Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'prima'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 49 results

  1. Questo thread serve da guida a chi è interessato all'acquisto di una VPS e magari si affaccia la prima volta su questo mondo. E' altresì ovvio, che prima di comprare un server, valgono le seguenti regole: Conoscere a menadito il funzionamento di Windows Firewall/IPTables. Essere in grado di gestire tutto anche senza un pannello di controllo. Il pannello di controllo ci può stare solo per comodità. Se però non siete in grado di smazzarvi IIS o Apache o chi per loro, alla prima difficoltà che risulta però regolare per il pannello sarete in braghe di tela! (Linux) Essere in grado di compilare dei sorgenti senza rompere le palle su 10.000 forum. Essere perfettamente e senza ombra di dubbio in grado di mantenere il sistema aggiornato quotidianamente. Non è uno sfizio, è un obbligo. Tutti i giorni escono fix per problemi di sicurezza di una o dell'altra cosa. Queto discorso vale più che mai se il server è Windows. Se proprio vi serve una VPS perché vi hanno cacciato per troppe visite quelli che vi forniscono l'hosting, fate un account managed, ossia il vostro dedicato lo fate gestire da un sistemista esperto. Detto questo, sappiamo che esistono migliaia di piattaforme per virtualizzare. Quale sciegliere? Questa guida è basata a domanda e risposta. D: Ho un paio di siti web che non richiedono troppe risorse. Voglio solo la possibilità di ricompilare un paio di moduli php, cosa mi serve? R: Una soluzione low-cost basata su Virtuozzo o Xen va benissimo. Puoi ricompilare ciò che vuoi. Virtuozzo non permette di modificare lo SWAP e Xen si, mentre ambedue i sistemi di virtualizzazione non permettono il kernel rebuild. Xen permette di ricompilare i propri moduli nel kernel. Se avete intenzione di usare Plesk, sciegliete una soluzione basata su Virtuozzo perché Plesk costa meno e si integra alla perfezione con Virtuozzo. D: Ho bisogno di estrema flessibilità, SLA e la possibilità di formattare e reinstallare tutto da 0, cosa mi serve? R: E' necessaria una virtualizzazione di basso livello, a partire dal BIOS. La soluzione più affidabile è quella VMWare based. Offre HA, e permette una struttura ultra-ridondata. Assicuratevi prima dell'acquisto che l'accesso a console vi venga dato, altrimenti potete accedere solo via RDP/SSH. D: Non ho nessuna esperienza sistemitistica e... R: Non c'è motivazione che tenga. Ci sono dei piani di hosting ottimi e che permettono buona flessibilità. Non prendete un server perché le conseguenze per voi, potrebbero essere disastrose. Appena trovata una risposta a queste domande, vediamo ancora un paio di cose inerenti ai valori garantiti: CPU Per quanto riguarda Virtuozzo e Xen, il minino di CPU dipende dalla quantità di VPS sul server fisico. Soluzioni come VMWare ESX, invece, permettono di allocare il massimale ed il minimale anche per ogni CPU. RAM Xen non permette overselling della RAM. La RAM che viene allocata è quella fisica del server. Virtuozzo permette invece overselling anche di questa risorsa. Se comprate una VPS Virtuozzo based, chiedete al provider i valori minimi o il numero di VPS per macchina fisica. Ricordate inoltre che la RAM che avete disponibile in Virtuozzo,è la somma tra RAM e SWAP, non è pura RAM. E credetemi che la differenza in termini di prestazioni è notevole. Se la piattaforma è VMWare ESX, chiedete al provider come ha configurato la RAM. E' infatti possibile settare alla macchina virtuale una percentuale di RAM fisica del server host e una percentuale di SWAP del server host. Di solito, questa percentuale è 50%-50%. Altro, per ora, non mi viene in mente. Amplierò questo lunghissimo post con altre domande/risposte e gestione delle risorse. Si accettano molto volentieri commenti e critiche. Niky
  2. Il prossimo 8 Giugno ci sarà la prima prova di funzionamento generale per IPv6, il nuovo protocollo che si cerca ormai di far conoscere ad utenti e aziende da più di tre anni. In questa data i maggiori siti web del mondo utilizzeranno il nuovo sistema per 24 ore consecutive, tagliando fuori quegli utenti e quelle reti che ancora oggi non sono pronte ad IPv6. Una provocazione più che un test utile per la rete, una iniziativa che dovrebbe dare una idea di quanto ci sia ancora da fare a livello globale per introdurre IPv6 e favorire il passaggio a questo protocollo da parte dei grandi ISP. leggi tutto Leggi IPv6, l'8 Giugno c'è una prima prova generale
  3. Il primo caso italiano di condanna per SPAM, il tribunale di Milano ha infatti giudicato colpevoli l'amministratore delegato e il responsabile finanziario di Buongiorno Vitaminic, un colosso del business online che è stato accusato di aver utilizzato, al di fuori dei termini di contratto, le email raccolte dal sito Fuorissimo per inviare promozioni sui propri prodotti, a oltre 180.000 persone. Buongiorno Vitaminic è stata assolta dal giudice dall'accusa di frode informatica, dato che il fatto non sussiste, ma ha invece confermato la pena di 9 mesi di carcere, poi sospesi, per i due accusati. leggi tutto Leggi La prima condanna italiana per SPAM
  4. Ciao a tutti, mi sono appena iscritto. Ho spulciato questo forum principalmente per leggere un pò sui vari hosting italiani, qui c'è di buono che oltre a leggere le offerte pubblicitarie, vedi anche i messaggi direttamente dalla tastiera del personale, è una comunicazione meno formale, forse più autentica. Il primo contributo che posso dare è su Serverweb.net (EOS Net), ho comprato l'hosting Linux Low Cost, ho ottenuto velocemente informazioni prevendita, l'attivazione dello spazio web all'istante, ho aperto un ticket sabato alle 23:30 :59: e mi hanno risolto in 30 minuti. I servizi e la prontezza, rispetto al prezzo sono ottimi. Grazie Serverweb.net. Magari scriverò anche qualcosa sul vecchio hosting gratuito: Netsons, una brutta esperienza.
  5. ISPconfig è un pannello di controllo per hosting open source. In questa serie di articoli vedremo come effettuare l'installazione di questo ottimo strumento su una macchina dotata di Debian Lenny 5.0 DISCLAIMER : la seguente guida non è testata o comunque adatta per sistemi in produzione. Declino ogni responsabilità per eventuali danni. Requisiti : - una macchina equipaggiata con Debian Lenny 5.0 - unico partizionamento per / - un indirizzo ip statico La fase preliminare richiede la modifica del file /etc/hosts per dotare la macchina di un nome host ben preciso, come nell'esempio : # vi /etc/hosts 127.0.0.1 localhost.localdomain localhost 87.100.55.63 hosting.server.org hosting modifichiamo anche il file /etc/hostname inserendo il nome host del server # vi /etc/hostname hosting.server.org ed eseguiamo lo script per il reload dell'hostname # /etc/init.d/hostname.sh start Passiamo all'installazione dei primi pacchetti necessari (consiglio vivamente di utilizzare i repository del mirror ftp.ch.debian.org): # apt-get update # apt-get install ntp ntpdate postfix postfix-mysql postfix-doc mysql-client mysql-server courier-authdaemon courier-authlib-mysql courier-pop courier-pop-ssl courier-imap courier-imap-ssl libsasl2-2 libsasl2-modules libsasl2-modules-sql sasl2-bin libpam-mysql openssl courier-maildrop getmail4 binutils -y Verrano proposte delle scelte per la password del server mysql e per alcune impostazioni di Postfix : Create directories for web-based administration? Risponderemo No General type of mail configuration Sceglieremo Internet Site System mail name hosting.server.org SSL certificate required Risponderemo Ok Il prossimo passo consiste nel ricreare i certificati per Courier, inserendo all'interno dei file di configurazione dei certificati il nome host corretto della nostra macchine # vi /etc/courier/imapd.cnf [...] CN=hosting.server.org [...] # vi /etc/courier/pop3d.cnf [...] CN=hosting.server.org [...] rimuoviamo i vecchi certificati : # rm -rf /etc/courier/*.pem e creiamo i nuovi # mkimapdcert && mkpop3dcert infine riavviamo i due demoni, imap e pop3 # /etc/init.d/courier-imap-ssl restart && /etc/init.d/courier-pop-ssl restart Il prossimo passo consiste nell'installare il secondo gruppo di pacchetti necessari per il funzionamento di Ispconfig : # apt-get install amavisd-new spamassassin clamav clamav-daemon zoo unzip bzip2 arj nomarch lzop cabextract apt-listchanges libnet-ldap-perl libauthen-sasl-perl clamav-docs daemon libio-string-perl libio-socket-ssl-perl libnet-ident-perl zip libnet-dns-perl apache2 apache2.2-common apache2-doc apache2-mpm-prefork apache2-utils libexpat1 ssl-cert libapache2-mod-php5 php5 php5-common php5-gd php5-mysql php5-imap phpmyadmin php5-cli php5-cgi libapache2-mod-fcgid apache2-suexec php-pear php-auth php5-mcrypt mcrypt php5-imagick imagemagick libapache2-mod-suphp -y durante l'installazione scegliamo Web server to reconfigure automatically apache2 e abilitiamo alcuni dei moduli che ci serviranno per integrare Apache : # a2enmod suexec rewrite ssl actions include Nella seconda parte di questo articolo vedremo come compiere i successivi passi per l'installazione di Ispconfig, come l'abilitazione delle quote su disco e l'installazione del demone dns.
  6. Buongiorno e un saluto a tutti, ormai sono giorni che le ggo il vostro forum ma non sono ancora arrivato ad una soluzione. Per prima cosa ho allegato un'immagine con i parametri del mio vps e capita sempre che kmemsize vada sempre in zona nera. Da cosa dipende? Puo influire su i miei siti, al momento ne ho 5 attivi e non hanno molte visite! Poi volevo anche sapere come fare per installare il mod_gzip mod_headers e mod_expires di apache ed attivarli! Vi ringrazio in anticipo a chiunque risponda!
  7. Ciao ragazzi.. Avevo intenzione di acquistare un VPS Netsons Server Virtuale X1 per installarci un piccolo gamesever. Ho visto che i sistemi operativi forniti sono Linux ma questo non è un problema. Mi rimane un dubbio. Ma una volta che acquisto cosa ho in mano. Come faccio a comandare il VPS. Avevo pensato a FTP oppure a qualche forma di Desktop remoto. Illuminatemi perchè non trovo informazioni da nessuna parte e ho paura di non riuscire neanche ad accederci. Non sono un novellino in senso stretto però questo è ancora un campo oscuro per me. A voi la parola!! PS: avrete senz'altro capito che in queste cose sono nuovo..però..se mai si inizia!.. :stordita:
  8. In questa serie di post parleremo di Amazon EC2 e di come utilizzare la piattaforma di cloud computing, mostrando come si muovono i primi passi per la creazione di un account e l'utilizzo e la gestione dello stesso. Non parto in quarta con qualche screenshots ma vedo di fare un passo indietro e spiegare cosa è Amazon EC2, chi è Amazon e perchè ho scelto proprio questo servizio per un esempio esplicativo di cloud computing. Sostanzialmente parlerò di perchè scegliere una soluzione di cloud computing, quando farlo e come iniziare a muovere i primi passi, fornendo prima una panoramica tecnica di come funziona EC2 e in generale gli Amazon AWS. leggi tutto Leggi il resto di Amazon EC2: dall'introduzione all'utilizzo del cloud computing -prima parte sul blog di HostingTalk.it
  9. Salve, sono un nuovo utente che si cimenta per la prima volta con nginx. Riscontro un problema, come mi pare segnalato qualche post più sopra, i link che puntano alla radice non aprono l'index ma una pagina di errore 403. Ho provato a giostrarmi con gli autoindex, ma al più visualizzo i file nelle cartelle, ecco il mio site-available: server { listen 80; ## listen for ipv4 listen [::]:80 default ipv6only=on; ## listen for ipv6 server_name localhost; access_log /var/log/nginx/localhost.access.log; #autoindex on; location / { root /var/www; index index.html index.htm; } #error_page 404 /404.html; # redirect server error pages to the static page /50x.html # #error_page 500 502 503 504 /50x.html; #location = /50x.html { # root /var/www/nginx-default; #} # proxy the PHP scripts to Apache listening on 127.0.0.1:80 # #location ~ \.php$ { #proxy_pass http://127.0.0.1; #} # pass the PHP scripts to FastCGI server listening on 127.0.0.1:9000 # location ~ \.php$ { fastcgi_pass 127.0.0.1:9000; fastcgi_index index.php; fastcgi_param SCRIPT_FILENAME /var/www/$fastcgi_script_name; fastcgi_param SERVER_NAME $http_host; fastcgi_ignore_client_abort on; include fastcgi_params; autoindex on; } # deny access to .htaccess files, if Apache's document root # concurs with nginx's one # #location ~ /\.ht { #deny all; #} } Qualche idea? Grazie Saluti
  10. Microsoft sta lavorando per la realizzazione della prossima versione di internet Explorer, la nona, per il popolare browser di navigazione, ancora oggi il primo utilizzato nel mondo. La nona versione dovrebbe rappresentare un punto di svolta, tanto che Microsoft ne parla già in modo entusiasta: HTML5 e performance nella gestione dei contenuti multimediali, queste le caratteristiche principali del nuovo browser, con a bordo un nuovo motore di esecuzione di codice Javascript, Chakra, appositamente realizzato per il browser di MS. Leggi Internet Explorer 9: una prima beta a Settembre
  11. Gnaffer

    Prima pagina di benvenuto

    Ciao ragazzi... avrei una curiosità... la prima pagina di benvenuto con il logo del sito e il link per entrare... quanto è consigliata? può essere utile o non serve a niente? è un puro gusto personale senza influire ai motori di ricerca o effettivente aiuta un poco (sempre per i motori di ricerca)? se farla aiuta... meglio in html o php? io che non capisco un'h di codici.. seguendo qualche guida e con buona volontà posso farla?
  12. La vera vulnerabilità è spesso racchiusa nei DNS e lo sanno bene le migliaia di persone che vengono truffate o redirette su siti fasulli proprio tramite attacchi compiuti sui sistemi DNS. Da tempo si discute della introduzione del sistema DNSSEC (Domain Name System Security Extensions) sui principali TLD del mondo. Ora ICANN ha accolto favorevolmente l'introduzione di questo sistema sui domini con estensione .ORG, con la collaborazione di alcuni importanti Registrar internazionali, come il gigante GoDaddy. Leggi DNS: la sicurezza prima di tutto, grazie a DNSSEC
  13. La scelta di una soluzione hosting dedicata è un passaggio abbastanza comune per molti utenti privati e non: il passaggio ad un server dedicato, sia esso fisico o virtuale, viene di solito dopo la scelta di un servizio di hosting condiviso e si rende necessaria all'aumentare del traffico e delle risorse richieste dalla propria applicazione o dal proprio sito web. Leggi il contenuto dell'articolo Come scegliere un server dedicato - prima parte
  14. Google TV. Se ne era parlato a lungo, in questi giorni, alla tradizionale Google I/O era l'annuncio più atteso del momento, quello che ha dato di fatto una svolta all'evento. La TV è un medium che Google guarda ora più da vicino, sperando di prendere parte nei programmi delle 4 miliardi di persone che vedono quotidianamente canali televisivi. Google si occupa poi di pubblicità e nel mercato televisivo, solo negli USA, la spesa annuale è di 70 miliardi di dollari. Leggi Google TV: nasce la prima web television creata da colossi del settore
  15. Grazie alla progressiva diffusione di internet, avvenuta negli ultimi anni, alla quale abbiamo assistito anche nel nostro paese, la base di potenziale utenza alla quale una community si può rivolgere è aumentata notevolmente. Questo ha sicuramente contribuito alla crescita di persone convinte che bastino due minuti per creare un forum con qualche sezione e “qualcuno arriverà” (basta farsi un giro per forum free o simili e contare i forum con meno di 10 post per avere una conferma a questa tesi). Beh, purtroppo (o per fortuna), non è esattamente così che funziona. Leggi il contenuto dell'articolo Avviare e gestire una Community online - Prima parte
  16. Cloud.bg è il primo provider di cloud computing dell'Est Europa, una regione dell'Europa che ha visto in questi anni un notevole sviluppo del webhosting e del mercato ad esso collegato. Cloud.bg è di fatto il primo provider di cloud computing a lanciare una offerta basata su una piattaforma di questo tipo: l'azienda ha alle spalle Dimitar Avramov, imprenditore bulgaro che ha creato pochi mesi fa Fuscan, un sistema di cloud computing il cui target sono le compagnie di webhosting. Leggi Cloud.bg, prima piattaforma di cloud computing Bulgara, ora punta all'Europa
  17. La prima class action italiana è diretta contro Microsoft. A pochi giorni dalla formalizzazione di questo provvedimento anche in Italia, l'ADUC ha presentato la propria class action con Microsoft, riprendendo un provvedimento avviato nel 2005 e ancora oggi testimone, secondo ADUC, di un comportamento scorretto nei confronti dei clienti che acquistano un pc o un notebook nuovo. Leggi La prima class action italiana: contro Microsoft
  18. L'altro ieri, girovagando in cerca di domini liberi e di registrar, mi sono imbattuto in una offerta su Godaddy che "svende" domini .info a soli 62 centesimi. Dato che non avevo ancora provato tale registrar, decido di registrare un dominio e procedo alla compilazione di tutti i campi necessari, fornendo i miei dati personali e fiscali. Arrivato alla fase di pagamento, seleziono PayPal e vado avanti. Sulla loro pagina di pagamento mi viene richiesta una carta di credito che non ho: sul mio account PayPal c'è già del credito che provvedo a ricaricare dal mio conto corrente bancario. Ho già effettuato acquisti all'estero e in Italia con tale account senza problemi. Anche i piani di hosting che ho attivi presso un provider presente su questo forum li ho pagati con PayPal senza avere nessuna carta di credito. Invio un messaggio (in inglese) al supporto tecnico, specificando il problema e gli estremi dell'ordine e il sito mi informa che riceverò risposta entro 2 ore. Ricevo subito una e-mail automatica che mi informa che il mio problema sarà vagliato entro 24 ore. Sono passate, al momento, ben più di 24 ore e non ho ricevuto risposta alcuna, nè so che fine abbia fatto la mia prenotazione del dominio o il mio nuovo account godaddy, che non è stato evidentemente perfezionato, dal momento che non mi è stato fornito nessun dato per il login. So bene che godaddy è uno dei registrar più gettonati e noti anche su questo forum, e proprio per questo volevo segnalare un comportamento che non mi pare affatto serio ne degno della fama di tale provider. Secondo voi, cosa dovrei fare? Loro i miei dati se li sono presi (dati anagrafici, indirizzo, telefono), io non li avrei mai diffusi senza la "contropartita" del dominio... e la mia prenotazione? Se qualcuno registrasse il dominio mentre io aspetto risposta dall'assistenza? ...ci sarebbero quasi gli estremi per una azione formale...
  19. Non ho sentito parlare di Fuscan da un po' di tempo (progetto creato da Dimitar, un amico conosciuto al WHD: Daw - Web Hosting Blog), ma nelle scorse settimane è andato online il primo progetto di cloud computing basato su questa piattaforma. Il sito della compagnia http://www.cloud.bg penso sia il primo di una serie che apriranno in altri paesi europei. L'intento di Dimitar era proprio quello di esportare Fuscan in varie nazioni europee, e poi passare agli USA, dato che la presentazione è avvenuta proprio all'ultimo HostingCon. Il servizio viene lanciato con un provider bulgaro, paese di Dimitar, ma penso si espanderà a breve in Germania e poi nel nord Europa, paesi che potrebbero essere avvantaggiati dalla presenza di fornitori di cloud computing. Date un'occhiata a come funziona Fuscan e sentitevi liberi di dare la vostra opinione ;)
  20. come da titolo, è normale che un dominio entri nello stato REDEMPTION-NO-PROVIDER prima della sua scadenza? ci sono altri motivi oltre allo smettere di rinnovarlo che possano portarlo in questo stato anticipatamente? grazie.
  21. Posto la mia prima discussione e colgo l'occasione per salutare tutti. Devo mettere on-line un sito,il mio primo sito in realtà. Si tratta di un sito vetrina per un salone di parrucchieri. Ora non so come si pesi un sito ma selezionando i vari file in cui sono comprese: -3pag HTML -3pag CSS -uno script -3 gallerie di foto in Flash che andranno aggiornate col tempo Arriva a 320 KB Navigando per il web a leggere articoli mi hanno creato confusione e non ho chiarito nulla. Ho capito che per me potrebbero andare bene degli hosting con risorse garantite. Ho provato a mettere più dettagli possibili,se avete bisogno di altro non esiterò a fornirveli. Grazie in anticipo.
  22. Ho un problema, e non riesco ad uscirne: la prima volta che apro una pagina via http dopo un riavvio di un normale server debian, questa impiega 4/5 minuti ad aprirsi. Dopo la prima le pagine vanno via normalmente. Il server non è in produzione, quindi il problema non può essere dovuto a connessioni in attesa durante il riavvio. La cosa strana è che lo fa solo dopo un riavvio (per intenderci, dopo un apache2 stop & start no, anche se lancio un killall dei processi di apache e php). C'è qualche illuminato che mi da una zampa?
  23. Salve, da poco ho ordinato un server dedicato, visto che il mio attuale hosting condiviso non bastava più per le mie esigenze. Ho caricato tutti i miei dati tramite FTP sul nuovo server, e presto toccherà anche al database mysql. Ancora non ho effettuato il cambio DNS per il dominio in mio possesso, poichè vorrei prima assicurarmi che i dati sul nuovo server siano stati caricati correttamente. Quello che non riesco a fare è proprio questo. Come posso visualizzare il mio sito sul nuovo server dedicato senza dominio? Io fino ad ora ho sempre scritto nella barra degli indirizzi del browser l'indirizzo IP del server, ma con questo server dedicato sembra non funzionare. L'unica cosa che risulta scritta è: "Apache is functioning normally" Ho contattato l'assistenza che mi ha risposto dicendomi che non è possibile visualizzare il sito senza il cambio DNS. Sinceramente ho qualche dubbio: le mie esperienze passate (su hosting condiviso) mi hanno fatto credere il contrario. Nell'attesa di un vostro parere, ringrazio anticipatamente per l'aiuto.
  24. Ciao sono nuovo del forum, volevo dirvi che io vendo un mio sito web che è presente su tutti i motori di ricerca nelle prime pagine, ed ha molte visite. Il mio sito web ha circa 2500 visite al giorno, provenienti guasi tutte dai motori di ricerca in particolare google, il mio sito web si occupa della vendita di casette in legno, vendite online. Il sito web è posizionato sulle prime 10 pagine dei motori di ricerca più importanti con le seguenti parole chiavi: casette in legno (con questa parola chiave il mio sito web è presente nella seconda pagine di google, ma anche di altri importanti motori di ricerca) vendite online (con questa parola chiave siamo presenti nell'8 pagina di google, e anche in altri motori di ricerca) Io capisco che se qualcuno non è esperto della vendita di legno non può acquistare il mio sito web, però il mio sito web è posizionato su google e su altri motori di ricerca con la parola chiave "vendite online" dunque potrete inserire nel mio sito web un altro prodotto da vendere su internet. Il mio sito web è: Vendite di casette in legno massello - BAK JEONG AE VENDITE ON LINE Se qualcuno è interessato può scrivere pure in questa discussione, oppure inviatemi una email: info@webdesigner9293.com Ciao a tutti.
  25. Salve a tutti, sono un nuovo utente che come lettore vi segue da un pò e dopo aver appreso parecchie nozioni da questo forum, ora ha una domanda da farvi :) La questione in se è abbastanza semplice, devo mettere online un sito di "streaming", scritto tra virgolette perchè io di mio non devo dare il servizio di streaming, si tratta semplicemente di uno di quei tanti siti che si vedono in giro (non faccio nomi, ma quelli noti si sanno) che contengono i link a megavideo. Io ho già dei blog personali e non, che vanno benissimo su servizi hosting italiani, ma ho visto che ora come ora, i siti contenenti link di filmati in streaming (nel mio caso parlo di puntate di serie tv) in italia cominciano a non essere più tanto tollerati. Quello che vorrei fare, si traduce in una bella raccolta di quello che già attualmente si trova online, prenderne i link e metterli su un bel sito. A questo punto però, su uno spazio hosting in qualche paese che non mi dia problemi a riguardo. Alla fine, non è niente di che, solo una raccolta di link ad altri siti. Quindi, consigli su servizi da utilizzare e paesi sui quali puntare a colpo sicuro? eventualmente anche aziende che in caso di bisogno, mi possano passare il tutto su server dedicati, se l'hosting non bastasse più. a voi la parola ;) ovviamente grazie a chi risponderà ;)
×