Jump to content
Sign in to follow this  
danielej

Sottodomini, cosa sono per voi?

Recommended Posts

Salve, apro questa discussione perchè vorrei farmi un'idea su ciò che normalmente si considera come sottodominio in riferimento ai servizi hosting, o almeno su quale sia il significato più probabile.

 

Mi è capitato di leggere e sentire varie interpretazioni:

- chi lo intende per redirect, ad esempio aprendo http://nome.dominio.ext si viene reindirizzati su http://dominio.ext/nome (varia tra redirect con codice 301 o 302, dipende dall'utente che lo vuole)

- chi lo intende come un hosting indipendente associato a un indirizzo http://nome.dominio.ext

- chi lo intende come un hosting che permette, aprendo sempre http://nome.dominio.ext di visualizzare il contenuto di una sottodirectory chiamata nome sull'hosting di dominio.ext.

- ho anche visto casi in cui veniva richiesto un sottodominio, poi si capiva alla fine l'obiettivo era solo aggiungere un record dns che puntava verso un altro server.

 

A volte viene chiesta questa funzionalità ma viste le varie interpretazioni possibili, voi (sia utenti sia provider) come pensate che debba funzionare un sottodominio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

per me un sottodominio è una zona con delega autonoma rispetto al dominio di livello superiore

se il nome è nella stessa zona lo considero un semplice nome host

 

poi quello che ci fai in termini di redirect ecc è un altro paio di maniche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve Daniele,

 

è un po difficile dare un risposta, perché come hai già scritto la gente spesso ha le sue definizioni, che spesso non vanno d'accordo con la definizione propria di un sottodominio.

 

- chi lo intende per redirect, ad esempio aprendo http://nome.dominio.ext si viene reindirizzati su http://dominio.ext/nome (varia tra redirect con codice 301 o 302, dipende dall'utente che lo vuole)

- chi lo intende come un hosting che permette, aprendo sempre http://nome.dominio.ext di visualizzare il contenuto di una sottodirectory chiamata nome sull'hosting di dominio.ext.

Questi due sono praticamente gli stessi.

 

- chi lo intende come un hosting indipendente associato a un indirizzo http://nome.dominio.ext

- ho anche visto casi in cui veniva richiesto un sottodominio, poi si capiva alla fine l'obiettivo era solo aggiungere un record dns che puntava verso un altro server.

e in un senso pure questi.

 

Con tutti due ci sarebbero un DNS record che contiene un A record puntando su un server con un servizio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
per me un sottodominio è una zona con delega autonoma rispetto al dominio di livello superiore

se il nome è nella stessa zona lo considero un semplice nome host

Mi sembra che non mi sono spiegato bene prima :062802drink_prv:

 

Ovviamente questa descrizione è più corretta. Un sottodiminio non deve essere solo un A record ma deve essere una zona per se stessa.

 

Quindi, quello che il tipico shared hosted cliente chiede è un hostname normalissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per le risposte.

 

Quindi, quello che il tipico shared hosted cliente chiede è un hostname normalissimo.

Il significato sarebbe quello, però come scrivevi prima ci sono varie interpretazioni diverse.

 

- chi lo intende per redirect, ad esempio aprendo http://nome.dominio.ext si viene reindirizzati su http://dominio.ext/nome (varia tra redirect con codice 301 o 302, dipende dall'utente che lo vuole)

- chi lo intende come un hosting che permette, aprendo sempre http://nome.dominio.ext di visualizzare il contenuto di una sottodirectory chiamata nome sull'hosting di dominio.ext.

 

Queste due sono le funzioni più comuni che ho visto chiedere come "sottodomini" anche se non si dovrebbero chiamare così.

Nel primo esempio è un normale redirect, nel secondo un virtualhost che punta a una sottodirectory di un altro spazio web.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me occorre distinguere il lato "tecnico" con il "risultato" ch eil cliente desidera in termini di servizio.

 

Anche perchè ai fini pratici sia un sottodominio che un nome host vanno a risolvere su un ip... quindi come effetto finale non c'è differenza (la differenza c'è ma non è visibile all'utente che fa la richiesta)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me la discussione è senza senso, almeno, dipende dall'ambito.

 

Sottodominio è un termine usato per indicare un dominio di livello inferiore. Dove vedi QUALCOSA.DOMINIO.TLD è un sottodominio. Punto.

 

Che poi sia dentro una zona e quindi sia solo un A/CNAME, o che ci sia dietro anche Apache, non cambia il termine.

 

Poi per quanto riguarda i sottodomini su Apache ci sono anche qui diverse tipologie, ma non puoi definire la parola sottodominio in modo tecnico. In modo tecnico si parla di zone, redirect, vhost...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il mio sembra un discorso strano (il significato di sottodominio è legato esclusivamente ai dns e nient'altro), però in riferimento ai servizi di hosting di richieste di ciò che realmente è un sottodominio quasi non se ne vedono.

Si potrebbe cambiare la domanda in un altro senso, cioè se si vuole fornire un servizio di web hosting che permette di avere sottodomini, cosa si dovrà poter fare su quell'hosting?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si potrebbe cambiare la domanda in un altro senso, cioè se si vuole fornire un servizio di web hosting che permette di avere sottodomini, cosa si dovrà poter fare su quell'hosting?

Dipende sempre cosa i clienti si aspetteranno :D

 

Parlando tecnicamente, c'è dovrebbe essere la possibilità di gestire dei records non solo sotto il dominio principale ma anche più giù.

 

Però, come penso la maggior parte dei clienti vuole solo gestire dei hostname in più, dovrebbe bastare di offrire il cliente la possibilità di aggiungere altri hostname (possibilmente anche con altri IP) che non devono puntare per forza sul directory/contenuto principale (come nel tuo terzo esempio).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il mio sembra un discorso strano (il significato di sottodominio è legato esclusivamente ai dns e nient'altro), però in riferimento ai servizi di hosting di richieste di ciò che realmente è un sottodominio quasi non se ne vedono.

Si potrebbe cambiare la domanda in un altro senso, cioè se si vuole fornire un servizio di web hosting che permette di avere sottodomini, cosa si dovrà poter fare su quell'hosting?

 

Ah, allora è diverso.

 

Quello che intendono i clienti è un sottodominio con accesso web autonomo.

 

Che poi la cartella la metti al di fuori di public_html o dentro in modo che sia anche accessibile da sito.tld/sottodominio, non cambia. L'importante è la DocumentRoot.

 

Non penso che una concezione alla tophost sia quello che interessa agli utenti (da quello che ho letto nella loro guida è un redirect).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×