Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'partire'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 6 results

  1. 'ngiorno a tutto il forum. Vorrei condividere con voi la mia idea rivoluzionaria per l'hosting di siti web. La condivido con voi perchè non ho il tempo, la voglia ne le risorse per metterla in pratica. In buona sostanza, vorrei sapere perchè almeno per quanto ne so, non c'è nessuno che opera nel mercato utilizzando quest'idea, visto che sicuramente non sono un genio e sicuramente non ci sono arrivato per primo. Il punto è semplice: offro un servizio simil-cloud, ma che di cloud per l'utente finale non ha nulla. HTTP: nginx modificato per leggere i file .htaccess, con php-fpm etc. E' altresì possibile runnare diverse versioni di php per diversi scopi. Ogni sito può essere hostato su uno o più server http. Un sistema automatico decide automaticamente su quanti server hostare il sito in base al carico. Se l'utente vuole un uptime diciamo del 100%, lo si fa pagare il triplo e lo si hosta di default su tre server. MYSQL: stessa solfa di sopra. Più server rinondati normali per mysql, in caso sia richiesto dall'utente invece il sistema può muovere il database a un cluster mysql, del tipo che tiene tutti i dati in ram. ALTRO: chesso, l'utente vuole apc? Gli metti a disposizione un cluster di server con apc. L'utente vuole un filesystem ad alta velocità al posto di quello dei webserver dove stanno i suoi siti? Glieli dai. Tutto questo dovrebbe permettere di hostare siti amatoriali per pochi euro all'anno e siti professionali che normalmente richiederebbero infrastrutture dedicate e progettate appositamente. La domanda è, dove sbaglio?
  2. Sono eccitato dal poter finalmente parlarvi di un progetto che sto segretamente preparando da più di un anno. Con molta fatica sono riuscito a radunare una cordata di imprenditori ed uomini di affari della mia zona, persone che credono nelle nuove tecnologie. Parliamo di una decina di soci fondatori nel consiglio di amministrazione ed un centinaio di soci investitori maggiori, una partner ship con un istituto di credito abbastanza famoso che per ora non vuole essere nominato. Per darvi una vaga idea della portata della cosa, vi snocciolerò qualche cifra ci siamo quotati in borsa con un capitale sociale di 190 milioni di euro. Diversi professionisti hanno studiato tutto nei particolari, solo il business plan e le indagini di mercato ci sono costati 70.000 euro. Con un pizzico di orgoglio e un pò di superbia annuncio che puntiamo a diventare la più grande compagnia sul fronte tecnologico-informatico per la fornitura di servizi hardware e software, tra cui ovviamente anche l'hosting di tutti i tipi. Mi rendo conto, che questo comporterà un riassetto del mercato e molti piccoli saranno costretti a chiudere ma, non volendo far partire il nostro business su un genocidio imprenditoriale, valutiamo l'inserimento nel nostro organico di chi dimostrerà capacità ed esperienza. Vengo al dunque, abbiamo deciso di non investire solo in pubblicità (già da oggi dovrebbe partire una campagna colossale nei principali network) ma vogliamo subito acquisire direttamente ed indirettamente un parco clienti che possa testare la professionalità e l'indiscusso valore della nostra rosa di offerte. La disponibilità dei servizi in ambito hosting per ora spazia dal semplice dominio (con tutti gli accessori: dns, pagina di cortesia etc...) a prezzi d'ingrosso anche per il consumatore finale (3,5 euro per tutti i domini e un offerta speciale a 0,75 euro, ripeto 0,75, annui su un pacchetto di 5 anni per i domini info) passa per gli shared hosting, vps, server dedicati, cloud hosting, vps, server, storage, backup etc... Esempio in sintesi, andate a vedere il pacchetto nelle pagine che poi linkerò: Tutto illimitato: spazio, banda, domini (uno solo compreso nel prezzo) mail etc... garantito al 100% con penale di 0,50 euro per ogni secondo di irraggiungibilità del servizio e di 1 euro per ogni secondo di down software o hardware del servizio. Backup orari con la possibilità di ripristinare gli snapshot con un clic Protezione DoS, DDos, Wrt, SCr e Kfe con un innovativo sistema di ridondanza geolocalizzato, in sintesi se ci attaccano uno dei 3 DC in Italia ammesso che riescano a saturare la nostra banda (molto difficile) spostiamo tutte le connessioni e l'erogazione in un altro DC italiano o al massimo europeo. Non per niente possiamo permetterci quelle penali. Protezione antifrode e verifica automatica della sicurezza degli script che installate, nessuno potrà mai bucarvi il sito. Assistenza prima configurazione con il vostro assistente personale. Ogni cliente ha un numero di telefono ed un nome da contattare per qualsiasi cosa. Tutto questo e molto altro ad un costo di 6 euro più iva se sottoscrivete un contratto per 3 anni e siete tra i primi 500 clienti che inseriscono il codice di promozione: HT1 Offerta per i provider che abbiano almeno 2000 clienti in portafoglio, valutiamo l'assorbimento e vostra collocazione in reparto commerciale o tecnico per un massimo di 5 persone a "pacchetto" (sbrigatevi, tra 2 mesi potreste non avere più questa offerta, tra un anno sicuramente no, ma noi avremo lo stesso i vostri clienti) per ulteriori informazioni, contatti ed acquisto >> Offerta Prossimamente uscirà una intervista su HT
  3. Nuovo aggiornamento per Google Sites, servizio di casa Google che consente di creare online il proprio sito web, senza conoscenze di HTML o di altri linguaggi necessari allo sviluppo di pagine web. Nato da una acquisizione avvenuta nel 2006 (la ex Jotspot), Sites è oggi un servizio integrato all'interno di Google Apps, con la possibilità aggiunta nei giorni scorsi di utilizzare dei templates per la realizzazione del proprio sito web. Leggi Google Sites ora permette di realizzare siti a partire dai templates
  4. Per maggiori informazioni scrivete a: info@partners.it Saluti
  5. Come da titolo, come posso fare per far partire gnome e vederlo da un client vnc? Sono su centos. Ho seguito questa guida: HowTos/VNC-Server - CentOS Wiki al punto "5. VNC-Sever setup with no hassles with vnc-ltsp-config". Quando faccio faccio partire il client vnc però, vedo la tipica schermata grigia a puntini bianchi con una croce come puntatore. Qualche consiglio? Grazie!
  6. Completati i vari adempimenti per l’ottenimento della licenza. Si parte con test sul campo in Umbria. Leggi la News
×