Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'semplice'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 14 results

  1. Ciao, sto tentando di trasferire un dominio da un provider all'altro. Il nuovo provider ha chiesto il codice EPP, ma il vecchio provider dice che non serve. Allora il nuovo provider comunica i DNS da modificare in modo da correggere l'indirizzamento e la risoluzione. Io li invio al vecchio provider..... e questo mi dice che se voglio cambiare i DNS devo convertirmi (e quindi pagare) il servizio di Gestione DNS. A me pare assurdo. Non sto chiedendo un servizio di auto-gestione del servizio di risoluzione del dominio. Sto chiedendo solamente di variarli UNA volta, per il passaggio ad altro hosting. Ora, capisco l'ostruzionismo del vecchio provider che non ha interesse a modificare i DNS, e cerca di spillarmi qualche soldo in più.... ma non è mio diritto chiedere una modifica tale, una tantum, effettuata direttamente da loro? Posso rivalermi e trovare il modo di fargli effettuare questa modifica, senza dover pagare un servizio che comunque non userei mai più? Grazie delle informazioni
  2. Ieri sera guardando la trasmissione Report su rai tre si parlava di finmeccanica, e nel servizio un tizio di una società del gruppo faceva vedere al giornalista un armadio rack con dentro una serie di server sia blade che normali rackmount e riportava al giornalista che quell'armadio consumava di corrente quanto un palazzo di 5 piani e produceva calore che poteva scaldare 4 appartamenti. Facendo un conto base base..un palazzo di 5 piani con 2 apprtamenti per piano sono 10 apprtameni che tutti con 3 kw di corrente fanno circa 30kw di corrente. Secondo voi è possibile avere in un rack un tale assorbimento? per chi volesse vedere il video può andare qui Rai Replay e andare al minuto 20 e 20.
  3. La Apache Software Foundation, l'organizzazione che si occupa della gestione dei numerosi progetti opensource, tra cui il più noto webserver Apache, ha lanciato una iniziativa che ha come obiettivo quello di accogliere i nuovi sviluppatori che intendono avvicinarsi alla community. Leggi Apache: diventare uno sviluppatore è semplice, un programma ad hoc
  4. Salve a tutti, avrei bisogno di un consiglio: ho un semplice sito web scritto in html, niente cose complicate, solo delle semplici pagine .htm. Ho bisogno di un servizio gratuito che mi permetta di hostare queste pagine (10 al momento, ma in futuro saranno di più) possibilmente senza banner pubblicitari. Vorrei poi collegare questo sito con un dominio .tk in modo che se dovessi in futuro cambiare hosting la gente non avrebbe problemi a raggiungere il sito. Al momento sto provando Superw**.ws e mi sembra che sia buono, qualcuno può darmi un consiglio? (perdonate eventuali imprecisioni/errori non sono un esperto grazie spero di imparare da voi)
  5. “If you’re a hoster and you can’t offer capacity on demand, most of my clients will now simply take you off the table. It’s an extra kick in the teeth if you’ve got an on-demand offering but it’s not yet integrated with your managed services and/or dedicated offerings; now you’re competing as if you were two providers instead of one." Leggi I clienti chiedono servizi di cloud computing, non semplice hosting
  6. Rackspace è uno di quei provider storici che ha deciso di investire maggiormente nella conversione dei propri clienti al cloud computing: pur mantenendo un profilo di servizi di alto livello, la compagnia da tempo ha dato ampio spazio alla propria piattaforma di cloud computing, la cui celebrità al momento è seconda solo ad Amazon EC2, vera regina del mercato. Leggi Rackspace lancia Cloud Tools, il cloud computing deve essere semplice
  7. HostingSolutions.it, il noto hosting provider italiano specializzato nel settore hosting con soluzioni shared e dedicate, ha deciso di semplificare ulteriormente il proprio pacchetto base per la registrazione di un dominio con relativo spazio web a disposizione. Leggi Una nuova semplice soluzione per lo shared hosting da HostingSolutions.it
  8. Un articolo per capire cosa sia e come realizzare una semplice servlet con NetBeans: tutto il necessario per iniziare subito e testare il funzionamento della servlet tramite Apache Tomcat. Leggi l'Articolo
  9. R1Soft ha ufficialmente rilasciato la beta del proprio Hot Copy, tool che consente di eseguire in maniera efficiente e semplice backup dei propri server Linux. Da oggi il prodotto, in versione beta, può essere scaricato liberamente dal sito della compagnia. Leggi la News
  10. sto sviluppando, per lavoro, un soft di backup praticamente finito ... sto correggendo migliaia di bug ... ed oggi ne ho scoperto uno nuovo ... VERAMENTE strano ... LOL :D in pratica dopo 10/15 minuti di esecuzione di backup continui, durante i test su 98, mi sono accorto che andava in crash dopo 3/4 prove ho fatto una prova su xp ... e anche li su tutto in crash e mi son detto ... LOL ... che cavolo può essere? la cosa veramente strana è che mi compariva al posto dei bottoni, checkbox, icone, immagini e co dei rettangoli con un bordo rosso, di sfondo bianco con le diagonali rosse (di solito mi succede quando finisce la memoria e non riesce ad allocare l'oggetto grafico) ... e stavo tentando di capire cosa succedeva dopo svariate correzioni al codice, che comunque non hanno sistemato il problema, mi è venuta un'idea: ricorriamo ai tool di sysinternals :D Ho scaricato il BELLISSIMO process explorer e mi sono monitorato il processo Sapete cos'ho scoperto? che effettivamente c'era un leak ... ma non un memory leak ma un handle leak :stordita: in pratica tutti gli "elementi" grafici che vedete a video hanno un "codice identificativo", che corrisponde ad un'intero di 2 byte, quindi max 65 mila e qualcosa ... ecco ... il mio software ne generava 50 al secondo circa ... collassando il sistema cosi, siccome ho svariati controlli che ho scritto a mano ... me li sono passati TUTTI al vaglio, corretti dei possibili handle leak il problema sussisteva ... vi giuro ... non capivo cosa diavolo era! Al che ... mi è venuto un dubbio ... il software ha un'iconcina in basso a destra che fa vedere che il software lavora e c'è tipo un serverino non in basso a destra un segnalatore che mostra che lavora (tipo l'animazione che ha ff a sinistra del titolo nella tab mentre carica, solo che verde e più corto) ... ecco ... ho aperto il codice ... ed ho visto che avevo scritto una MEGA boiata: in pratica a ogni "cambiamento" della icona ricaricavo dalle risorse del software (contenute nell'eseguibile) l'icona instanziando un nuovo oggetto ... LOL non solo rallentavo OLTRE modo le operazioni, ma inizializzavo una nuova "icona" a rotazione :D sistemato questo ... adesso gli oggetti grafici (ergo GDI Handle) stanno intorno ai 70/80 (dipende se compaiono finestre di avviso o altro) direi DECISAMENTE una cifra molto più accettabile :D che odissea ... LOL
  11. Ciao, avrei in mente di mettere su un blog che dovrà essere gestito da una persona non particolarmente esperta di informatica. Sono orientato a WordPress perché mi piace il modo in cui è impostato, e la sua attenzione alla leggibilità, ma sono aperto a consigli su piattaforme alternative. Comunque... alcuni vincoli mi fanno escludere i servizi di blog gratuiti, perché il blog dovrà essere su un dominio proprio, permettere l'inserimento di video e audio, e avere un sistema di gestione dei banner pubblicitari. Tutto perfettamente gestibile installando in proprio WordPress su un qualsiasi hosting Linux, ma il problema è: come faccio ad essere sicuro che il software installato sul server sarà sempre aggiornato e senza evidenti falle aperte? Con una installazione "fatta in proprio", l'installazione di aggiornamenti di sicurezza difficilmente potrà essere effettuata dall'utente inesperto. Sto dando un'occhiata ai servizi di hosting con installer "one-click" di WordPress, che lasciano al provider l'onere della manutenzione del software (ad es. Dreamhost), ma purtroppo mi sembra che limitino molto le possibilità di personalizzazione del blog. Esiste una soluzione, oppure è inutile continuare a cercare e rassegnarsi al fatto che gli aggiornamenti e la manutenzione dovrò farli io? In ogni caso, consigli sul provider da scegliere? Mi orienterei su Linux, dovendo alla fine usare PHP+MySQL. Tenete conto che vorrei evitare i provider troppo economici stile Aruba o Tophost. La cosa dovrebbe partire come un esperimento, ma con tendenze "serie", anche a causa della presenza di inserzionisti. Quindi anche spendere 120-150 euro/anno non dovrebbe essere un problema, per avere un servizio migliore. E vanno bene anche provider esteri, se hanno buona connettività con l'Italia. Lo spazio non dovrebbe essere esiguo, data la presenza di video e audio, ma è anche inutile partire con 100GB. Banda... non ne ho idea, ma almeno per i primi tempi il traffico sicuramente non sarà niente di speciale; meglio però avere la possibilità di "upgrade" di qualche tipo. Grazie a tutti.
  12. Leggendo su WHT mi sono imbattutto in questo post: http://www.webhostingtalk.com/showthread.php?t=697219 merita una lettura, spiegato con fatti che accadono realmente e una situazione in cui molti si trovano se non sono del settore :)
  13. Ciao ragazzi , mi scuso per il titolo del post , ma non sapevo come meglio evidenziarlo. Vi spiego il mio problema: Attualmente come macchina da test come server su cui compilo varie versioni di ffmpeg , icecast , altri server di streaming , un portatile per ragioni di trasportabilità. Ma spesso mi ccapita di dover fare un backup totale della macchina , per preservarne lo stato prima di eventuali accrocchi... Di solito riavvio il pc , metto un live cd con partimage e faccio un tar.gz dell'hd andando a occupare solo le dimensioni effettive dello spazio utilizzato Io vorrei chiedervi se conoscete un sistema di backup da riga di comando che faccia un archivio comodo da gestire , che non necessiti però il riavvio dellea macchina o l'umount delle partizioni! SEcondo voi per fare tale cosa è preferibile usare un'altra partizione interna non utilizzata , oppure un hd di rete esterno? Grazie mille Pierpaolo:approved:
  14. Salve, premetto che ho già guardato un po di offerte in giro ma mi sono un po perso tra pareri di amici, siti internet, e altro. Così pensavo di chieder qui consiglio. Allora a me servirebbe un hosting relativamente semplice, possibilmente su linux e con supporto mysql. Parlo ovviamente di quegli hosting da 30€ circa all'anno. Lo scopo sarebbe quello di fare un piccolo sito informativo (aeronautica e spazio nel mio caso) e forse in un un futuro recente inserirvi anche un blog di wordpress e un forum. Ora ho visto le offerte di Aruba, Solodomini.com, e altri hosting ma non saprei decidermi. Più che altro perchè aruba e solodomini sono allettanti (spazio illimitato, elevata velocità di banda, ..), ma da esperienze di amici sò per certo che aruba nel contratto inserisce sempre moltissimi vincoli, spesso si rallenta o viene hackerato come nulla. Solodomini.com invece non lo conosco bene, ma dalla homepage non mi ha bencolpito: cioè se un sito di hosting mi si presenta con una homepage fortemente confusa e dispersiva non mi faccio una buona idea... Quindi chiedo a voi, ovviamente non pretendo la qualità assoluta (sò che li si deve per forza viaggiare sopra i 100€), ma semplicemente di sapere qualè il male minore, ovvero quello che sà mantenere una buona velocità di navigazione, che ha meno clausole nascoste, che ha una discreta assistenza. Infine ho letto in giro che si consiglia di comprare prima il dominio e poi l'hosting in modo da mantenere il dominio a sè senza dover essere legati all'host. Quindi chiedo illuminazione sulla procedura da seguire per fare ciò ^^
×