Jump to content
Sign in to follow this  
Redazione Hosting Talk

Hostwebservice.com trasferisce in Italia i propri servizi

Recommended Posts

hostwebservice.jpg

Hostwebservice.com, hosting provider italiano di soluzioni shared e reseller, ha annunciato il trasferimento in Italia dei propri servizi, dopo l'avvio dell'attività qualche anno fa con server negli USA, presso il data center di FortressITX.

 

La scelta per il trasferimento dei servizi è ricaduta sul data center di Aruba, dove verranno ospitate le macchine; la decisione nasce dalla volontà, spiega il proprietario Marino Allegri, di investire maggiormente sul servizio e fornire una migliore qualità ai clienti, con l'erogazione dei servizi da un data center sul suolo nazionale.

 

 

 

Leggi Hostwebservice.com trasferisce in Italia i propri servizi

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' una scelta interessante, Marino non lo sento da un pezzo.

 

Penso però, a quanto sento dire e vedo, che si pentirà presto di Plesk.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve

 

Ci permettiamo di fare alcune piccole note.

 

Il trasferimento dei servizi era per così dire "un atto dovuto" in quanto il servizio americano non riusciva a garantire determinate prestazioni ed affidabilità da alcuni mesi!

Abbiamo messo in conto che il cambio della piattaforma possa creare qualche problema a chi è abituato ad un pannello di controllo diverso, e stiamo cercando di risolvere i problemi che mano a mano possono sorgere dando risposte le più celeri possibili.

In merito alla bontà del pannello di controllo ( di cui ci siamo interessati da alcuni mesi) non avevamo molta scelta (almeno con server localizzati in Italia)

 

Marino

Share this post


Link to post
Share on other sites

In merito alla bontà del pannello di controllo ( di cui ci siamo interessati da alcuni mesi) non avevamo molta scelta (almeno con server localizzati in Italia)

 

Perchè non avevate molta scelta? ( se è possibile dirlo)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non abbiamo trovato fornitore italiano capace di fornirci whm/cpanel e quei pochi non avevano una assistenza adeguata alle nostre esigenze :approved:

 

Niente di segreto :approved:

 

Marino

 

Mi viene da dire che non hai contattato noi, ma in tal caso il prezzo non sarebbe stato adatto alle tue esigenze... :stordita:

 

Scherzo, comunque mi sembra una buona idea acquistare o noleggiare in proprio il software e non farselo fornire dal fornitore di housing.

 

In ogni caso complimenti e in bocca al lupo! :approved:

Edited by Shazan

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abbiamo messo in conto che il cambio della piattaforma possa creare qualche problema a chi è abituato ad un pannello di controllo diverso, e stiamo cercando di risolvere i problemi che mano a mano possono sorgere dando risposte le più celeri possibili.

In merito alla bontà del pannello di controllo ( di cui ci siamo interessati da alcuni mesi) non avevamo molta scelta (almeno con server localizzati in Italia)

 

Marino

 

Ma parli del problema dorsale? oppure cose interne.. Ricordo che nel 2002, appena uscita ALICE, la dorsale USA ITALIA , usando telecom, era giù un giorno si e 3 no.

 

WHM: Hai cercato poco allora:) come dice Shazan. Ci piace più lavorare su server altrui con CPANEL....ci si diverte di più:)

IL WHM lo compravi direttamente da CPANEL.NET, visto che comprarlo da altri ti costava di più per poi avere un supporto indiretto (in prima fase), e poi facevi divertire gli altri......EGOIST...:)

 

Inoltre avresti potuto importare tutto in una notte.

Sono arrivato a trasferire 11 server WHM in 9 ore..da pazzi!

Mentre ne ho impiegate 4 per 1 solo Plesk...ma qui la colpa è solo mia.

Edited by Serverweb

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beh WHM trasferisce tutto da solo. Se poi devi trasferire su un server bianco ancora meglio.

 

certo.

Li prepari, controlli che nessuna tabella mysql sia incriccata, che nessun account sia over quota o quasi al limite, poi lanci l'import

Fatto l'import ti diverti un pò con qualche comando per cambiare ip alle zone, cambi ip al dns e il tutto e fatto.

Ti fai due giretti per controllare che tutti i siti siano ok, che siano stati importati record dns personalizzati..

Una passeggiata di salute:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×