Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'quanto'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 39 results

  1. Egregi singori del forum, ho qualche mezza idea imprenditoriale e invece di iniziare con l'aprire un negozio/ufficio fisico sto prendendo in considerazione di iniziare con UN negozio virtuale per poi eventualmente affiancare il sito con un negozio OFF-LINE. Ora sappiamo tutti quanto e' facile aprire un sito rispetto a ieri ma sappiamo anche come e' difficile posizionarlo e commercializzare tenendo a bada la concorrenza. Per puro caso mi imbatto in internet su varie inserzioni che propongono la vendita di siti internet gia' avviati e addirittura trovo un'agenzia spagnola che e' specializzata solo sulla vendita di negozi on-line. Cosa ne pensate della convenienza in GENERALE di COMPRARE un sito gia' AVVIATO a prescindere dal sito e dal settore merceologico? come verificare o difendermi dalle promesse di incassi dimostrabili di taluni siti messi in vendita? COSA DEVO CHIEDERE e farmi mostrare per farmi un'opinione veritiera di quello che mi offrono? inoltre che consigli mi dareste o quali persone sarebbero utili per affiancarmi nella trattativa di acquisto? mi scuso gia' da adesso per le troppe domande poste. Ma rispondete per quello che vi sentite di rispondere
  2. Vorrei pubblicare un sito rivolto sia all' utenza italiana che a quella europea. Molti provider correttamente precisano dove si trovano i loro server. A questo punto la domanda è: per un utente europeo che dovesse accedere al sito, che il server sia in Germania piuttoto che in Inghilterra piuttosto che presso l' I.Net di Milano o Caldera comporta sostanzialmente qualche innavertibile millisecondo di attesa in più oppure chi si rivolge anche ad una utenza straniera deve vagliare con attenzione dove si trovano i server dei vari provider? Cioè, che il sito sia veloce come una scheggia dipende più da dove si trova il server o da altre caratteristiche (quali?) da valutare con attenzione? Seconda domanda: chi offre traffico illimitato, ma contestualmente precisa un minimo garantito, fa necessariamente overselling o non è detto? grz
  3. Buonasera a tutti, dovrei realizzare un sito utilizzando come CMS wordpress MU. Acquisterei il piano hosting linux su Aruba. La domanda non è tanto relativa al piano quanto ai servizi aggiuntivi. Infatti dato che il network sarà inizialmente costituito da quattro siti: nomedominio.it/nomesito1 nomedominio.it/nomesito2 nomedominio.it/nomesito3 nomedominio.it/nomesito4 e considerando che su ogni blog/sito si posteranno 2/3 articoli al giorno mi chiedevo quanto spazio MySql devo acquistare. 100MB? 200MB? Se qualcuno può darmi una mano è ben accetto. Grazie e buona continuazione di serata.
  4. 14 milioni di dollari, tanto è stato fermato da un downtime nella notte del 29 Ottobre del popolare sistema di pagamento PayPal. Circa 74 minuti di downtime, un tempo davvero consistente per un servizio utilizzato in tutto il mondo, al quale accedono migliaia di siti web, privati e compagnie di calibro mondiale, tramite anche API interne. Leggi Quanto costa un downtime per PayPal?
  5. Buonasera. So già che rispondere a questa domanda sia quanto mai difficile ma mi auguro, perlomeno, di ricevere dei validi consigli su come valutare un sito OpenCart. Finora mi sono occupato della realizzazione di siti senza avvalermi di strutture preesistenti e soprattutto gratuite (Joomla, OpenCart, OsCommerce, ecc.). Questo mi ha sempre costretto ad applicare dei prezzi non sempre abbordabili, facendomi perdere anche alcuni lavori. Non tutti sono disposti a spendere dai 4000 euro in su per un sito di ecommerce. Da poco mi sono però avvicinato a OpenCart ed ho già realizzato un primo progetto. Trattandosi però dell'attività di un amico l'aspetto economico è stato gestito in maniera "informale". Adesso però vorrei poter proporre questo sistema ai miei clienti, ma non ho idea delle tariffe da applicare. In giro ho trovato persino aziende che realizzano gratuitamente dei siti con OpenCart chiedendo solamente una percentuale sugli incassi, ma io vorrei evitare questa soluzione. Potrei eventualmente prevedere una soluzione ibrida, ovvero un costo minimo d'avvio più una percentuale sul fatturato del primo anno. Però vorrei anche essere in grado di dare una valutazione al lavoro che, per quanto utilizzi una risorsa gratuita, richiede comunque l'intervento dello sviluppatore. Ogni consiglio ed opinione è bene accetta. Grazie e buona serata.
  6. Salve, Alllora, qui si stanno dicendo un sacco di cavolate ... e scusate il termine "sacco" ... Dunque, Windows, al pari di MVS (sistema operativo Mainframe che dubito conoscano in molti a fondo ... e se qualcuno lo conosce, capirà quello che sto per dire ...) è un S.O. che permette personalizzazioni ...e le permette in modo spinto ... Non mi venite a dire che NON è così, perchè CHI asserisce il contrario, NON ha mai avuto a che fare con Windows nè con i Mainframe. Un esempio su tutti : conosco "qualcuno" che , utilizzando i "verbi" della comunicazione 6.2 (APPC Advanced Program to Program Communication) si è praticamente riscritto il protocollo di "Two Phase Commit" ... quindi, per cortesia, non venitemi a dire che con Windows non si possono fare certe cose ... Poi, il discorso bug ... ma che c'entra ... se c'è un bug ... c'è un bug ... e anche qui, occorre distinguere da bug a bug, perchè ci potrebbe essere un Workaround che , per tamponare potrebbe risolvere momentaneamente il problema. Nel mondo Open Source è la Community che risolve (forse) e nell' altro mondo è Microsoft (in collaborazione con i propri partners) Detto questo, giusto per puntualizzare, altrimenti si parla per sentito dire e basta ... Microsoft ha altre colpe ... prime fra tutte quella di far nascere "tecnologie" e poi farle morire quasi subito perchè ritenute non soddisfacenti dal punto di vista "marketing" , oppure, cercare di imporre determinate tecnologie utilizzando posizioni di mercato predominanti (il Browser ne è un esempio ... ma anche il Media Player è un altro esempio ...) Detto questo, personalmente sono favorevolissimo al fatto che i PC (e solo quelli, perchè per i Server è già così) vengan venduti con l' opzione di scelta del S.O. ... però, per cortesia, non andiamo in giro ad alimentare "favole" che poi, puntualmente, possono essere contraddette ... già l' ho fatto altre volte, dimostrando, con i fatti, che quello che la maggior parte della gente crede non possibile, poi lo diventa ... mi riferisco al discorso Visual Basic ... considerato sempre il "cugino povero" del C ... ebbene anche con quel linguaggio di programmazione , si riescono a fare delle cose mooooolto interessanti, se lo si sa padroneggiare ... nè più ne meno come un S.O. E comunque, come spesso accade, siamo pesantemente OT Ciao !!
  7. Ciao a tutti. Sto vedendo online le varie offerte per un server managed e visto che conosco Inet di fama (ne ho sempre sentito parlare molto bene) volevo vedere quanto costa un server da loro. Navigando per il loro sito pero' non sono riuscito a trovare nulla riguardo l'offerta/costo ho inviato una mail ma ancora non mi hanno risposto. Qualcuno di voi ha esperienza con loro in questo senso? O mi puo' consigliare una valida alternativa? Grazie a tutti e buon anno!
  8. Ho appena registrato tre domini, due .it e un .eu, dovrei ora registrare un dominio .com. I .it li ho sempre registrati da un noto provider nazionale, ora per una semplice ragione ho cambiato: la procedura è lunga, non è possibile il pagamento "veloce", devo rispondere ad una infinità di passaggi e riformulare ogni volta form con dati che l'azienda dovrebbe già conoscere. In più: una interfaccia di gestione dei dns e dei domini (anche fatturazione) che è tutt'altro che gradevole, scomoda e poco intuitiva. Penso che questi aspetti siano uno degli aspetti fondamentali per chi vuole offrire un servizio di registrazioni domini. Perchè impormi 1000 passaggi? Con questo provider ho seguito 2/3 click (strettamente necessari), pagato e il mio dominio era in registrazione ;) Se voglio ordinarne uno nuovo posso farlo con meno click ancora, partendo dal mio account. Una domanda rivolta agli utenti e alle aziende? quanto tenete in considerazione questi aspetti? Io li trovo fondamentali, per un cliente e a maggior ragione per una azienda che voglia incrementare le registrazioni :)
  9. Oggi sono finito casualmente sul sito di OVH. Volevo vedere se c'erano sviluppi sull'estensione del sito alla clientela italiana e noto in fondo ad esso un testo in rosso che recita: "OVH recrute pour 2008" Clicco e mi trovo in questa stupenda pagina in francese: http://www.ovh.com/fr/particulier/apropos/offres_emploi.xml E leggo che cercano personale di lingua Italiana. Che sia un segnale dell'imminente arriva di OVH sul mercato italiano? Non ci resta che aspettare maggiori conferme... Aspetto commenti :asd:
  10. Una news abbastanza preoccupante: T-Mobile: "Microsoft ha perso tutti i dati relativi ai nostri Sidekick, scusate" | HostingTalk.it .... diverse volte ho parlato con persone che mi dicevano di non credere nel modello del cloud computing proprio per la sua insicurezza...certo leggendo mi è venuto il dubbio "se fosse accaduto al servizio di storage online a cui affido i miei backup"...o ancora alla posta?
  11. Twitter piace, piace alle aziende, ma anche ai colossi del web, a chi come Microsoft o come Google in quei messaggi da 140 caratteri vede una potenzialità per migliorare la ricerca online, includendo una ricerca "real time". Per questo sembra che il noto social network sia alle prese con una trattativa che potrebbe vedere proprio Google e Microsoft sui due fronti, entrambe interessate a potenziare il proprio motore di ricerca offrendo una ricerca su fatti che avvengono in tempo reale, segnalazioni e cambiamenti di stato che una compagnia come Google, indubbiamente, saprebbe valorizzare. Leggi Twitter: quanto vale la ricerca in tempo reale per Google e Microsoft?
  12. Ciao a tutti, gestisco una community da quasi quattro anni, che genera 10.000+ visitatori unici al giorno. Il sito in questione è www.nextrl.it. Attualmente il sito è hostato da un condiviso di Aruba, è da qualche mese però che sento il bisogno di passare a un dedicato, a qualcosa che mi dia parecchia libertà in più, da gestire secondo le mie necessità. Tra l'altro avrei intenzione di hostarci anche un paio di siti che aprirei nei prossimi mesi. Molti mi hanno consigliato kimsufi, altri mi hanno detto di guardare in Germania, io sinceramente non so dove sbattere la testa e devo decidere anche in fretta: tra una settimana mi scade l'hosting con Aruba. Il dubbio principale è: quanta potenza hardware mi serve? Attualmente non ne ho idea, perchè non so come misurare effettivamente il "peso" che ha il sito sul server di Aruba. Spero che voi mi possiate dare una mano. :fagiano:
  13. secondo voi, quanto vale questo sito?? www.scaipe.tv utenti registrati (e verificati) 17000 visite singole giornaliere da 500 a 3000 pagine viste mensili 150.000 in tempi gestiti bene tra newletter e adsense si tiravan su 1000$ al mese
  14. Salve a tutti, sono nuovo ma credo di conoscere qualche vecchia guardia :) Scrivo perché sarei intenzionato a vendere il mio sito: Film da vedere | Non sai che film vedere? Fatteli consigliare da noi La vendita dipende da quanto reputo convincenti le offerte, quindi se vi interessa dite pure.
  15. I nostri utenti ce lo hanno fatto notare più e più volte, se cerchi qualche parere negativo su un'azienda di servizi webhosting lo trovi quasi sempre, ma se cerchi qualcuno che ne parli bene puoi contare questi pareri sulle dita delle mani, anche per grandi compagnie. Non solo sui forum, anche chi ha un blog difficilmente dedica tempo alla scrittura di un post per dire quanto il suo provider riesca a fornirgli un buon servizio, per il contrario crea decine di links a blog esterni. leggi tutto Leggi il resto di Quanto è difficile trovare pareri positivi sui servizi di hosting? sul blog di HostingTalk.it
  16. Mi sto decidendo ad iniziare questo thread perchè vedo sempre più in questo forum l'andamento generale che c'è nei vari forum tecnici soprattutto informatici.. e che tutto sommato esiste anche in altri ambiti. Premetto che chiedo una conversazione (per chi vuole partecipare al thread) pacata, rispettosa ed educata. La tendenza di cui parlo è quella in cui non si conosce un fico secco di un determinato argomento e si pretende che in nome di una utopistica condivisione chi sa su una determinata cosa possa come per magia risolvere i problemi. Scrivo in particolare i questa sezione perchè oggi che i prezzi sono scesi va di moda acquistare (noleggiare) vps e server perchè fa figo, perchè si pensa di poterci mettere 20000 siti e sperare che qualcuno li riempa per guadagnarci, perchè si pensa di fare hosting casareccio con qualcuno che ne capisce ancor meno di noi. Spesso un pannello preinstallato da l'illusione di potersi arrangiare, ci si crede anche sistemisti quando magari non si sa neanche come usare una shell per vedere i file del proprio sistema. Finchè tutto miracolosamente tiene le cose vanno bene, poi possono accadere diverse cose. Un processo impazzisce per qualche motivo. Leggiamo per caso un cosidetto trick e ci viene in mente di provarlo, magari il tutorial non è perfetto al 100% per la nostra configurazione e/o S.O. e combiniamo un casino. Ci viene in mente di installare altri software tipo per video o radioweb o game ma combiniamo qualche pastrocchio etc etc..... A quel punto il server o si ferma o non funziona più come vogliamo, iniziamo a leggere in giro e troviamo che ci sono dei forum dove c'è gente che sa come si usa una shell, come mantenere in efficienza un sistema, in poche parole dei veri sistemisti, alcuni per hobby, altri di professioni, qualcuno più bravo e preparato qualcuno meno, ma tutti in grado di gestirsi normalmente un server. E' un forum, si parla, quindi perchè non chiedere? Questi sono geni, non serve neanche fare tanta fatica, basta un titolo/post tipo: "Wee la mail non mi funziona più!!", " Apache è morto, sarà colpa del generale Cluster?" (non ho sbagliato il nome del generale, sto giocando con le parole), "Ho il dominio ke punta al server che ho preso da quelli la, però quando metto www prima del nome mi dice errore" Ed i "geni" dovrebbero riuscire a capire magicamente, poi però hanno due possibilità o danno una soluzione chiavi in mano tipo: Apri la shell digiti ssh cretino@miosito.com digiti la password digiti etc etc blah blah.... oppure devono farsi dare i dati di accesso lavorare qualche mezz'ora o più e sistemare tutti i casini, cosa che se uno fa di sua iniziativa è un discorso, ma se è una pretesa... ci siamo capiti.... nella prima ipotesi poi c'è da aspettarsi domande tipo: "digiti la password... uhum, quale password? Quella FTP? Quando qualcuno poi fa una battuta ecco che riescono le menate della condivisione, che internet è fatta per scambiarsi aiuto blah blah... però stranamente chi dice questo spesso (non sempre, sia chiaro) è gente che vede questa famosa condivisione a senso unico: "tu dai, io ricevo", fosse anche solo per un grazie. Quello che mi preme di più di tutto questo discorso è però un punto, per quello che mi riguarda se posso una mano la dò volentieri, come a volte chiedo un aiuto se mi occorre, ma quando chiedo cerco sempre di avere un minimo di base su quello che sto chiedendo, non posso pretendere che un'altro mi faccia completamente le cose da zero, mi può sfuggire una virgola, posso essermi distratto e poi come spesso accade non riuscire più da solo (o magari con molto tempo che a volte non si ha) a rivedere quell'errore stupido che mi incasina, ma non mi sognerei di pretendere che qualcuno mi faccia da sistemista gratis (tanto sono 5 minuti...) solo perchè lui è capace ed io ho comprato una cosa di cui non ho proprio alba, sarebbe come se mi comprassi un aereo e pretendessi che un pilota mi porti a spasso gratis. Se invece io so pilotare magari uno un consiglio me lo da volentieri.. ci si capisce anche prima e con più profitto. Io personalmente poi quando uno mi aiuta comunque mi informo studiando, per due motivi, primo perchè la prossima volta vorrei da solo riuscire a sistemare la cosa se succede, secondo perchè una volta imparata una cosa mi sarà utile, spesso anche quando il problema è diverso. Inoltre vorrei ribadire e marchiare a fuoco, scolpire su roccia, un concetto: Non comprate un vps o un dedicato se non sapete amministrarlo Unica deroga se lo prendete senza metterci nulla di importante e ci perdete del tempo per imparare, però la stessa cosa si può fare (risparmiando) sul proprio pc installandosi una distribuzione linux e cercando di usare un pò la shell anche per quelle cose che si possono fare con interfaccia grafica. Spesso noto che chi compra un vps o un dedicato e non sa amministrarlo è anche un mediocre (se non pessimo) webmaster, i soli siti sono già insicuri, pieni di porcherie sia stilistiche che strutturali... eppure invece che approfondire prima quel lato si lanciano nella "gestione" server. Mi fermo perchè ho già scritto troppe cose, ma ne avrei ancora volendo
  17. Continua il conto alla rovescia alla fine degli indirizzi IP, nel 2008 sono stati utilizzati 197 milioni di indirizzi, per paesi come la Cina potrebbero finire già nel 2010 Leggi la News
  18. Salve, scusate la domanda banale... qualcuno può spiegarmi con semplicità a quanto traffico mensile corrisponde una banda di 10Mbit? Dire 10Mbit e 10Mbit unmetered connection è la stessa cosa? Si tratta di banda garantita o condivisa? Grazie... Ciao
  19. Tanto costerebbe realizzare oggi una distribuzione Linux facendo una media dei costi degli stipendi degli sviluppatori e degli investimenti necessari. Nel 2002 il costo di una distribuzione era di 1.2 miliardi. Leggi la News
  20. Rientrati i problemi elettrici che dall'inizio di Ottobre si sono susseguiti nel datacenter milanese di Seeweb: la compagnia ha pubblicato un comunicato ufficiale con la cronologia degli eventi e i dettagli di quanto accaduto. Ora la situazione è nella norma e si studiano nuove soluzioni per gli impianti per scongiurare in futuro simili blackout. Leggi la News
  21. Ho fatto richiesta 2 giorni fa, nessuna risposta. Che dite, sono in ferie? Non ho urgenza ma non vorrei ridurmi all'ultimo :062802drink_prv:
  22. Si torna a parlare di un fenomeno che sembra intensificarsi e che rappresenta un grave rischio per aziende e privati che affidano le proprie macchine a datacenter poco sicuri: nel mirino quasi sempre c'è l'hardware, altre volte dati sensibili. Leggi la News
  23. Alzi la mano chi di noi che gestiamo server dedicati non si è mai chiesto "Ma queste cose capitano solo a me?". A tal fine chiedo a tutti voi di specificare un termine temporale (anche a grandi linee) entro il quale capita qualche stranezza che vi costringe a riavviare o cmq aprire un ticket di assistenza per problemi bloccanti tipo MySql, E-mail, Apache o altro k.o. Credo che in questo modo sia poi più semplice aiutare chi cerca un servizio affidabile.
  24. Salve a tutti Avrei una curiosità da chiedere ai forumisti... Ho visto che in questo forum ci sono molti professionisti che lavorano per alcune imprese di hosting... e spero che in virtù della vostra esperienza possiate darmi delle risposte. Mi chiedevo cosa incide nel determinare il valore di mercato di un'impresa di hosting: il numero dei clienti? il fatturato annuo? il tasso di crescita dei clienti? Per esempio, quanto può valere oggettivamente un'impresa di hosting con una struttura leggera (4 dipendenti e noleggio di server dedicati) con 10 000 clienti, 300 000 € di fatturato annuo e un tasso di crescita del 30-40% annuo se si decidesse di venderla? Per avere dei termini di paragone, c'è qualcuno che sa quanto ha pagato Alicom Srl per acquistare Natan.it o Websolutions.it o quanto è costato a Dada l'acquisto di Namesco? Vorrei sapere gentilmente un'altra cosa... Stavo pensando di noleggiare dei server dedicati di The Planet presso il loro datacenter di Dallas perchè ho letto delle buone recensioni su questa società: qualcuno ha avuto esperienze con i servizi di hosting di The Planet? Sono affidabili? Ho ancora qualche perplessità per quanto riguarda la velocità di connessione perchè ho visto che hanno un ping un pò alto dall'Italia (sui 170 ms): questo potrebbe essere un problema per i clienti italiani? Mi preoccupa il fatto che dovendo aspettare qualche secondo in più per l'apertura delle pagine web i clienti potrebbero preferire la connettività italiana. Se usate connettività americana (dal Texas o giù di lì), avete avuto problemi con i vostri clienti? Grazie a tutti quelli che vorranno rispondermi...
  25. Vorrei sapere da un utente che ha wordpress su altervista da molto tempo (con molti post) quanto spazio ha occupato per regolarmi in futuro. Grazie
×