Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'piattaforma'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 32 results

  1. Ciao a tutti e complimenti per gli interventi che ho letto. Il titolo del thread è così formulato poiché non ho bene chiare alcune cose. Sto iniziando a creare una community, ma non avendo competenze di programmazione mi volevo affidare a qualche csm e ho provato Drupal commons che però mi è sembrato abbastanza ostico e quindi sono passato a wordpress che sicuramente è più semplice, visto che sto cercando di creare la community come lavoro alternativo visto la piega che sta prendendo l'azienda. Non ho idea di quante persone potrebbero popolare la piattaforma, ma come tutti spero che siano molte. Nelle mie ricerche sul web ho trovato una piattaforma basata su wordpress (Home) che rispecchia molto l'idea dell'interazione e le dinamiche che vorrei generare, mi sono registrato per vedere come funzionava e mi sembrava funzionale. Se siete andati a vedere il sito avrei bisogno di consigli e magari indirizzarmi in altre parti del forum per alcuni di essi: 1)Se dovessi usare wordpress e partendo da zero, quindi landpage, iscrizione utenti e primi contenuti beta, che tipo di caratteristiche dovrei confrontare per scegliere l'hosting e ipotizzando una crescita? All'inizio vorrei stare dentro a un 50/60€ anno (utopia?), certo se la cosa partisse non mi pongo problemi di scalare? 2)Ha senso usare wordpress o è meglio un altro csm che sia focalizzato sulla collaborazione tra utenti o andrebbe fatto tutto con qualche linguaggio di programmazione? 3)Se avete visto il sito, quanta personalizzazione secondo voi ci vuole per arrivare ad avere una piattaforma come quella anche usando wordpress(si insomma quanto può costare realizzarla) e che tipo di hosting serve per reggerla? Ciao e grazie per le risposte.
  2. Passare alla cloud, impone un cambio netto di visione della propria infrastrutta, non solo a livello hardware, ma soprattutto a livello applicativo. Infatti, sulla cloud si può contare su sistemi molto più personalizzati (se prima si era su hosting), e con possibilità di espandare dinamicamente in base alle necessità le risorse a propria disposizione. Se prima per assorbire i picchi ci si doveva dotare di costese infrastrutture, o magari di costosi piani hosting, questo oggi può essere evitato, a patto di aver ottimizzato il proprio applicativo per poter trarre tutti i vantaggi da queste piattaforme. Chi ha affrontato il passaggio alla cloud, quale è stata la vostra esperienza? La ripetereste? Avete adattato la vostra applicazione per questo tipo di piattaforma? PS mi rivolgo non solo ai clienti, ma anche ai provider che hanno spostato la propria infrastruttura su cloud.
  3. FreeBSD, è sicuramente la principale alternativa alle distribuzioni linux. Il suo cuore infatti, non è stato creato da Linus Torvalds, ma ha un origine molto più antica, proveniente dal mondo Unix, anzi ne è praticamente la sue reincarnazione. Scegliere se affidarsi al mondo BSD o al mondo Linux, è una delle scelte iniziali quando si avvia un server, anche se la prima non è mai presa in considerazione in genere dagli utenti più inesperti, visto la minore notorietà e il minor supporto della rete per questa piattaforma. Eppure soprattutto fra i professionisti, FreeBSD è molto apprezzato, e alcune volte "osannato". Quali sono i motivi che vi inducono a scegliere FreeBSD anzichè Linux? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi? Quali sono gli utilizzi per cui si presta meglio?
  4. Quando si avvia un progetto, dopo aver definito le funzionalità e i tratti essenziali, arriva la necessità di scegliere il linguaggio di programmazione. Probabilmente per chi conosce già un solo linguaggio non vi sarà molto stimolo a valutarne di nuovi, ma a mio avviso questa sarebbe un operazione da fare comunque visto che è essenziale valutare sempre i pro e i contro di qualsiasi scelta. Magari uno sviluppatore php, può fossilizzarsi su questo, e non può cogliere i vantaggi dell'utilizzo delle piattaforma AppEngine di Google basata su Java, Go e Python. O magari potrebbe passare ad una soluzione basata su windows Azure, e trarre tutti i vantaggi da una piattaforma altamente integrata. Voi come scegliete il linguaggio e la piattaforma da utilizzare? Quale dei due ha per voi la precedenza? Io quando scelgo il linguaggio da utilizzare per un nuovo progetto, faccio un analisi degli ambiente attualmente più adatti a sviluppare quel progetto, che abbiano la giusta combo di flessibilità che servono. Scarto quelli che hanno linguaggi troppo esotici e lontani dall'utilizzo comune, e scelgo quello più noti e con più documentazione. Come vi comportate voi invece? PS mi sembra che anni fà fu aperta una discussione simile, però diciamo che il tempo passa, e le idee anche ;)
  5. Vendo il dominio Jugo.it con PR4, numerosi backlinks ed anzianità dal 31/05/2004. Si tratta di una testata giornalistica registrata, pertanto le modalità di cessione vanno discusse nei dettagli e privatamente. Si emette regolare fattura.
  6. Ho da pochissimo acquistato un servizio VPS presso Aruba di tipo Basic. Come potete immaginare, mi sono trovato subito con tutti i problemi di configurazione e di managed. Non sono un novellino. Da tempo gestisco domini in hosting. Eppure sto avendo un sacco di problemi. Soprattutto perché l'help-desk di assistenza è veramente insufficiente. Credo che la costruzione di un vademecum che spieghi i primi passi da fare, sia per quanto riguarda la configurazione che per quanto riguarda la gestione, possa essere utile non solo a me. Ecco perché propongo di costruire un vademecum strutturato che consenta di essere guidati in questa esperienza che ritengo molto interessante e stimolante. Innanzitutto, per quello che ho imparato nel mio piccolo, sono a disposizione di quanti si trovano nella mia stessa situazione. Poi, mi farebbe piacere che qualche Guru ci seguisse in questo percorso finalizzato a farci le ossa nella configurazione e nella gestione di un perfetto VPS. Concludo qui questo primo intervento passando già dal prossimo thread a porre delle domande strutturate che possano servire allo scopo. Ringrazio "Ste" per avermi stimolato ad avviare un apposito Topic.
  7. Google ha voluto fornire alcuni numeri sulla sua piattaforma di blogging Blogger, uno dei più grandi siti web al mondo, visto che solamente questo servizio di Google genera gran parte delle page views di Mountain View: nel corso del tempo ha raccolto 500 milioni di posts inseriti dai suoi utenti e riceve il 75% delle visite da paesi al di fuori degli USA, a significare che lo sforzo di Google per renderlo disponibile in oltre 50 lingue è servito e ha permesso al servizio di diffondersi a livello mondiale. leggi tutto Leggi Google Boggler: la piattaforma si aggiorna dopo anni
  8. HostingTalk.it ha avuto in prova per oltre 2 mesi una istanza del servizio Cloud Hosting di casa Seeweb, del quale vi proponiamo oggi una completa recensione tecnica del servizio, dopo aver visto nelle scorse settimane la prova di Cloud Server, il servizio di cloud computing in piattaforma HaaS. L’offerta di Seeweb è la prima di tipo PaaS ad essere stata proposta sul panorama italiano ed, a Febbraio, è stato possibile leggere su HostingTalk l’intervista rilasciata da Antonio Baldassarra, CEO di Seeweb, in merito alla vision aziendale relativa al cloud computing. L’offerta recensita si configura come la soluzione ideale per coloro che non hanno competenze sistemistiche, tali da poter progettare e gestire una infrastruttura dedicata, ed hanno esigenze difficilmente soddisfabili da un comune servizio di shared hosting. Attualmente nel mondo non sono molti i provider che offrono servizi di cloud hosting, nel senso più stretto del termine, possiamo paragonare la soluzione di Seeweb a quella di CloudSites di Rackspace, dato che anche in questo caso siamo di fronte ad una soluzione Platform as a service. Procediamo nella recensione per vedere come abbiamo analizzato le prestazioni della piattaforma. Leggi la recensione di Cloud Hosting Seeweb: una piattaforma di shared hosting nella cloud
  9. Un saluto a tutti, visto che wordpress è scritto da cani, stavo pensando di mettere su una nuova piattaforma, scritta per bene, per il blogging. A tal proposito avrei un paio di domande che vorrei fossero risposte da chi usa abitualmente queste piattaforme. Le funzioni che sicuramente ci sarebbero di base sono: - basato su PHP e NonSoAncora Framework: nessuna altra libreria esterna sarà usata se non correttamente mantenuta (niente PEAR). - ci sarà una sorta di validazione dei plugin creati dagli utenti, con controllo remoto all'atto dell'installazione locale, per avvertire l'utente che sta installando un plugin che potrebbe essere di scarsa qualità e/o inficiare il corretto funzionamento della piattaforma. I plugin scaricabili dal futuro sito ufficiale saranno solo quelli validati e sarà possibile dalla piattaforma eseguire il download e l'installazione automatica dei plugin. - sistema di autoupdater (core, moduli, plugin, template) - sistema di templating granulare con widget (per specifiche precise vedere post: http://www.hostingtalk.it/forum/128153-post64.html) - sistema di plugin (con hook, niente modifiche dirette al codice) - sistema di caching (su file e memcached) - gestione multilingua - gestione granulare dei permessi utente - gestione degli url/titoli/metatag per il posizionamento (generazione della sitemap per google) - gestione dei post (inserimento/cancellazione/modifica con eventuale versioning/categorizzazione dei contenuti/tags/trackback/pingback/valutazione post) - gestione dei commenti (inserimento/cancellazione/modifica/valutazione commento) - gestione sondaggi - sistema antispam (captcha, recaptcha, akismet) - possibilità di inserire pagine statiche - modulo per contattare un autore. - possibilità di inserire gallery di immagini (con thumb) - statistiche - integrazione con gli eventuali sistemi "social" (fb, twitter, flickr, youtube, poi?) - integrazione con i vari aggregatori - integrazione con sistemi di autenticazione esterni (homemade o OpenID et similia) - gestione import di dati da altro blog (DBtoDB e SiteToDB) - gestione MP agli autori (da implementare in futuro) - gestione spazi pubblicitari (da implementare in futuro) Con quale linguaggio di programmazione/scripting vorreste che essa fosse scritta? PHP Quali altre funzioni vorreste fossero incluse in essa? Vediamo se si riesce a tirare fuori qualcosa di buono anche con il vostro aiuto :)
  10. Abbiamo parlato a lungo della soluzione di Seeweb, la prima compagnia italiana che si è "immersa" nel cloud computing, con due prodotti differenti e uno in lancio nei prossimi mesi, come ci ha detto qualche settimana fa il CEO Antonio Baldassarra. Leggi il resto dell'intervista: Seeweb Cloud Hosting: ecco i dettagli del servizio e della piattaforma di cloud hosting
  11. Ciao a tutti, vorrei che mi aiutaste a togliermi un dubbio circa la differenza tecnica di gestione di un servizio di hosting Java rispetto ad uno .NET. Allora, navigando sul Web per cercare degli abbonamenti hosting Java relativamente economici (sui 60 euro all'anno), mi sono reso subito conto che è davvero difficile trovarne qualcuno. Da varie considerazioni, fatte insieme a persone con cui ho parlato, si evince che il motivo di tale situazione sarebbe la maggiore onerosità che un servizio di hosting Java richiede rispetto a .NET. In particolare, si dice che Java consumi più risorse hardware (memoria RAM). Naturalmente riferisco a sistemi con JVM condivisa tra più utenti (più istanze contemporaneamente). Qualcuno, forse a torto, dice che la condivisione della macchina virtuale porterebbe anche a problemi di altra natura, dovuti ad es. all'uso della famigerata istruzione <% System.exit(0); %>. Il fatto che non mi spiego è: perché .NET non dovrebbe avere gli stessi problemi? Per darmi una risposta dovrei sapere: quali sarebbero le differenze tecniche strutturali e di gestione effettiva che portano .NET ad essere meno avido di risorse rispetto alla tecnologia Java. Potete aiutarmi a trovare la risposta? Saluti.
  12. Cloud.bg è il primo provider di cloud computing dell'Est Europa, una regione dell'Europa che ha visto in questi anni un notevole sviluppo del webhosting e del mercato ad esso collegato. Cloud.bg è di fatto il primo provider di cloud computing a lanciare una offerta basata su una piattaforma di questo tipo: l'azienda ha alle spalle Dimitar Avramov, imprenditore bulgaro che ha creato pochi mesi fa Fuscan, un sistema di cloud computing il cui target sono le compagnie di webhosting. Leggi Cloud.bg, prima piattaforma di cloud computing Bulgara, ora punta all'Europa
  13. Linux Foundation, la nota organizzazione no-profit, ha annunciato la disponibilità da pochi giorni di una nuova piattaforma per la pubblicazione di offerte di lavoro particolarmente orientate al mondo Linux, un settore che, secondo la piattaforma JobThread Network, è cresciuto con l'80% di richieste dal 2005. Leggi Linux Foundation, una piattaforma per la ricerca di lavoro dedicata ai professionisti
  14. Non ho sentito parlare di Fuscan da un po' di tempo (progetto creato da Dimitar, un amico conosciuto al WHD: Daw - Web Hosting Blog), ma nelle scorse settimane è andato online il primo progetto di cloud computing basato su questa piattaforma. Il sito della compagnia http://www.cloud.bg penso sia il primo di una serie che apriranno in altri paesi europei. L'intento di Dimitar era proprio quello di esportare Fuscan in varie nazioni europee, e poi passare agli USA, dato che la presentazione è avvenuta proprio all'ultimo HostingCon. Il servizio viene lanciato con un provider bulgaro, paese di Dimitar, ma penso si espanderà a breve in Germania e poi nel nord Europa, paesi che potrebbero essere avvantaggiati dalla presenza di fornitori di cloud computing. Date un'occhiata a come funziona Fuscan e sentitevi liberi di dare la vostra opinione ;)
  15. DatacenterKnowledge ha pubblicato uno speciale inerente la nuova piattaforma di cloud computing del dipartimento della Difesa USA, un sistema entrato in produzione lo scorso Ottobre e descritto da Henry Sienkiewicz, direttore della piattaforma, come uno dei cambiamenti tecnologici e culturali più importanti per la storia americana. Leggi La piattaforma cloud del dipartimento della difesa americano, nome in codice RACE
  16. LinkedIn è ultimamente molto presente sulle nostre pagine, si tratta di uno dei social network più utilizzati dai professionisti, molto attivo anche nel panorama del webhosting, dove sono presenti decine di gruppi dedicati e frequentati da aziende e professionisti del settore. La compagnia ha annuciato ieri la disponibilità della propria piattaforma per sviluppatori, comprensiva di un set di API molto ricco. Si tratta di un passo obbligato per quasi tutti i social network, e di una fonte di crescita molto proficua per queste aziende (si può fare riferimento a Facebook per notarne lo sviluppo). Leggi LinkedIn lancia una propria piattaforma per gli sviluppatori
  17. La scorsa settimana la copertura mediatica intorno alla PDC 2009 di Microsoft ha risollevato il nome di Azure, la piattaforma di cloud computing di Redmond a cui HostingTalk.it ha dedicato numerosi articoli. Leggi Microsoft Azure sarà anche una piattaforma IaaS: la sfida ad Amazon
  18. Red Hat, leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, annuncia la disponibilità di Red Hat Enterprise Virtualization for Servers, la più recente aggiunta alla gamma Red Hat Enterprise Virtualization. Questa soluzione è pensata per consentire un’adozione pervasiva della virtualizzazione con un prodotto completo end-to-end che associa un hypervisor standalone ad avanzate funzionalità di gestione. Leggi Red Hat lancia la piattaforma di virtualizzazione per server e cloud eterogenei
  19. REGdom, gruppo italiano che raggruppa al suo interno numerosi brand e marchi del settore hosting e domini, da sempre specializzato nel mondo della gestione e registrazione domini, annuncia la propria presenza a SMAU 2009, dal 21 al 23 Ottobre 2009, con uno stand tutto dedicato al mondo dei domini. Leggi REGdom presenta a SMAU 2009 la nuova piattaforma domini REGdom 2.0. Un invito per gli utenti di HT
  20. ServerPlan, l'azienda italiana che da poco si è accreditata come Registrar ICANN, ha annunciato sul proprio sito l'introduzione del nuovo sistema sincrono per la registrazione e gestione dei domini .IT; a partire dal 28 Settembre sarà infatti possibile procedere alla registrazione o trasferimento di domini .IT senza utilizzare la LAR e la spedizione via fax, come avvenuto fino ad oggi. Leggi ServerPlan e il sistema sincrono .IT: a disposizione anche una piattaforma per i Registrar
  21. freehostingman

    free hosting con propria piattaforma

    Free Hosting con propria piattaforma : servizi gratuiti che con una propria piattaforma cms vi permettono di costruire un sito o un blog , nel caso di lefora un forum, con tanto di scelta tra diversi templates .A questi si potrebbe aggiungere tranquillamente blogger.com ( che richiede un account Google) e Wordpress.com che vi permette di creare un blog con nome tipo tuonickname.wordpress.com con 3gb di spazio web ( agli inizi erano solo 50 mb ) in quanto anche questi due servizi hanno una propria piattaforma che vi permette di creare un vostro sito web o blog. A seguire un elenco di questi free hosting ( da notare questi siti offrono sia un piano gratuito che a pagamento : ma a noi , in questa sezione, ci interessa il piano gratuito ) www.onsugar.com - blog hosting www.jimdo.com free hosting www.edicy.com free hosting www.synthasite.com free hosting http://doodlekit.com/home free hosting www.sitekreator.com free hosting www.easysite.com/ free hosting www.webnode.com/ free hosting www.freewebs.com/ free hosting http://www.weebly.com/ free hosting http://www.lefora.com/ (free forum hosting) http://altablogs.com/ - blog hosting http://www.blogonize.com/ blog hosting http://www.blogsome.com/ blog hosting http://www.photoblog.com/ ( foto blog hosting) http://www.blogr.com/ blog hosting https://www.blogmailr.com/ blog hosting tumblr.com (microblogging) altro articolo simile in inglese
  22. Come AdSense non c'è nessuno. Chi legge spesso siti dedicati al SEO o al webmarketing avrà letto questa frase in una infinità di post; vi sono migliaia di altri servizi che forniscono un possibile guadagno per i webmaster, ma AdSense è non solo il più "serio" ma, per opinione comune, il più remunerativo. leggi tutto Leggi il resto di Google AdSense come piattaforma, più introiti per i webmaster? sul blog di HostingTalk.it
  23. Vendo piattaforma per annunci gratuiti. Potete visionarne una copia online a questo indirizzo oratrovo.com . Il software è pronto per essere installato sugli spazi aruba. Richiede l'offerta windows + mysql. Ovviamente si può installare anche su altri provider. Richiede asp .net 3 .5 e mysql. Cosa si può fare? L'amministratore può gestire gli utenti, articoli, categorie città, inviare mailing list, inserire link nel footer di ogni categoria o nella pagina scambio link e impostare se utilizzare adsense o vendere spazi banner che sono prenotabili direttamente dal cliente tramite una procedura guidata. L'utente registrato (si registra solo con email e nome fittizio) può inserire annunci, inviare messaggi, gestire la propria rubrica, gli articoli preferiti e mantenere dei template in html pronti per l'inserimento rapido di più annunci. Dentro al sito esiste quindi un sistema di messaggistica tra utenti, possibilità di stampare in pdf gli annunci, inserire fino a 10 immagini per annuncio che vengono marchiate in basso a dx col logo del sito e la creazione automatica di banner: per ogni annuncio infatti vengono creati 6 banner nei formati standard 468x60, 728x90, 234x60, 160x600, 120x600, 120x240 con il loro codice html pronto da copiare incollare in giro. I banner si possono anche personalizzare nei colori e dimensione font. Gli annunci sono visibili fino alla loro scadenza, ogni utente può decidere se disabilitare o eliminare automaticamente un annuncio. Sette giorni prima della scadenza (che può variare da 1 giorno a 6 mesi), viene inviata una email all'utente con possibilità di posticipare di un mese la scadenza. Alla scadenza viene inviata un'ulteriore email. Vendo configuro, installo il software e correggo eventuali bug se dovessero verificarsi durante l'uso, il tutto a 300€. Per bug s'intende una funzionalità prevista non funzionante non qualcosa che non è previsto... Per vendo non intendo vendo i sorgenti. Vendo il codice compilato che dovrà girare per un solo nome a dominio dove lo andrò ad installare. Personalizzerò la copia che andrete a comprare cambiando alcuni colori e il logo. I testi sono completamente amministrabili tramite pannello. Questo software vale molto di più dei soldi che ho chiesto, faccio questo semplicemente per farmi pubblicità. Chi volesse delle funzionalità che non sono previste può chiedere, farò un preventivo per eventuali aggiunte. Inviate un mp oppure meglio ancora una email a info(at)davidebertagna. it Se non sono stato chiaro, avete dubbi, volete testare il tutto da qualche parte o vi serve una soluzione alternativa chiedete. Grazie
  24. Nelle scorse puntate abbiamo accennato alla struttura “neutra” di Drupal rispetto ai suoi contenuti: si è detto che tutte le informazioni sono rappresentate da nodi, e che Drupal non fa altro che fornirci gli strumenti per creare, modificare e vedere queste informazioni, cercando di imporre meno vincoli possibili. Tutto ciò si traduce in un'estrema flessibilità che lo rende una delle piattaforme più adattabili presenti sulla scena CMS, e le sue doti si fanno apprezzare ogni volta che lo si mette alla prova con un tipo di funzionalità diversa. Leggi il contenuto dell'articolo Drupal come piattaforma di blogging
  25. Interoute è stata scelta come partner per l'housing e l'organizzazione della infrastruttura che consente l'erogazione del nuovo gioco online della Settimana Enigmistica: l'applicazione è stata sviluppata dalla software house MBI, ma a Interoute è stato affidato il compito di garantire la massima efficienza. Leggi la News
×