Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'della'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 107 results

  1. Posto una nuova discussione per non creare continui OT nell'altra. Ho già espresso il mio parere che qui ribadisco: low cost non deve significare scarsa affidabilità giacchè il risparmio può concretizzarsi in altri modi (meno spazio, meno servizi, ecc.). L'uptime è un parametro che qualsiasi host provider dovrebbe garantire di base,e se non è in grado di farlo, che cambi mestiere. Come sempre, mi ritrovo a criticare aspramente aziende italiane come tophost e simili che speculano sui servizi proposti anzichè investire in senso migliorativo (per questo credo che la fiducia data sia stata malriposta) e a constatare come questa abitudine tutta italiana sia dura a morire. Ho già avuto esperienze low cost oltreoceano, e pr quanto mi riguarda l'uptime NON è mai stato in discussione: queste porcherie succedono solo con i furboni "de noantri". Certo, per carità, un guasto di rete può accadere dovunque, un fallout radioattivo, un buco di antimateria che risucchia i server, una varco spazio-temporale che blocca temporaneamente un nodo, ma si tratta di eventi che possono avere incidenza sporadica, non abituale. In Italia purtroppo ci abituiamo sempre ad avere NON il meglio, ma il meno peggio...
  2. Ciao a tutti, devo fare una premessa; per quanto riguarda la conoscenza dei computer e in particolare dei server sono ad un livello molto basso .... quindi siate clementi....... Devo decidere cosa fare all'interno dell'azienda dove lavoro e vorrei qualche consiglio e capire anche se sono su un forum adatto (pivello!!). Stiamo valutando di sistemare tutto il parco macchine che gestisce tutti i documenti aziendali, le mail, il portale aziendale ecc e naturalmente devo rimanere dentro ad un certo Budget. Attualmente sono combattuto tra due soluzioni: a) una soluzione che prevede tre server (domain controller + file system + posta) con più dischi (Raid 1 su un server e raid 5 sugli altri) e con una replica di ogni server B) una soluzione con due server e una Sun con tecnologia SAS e virtualizzazione. Prima di dare più dati vorrei sapere se sono su un forum "adatto" e se potete aiutarmi. Un grazie a tutti ciao.
  3. Volete provate a chiedere a Joanna Rutkowska qual'è? Vi potrebbe fare un facile esempio bluepill..... Un rootkit che in un millisecondo (UN MILLISECONDO!!!) crea una macchina virtuale hardware ci ficca dentro il sistema operativo e mantiene il controllo di tutta la macchina fisica. Il legittimo proprietario della macchina continua ad usare il suo sistema operativo normalmente, può lanciare tutti i controlli che vuole e non troverà mai nulla perchè l'ospite/padrone è al piano di sopra che sghignazza :asd: Anche Dino dai Zovi (sviluppatore/collaboratore di http://matasano.com, forse più famoso per aver violato un mac durante una manifestazione di 3 anni fa) ha scritto un bel giocattolo dall'esoterico nome di Vitriol. Ci sono anche rootkit basati su virtualizzazione software, ma questi per ovvi motivi non sono pericolosi nella stessa maniera.
  4. Telecom Italia, il più grande ISP italiano, torna a parlare della necessità di garantire ai propri clienti un utilizzo a pieno del servizio ed evitare che una parte dei suoi clienti superi l'utilizzo delle risorse assegnate. Si torna insomma a parlare di blocchi P2P dopo anni che questa parola si è spenta: in realtà il traffico P2P non è scomparso, si è ridimensionato, è calato e le persone oggi non spendono più qui i loro GB di connessione mensile, lo fanno su YouTube, su Facebook, sui servizi di streaming video a pagamento e su tanti altri servizi che lavorando con dati multimediali richiedono in ogni caso un buon quantitativo di banda. leggi tutto Leggi Telecom Italia: in vista riduzioni per il traffico P2P, a favore della qualità dei collegamenti
  5. Ciao a tutti, sono un profano in materia quindi mi scuserete se faccio qualche gaffes nell'esposizione o nella terminologia usata, spero comunque di essere comprensibile per farmi consigliare correttamente. Ho acquistato il top dello spazio host low cost che offriva MOCHAHOST.com ma ho avuto molti problemi, l'ultimo è che mi hanno sospeso l'account perche dicono che ho sviluppato 'lavoro' alla loro CPU e memoria che hanno impegnato le risorse e che per loro non è profiquo. Premetto, ho solo installato un Tema per creare un piccolo canale tipo youtube e non ho caricato nulla e neppure ancora pubblicizzato il sito da che produca traffico. Mi spiegate come è possibile? Posso sapere quanto 'consuma' il mio template o tema o i plug che ho installato? Avete da consigliarmi un provider che non mi dia questi problemi? Grazie!!!:approved:
  6. I risultai della ricerca di Google sono divenuti peggiori rispetto al passato. Pensavo di essere l'unico ad aver notato questo aspetto ormai quotidianamente, e invece mi sono accorto da qualche settimana che in rete se ne discute già in maniera molto aperta, tale da far credere che a Google qualcosa davvero si sia inceppato nel loro migliore prodotto, quello che ha dato a Sergey e Larry la vittoria assoluta sul mondo della ricerca online. leggi tutto Leggi il resto di I risultati della ricerca su Google sono diventati troppo scadenti? sul blog di HostingTalk.it
  7. L'articolo che leggete di seguito è stato scritto da Tim Schumaker, CEO di Sedo.com, una delle aziende che a livello mondiale conclude il maggior numero di compra vendite di nomi a dominio e sta in parte rivoluzionando il settore con una serie di strumenti che dovrebbero aiutare anche gli ISP. Non si tratta in alcun modo di un post sponsorizzato da Sedo, ma di un utile possibilità di sentire una opinione utile su quel che oggi rappresenta il delicato eco-sistema dei nomi a dominio e come questo si possa far combaciare con quello creato da social network come Facebook o Twitter. leggi tutto Leggi il contenuto dell'articolo L’incubo della navigazione: dove Facebook, Google, e le Apps non battono i domini internet
  8. Salve a tutti, dopo il successo dell'anno scorso anche quest'anno vogliamo informarvi di una nuovissima promozione per la realizzazione di un progetto di Commercio Elettronico su misura con supporto tecnico via Chat. Usate il seguente Codice Promozione: merrychristmas per ottenere lo sconto del 20% sull'importo finale. Per maggiori dettagli visitate la pagina: Crea il Tuo Negozio On Line - Magento - eCommerce - Software Per qualsiasi informazione contattateci anche via Chat. A presto e Auguri di un Buon Natale! Shine Software Staff
  9. Scegliere una soluzione di hosting diventa sempre più complesso. Esistono diverse tipologie di servizi offerti: Dedicato, Condiviso, Virtuale, Gestito, Co-Located e Cloud. Bisogna quindi sapersi orientare e capire quale di queste formule faccia al caso proprio. Leggi il contenuto dell'articolo Guida alla scelta della soluzione hosting dedicata, VPS o Server dedicato
  10. Salve, vorrei realizzare una "Web Chat" nel mio sito, senza refresh della pagina e con supporto di "PHP + MySQL". La prima cosa che penso è: XMLHttpRequest(); - Per popolare la lista degli utenti On-line e la lavagna dei messaggi posso richiamare ogni Secondo una pagina PHP che fa una Query nel DB e mi restituisce tutti e due i dati. - Per inserire il nuovo messaggio la solita cosa ma con una query di INSERT Cosa ne dite ??? Troppe risorse e troppo traffico di rete ?? Consigli più professionali ???
  11. Volevo sapere se è possibile stimare approssimativamente il consumo della CPU da parte di un CMS come joomla, drupal o wordpress. So che dipende da infiniti fattori, ma esiste comunque un modo per avere un'idea, seppur vaga?
  12. Poco tempo fa ho postato una discussione per capire come è cambiato l'uso del server dedicato nel tempo (qui la discussione: http://www.hostingtalk.it/forum/server-dedicati/15102-server-dedicato-cosa-e-cambiato-nel-2010-a.html). Abbiamo parlato di server dedicati a noleggio, ma sarebbe curioso parlare anche di come va il mercato della colocation: quali sono i clienti che oggi scelgono ancora questa strada? Come e perchè lo fanno? Da quel che vedo non sono molti e quasi sempre si fa per esigenze particolari, ma anche con costi superiori, che se non giustificati, quasi sempre portano i clienti ad una soluzione a noleggio.
  13. Abbiamo parlato a lungo della soluzione di Seeweb, la prima compagnia italiana che si è "immersa" nel cloud computing, con due prodotti differenti e uno in lancio nei prossimi mesi, come ci ha detto qualche settimana fa il CEO Antonio Baldassarra. Leggi il resto dell'intervista: Seeweb Cloud Hosting: ecco i dettagli del servizio e della piattaforma di cloud hosting
  14. Qualcosa si muove. Nel paese che è da sempre al centro della cronaca per la sua lentezza nella diffusione delle connessioni a banda larga, in bilico per gli 800 milioni promessi per la banda larga, qualcosa si muove. Telecom Italia ha un ruolo marginale in questo caso, dato che la più grande compagnia di telecomunicazioni italiana sta per ora solamente guardando il piano messo in campo da Fastweb, Wind e Vodafone, tre telcos molto attive sia nel settore della connettività a banda larga sia nei collegamenti mobili. Leggi La svolta della fibra italiana, l'alleanza di Wind, Fastweb e Vodafone e il ruolo di Telecom
  15. Valeriano Manassero

    [Italia paese della vergogna]Sanità

    Sono inca$$ato come un puma e davvero stanco di questo paese fatto di sprechi e schifezze immonde. Un po' di tempo fa mi si è rotto un dente, niente di grave, almeno subito, ma poi si è infiammato e sono cominciate le grane. A parte lo riuscire ad ottenere una visita dopo più di venti giorni per dirmi che il dente si può salvare (bene), devo fissare un'altro appuntamento specialistico ed il dentista mi avverte di non temporeggiare per non peggiorare la situazione. Alché dico, ok, anche subito e SORPRESA, il primo appuntamento disponibile per questo tipo di intervento è tra 13 MESI. Si, avete capito bene, 13 MESI. Il dentista consiglia di andare da un privato (ma LOL), alternativamente mi tirano via il dente (ancora sano) e la finiamo lì. Naturalmente, visto che non sono un idiota, vado da un privato (e sono soldi) ed allora mi sovviene un pensiero, perché devo pagare l'INPS? La tanto decantata sanità pubblica che gli States non hanno ancora è davvero sinonimo di civiltà? Ma di che civiltà? Quella dei marziani? Tanto alla fine se vuoi uscirne fuori bene devi andare da un privato ed allora togliete sta ASL che fa schifo che tanto coi soldi che ho versato all'INPS in questi anni mi usciva una più che dignitosa assicurazione privata, ma NO, io bue DEVO pagare per foraggiare sta maniga di incompetenti. Ecco un'altra bell'esempio da portare ai politicanti che tanto si imbevono le labbra di mostruosità e ca$$ate con una "Sanità che ci invidiano all'estero", ma per piacere, l'Italia è davvero un paese che meriterebbe di scomparire dall'atlante, MI VERGOGNO di essere italiano e mi arrabbio per aver avuto la sfortuna enorme di nascere in questo buco. E badate bene che l'esempio riportato è UNO delle miriade di esempi che potrei portare su quasi tutti i settori pubblici dove se non c'è magna magna non siamo contenti, altro che discutere di hosting e pischelli che si improvvisano, qui si improvvisano anche nelle amministrazioni pubbliche, ancora una volta: Chapeau Italia, poi non lamentiamoci che in giro ci considerano degli zingari perchè nel nostro paese ci si comporta come tali... PUAH...
  16. WizOfOz

    alla faccia della privacy

    sottotitolo ma quanto è stupida certa gente? Perché sul Web svendiamo i fatti nostri? - Corriere della Sera leggete tutto l'articolo c'è da rimanere basiti...
  17. Continuo la serie di 3d che mi ero prefissato qui http://www.hostingtalk.it/forum/professione-hosting-provider/12313-introduzione-politiche-clientelari.html Per esperienza diretta (da non cliente) posso parlare solo di assistenza diretta, ma proverò a delineare scenari che vedo come cliente o per esperienza indiretta. Prima di tutto definiamo l'assistenza. E' ovvio, eppure oggi spesso si perde, volontariamente o no, il senso di tale pratica. L'assistenza dovrebbe essere una parte fondamentale ed oserei dire di primaria importanza nell'erogazione di un servizio, per permettere al cliente di usufruire a pieno del servizio. Se io offro un servizio fantastico ma per qualche motivo il cliente non riesce a goderne i benefici deve intervenire l'assistenza almeno fin quando non capisco perchè il cliente non riesce autonomamente. In qualsiasi professione la cosa più difficile da imparare è come fornire una assistenza efficace al minimo esborso di risorse. Potrei essere un bravo sistemista, ma se non capisco che azzo intende il cliente che mi espone un legittimo problema, oltre che perdere più tempo del necessario non permetterò a questo di usufruire ciò per cui paga. Bisogna anche saper distinguere quando c'è un problema reale e quando il cliente ha una percezione errata dei suoi diritti e doveri. Il cliente a volte è disposto a spendere qualcosa in più o a ricevere sostanzialmente qualcosa in meno nel servizio nudo, pur di avere una buona ed umana assistenza. Poi di contro c'è chi, magari con un pò di esperienza, preferisce avere il servizio nudo e crudo e spendere meno. Purtroppo in mezzo c'è anche chi non è in grado di arrangiarsi, qundi vuol l'assistenza umana e non pagarla, Quest'ultima fascia è una piaga in qualsiasi settore e non c'è altro da fare che scoraggiarla. Un cliente preso a tutti i costi così darà solo problemi. Però nella prima categoria non c'è scusa che tenga. Se offro assistenza e la faccio pagare poi non posso cercare escamotage, filtri e customer cure incompetenti. Nel proseguo penso sarebbe interessante parlare delle forme di assistenza utilizzabili sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista umano, quindi anche un pò di psicologia, perchè no? Se i filtri pagano e qual'è la misura per usarli. Le Faq sono anacronistiche o hanno ancora un loro perchè? Come chiedere feedback etc... Sono sempre ben accetti interventi.
  18. Salve gente, oggi con il titolare dell'azienda in cui lavoro parlavamo della possibilità di poter assistere il cliente direttamente durante la sua visita sul sito con una chat in tempo reale. Così dopo qualche ricerca on-line ho trovato finalmente la soluzione ai miei problemi. O almeno così credevo. Ho installato il livehelp l'ho configurato per la connessione al database e ho impostato ben benino i diritti chmod di alcuni file. Insomma tutto sembra andare per il meglio fino a quando non provo ad inserire il codice nelle mie pagine e qui..AHI..Niente da fare..Non viene visualizzato nulla se non "Powered by Crafty Sintax" e tutto quello che ci dovrebbe essere sopra?!?!.. Qualcuno ha qualche esperienza? Credo sia solo un problema di visualizzazione perchè il database che gli ho associato ora è strapieno di tabelle, posso entrare senza problemi nel pannello di controllo ma l'unica cosa che non mi riesce e visualizzare lo script per il cliente. Qualcuno sa consigliarmi? :stordita:
  19. Nota di Uno, ho splittato il discorso da qui http://www.hostingtalk.it/forum/pannelli-di-controllo-e-hosting-software/13574-spunti-sulla-manutenzione-periodica-dei-server-da-grande-faccio-il-sistemista.html Concordo con Leo, ma, una nota su tutte queste liste di comandi. A cosa servono? Se sei un sistemista li conosci da quando avevi il pannolino. Se non lo sei e non li conosci non ha senso impararli da una lista. Giusto?
  20. Il Ministro Brunetta rilancia nuovamente la PEC, la posta elettronica certificata che dovrebbe snellire le comunicazioni e renderle più sicure, soprattutto con la pubblica amministrazione. Da Febbraio 2010 Il Ministro ha detto che verrà attivata una casella di posta elettronica a tutti i cittadini italiani, in modo tale possano comunicare direttamente con la PA. Leggi Da Febbraio la PEC gratis per tutti, il fallimento della legge per colpa degli ordini professionali
  21. Nei giorni in cui l'autorità cinese si occupa del difficile problema dei domini .CN, vietando la registrazione a registrars esteri e a persone non in possesso di licenza commerciale, sul web cinese si abbatte una nuova "scossa". La censura è l'elemento comune di queste vicende, ma Google è il nome che rende quanto accaduto ancora più importante. Leggi Google: basta compromessi con il regime cinese, fine della censura?
  22. come da titolo, è normale che un dominio entri nello stato REDEMPTION-NO-PROVIDER prima della sua scadenza? ci sono altri motivi oltre allo smettere di rinnovarlo che possano portarlo in questo stato anticipatamente? grazie.
  23. Quale dovrebbe essere il motivo per fare il backup del vostro account Google, delle email contenute in Gmail o delle foto contenute all'interno di Flickr? Sono servizi che hanno convinto gli utenti che i loro dati sono perennemente al sicuro, in qualche parte del mondo, in uno dei tanti data center, che fra le altre cose replicano e distribuiscono i nostri dati. Eppure il caso di account Gmail cancellati o chiusi non mancano, lo stesso di dica per gli altri servizi del web moderno. Tutto finisce nella cloud ma nel caso di perdita di dati nulla può restituire agli utenti i file persi, e nei mesi scorsi non sono mancanti esempi importanti, come quello di Microsoft. Leggi Backupify, il backup della cloud: buoni motivi per un backup di Gmail, Flickr, Twitter...
  24. I domini Europei sono stati i primi, nei giorni scorsi, a dotarsi della possibilità di essere utilizzati in più paesi con alfabeti diversi, una concretizzazione del processo di internalizzazione dei domini, voluto da ICANN e invocato come il passo fondamentale per rendere il web veramente globale. Leggi Domini IDN: la testimonianza della Russia, delusione e scarso utilizzo
  25. I domini cinesi .CN, il ccTLD in assoluto più famoso e registrato, sono ad una svolta che potrà cambiarne le sorti nella nazione più popolota al mondo: il CNNIC, l'ente che si occupa del controllo e delle registrazioni, ha infatti diramato un comunicato in cui spiega che da ora in poi la registrazione sarà consentita solamente a quei cittadini che possono mostrare una licenza per l'apertura di una attività, e che allegano ad essa altri dati per giustificare le reali intenzioni di utilizzo del nome a dominio. Leggi I cittadini cinesi non potranno più registrare domini .cn, la morsa della censura
×