Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'google'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 413 results

  1. Ciao a tutti, cerco di spiegarvi l'insolito scenario che mi si è venuto a creare con un dominio. Gestisco un sito su cui è attivo un dominio con relativo protocollo SSL valido e correttamente configurato, come confermato dal provider stesso. Compiendo su Google alcune ricerche ho notato che alcuni siti X restituiscono una serp riconducibile a pagine del mio sito, quindi title e description di pagine del mio sito. Ho ulteriormente notato che tali indirizzi sono https - la corrispettiva controparte http rimanda regolarmente alle loro rispettive pagine - e cercando di accedervi il browser mi avvisa che si tratta di un certificato non valido, tuttavia forzando mi ritrovo effettivamente su una pagina del mio sito ma con url del sito X con protocollo https. Facendo ulteriori indagini mi sono reso conto che tali siti sono tutti presenti sullo stesso identico server su cui è ospitato il mio. Ho aperto un ticket di assistenza verso il mio provider ma la risposta non mi ha soddisfatto del tutto, adducendo la problematica a Google e il suo algoritmo di ricerca. In qualche maniera il bot di Google avrebbe forzato la connessione https dei siti X - bloccata dal browser - che, avendo dei certificati non validi da come risposta "certificato non valido" indicando poi che il "vicino" di tale(i) host con certificato valido è proprio il mio. Quindi forzando accede al mio ma ovviamente tramite l'url https dei siti X. Quanto può essere plausibile questo scenario? Ma soprattutto, tale comportamento è corretto e realmente riconducibile ad un "problema" di Google? Grazie mille. :)
  2. oipoi

    Google-ban

    Long story short: - per uso e interesse personale, avevo tirato su un proxy verso google su VPS di mia proprietà; - per ignoranza, non ho assolutamente rispettato, per diverso tempo, le richieste di formattazione indicate @ https://www.google.com/support/enterprise/static/gsa/docs/admin/72/gsa_doc_set/xml_reference/request_format.html( a mia difesa, non avevo idea esistessero, nè, tuttora, capisco perchè non posso fare una richiesta con solo il paramentro "q" ) Risultato: google mi ha bannato il server da search. Lo raggiungo, posso pingarlo, posso richiedere google.com, ma se effettuo una chiamata verso /search il risultato è http 403. Qualcuno ha idee di come riuscire a contattare il supporto di google per risolvere questa situazione? Una ricerca nella doc non ha portato a risultati positivi, per ora. Lo stesso codice, su altro server, funziona senza problemi.
  3. Avrei necessità di trovare un servizio di hosting con un costo annuo non superiore ai 50€, che mi consenta di caricare un sito dinamico (php+mysql) per reclamizzare la mia attività di webdesign/fotografo freelance che dovrei far partire a breve. Sino ad oggi, non avendo la necessità di sponsorizzare la mia attività, (facevo solo lavori occasionali), mi per gestire il mio dominio e la posta mi appoggiavo al servizio di hosting di google in quanto mi permetteva di usare gmail e l'hosting minimale ( consente la pubblicazione solo di pagine statiche) mi era più che sufficiente. Con la partenza della nuova attività vorrei crearmi un spazio web un po' più accattivante. Lo spazio di hosting a disposizione non è la priorità principale l'essenziale è che possa caricarci un sito dinamico scritto in php con un db alle spalle. Il servizio che però mi interessa di più é quello relativo alla gestione delle mail/webmail, in questo caso avrei bisogno di una buona qualità e di almeno 2-5gb di spazio per gestire la posta, magari con filtri antispam etc... Sino ad oggi per i miei lavoretti mi sono sempre servito di hosting condivisi che però fornivano limitati servizi di posta elettronica (spazio e qualità insufficienti) ma che andavano comunque bene per la maggior parte dei clienti in quanto questi ultimi utilizzavano le proprie caselle di posta elettronica (gmail, live.it, yahoo), ma questi servizi di hosting non vanno bene per il sito che intendo costruirmi.
  4. Il cloud computing di Google, in salsa IaaS, esce dalla beta e diventa disponibile per tutti, con tagli sui prezzi, nuove istanze, nuovi OS supportati e tanto altro Continua a leggere, clicca qui.
  5. Salve ragazzi, gestisco un mail server presso un provider di hosting. Da circa due settimane i clienti hanno lamentato l'impossibilità di inviare email verso indirizzi di tipo @gmail.com Effettivamente all'invio di una mail verso un qualsiasi indirizzo gmail si riceve una email di ritorno come quella di seguito: This message was created automatically by mail delivery software. A message that you sent could not be delivered to one or more of its recipients. This is a permanent error. The following address(es) failed: [email="disfido@gmail.com"]****@gmail.com[/email] SMTP error from remote mail server after end of data: host alt1.gmail-smtp-in.l.google.com [173.194.70.26]: 550-5.7.1 [0.0.0.0 1] Our system has detected an unusual rate of 550-5.7.1 unsolicited mail originating from your IP address. To protect our 550-5.7.1 users from spam, mail sent from your IP address has been blocked. 550-5.7.1 Please visit [url]http://www.google.com/mail/help/bulk_mail.html[/url] to review 550 5.7.1 our Bulk Email Senders Guidelines. l42si13329716eef.358 - gsmtp ------ This is a copy of the message, including all the headers. ------ Return-path: <[email="me@adrianofoschi.net"]me@domain.net[/email]> Received: from localhost ([127.0.0.1] helo=0.0.0.0) by web1.domain.net with esmtpa (Exim 4.76) (envelope-from <[email="me@adrianofoschi.net"]me@domain.net[/email]>) id 1VGlBn-0006hf-Ao for [email="disfido@gmail.com"]****@gmail.com[/email]; Tue, 03 Sep 2013 09:38:15 +0200 MIME-Version: 1.0 Content-Type: text/plain; charset=UTF-8; format=flowed Content-Transfer-Encoding: 7bit Date: Tue, 03 Sep 2013 09:38:15 +0200 From: [email="me@adrianofoschi.net"]me@domain.net[/email] To: <[email="disfido@gmail.com"]****@gmail.com[/email]> Subject: Prima email Message-ID: <[email="fcf832617b4c5e05c4c5a2500d781dce@adrianofoschi.net"]fcf832617b4c5e05c4c5a2500d781dce@domain.net[/email]> X-Sender: [email="me@adrianofoschi.net"]me@domain.net[/email] User-Agent: Roundcube Webmail/0.8.2 Indagando in rete, pare che di seguito all'invio massivo di email verso indirizzi gmail il nostro ip sia finito in una black-list... Qualcuno ha avuto la stessa esperienza? Ho letto le linee guida di google per le email massive e sembra tutto apposto...
  6. Google Cloud migliora le funzionalità di storage con un'opzione che consente di decidere dove memorizzare i dati destinati alla nuvola Continua a leggere, clicca qui.
  7. Facciamo la conoscenza di Google Helpouts, la piattaforma segreta di Google che dovrebbe trasformare Hangouts in un e-commerce delle professioni capace di abbattere le barriere internazionali e permettere ai professionisti di trovare i propri clienti ovunque nel mondo Continua a leggere, clicca qui.
  8. Google Chromecast è la chiavetta wireless via HDMI da collegare alla TV per trasmettere streaming multimediale da qualsiasi dispositivo Continua a leggere, clicca qui.
  9. Google raggiunge oltre 200 milioni di dollari in un solo trimestre con una crescita di quasi il 200 per cento. Questi risultati sono da attribuire soprattutto alla sezione cloud dell'azienda, in cui Mountain View ha deciso di investire molte risorse... Continua a leggere, clicca qui.
  10. Google Drive starebbe sperimentando una forma di crittografia dei file direttamente sul server per proteggere i dati memorizzati dagli sguardi indiscreti. Un'indiscrezione ancora non confermata da Mountain View, ma che sembra plausibile soprattutto in un clima di diffidenza causato dai... Continua a leggere, clicca qui.
  11. Google cloud non permette di scrivere direttamente sul filesystem o di scegliere il proprio sistema operativo preferito, ma queste limitazioni sono pensate a garanzia del corretto funzionamento della piattaforma e della necessità di fare fatturato. Ecco perché... Continua a leggere, clicca qui.
  12. Chiamate gratis verso USA e Canada da qualunque paese nel mondo: è possibile con Google Hangouts, il sistema di messaggistica integrata che nei mesi scorsi ha sostituito la chat di Gmail Talk. In Hangouts torna dunque l'opportunità di telefonare a... Continua a leggere, clicca qui.
  13. È stato pubblicato il nuovo rapporto Ranking Factors – Rank Correlation 2013 Study che evidenzia i fattori comuni ai siti Web che hanno un miglior posizionamento nei risultati di ricerca di Google. Un valido aiuto per chi voglia posizionare al... Continua a leggere, clicca qui.
  14. Google lancia Cloud Playground, un ambiente web-based pensato per semplificare la vita a tutti gli sviluppatori che vogliono provare le proprie routine sul cloud di Mountain View senza dover configurare nulla e nella massima comodità d'uso Continua a leggere, clicca qui.
  15. Google raccoglie la metà della pubblicità mobile e oltre un terzo di quella online guadagnando così la medaglia d'oro dei fatturati dell'intero settore del net advertising. A Mountain View seguono poi Facebook, Yahoo e Microsoft con percentuali di raccolta in... Continua a leggere, clicca qui.
  16. La Norvegia dichiara illegale per le proprie leggi Google Analytics, mentre il consiglio di protezione dati svedese vieta l'uso delle Google Apps a tutte le amministrazioni pubbliche ad ogni livello. Un colpo che Mountain View forse non aspettava Continua a leggere, clicca qui.
  17. Sempre più editori scelgono la video pubblicità come veicolo per i propri messaggi promozionali, incrementando così gli investimenti in un settore in continua crescita e a cui iniziano a rivolgersi anche molte grandi aziende internazionali Continua a leggere, clicca qui.
  18. Per lanciare un'impresa non è sufficiente avere un'idea. Bisogna anche essere in grado di impostare degli obiettivi raggiungibili e lavorare sodo per tagliare i traguardi stabiliti, in vista di nuove mete. Google vuole insegnare l'importanza di impostare i giusti goals... Continua a leggere, clicca qui.
  19. Waze, la nota piattaforma di navigazione GPS sociale potrebbe entrare a far parte della grande famiglia di Mountain View, per fornire agli utenti un servizio di mappe ancora più particolareggiato e migliorato dall'esperienza condivisa di una community interattiva Continua a leggere, clicca qui.
  20. Il rilascio da parte di Google delle nuove API per i Content Experiments trasforma Google Analytics in una vera e propria piattaforma per effettuare test A/B sui layout e sui contenuti delle pagine Web. Le API potranno essere integrate in... Continua a leggere, clicca qui.
  21. Arriverà nei prossimi mesi uno pacchetto targato Google che consentirà ai professionisti della rete, alle agenzie Web e ai designer di progettare pubblicità e siti creativi concentrandosi solo sul design, sull'impatto visivo e sul target che si vuole raggiungere Continua a leggere, clicca qui.
  22. Google App Engine ( https://developers.google.com/appengine/ ) è il Platform as a Service (PaaS) su cui recentemente Google si sta focalizzando nello sviluppo. Infatti Google ha deciso ormai di tuffarsi nel mondo del cloud, e sfidare Amazon e gli altri grandi. Recentemente, al Google I/O, è stato annunciato per la piattaforma App Engine, il supporto per un nuovo linguaggio oltre a Java, Python, Go (il linguaggio made in Google), parliamo del noto PHP, che dovrebbe rendere il servizio appetibile per un bacino ben più vasto di sviluppatori. Voi avete provato la piattaforma? come vi siete trovati? quali sono i punti forti e le debolezze/limitazioni?
  23. In questi giorni Google ha rinnovato il proprio algoritmo che si occupa di filtrare i risultati di una ricerca, per scocvare eventuali siti poco affidabili. Il responsabile del progetto parla di "colpire più in profondità" rispeto alla precedente versione, uscita... Continua a leggere, clicca qui.
  24. Google ha la necessità di rimanere sempre un passo più avanti rispetto ad eventuali attacchi. Con il progredire delle capacità di calcolo dei computer uno dei passaggi focali è quello di aumentare man mano la complessità delle chiavi pubbliche per... Continua a leggere, clicca qui.
  25. Durante la keynote tenuta nella giornata di ieri, i principali responsabili dei progetti e i dirigenti di Google hanno presentato le novità apportare ai vari settori del gruppo. Diamo qui una descizione degli aspetti più rilevanti e di come possano inserirsi nel contesto del mondo tecnologico Continua a leggere, clicca qui.
×