Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'storia'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Richiesta informazioni e consigli hosting
    • Domini e Registrazioni
    • Shared e Managed Webhosting
    • WebHosting - Primi passi
    • Server dedicati, colocation, connettività e scelta data center
    • VPS - Virtual Private Server
    • Cloud Computing e Cloud Hosting
    • Gestione Server Windows e Server Linux
    • E-mail e Managed Services
    • Pannelli di controllo e Hosting software
    • Professione Hosting Provider
  • Sviluppo Web e Tempo Libero
    • Io Programmo
    • Promozione, advertising e SEO
    • Off-Topic
    • Il tuo sito
  • Guide su hosting, domini, server, CMS e Cloud Computing
    • Articoli e Guide su hosting, domini e cloud computing
    • Annunci e News
    • Offerte Hosting - Provider HostingTalk.it

Calendars

There are no results to display.


Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests


Biografia


Località


Interessi


Cosa fai nella vita?


Il tuo Hosting Provider?

Found 6 results

  1. Storia Salesforce.com è una compagnia di cloud computing con sede a San Francisco, in USA, che distribuisce software per aziende sulla base della sottoscrizione ai suoi servizi. Salesforce ospita le... Continua a leggere, clicca qui.
  2. Ce ne fossero di bloggers così! Questo ho pensato arrivando in fondo al post di Stefano Quintarelli dedicato alla sua avventura all'interno di una dei più grandi data center italiani e tra i più apprezzati in Europa. Stefano ha voluto raccontare la transizione da fornitore di connettività a fornitore e partner per la gestione dei servizi del gruppo I.NET. leggi tutto Leggi il resto di I.NET e la storia di un ottimo modello di business raccontata da Stefano Quintarelli sul blog di HostingTalk.it
  3. TheVice

    La storia è servita!

    Agli over 20 (pure 30,va) e ai curiosi dell'evoluzione informatica, segnalo il lavoro di una "capatosta" che ha pazientemente scannerizzato, convertito in pdf ed infine indicizzato (tra poco finirà il motore di ricerca articoli) la più autorevole delle riviste informatiche italiane: http://tinyurl.com/ykgkdew un grazie ad Andrea De Prisco per aver reso disponibile l'intera collezione dal mitico numero 1 del 1981 al 218 del giugno 2001.
  4. Dopo oltre 30 anni di storia, si è chiuso il primo trimestre negativo per la compagnia di Redmond, un avvenimento mai accaduto, che fa focalizzare gli analisti sulle ragioni di quel -6% del trimestre appena concluso, a quota 13, 65 miliardi di dollari. Non sono i settore business, come quello dei server, a portare Microsoft nelle cattive acque, piuttosto il settore client dove la compagnia ha accusato un grave colpo sia sul fronte delle licenze Windows sia sul fronte delle licenze Office, entrambe in calo nelle vendite. Leggi Il primo trimestre in calo nella storia di Microsoft, colpa dei netbooks
  5. Sono capitato su questo articolo inerente Directi.com, una delle compagnia più grandi al mondo nel campo della registrazione domini e fornitura servizi hosting. Vi consiglio di leggerlo, la storia è davvero affascinante, considerando che è stata fondata da due fratelli di 16 e 19 anni. Molto bella anche la domanda finale che gli viene fatta su come avviare qualcosa di simile:
  6. Valeriano Manassero

    The HT Big Black Out, la storia...

    Dovevo farlo domani, ma sto finendo il download di una iso importante ed ho dieci minuti :D Quando abbiamo ricevuto da Seflow la notizia che il server attuale era morto senza spiegazione apparente, sono volati giù i primi santi in Contech Lab. Stiamo lavorando sulla nuova piattaforma e mancavano pochi giorni per le migrazioni, ovviamente Murphy ci ha messo del suo (come sempre). Recuperiamo tutto l'hardware possibile per le riparazioni perché le informazioni che riceviamo sono troppo vaghe per farne una diagnostica a distanza (problema hardware può essere qualsiasi cosa). Dico a Luca di assicurarsi che Seflow sia pronta ad accoglierci per capire la situazione. Non contento glielo ridico altre due volte per sicurezza. Luca mi dice che è d'accordo con Matteo che non sarà presente e ha quindi allertato I.Net. Ci presentiamo di buon ora ed ovviamente la sicurezza I.net non sa un tubo, l'helpdesk di secondo livello non sa un tubo, l'helpdesk di primo livello non sa un tubo, la supervisione accessi sala non sa un tubo. Comincio a tirar giù tutti i santi un'altra volta. Parte la telefonata a Matteo ed il telefono è spento (altri santi), chiamiamo quindi il suo socio che giura di inviare subito la mail. Dopo un ulteriore quarto d'ora, due sigarette e trenta maledizioni rivolto alla farm come Davide contro Golia, riusciamo ad entrare. Appena dentro ci rendiamo conto che il server si reboota di continuo e già immagino i dischi cotti come pere al forno. Basta, però, mettere una mano sull'alimentatore (che sysadmin geniale che sono eh? :asd: ) per capire che le ventole sono completamente grippate e che quella è la causa di tutto il casino, Grissom non serviva... Tiro via la macchina, la carico e la porto in Seeweb dove abbiamo attrezzature serie per testare i componenti visto che non sappiamo se l'alimentatore matto ha compromesso altro. I test portano via un sacco di tempo provando ogni componente *singolarmente* (che du cojoni) ma alla fine, sembra che la macchina non sia stata pervasa da morbi strani. La rimonto in ordine, la mettiamo in armadio, riconfiguriamo la rete e bootiamo con tutto incrociato, non solo le dita; il filesystem potrebbe essere andato al creatore e tirare su backup ora significherebbe perdere ulteriore tempo (cosa che prevede un altra fila di santi ammazzati). A questo punto faccio ogni tipo di fsck , check della ram dettagliato e controllo manuale di tutto ciò che mi viene a mente, risultato: la macchina sembra ok. Giriamo i dns al volo e cominciamo a monitorare. Arrivato in ufficio (dove sono ancora ora) vedo che i check sono tutti ok, e che la macchina si comporta bene. Adesso vado a nanna che ho due maroni che fanno il giro del globo... :cartello_lol:
×