Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'miliardi'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 19 results

  1. Cresce l'interesse per il cloud computing, la tecnologia che ha rappresentato uno dei temi caldi nel 2010 continuerà ad avere ampio spazio nelle testate di tutto il mondo anche nel corso del 2011, forte di un interesse che giunge tanto dal mondo della piccola e media impresa quanto da quello enterprise. Le società di webhosting stanno rivedendo in ottica Cloud gran parte dei loro servizi, e alcuni gruppi a livello mondiale si preparano ad entrare nel settore del cloud computing pubblico, al pari di servizi come Amazon EC2 e Rackspace Cloud Server. leggi tutto Leggi Spenderemo 13 miliardi di dollari entro il 2014 per il Cloud Computing
  2. Cisco, la nota compagnia del settore networking, ha deciso di procedere all'acquisizione di un colosso del settore mobile data networks. La compagnia si chiama Staren Networks ed è una delle regine del mercato mobile del networking, valutata da Cisco 2.9 miliardi di dollari. Leggi Cisco si butta nel mobile data network, Staren Networks acquisita per 2.9 miliardi
  3. Cnet News ha pubblicato un bell'articolo sulle dichiarazioni di Schmidt, CEO di Google. L'argomento è YouTube, il popolare sito di streaming video, oggi il più popolare del mondo con oltre 100 milioni di utenti mensili solamente negli USA. Leggi Google e Schmidt: YouTube è stato pagato 1 miliardi di dollari oltre il suo valore
  4. Torniamo a parlare di Equinix in occasione di una nuova mossa nel suo programma di espansione a livello globale: questa volta si tratta di due data centers da 100 milioni di dollari ciascuno, uno a San Jose e uno in Virginia, due fra i mercati più interessanti nel panorama americano. Equinix ha acquistato in passato diversi territori, molti dei quali adiacenti alle attuali strutture operate; tutti i nuovi data center vengono costruiti da zero, il che consente a Equinix di adottare tutte le moderne tecnologie per cui la compagnia è divenuta famosa. Leggi Equinix: due nuovi data center negli USA e un piano da 1.4 miliardi
  5. Nella giornata di ieri, dopo i rumors che volevano un accordo imminente, eBay ha annunciato la cessione già avvenuta del 65% di Skype, il noto servizio di voip che la società aveva acquistato oltre due anni fa e di cui ora voleva liberarsi per sistemare le casse del gruppo, danneggiate dalle performance della piattaforma di aste online. Leggi eBay, già ceduto il 65% di Skype per 1.9 miliardi
  6. Si concluda la vicenda che ha visto nelle scorse settimane un continuo dibattito fra EMC e NetApp, i due colossi dello storage entrambi interessati all'acquisizione di DataDomain, azienda anch'essa specializzata nel settore dello storage. Quando l'accordo per 2 miliardi di dollari firmato da NetApp sembrava concluso, EMC aveva deciso di rilanciare sull'offerta, mettendo in dubbio l'acquisizione da parte di NetApp. La vicenda ha avuto qualche evoluzione nelle settimane successive, fino alla rinuncia da parte di NetApp comunicata alla fine della scorsa settimana. Leggi EMC acquisisce DataDomain per 2.1 miliardi di dollari
  7. Lo stesso Michael Arrington di TechCrunch parla delle precedenti statistiche, facenti riferimento a circa 225 milioni di video trasmessi ogni giorno, ma quanto giunge da una fonte diretta di Google, apre sicuramente ad una serie di nuove domande sul fenomeno YouTube. Il noto portale ad oggi fornirebbe circa 1.2 miliardi di filmati ogni giorno, una cifra impressionante che porta a ripensare la struttura che Google sta gestendo per mantenere online il servizio. Leggi YouTube visualizza 1.2 miliardi di video al giorno
  8. Un investimento senza precedenti per l'Australia, il governo ha deciso di stanziare 30 miliardi di dollari per una copertura completa in fibra ottica e dare il via a una nuova era con una rete NGN performante che crei nuove possibilità di sviluppo. Kevin Rudd, primo ministro del governo, ha parlato chiaro, si parla di 100 Mbit/s disponibili nel 90% delle case della nazione, una scossa tecnologica che promette miracoli per lo sviluppo dell'economia e delle comunicazioni. Leggi Australia, oltre 30 miliardi di dollari per portare la fibra ottica in tutte le case
  9. E' una cifra davvero spaventosa quella stanziata per il nuovo progetto di Lockerbie Data Centers, compagnia nata proprio per la realizzazione di un super data center e di un villaggio informatico che possa accogliere al suo interno sia strutture di data center, sia aziende del settore IT. Il progetto dovrebbe arrivare a creare fino a 1000 posti di lavoro durante la sua realizzazione e dovrebbe impiegare circa 10 anni per il completamento. David King, direttore del progetto per Lockerbie Data Centers, ha affermato che parte dei data center e delle strutture realizzate all'interno del villaggio utilizzeranno l'energia del vento per la loro alimentazione. Leggi Un data center scozzese da 1.1 miliardi di dollari
  10. Le firme dell'alta finanza americana spendono qualcosa come 1.8 miliardi di dollari all'anno per la gestione delle proprie operazioni all'interno dei data centers, questo quanto emerge dal rapporto di TABB che ha realizzato un'analisi dettagliata delle spese di Wall Street in nuove tecnologie all'interno dei data centers. La maggior parte delle operazioni finanziarie passano oggi da queste strutture, ma non si tratta di comuni data center, bensì di strutture altamente tecnologiche scelte appositamente per avere bassissima latenza. Leggi Wall Street spende 1.8 miliardi di dollari annui in data center
  11. Siamo ben lontani dalle stime a cui la stessa Microsoft venne posta di fronte quando nel 2007 decise di acquistare poco più dell'1% di Facebook per circa 240 milioni di dollari, una cifra che, calcolatrice alla mano, portava a stimare Facebook qualcosa come 15 miliardi di dollari, un'enormità che per alcuni mesi ha anche dato ulteriore forza finanziaria al progetto. Leggi Facebook vale 3,7 miliardi di dollari
  12. Quest'anno il giro d'affari del commercio elettronico business-to-consumer (B2C) dovrebbe crescere di poco più del 20%. Bene le vendite online di turismo e moda. Leggi la News
  13. Tanto costerebbe realizzare oggi una distribuzione Linux facendo una media dei costi degli stipendi degli sviluppatori e degli investimenti necessari. Nel 2002 il costo di una distribuzione era di 1.2 miliardi. Leggi la News
  14. Facebook continua a crescere, oggi ospita 10 miliardi di immagini e ne serve 300.000 ogni secondo, un record che richiede continui investimenti in nuovi server e spazio all'interno dei datacenter. La compagnia da poco ha investito 100 milioni proprio per queste spese. Leggi la News
  15. Incremento del numero di interrogazioni DNS del 50% rispetto al 2007: le scelte di ampliamento dell'infrastruttura confermano ancora una volta la lungimiranza della compagnia nel gestire il sistema. Leggi la News
  16. Un rapporto di Yankee Group stima una crescita a 900 miliardi di dollari di fatturato per il settore degli Internet Services entro il 2012. Tra i paesi che verranno "travolti" da una situazione di connettività "anywhere" il gruppo segnala anche l'Italia. Leggi la News
  17. Un altro capitolo della vicenda potrebbe aprirsi a breve con l'imminente riunione del cda di Yahoo: nel caso Icahn dovesse riuscire a proporre i propri nomi per il nuovo cda Microsoft sarebbe disposta a riprendere il dialogo per l'acquisizione. Leggi la News
  18. Nasce un colosso da oltre 130 miliardi di fatturato. L'obbiettivo è sfidare IBM nel campo dei servizi IT, ad oggi il vero business del settore. Leggi la News
  19. A gran sorpresa Microsoft ha lanciato la propria offerta per acquisire Yahoo. La trattativa sembra vicina, e la borsa ci crede, il titolo di Yahoo sale del 60% e le azioni arrivano a 30 dollari. Il nemico è sempre e solo uno, Google, ma ora a Mountan View potrebbero iniziare a preoccuparsi. Leggi la News
×