Jump to content
Sign in to follow this  
Wallmail

Maintainer Fallito: Che fine fa il dominio?

Recommended Posts

Ciao a tutti,

 

mi frulla una strana idea per la testa...

 

ipotizziamo che registro il mio dominio con una società accreditata dal NIC, non quindi uno di quelgli hosting che usano servizi terzi.

 

Facciamo finta che esita un clone di Aruba... ma chiamiamolo PINCO.

 

Ho registrato un IT... per un annetto va tutto bene, poi da un giorno all'altro la società che ho scelto come maintainer (qualisasi) fallisce...

 

Che fine fa il mio dominio IT?

 

Stavo pensando di usare una società piccola proprio perchè penso che alcune diano molto più rapporto col cliente...

 

Però dico, se fallisse una di queste società come si fa col dominio? Specie per quelle società che sono registranti del dominio ed accreditate presso il NIC.

 

Cosa capita?! Ok, lo stesso problema si ha con .COM o .NET ma li basta andare su un servizio come GoDaddy e si va sul sicuro... anche se mai lo si è :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti,

 

mi frulla una strana idea per la testa...

 

ipotizziamo che registro il mio dominio con una società accreditata dal NIC, non quindi uno di quelgli hosting che usano servizi terzi.

 

Facciamo finta che esita un clone di Aruba... ma chiamiamolo PINCO.

 

Ho registrato un IT... per un annetto va tutto bene, poi da un giorno all'altro la società che ho scelto come maintainer (qualisasi) fallisce...

 

Che fine fa il mio dominio IT?

 

Stavo pensando di usare una società piccola proprio perchè penso che alcune diano molto più rapporto col cliente...

 

Però dico, se fallisse una di queste società come si fa col dominio? Specie per quelle società che sono registranti del dominio ed accreditate presso il NIC.

 

Cosa capita?! Ok, lo stesso problema si ha con .COM o .NET ma li basta andare su un servizio come GoDaddy e si va sul sicuro... anche se mai lo si è :-)

 

Perchè mai con GoDaddy sarebbe più sicura la cosa? E' fallita la Lehman Brothers (anche se i dirigenti sono andati a casa con milioni di dollari :emoticons_dent2020:)

 

Comunque penso che ogni azienda seria se si trova in una situazione del genere avvisa e lascia che i clienti si spostino altrove, se non addirittura cede i clienti ad altra azienda. Dopo uno può rimanerci o spostarsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque penso che ogni azienda seria se si trova in una situazione del genere avvisa e lascia che i clienti si spostino altrove, se non addirittura cede i clienti ad altra azienda. Dopo uno può rimanerci o spostarsi.

Lo penso anch'io, salvo che si tratti di calamità naturali o altre cause di forza maggiore improvvise e/o particolarmente gravi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, precisando che qui di cloni di ARUBA non ve ne sono:sisi:, visto che ogni maintainer ha dovuto sborsare dei soldini per poter essere accredito MAINTAINER, confermo quanto indicato da altri maintainer però aggiungo che il problema sarà che dall'oggi al domani (nei giorni di scadenza) ti ritroverai che il tuo dominio è in situazione di NO-PROVIDER, dopo il grace period, visto che quel maintainer non potrà pagare il dominio.

E' vero, per i domini .it, il titolare del dominio è un pò più tutelato dei domini internazionali, però dalle esperienze passate, nel caso di fallimento registrar, ICANN è sempre intervenuta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×