Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'google analytics'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 7 results

  1. Uno dei principali vantaggi di Google Analytics è quello di permettere diverse tipologie di accesso ai dati. In qualità di amministratori di un account di Google Analytics possiamo creare nuove utenze, eventualmente con restrizioni sulla visibilità dei dati, e poi assegnare tali utenze a colleghi, amici o dipendenti. In questo modo possiamo incaricare altre persone di tenere sotto controllo i dati che ci interessano, ad esempio quelli che vogliamo monitorare quotidianamente, senza rischiare di rendere accessibili tutti i dati sul traffico. Ciò diventa particolarmente importante se usiamo Google Analytics per trattare informazioni commerciali o amministrative, come ad esempio la valorizzazione degli obiettivi, le statistiche sull'e-commerce o i dati delle campagne su AdWords.... Continua a leggere, clicca qui.
  2. Google Analytics è uno strumento indispensabile per monitorare il successo di un'attività sul Web. L'installazione e configurazione del codice di Google Analytics sul nostro sito è un'operazione semplice e indolore, che possiamo svolgere in cinque minuti. Dopo l'installazione del codice di Google Analytics possiamo iniziare ad analizzare i rapporti sui dati raccolti dallo strumento. Questo è l'aspetto più importante dello strumento, perché le possibilità di analisi, filtraggio e personalizzazione sono vastissime. Se non siamo pratici con l'uso di Google Analytics suggeriamo di iniziare consultando uno degli articoli introduttivi, ad esempio:... Continua a leggere, clicca qui.
  3. La configurazione di Google Analytics come strumento per monitorare il successo di un sito è un'attività semplice e veloce. Dopo appena 24 ore dalla “installazione” dello snippet JavaScript di Google avremo a disposizione i primi rapporti. A questo punto gli utenti che utilizzano Google Analytics per la prima volta potrebbero trovarsi a disagio per l'imbarazzo della scelta. I rapporti proposti dallo strumento sono numerosi, molto più dei normali (o meglio vecchi) strumenti di monitoraggio. Con questo articolo vogliamo aiutare chi ha appena iniziato ad usare Google Analytics ad orientarsi tra i rapporti a disposizione. In particolare vedremo come muovere i primi passi tra i rapporti solitamente più richiesti e capire meglio la terminologia utilizzata da Google.... Continua a leggere, clicca qui.
  4. Le analisi offerte da Google Analytics sono davvero moltissime. Probabilmente solamente gli sviluppatori di Google conoscono tutte le funzionalità offerte da questo strumento. Non dobbiamo quindi scoraggiarci se lo usiamo solo in parte o se abbiamo l'impressione di non sfruttare molte delle potenzialità. L'importante è ottenere da Google Analytics le informazioni che servono a rendere più efficace la nostra attività. Con questo articolo vedremo in che modo possiamo passare da una visione d'insieme dei dati raccolti da Google Analytics ad una visione dettagliata e specifica dei dati di una singola pagina. Questo approccio è necessario per non compiere errori di interpretazione dei macro-dati.... Continua a leggere, clicca qui.
  5. Google Analytics è lo strumento di monitoraggio probabilmente più popolare sul Web. Il successo di Google Analytics è dovuto sia alla qualità del servizio, sia alle numerose potenzialità offerte dagli strumenti di analisi. Oltre a monitorare gli indicatori “classici”, come ad esempio le pagine visitate o il numero di visitatori, Google Analytics consente di analizzare i dati in modo granulare e personalizzabile. Possiamo, ad esempio, decidere di raccogliere dati soltanto su un certo percorso di navigazione dell'utente. Questo potrebbe permettere di capire quanti utenti arrivano a registrarsi sul sito passando per un canale promozionale anziché un altro. È evidente che informazioni di questo tipo sono utilissime per confrontare i costi del marketing con i risultati ottenuti.... Continua a leggere, clicca qui.
  6. Uno dei primi passi da compiere quando lanciamo una nuova attività sul Web riguarda la scelta dello strumento di monitoraggio. Per certi versi tale operazione andrebbe svolta addirittura prima di occuparci della configurazione del SEO. L'utilizzo di un SEO è chiaramente più importante del monitoraggio, ma può avvenire in un secondo momento. Spieghiamo perché: gli strumenti di monitoraggio misurano il numero di visite, le applicazioni consultate, le pagine lette, eccetera. Questi dati chiaramente non possono essere misurati in modo retroattivo. Se inseriamo il sistema di monitoraggio nell'anno 2012, sarà impossibile sapere quante visite abbiamo avuto nel 2011.... Continua a leggere, clicca qui.
  7. Google Analytics è divenuto il tool numero uno al mondo per l'analisi delle statistiche dei siti web, Google offre oggi uno strumento completo e molto potente che permette di compiere la maggior parte delle operazioni utili a capire come si comportano i visitatori sul nostro sito web. Da tempo la diffusione dei dispositivi mobili ha modificato però la percezione di alcuni dati, come la risoluzione di navigazione dei visitatori, che ora è più difficile da comprendere per via del gran numero di diversi dispositivi con cui vengono visitate le nostre pagine. ... Continua a leggere, clicca qui.
×