Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'domini'.

  • Cerca per Tags

    Tag separati da virgole.
  • Cerca Per Autore

Tipo di contenuto


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Trova risultati in...

Trova risultati che...


Data di creazione

  • Partenza

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Partenza

    Fine


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Partenza

    Fine


Gruppo


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Trovato 442 risultati

  1. Salve a tutti, Voglio portarvi a conoscenza di come il provider di hosting Aruba gestisce il mancato rinnovo di un hosting o database, e magari avere qualche dritta da chi ci è eventualmente passato per recupere il lavoro di anni perso. Intanto partiamo dall'assurda gestione che Aruba applica al database mysql rispetto al dominio, con due procedure di rinnovo differenti, due login, due sistemi diversi per inviare gli alert di rinnovo. Per farla breve gestisco un portale dedicato a ricette di panificazione, nel corso di circa 10 anni è diventato molto popolare con una indicizzazione massiva su tutte le principali keyword riguardanti il mondo della panificazione, un forum molto vivo e frequentato. Un lavoro costato anni, pazienza e dedizione. Negli ultimi 2-3 anni il sito per mancanza di tempo è stato un po abbandonato e l'attenzione sullo stesso è calata, quindi anche relativi rinnovi, Il sito però continuava a raccogliere accessi ed a mantenere una discreta indicizzazione in rete. Fatto sta che scade il dominio, arriva email di alert e lo rinnovo puntualmente Qualche mese dopo scade il mysql (non sono mai riuscito ad abbinare i due rinnovi ne tanto meno allineare le scadenze) e per qualche arcano motivo inviano emails di alert non alla stessa email usata per le comunicazioni del dominio (che tra l'altro è nel profilo) ma all'emal iniziale con la quale il mysql è stato registrato la prima volta. Peccato che questa email non esiste più !!! Ebbene dopo 40 gg di solleciti automatici e senza verificare che gli stessi non venivano recapitati, Aruba per citati problemi di privacy dei dati CANCELLA in modo PERMANENTE tutto il DB mandando a p....e il lavoro di tanti anni. Ora io mi chiedo...a parte l'invio ad una email non corretta e rettificata nel profilo, ma prima di arrivare alla cancellazione irreversibile di un DB che regge un sito ed un forum, poteva magari provare a contattarci per altri canali ? L'email del profilo ad esempio, quella di Aruba stessa dove arrivano le comunicazioni relative a fatture e pagameni, per telefono o in ultima spiaggia per posta raccomandata. A me sembra un comportamento assurdo e credo che Aruba sia in totale difetto. Qualcuno sa dirmi se è normale che un provider si comporti così ? Esiste qualche magica azione che posso fare per recupere il DB che Aruba si ostina a dire essere stato irreversibilmente cancellato per motivi di privacy? Che poi voglio dire....il dominio è ancora attivo e registrato, potevano almeno fare un backup e metterlo sullo spazio del dominio, quale è il problema di privacy ? Grazie a tutti dell'attenzione e degli eventuali consigli che arriveranno.
  2. harley_davidson

    Aspetti giuridici per chi non paga

    Quesiti giuridici circa i domini internet Vi scrivo per un problema giuridico che di solito investe i provider di servizi ed i webmaster, ma che, credo abbia un vuoto legislativo. Pertanto è molto importante SE mi aiuterete sul da farsi per non incappare, ahimè, in una procedura civile durevole secoli. 1) primo quesito: Ho un cliente, esso ha un dominio su cui io ho fatto un sito, il dominio è registrato presso il mio provider di registrazione. Il cliente ha, a sua volta, clienti che pagano per la pubblicità. Il mio cliente riceve soldi dai suoi clienti per la pubblicità sul sito che è registrato presso un register (tipo aruba.it) da me. Io ho la capacità di tenerlo in lock o meno. Il caso numero uno riguarda il mio cliente che riscuote i soldi di pubblicità e non paga il rinnovo a me che lo gestisco come webmaster. Se non mi paga io dovrei non rinnovare il dominio. Ma se non rinnovo il dominio i suoi clienti chiederanno i danni. Il mio cliente potrà dire che i danni devono essere chiesti a me che gli ho fatto scadere il dominio. Certamente il dominio all’improvviso si fermerebbe e tutti andrebbero dall’avvocato. Non sò se io sia obbligato a comunicare la cessazione del dominio essendo tale data di dominio pubblico. Riassumendo: posso lasciar scadere il dominio o sono responsabile del mancato servizio? Il fatto che non sono stato pagato è evidente. 2) secondo quesito Lo stesso cliente non mi paga né il rinnovo del suddetto dominio, né la fattura dei miei costi di attivazione servizi. Cioè non è solvente. Ma si accorge che il dominio è in scadenza. A quel punto, non volendo pagare, chiede il trasferimento ad altro provider. Posso mantenere il dominio in lock fino a che esso non viene saldato e poi lasciare seguire il trasferimento? Riassumendo: posso mantenere lo stato del dominio in lock se il cliente non paga? Vi prego vivamente di non rispondere se non sicuri. Per vari motivi. Il primo è che si sporca un bel thread con risposte tipo: mi sa che .....; non sono sicuro ma credo che ....; ma ti sei convinto di ....; se lo sapete scrivete sennò vi prego di ignorarmi. Tenete presente che certe esperienze negative capitano a tutti e che sarebbe bello avere delle soluzioni secche e pulite senza fronzoli. GRazie.
  3. Ciao a tutti, cerco di spiegarvi l'insolito scenario che mi si è venuto a creare con un dominio. Gestisco un sito su cui è attivo un dominio con relativo protocollo SSL valido e correttamente configurato, come confermato dal provider stesso. Compiendo su Google alcune ricerche ho notato che alcuni siti X restituiscono una serp riconducibile a pagine del mio sito, quindi title e description di pagine del mio sito. Ho ulteriormente notato che tali indirizzi sono https - la corrispettiva controparte http rimanda regolarmente alle loro rispettive pagine - e cercando di accedervi il browser mi avvisa che si tratta di un certificato non valido, tuttavia forzando mi ritrovo effettivamente su una pagina del mio sito ma con url del sito X con protocollo https. Facendo ulteriori indagini mi sono reso conto che tali siti sono tutti presenti sullo stesso identico server su cui è ospitato il mio. Ho aperto un ticket di assistenza verso il mio provider ma la risposta non mi ha soddisfatto del tutto, adducendo la problematica a Google e il suo algoritmo di ricerca. In qualche maniera il bot di Google avrebbe forzato la connessione https dei siti X - bloccata dal browser - che, avendo dei certificati non validi da come risposta "certificato non valido" indicando poi che il "vicino" di tale(i) host con certificato valido è proprio il mio. Quindi forzando accede al mio ma ovviamente tramite l'url https dei siti X. Quanto può essere plausibile questo scenario? Ma soprattutto, tale comportamento è corretto e realmente riconducibile ad un "problema" di Google? Grazie mille. :)
  4. Buongiorno a tutti, Vorrei registrare un nome dominio .it corrispondente al mio cognome per farne uso privato/hobbistico. Questo dominio era fino a poco tempo fa intestato e utilizzato da un mio omonimo, ma ora risulta parcheggiato e, purtroppo per me, in vendita. Essendo un dominio .it corrispondente al mio proprio cognome secondo voi ho possibilità di farmelo assegnare, magari mediante arbitrato al NIC, senza doverlo acquistare all'attuale proprietario che lo ha parcheggiato? Ringrazio anticipatamente chiunque volesse darmi pareri e/o consigli.
  5. Buongiorno. Da poco ho scoperto questa nuova azienda italiana, tantrahost, che offre servizi di hosting a prezzi interessanti. Dopo aver utilizzato la versione prova per qualche giorno ho deciso di acquistare un dei loro servizi (al momento offrono solo due pacchetti) ma, a parte qualche sito personale di prova, non ho ancora avuto modo di utilizzare i loro servizi per dei clienti. Per quanto sia convinto che spendendo poco non si possa pretendere molto devo dire che il servizio offerto mi sembra, finora, più che buono rispetto al prezzo. Qualcuno di voi ha avuto modo di testare i loro servizi per siti più o meno grandi o comunque qualcosa che vada al di la dei test? Qualunque esperienza riportata è bene accetta.
  6. Buongiorno, ho appurato che 4 nomi a dominio .it in passato a me intestati sono stati rinnovati dal servizio di hosting senza mia richiesta né pagamento. In pratica, risultano ancora intestati a me, senza che io possa gestirli dal pannello di controllo, cosa che comunque non mi interesserebbe fare, e senza che siano raggiungibili sul web. Ho segnalato il disguido al provider il 4 marzo e ancora non ho ottenuto risposta. A chi è più esperto, vorrei chiedere un parere su come possa accadere un fatto simile e su come dovrei muovermi per regolarizzare la mia posizione nei confronti di queste intestazioni indesiderate. Grazie.
  7. Gaetano Marano

    prezzi domini

    chi propone, in Italia, in questo momento, i prezzi più bassi per la registrazione di .IT ed il trasferimento di .INFO? grazie
  8. Vendo, causa inutilizzo, a prezzo stracciato due domini: - coffeelier.com - coffelier.it Il costo complessivo per entrambi, compreso di spazio web e un anno di registrazione ad € 25,00 Considerate che a breve ci sarà un nuovo ruolo, quello di degustatore di caffè e quindi sarà molto richiesto. Saluti.
  9. origrafica

    Register di domini x reseller

    Io registro e gestisco domini per conto dei miei clienti. Ne ho sparsi tra OVH, Aruba, DomFlow e TopHost. A vostro dire, mettendo da parte (o se volete includeteli pure) quelli già mensionati, quale il miglior Register per uno come me che registra e gestisce domini conto terzi. Grazie
  10. Si cede intero pacchetto web dedicato alla rivendita del servizio PEC (posta elettronica certificata) Il pacchetto è composto dal dominio principale OnePEC.it il quale ha la maggior base di attivato, con traffico medio mensile di 4000 visite, PR 2 Nel pacchetto sono compresi, altri due domini: EuroPEC.it e SecurePEC.it Tutti i domini sono attivi dal 02/2009 Il prezzo di vendita dell'intero pacchetto (domini, siti web, anagrafiche, supporto) è di eur 5.000 + iva (fatturabile) Entro certi limiti è trattabile Il servizio è offerto in partnership col Gestore Aruba PEC
  11. venderesito.net

    VendereSito.net: compra e vendi siti web online!

    Con VendereSito.net puoi comprare e vendere domini oppure siti internet completi. Il nuovo sito internet VendereSito.net è online da poche settimane ed è stato pensato con il principale obiettivo di dare un punto d’incontro tra domanda e offerta agli utenti che vogliono comprare un sito web o che hanno siti in vendita. La veloce diffusione di internet ha dato accesso negli ultimi anni a milioni di nuovi utenti e vede nascere tutti i giorni nuove attività che nelle mani giuste possono diventare occasioni da non perdere. Vendere un sito potrebbe fruttare dei soldi ai tanti esperti del settore o semplici utenti di internet che dispongono di domini inutilizzati o siti internet che vengono abbandonati. Per contro, comprare siti internet già avviati può essere un buon sistema per risparmiare tempo e denaro e rilevare attività con un buon potenziale da sviluppare. La creazione di un nuovo account è gratuita e consente di inserire un numero illimitato di annunci di vendita siti internet nella bacheca che possono essere rinnovati illimitatamente e senza ulteriori spese. Il sito dispone di un servizio via email per l’assistenza sulle funzionalità del sito, per la risposta a quesiti di tipo tecnico e per qualsiasi cosa l’utente abbia bisogno. La navigazione del sito è molto semplice, mostrando dove possibile un’immagine di anteprima e mettendo da subito in risalto nelle prime posizioni gli annunci a pagamento e subito dopo gli ultimi annunci inseriti nel sistema in ordine cronologico. L’utente che decide di inserire per esempio un annuncio del tipo "Vendo sito internet" lo vedrà pubblicato istantaneamente direttamente nella home page del sito. Sul sito si trovano occasioni di vendita sito web per tutte le tasche, da un semplice dominio a siti internet completi ed e-commerce già avviati e indicizzati.
  12. Salve a tutti vi spiego la mia situazione ho acquistato recentemente su Aruba 2 domini: 1) miosito, ho preso dominio + hosting linux e ci caricherò tutto il sito, 2) Miosito.it - Home page, ho preso solo la gestione del DNS, in pratica voglio che la versione inglese del sito sia su ww w.miosito.com e la versione italiana sia su Miosito.it - Home page, ma per non gestire due siti distinti, ho preso solo la gestione del DNS per Miosito.it - Home page. Per questo dominio ho impostato il record CNAME in modo che puntasse al dominio miosito, in questo modo per controllare il funzionamento, ho caricato un file, test.html, su miosito (dove ho lo spazio l'hosting) e ovviamente è visibile all'indirizzo http://www.miosito.com/test.html, ma se vado all'indirizzo http://www.miosito.it/test.html, mi aspettavo di vedere lo stesso file siccome Miosito.it - Home page è un alias di miosito, e invece mi da errore 404! un altra cosa strana che ho notato, è che aruba di base mette nella root un file che si chiama ver.php che visualizza le info sulla versione del PHP installato sul server, e se vedo questo file su miosito è diverso da Miosito.it - Home page credo che il record CNAME non stia funzionando come mi aspettavo non capisco perchè, eppure mi sembra di aver configurato tutto correttamente qualcuno sa dirmi dove sto sbagliando? grazie
  13. Devo installare uno script php e mi accingo ad acquistare due domini (.it e .com). Tutto semplice vero? Mica tanto... Tralascio la questione costi e mi concentro su due temi centrali: affidabilità/velocità e sicurezza Affidabilità/velocità: attraverso uno strumento molto utile (reverse ip domain check), ho scoperto che molti provider assegnano allo stesso ip/server centinaia/migliaia di siti, creando così un problema di affidabilità e velocità. Mi chiedo, a questo punto, se non sia il caso di chiedere un IP DEDICATO e se poi effettivamente diventa dedicato. (ho fatto una prova su un dominio che avrebbe dovuto avere un ip dedicato e ho scoperto che condivideva l'indirizzo con altri 43 domini). Inoltre ho letto di servizi di gestione DNS protetti che evitano attacchi di hacker e proteggono la privacy dei dati che i visitatori immetto no sul sito. E' consigliabile utilizzare questo strumento? Sicurezza: anche su questo, molti provider sostengono che sia FONDAMENTALE utilizzare dei certificati SSL o sistemi come SITELOCK....è opportuno? In che casi? spero di avere chiarimenti
  14. buongiorno a tutti, un po' per dimenticanza, un po' per il mancato recapito delle email di avviso, due giorni fa ho lasciato scadere un dominio .org. Il provider che l'ha in gestione (non dico il nome per non innescare flame e ot) chiede una "penale" di 99€+iva. Sostengono che si tratti di costi richiesti dall'authority e che vengono "girati" al cliente. Questa cosa non mi torna: mi pare una cifra spropositata. Posto che un'azienda privata è libera di porre le tariffe che vuole e che in definitiva la responsabilità del disguido è stata mia, mi chiedevo se ciò che mi è stato detto risponda al vero. Al di là dell'episodio in sé, costituisce un elemento utile per valutare se restare o andarsene. Preciso che la scadenza è solo del dominio e non dell'hosting (le date non sono coincidenti). A margine: nel caso decidessi di trasferire il dominio, è un'operazione possibile in questa situazione? Grazie mille Andrea
  15. Buongiorno e buona domenica! Gestiamo circa 50 domini, sopratutto .it, qualche .com e .net (molto pochi). Da un po' di tempo sto cercando un servizio affidabile che mi consenta, durante il trasferimento, di impostare subito i miei nameservers (o comunque di lasciare quelli che già ho!), perchè immaginate benissimo che trasferire a mezzanotte un dominio e trovarselo la mattina "parcheggiato" è una gran perdita economica. QUindi intendo dire che abbiamo già il nostro VPS configurato e quindi ci vorremmo affidare ad un solo provider per il mantenimento dei nomi. Un provider che sia affidabile, che non sparisca domani coi nomi e che non abbia problemi grossi ai siti internet tale che se registri un dominio alle 9 di mattina non ti ritrovi che devi rincorrerlo sui social networks per farti aprire assistenza perchè il suo sito appena aggiornato non fa aprire manco ticket di assistenza (polemica mode off). Detto questo mi occorrerebbe un provider che 1 - per ritrasferire il dominio (spero mai ma... non si sa mai) non ha bisogno di una raccomandata cartacea (al massimo una PEC!). Non me ne voglia il diretto interessato di cui comunque apprezzo i servizi e l'assistenza ma questo lo reputo un grosso limite 2 - Faccia pagare i domini ~ 4 -5 - 6 € (iva esclusa) l'anno, per le estensioni più comuni 3 - Possa impostare subito in fase di trasferimento i nameservers finali OPPURE non modifichi la configurazione NS presso il NIC. Spero possa chiedere questa cosa e non leda regole, nel caso chiudete... Grazie ancora e buona domenica!
  16. Vendo sito web completo: notiziarioitaliano.it. Online da 5 anni. In passato ha avuto un ranking alexa mondiale di 90000 ed un ranking italia al di sotto di 100. Attualmente in italia ha ranking inferiore a 40000 (crollo dovuto ad una pessima gestione da parte della redazione negli ultimi due anni). Al momento, non avendo redazione, il sito si alimenta in automatico con le notizie prelevate dalle agenzie di stampa. Genera, tramite gli sponsor pubblicati sul sito, circa 400 euro mensili (ovviamente, dopo la vendita cesseranno i contratti con gli attuali sponsor). Tutti i giorni è presente su google news. Nel database ci sono quasi 120000 articoli (foto incluse). Genera circa 1500 visitatori unici (quando l'ho risorto non arrivava a 100) al giorno per un totale di 4000 pagine giornaliere circa (in casi eccezionali alcune notizie generano anche oltre 10000 visite in un giorno). Pagerank di google: 4/10. Base d'asta: 5000 Accetto proposte per soluzioni alternative tra le quali: - cessione a noleggio della gestione del sito; - investimento da terzi per l'evoluzione del sito in un nuovo progetto.
  17. Se lavoriamo sul Web è abbastanza normale possedere più di un dominio. Le aziende che si occupano di hosting ne sono ben consapevoli e propongono ai clienti soluzioni che semplificano la gestione di molti domini diversi. La possibilità di gestire molti domini con uno strumento è un'esigenza sempre più comune. Ci si potrebbe domandare quali sono i vantaggi e i motivi per cui dovremmo gestire tutti i nostri domini presso un unico provider. Apparentemente anche la scelta contraria presenta dei vantaggi. Ad esempio, se gestiamo progetti molto diversi tra loro, con esigenze specifiche e differenti, può accadere che un singolo progetto sia particolarmente adatto ad un certo piano di hosting, mentre un altro progetto risulta più conveniente con un altra tariffazione.... Continua a leggere, clicca qui.
  18. Il 2012 è stato un anno positivo per l'e-commerce. A quanto pare le previsioni per il 2013 sono ottimiste: le vendite dovrebbero superare quelle dell'anno appena concluso. Trattandosi di stime sul futuro è ovviamente necessario prenderle con le pinze, si parla comunque di una crescita globale attesa tra il 10% e il 20%. In particolare ci si aspetta un grosso aumento delle vendite in Asia, che da sola dovrebbe veder aumentare le vendite del e-commerce di circa il 30%.... Continua a leggere, clicca qui.
  19. La scelta del logo per una nuova attività è uno degli aspetti da valutare con la massima attenzione, senza fretta. È importante resistere alla tentazione di decidere il logo in poco tempo, risparmiando sul design. Una volta presentato ufficialmente, il logo diventa il simbolo che permette di riconoscere la nostra attività. È possibile cambiarlo (leggermente) nel tempo, aggiornandolo o migliorando, ma questi cambiamenti dovrebbero essere molto rari, perché il cambiamento troppo frequente di un logo viene percepito come un sintomo di inaffidabilità da parte degli utenti. ... Continua a leggere, clicca qui.
  20. Nel corso del 2012 Google Analytics ha perfezionato una versione beta del monitoraggio in tempo reale, che è diventata ufficiale negli ultimi mesi. Finché si trattava di una beta potevamo permetterci di trascurare la funzionalità, ma adesso conviene imparare a conoscerla e sfruttarla a pieno. I rapporti di Google Analytics sono in genere aggiornati alle 24 ore precedenti: con il monitoraggio in tempo reale possiamo tenere d'occhio tutti quei parametri che vogliamo verificare immediatamente, senza aspettare il giorno successivo. Alcuni esempi pratici di utilizzo della funzionalità potrebbero essere: ... Continua a leggere, clicca qui.
  21. wkk38

    Domini EU in ostaggio

    Ho alcuni domini .eu registrati presso Tiscali che scadranno a breve e che da diverse settimane tento di migrare. Il problema è che nell'area di amministrazione il campo dell'auth code è vuoto. Sono settimane che scrivo all'assistenza business di Tiscali richiedendo il suddetto auth code, senza ricevere alcuna risposta. Peraltro Tiscali offre assistenza ai domini solo via mail e non dispone di un sistema di gestione dei ticket, da cui si possa evincere lo stato della richiesta. Esiste un modo in cui io possa procedere con la migrazione anche se Tiscali non mi comunica l'auth code ? Grazie per l'aiuto.
  22. Le performance di un sito Web sono un argomento che riguarda sia gli aspetti commerciali che tecnici. Solitamente le esigenze commerciali stabiliscono quali sono le performance minime di un sito Web. Il processo è mediato dall'analisi dei casi d'uso, la definizione dei requisiti del software e il design finale dell'applicazione. Questo vale soprattutto in fase di avviamento di un'attività o di una nuova applicazione. Ad esempio, se vogliamo offrire un servizio che preveda un carico di circa 10.000 utenti al giorno, significa che l'applicazione deve poter gestire in media 6-7 utenti al minuto. In realtà dobbiamo tener conto che l'uso di un servizio di solito presenta delle fasce di picco, ovvero un orario preferenziale durante il quale affluisce la maggior parte delle richieste.... Continua a leggere, clicca qui.
  23. La creazione di un logo è un'attività che solitamente viene svolta prima di mettere on-line un sito Web o un'applicazione. La scelta del logo è molto importante perché solitamente esso è associato al marchio, ovvero al nome e simbolo dei nostri prodotti o servizi. Un logo efficace deve essere facilmente riconoscibile, accattivante nell'aspetto e semplice da ricordare. Per la creazione del logo conviene quasi sempre rivolgersi a dei professionisti. Esistono molti strumenti online, anche gratuiti, che permettono di creare un logo commerciale in pochi minuti. Dal punto di vista grafico il risultato è spesso di buona qualità, l'operazione richiede pochi minuti, al massimo un paio d'ore se dobbiamo produrre un logo molto complesso ed elaborato.... Continua a leggere, clicca qui.
  24. Uno dei principali vantaggi di Google Analytics è quello di permettere diverse tipologie di accesso ai dati. In qualità di amministratori di un account di Google Analytics possiamo creare nuove utenze, eventualmente con restrizioni sulla visibilità dei dati, e poi assegnare tali utenze a colleghi, amici o dipendenti. In questo modo possiamo incaricare altre persone di tenere sotto controllo i dati che ci interessano, ad esempio quelli che vogliamo monitorare quotidianamente, senza rischiare di rendere accessibili tutti i dati sul traffico. Ciò diventa particolarmente importante se usiamo Google Analytics per trattare informazioni commerciali o amministrative, come ad esempio la valorizzazione degli obiettivi, le statistiche sull'e-commerce o i dati delle campagne su AdWords.... Continua a leggere, clicca qui.
  25. Nella giornata di ieri il Registro italiano NIC, l'ente che si occupa della registrazione dei domini con estensione .IT, ha organizzato una assemblea dedicata ai registrar, chiusa al pubblico. All'interno dell'evento, a cui erano invitate tutte le aziende italiane registrate presso il NIC, sono stati comunicati alcuni dati e iniziative per il nuovo anno.... Continua a leggere, clicca qui.
×