di server e forse più. Questo è il numero di macchine a disposizione di Microsoft, indicato da Steve Ballmer, che tenta anche di fare i conti nei datacenter dei concorrenti, snocciolando cifre probabili, ma non supportati da dati... Continua a leggere, clicca qui.
  5. Leggevo oggi questo articolo: U.S. Remains the Best Place to Build a Data Center » Data Center Knowledge Il quale parla della classifica del miglior stato dove costruire un Datacenter. Senza stupirsi troppo, in cima troviamo chiaramente gli Stati Uniti, seguiti da Inghilterra e Svezia. Sicuramente a contribuire alla posizione degli stati uniti, vi è la loro posizione di leader tecnologici soprattutto in ambito informatico... L'inghilterra è favorita soprattutto dal suo ruolo di intermediario per la connettività internazionale sulla lunga distanza. Infine la Svezia, per il suo clima rigido che permette un certo risparmio nelle infrastrutture. Concordate con questa classifica? Dove collochereste l'Italia?
  6. Deflagrator

    Datacenter e quote rosa...

    Un pò tutto il mondo più tecnico dell'informatica, vede la predominanza del genere maschile... tuttavia sembra che in particolare in questo settore datacenter/provider, la componente maschile rasenti il 100%... In verità, per la mia esperienza, apparte per l'assistenza commerciale (quindi non materia tecnica, perchè tanto l'assistenza commerciale in genere non ha idea di cosa sta vendendo :emoticons_dent2020: ) , non mi è mai capitato in questo settore di trovare donne. Questo non solo in italia, ma anche con provider stranieri come rackspace e ovh ... :stordita: Sia in chat, che via ticket ho sempre notato solo nomi maschili... Secondo voi come mai questo? Solo gli uomini hanno la pazienza di smanettare con un groviglio di fili quando qualcosa non funziona? PS Sia chiaro, non sono una di quelle persone che vuole le quote rosa o roba del genere, però mi interessa capire cosa rende questo settore per soli uomini...
  7. L'interesse ecologico, ha ormai invaso un pò tutti i settori. I clienti dei datacenter quanto sono interessati a questo aspetto? Si investe nell'acquisto magari di macchine a basso consumo, sistemi di raffreddamento naturali (come i datacenter posti nelle aree polari del globo), e sistemi di produzione di energia rinnovabile. È un parametro realmente preso in considerazione dalla clientela? Quanto sarà importante per voi in futuro? O meglio, è un parametro più rilevante per il risparmio dei provider, o per il marketing con i clienti?
  8. Buongiorno, sono nuovo qui nel vostro forum. Ho fatto diverse ricerche all'interno del nostro forum per avere informazioni riguardo la creazione o il noleggio di un datacenter (ovviamente parte di esso). Ho letto solo una discussione (chiusa) dove uno voleva informazioni, ma il suo atteggiamento strafottente l'ha portato ad abbandonare. Vi spiego, vorrei servire un servizio di COULD computing, quindi costruire un sito per il salvataggio e la condivisione di immagini ad aziende e/o privati. In pratica volevo offrire quello che già fanno tutti (tipo ad esempio GOOGLE DRIVE). Però oltre al solo salvataggio di immagini, vorrei offrire altri servizi aggiuntivi all'interno del sito (tipo elaborazione delle stesse). Siccome ho letto che per offrire un servizio del genere bisogna avere datacenter dislocati in zone tecnologicamente avanzate (cioè che abbiano una connettività con fibra ottica), mi chiedevo dove posso trovare aziende che possano mettere a disposizione questo tipo di servizio (noleggio datacenter)? Per quanto riguarda l'archiviazione, inizialmente avevo pensato a 100 TB. Chi può fornirmi qualche spiegazione in più?
  9. Ciao a tutti. Sto facendo un piccolo censimento dei datacenter di Milano, mi potete aiutare? Io per il momento ho censito: Telecitygroup Kpnqwest Seeweb Itnet Inet Netscalibur Levelip Tiscali (anche se se non erro è solo un pop) Interoute
  10. andrea.paiola

    datacenter Facebook su Time

    A Glimpse Inside a Facebook Server Farm - Photo Essays - TIME sembra più ordinato del loro sito :asd:
  11. Salve a tutti, vorrei chiedere un vostro consiglio sulla scelta di un software di backup. Attualmente abbiamo una soluzione basata su Bacula ma comincia a dare segni di cedimento. Le necessità sono queste: - disporre di un agent da installare su macchine Linux (debian) e Windows Server (in totale sono circa 22 server fisici + altri 100 ca virtualizzati KVM/Xen) - possibilità di effettuare più backup contemporaneamente - possibilità di effettuare un restore anche mentre il sistema sta effettuando altri backup - possibilmente un agent per mysql - capacità di creare backup incrementali - supporto iSCSI - predisposizione di supporti per il disaster recovery Penserei di adottare una SAN iSCSI da almeno 12/16TB aggregando più interfacce di rete per disporre di maggiore banda, un server dedicato al software ed eventualmente una VM di managment. L'affidabilità e le prestazioni sono i must. Grazie per ogni suggerimento. Alessio
  12. Non so se è la sezione giusta, ma ho questo problema da stamattina. Csf mi segnala in continuazione port scan provenienti da indirizzi ip che appartengono allo stesso datacenter dove il mio server risiede. Man mano che passano le ore vedo che i tentativi e gli indirizzi IP si moltiplicano. Mi devo preoccupare? Ho già segnalato il fatto al datacenter, ma non sembrano essere molto interessati alla questione (dicono che non capiscono qual è il problema...) Secondo voi a cosa è dovuto questo gran numero di scan? Macchine infette che si moltiplicano? Il datacenter non dovrebbe tenere isolati i vari server (es vlan)?
  13. Salve, un mio cliente ha alcuni server presso il datacenter di Tiscali in via Caldera. La situazione sta diventando drammatica: 1)caldo infernale, hanno addirittura piazzato dei pinguini de longhi tra gli armadi 2)sporco e abbandono totale, la prossima volta prima di entrare mi conviene fare il richiamo dell'antitetanica 3)ultima novita': ci piove! ci sono dei secchi che raccolgono delle infiltrazioni d'acqua. La situazione va avanti cosi' da parecchio e ormai alle assicurazioni dei tecnici e dei commerciali è difficile credere, qualcuno di voi ha notizie? Conviene consigliare a qualche cliente a cui si tiene di "levare le tende" prima di qualche brutta sorpresa?
  14. pointerweb

    Virtualizzazione estrema

    (Mi mancava quasi il coraggio di scrivere questo post) Immaginate un mondo dove la virtualizzazione si e' spinta cosi' avanti che un datacenter intero e' in una manciata di server (se non addirittura uno solo). Immaginate (gl)i (s)vantaggi: tutti potranno avere un'azienda di hosting, chiunque potra' avere il suo "dedicato" personale (che non sara' altro che un vps), e i vps saranno macchine virtuali nei virtuali (un po' alla matrix insomma). I dedicati non esisteranno piu', saranno paragonabili a quelli che ieri chiamavano mainframe: macchine irraggiungibili, giganti del calcolo... Ovviamente i paradossi sono tanti: un datacenter virtualizzato virtualizzerebbe pure l'infrastruttura di rete e l'elettricita? :asd: Apro la discussione ai vostri racconti futuristici. Mod siete liberissimi di spostare il topic in OT, vi capiro' :)
  15. Buongiorno a tutti, lavoro in una azienda che si occupa principalmente di servizi multimediali e videostreaming. Attualmente siamo in housing presso un blasonato datacenter italiano e stiamo valutando la possibilità di espandere il parco macchine anche in un altro datacenter. Chiederei pertanto di essere contattato dai provider presenti sul forum per discutere insieme alcuni dettagli tecnici e commerciali relativi ad un servizio di housing. Le caratteristiche di massima sono le seguenti: -20U spazio rack -6 Ampere consumo massimo -25Mbps banda flat garantita Grazie in anticipo
  16. WLF

    DataCenter Roma e Limitrofi

    Buongiorno a tutti, Sono appena iscritto al forum e colgo l'occasione per salutare tutti. Spero di aver scelto la sezione giusta. La mia richiesta è la seguente. Ho la necessità di colocare 3 server nella zona centro Italia, per testing. Abbiamo molti server a Chicago, Dallas e in Germania e vorremmo portare alcuni servizi in Italia, per un primo momento in testing. Sapete darmi indicazioni sui vari datacenter e magari qualche dritta sui costi e qualità del servizio ? La nostra startup ha sede principale in USA, ma pensiamo di aprire una sede anche in centro Italia per questo vorremmo i server vicini (che sarebbero sempre secondari rispetto a quelli USA e Germania). Grazie.
  17. Ciao a tutti ! Stamattina tra i feed ho trovato questo interessante video che ci mostra un tour guidato in un datacenter di google... E' molto interessante, con sottotitoli in italiano. Guardatelo e commentiamo insieme :sbav: [LINK AL VIDEO] Google Data Center | News e Video esterni | developer | ICTv
  18. Un nuovo datacenter sarà allestito da ThePlanet nel Texas, a Plano. Apertura prevista nel Maggio 2009, ospiterà fino a 9000 servers e sarà principalmente destinato ai servizi di colocation. Leggi la News
  19. Dell ha iniziato da tempo a consegnare una propria soluzione di datacenter container, sviluppata per grandi clienti del calibro di Microsoft: si tratta di un settore in cui la compagnia crede molto e che, a suo dire, avrà molto successo nel corso del 2009. Rimane l'idea che ad oggi sia ancora una soluzione di nicchia. Leggi la News
  20. I and in advance sorry to speak english (I don't know Italian Yet). I'd like to know if there's a list of datacenter in Rome or if you can give me some name or adresse. Thanx in advance.
  21. Soluzioni prefabbricate, utilizzando containers e altri componenti da assemblare direttamente sul posto, ecco come Michael Manos ha spiegato il futuro di Microsoft nel campo dei datacenter: riduzione dei tempi di realizzazione, dei costi ma anche dei consumi e della temperatura, il tutto grazie ad un approccio fortemente personalizzato. Leggi la News
  22. Nuovo datacenter ad Amsterdam per Interxion, si tratta della quinta struttura realizzata dalla compagnia in quest'area. Una conferma della bontà del mercato di Amsterdam relativamente a servizi di colocation e connettività. Leggi la News
  23. Nuovo datacenter per AT&T a Singapore. Si tratta di una delle strutture più importanti della compagnia e rientra in un programma di espansione per il 2008 da 1 miliardo di dollari. Il DC sarà destinato all'erogazione di servizi di hosting di livello enterprise. Leggi la News
  24. Costruito all'interno di un ex bunker della Guerra Fredda, il datacenter di uno dei più importanti provider svedesi è sicuramente insolito per chi sa come dove vengono collocate queste strutture. 30 metri sottoterra, connettività ridondata e due motori diesel di un sottomarino utilizzati come backup energetico. Leggi la News
  25. Un problema all'alimentazione del datacenter ha portato offline la struttura per circa due ora, ma ha causato seri problemi alle macchine del social network, rimasto down per tre giorni: problemi all'integrità dei dati hanno costretto lo staff a ritardare nel ritorno online. Leggi la News
×