Jump to content
Sign in to follow this  
Uno

lighttpd configurazione personalizzata per vhost

Recommended Posts

Premetto che non ho mai usato lighttpd in produzione, stavo studiando un pò la documentazione per vedere se poteva fare al caso mio per dei progetti.

La prima differenza rispetto apache è il mod_rewrite, posto che ci sono delle differenze basta prendere un pò la mano ma noto che non esiste htaccess...

Leggo e rileggo e vedo che volendo potrei aggiungere (includere) delle configurazioni per il vhost da inserire anche in file nella document root del vhost, quindi nessuno mi impedisce di creare un htaccess che il proprietario di tal dominio potrebbe modificarsi.

Il problema è che se faccio una cosa del genere non c'è modo di controllare quello che l'utente può modificare della configurazione del proprio vhost, o sbaglio?

Altrimenti bisognerebbe consentire la personalizzazione solo da pannello e con i file di configurazione da includere fuori dalla sua portata.

Mi sono perso qualcosa per strada? Qualcuno che ha esperienza con tale webserver ha altri sistemi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leggo e rileggo e vedo che volendo potrei aggiungere (includere) delle configurazioni per il vhost da inserire anche in file nella document root del vhost, quindi nessuno mi impedisce di creare un htaccess che il proprietario di tal dominio potrebbe modificarsi.

Il problema è che se faccio una cosa del genere non c'è modo di controllare quello che l'utente può modificare della configurazione del proprio vhost, o sbaglio?

da una lettura molto rapida sulla rete, credo che cio' che tu possa fare e' creare un file nell'htdocs del virtual host e cambiargli opportunamente i permessi.

ovviamente credo che tu debba farlo per ogni virtual host..

in ogni caso il riferimento l'ho preso qua:

Per-directory configuration (.htaccess) in LightTPD | Diary Products - Hannes Schmidt

 

ciau

Share this post


Link to post
Share on other sites
da una lettura molto rapida sulla rete, credo che cio' che tu possa fare e' creare un file nell'htdocs del virtual host e cambiargli opportunamente i permessi.

Fin qui c'ero arrivato e l'ho scritto, il problema è permettere all'utente di scriversi i propri rewrite (per esempio) ma non decidere se può usare php (esempio) o altro

 

ovviamente credo che tu debba farlo per ogni virtual host..

in ogni caso il riferimento l'ho preso qua:

Per-directory configuration (.htaccess) in LightTPD | Diary Products - Hannes Schmidt

 

ciau

Questo mi pare che serva per automatizzare la creazione dei vhost, ma non risolve quello che mi serviva... anche se mi da uno spunto, mi ha fatto venire in mente una cosa, volendo dentro la configuazione del vhost tramite uno script (che sia bash, perl o che altro) posso leggere un file creato dall'utente, pulirlo da eventuali cose in più e prendere quello che mi interessa, per esempio le regex per il rewrite. Se gli di si da nome htaccess per l'utente potrebbe anche essere trasparente ed egli può quasi credere di essere su apache (come uso intendo).

 

in ogni caso grazie per l'interessamento, se altri conoscono meglio ligthhpd ascolto anche altre soluzioni... magari ce ne sono di più semplici.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fin qui c'ero arrivato e l'ho scritto, il problema è permettere all'utente di scriversi i propri rewrite (per esempio) ma non decidere se può usare php (esempio) o altro.

cappero, io avevo capito che NON volevi permettere all'utente di scriversi il suo .htaccess ... e' il primo giorno di ferie, sto fuso, sorry :P

Questo mi pare che serva per automatizzare la creazione dei vhost, ma non risolve quello che mi serviva... anche se mi da uno spunto, mi ha fatto venire in mente una cosa, volendo dentro la configuazione del vhost tramite uno script (che sia bash, perl o che altro) posso leggere un file creato dall'utente, pulirlo da eventuali cose in più e prendere quello che mi interessa, per esempio le regex per il rewrite. Se gli di si da nome htaccess per l'utente potrebbe anche essere trasparente ed egli può quasi credere di essere su apache (come uso intendo).

uhm... non ci sono regole da mettere nel file di conf del webserver che ti permettono di overridare (passami il termine) l'eventuale .htaccess nella htdocs? in tal caso l'utente potrebbe scrivere cio' che gli pare e solo cio' che gli e' consentito dal virtual host verrebbe preso in considerazione... non so se e' follia, pero' :D

in ogni caso grazie per l'interessamento, se altri conoscono meglio ligthhpd ascolto anche altre soluzioni... magari ce ne sono di più semplici.

figurati, e' il motivo di esistenza dei forum :P

 

indubbiamente sarebbe meglio che qualcuno che usa lighttpd si faccia avanti :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusa Uno, ma non ne vedo il senso.

lighttpd è un webserver "leggero", ammesso che si possa fare quello che chiedi (giro la domanda ad una persona e casomai ti faccio sapere), perchè dovresti appesantirlo costringendolo ad operare come apache?

a questo punto usa apache...

Share this post


Link to post
Share on other sites
scusa Uno, ma non ne vedo il senso.

lighttpd è un webserver "leggero", ammesso che si possa fare quello che chiedi (giro la domanda ad una persona e casomai ti faccio sapere), perchè dovresti appesantirlo costringendolo ad operare come apache?

a questo punto usa apache...

 

Perchè spererei che rimanga comunque più leggero di apache anche se permettesse di offrire un servizio hosting personalizzabile.

Altrimenti significherebbe che è adatto solo per un sito, cosa che non può essere visto che prevede i vhost e anche nativi in mysql, opzione che mi fa pensare ad un uso intensivo degli stessi.

Oppure che è solo per siti di una stessa persona che se li configura tutti centralmente.

 

Io ho già esplorato il modo di permettere queste personalizzazioni agli utenti senza lasciarli liberi di decidere tutto, ma solo quello che voglio, però chiedevo che magari c'è un modo più semplice che non conosco. Se conosci qualcuno che usa light in produzione da tempo e lo conosce bene mi piacerebbe avere info, grazie.

 

Proverò a dare un occhio anche a Nginx ma quando li ho guardati per la prima volta Light mi sembrava più affidabile e semplice, magari è una mia impressione errata, per questo proverò a rileggermi la documentazione di Nx

Share this post


Link to post
Share on other sites

fare una ricerca (ricorsiva) su directory è un potenziale spreco, per quello ti chiedevo.

Inoltre non credo sia adatto all'utente medio (abituato agli htaccess di apache) anche se non toglie che faccia gola a quello più smaliziato (vedi me :D)

btw... collaboro con un sito che utilizza lighttpd da un annetto circa, ho mandato una mail al sysadmin, adesso attendo risposta :sisi:

Share this post


Link to post
Share on other sites
fare una ricerca (ricorsiva) su directory è un potenziale spreco, per quello ti chiedevo.

Inoltre non credo sia adatto all'utente medio (abituato agli htaccess di apache) anche se non toglie che faccia gola a quello più smaliziato (vedi me :D)

btw... collaboro con un sito che utilizza lighttpd da un annetto circa, ho mandato una mail al sysadmin, adesso attendo risposta :sisi:

 

Non farebbe una ricerca ricorsiva, ogni virtualhost nella configurazione principale avrebbe un include di un file nella document root dello stesso vhost.

A differenza di un htaccess normale ne considererei solo uno sulla root del dominio.

 

Penso che però volendoci fare un pannello sia meglio di tutto far inserire le configurazioni personali tramite pannello se non esite un modo semplice di farlo tramite le config normali.

 

Edit: dimenticavo, se hai info tramite le tue conoscenze grazie :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

a quanto pare non ne sa molto neppure lui, utilizza lighttpd solo su particolari siti su dedicato, per cui non si è mai posto il problema.

Di sicuro puoi far leggere un file di configurazione diverso per ogni virtualhost (come dicevi te appunto), ma a quanto pare è possibile cambiare tutta la configurazione del webserver

 

a questo punto penso che le strade siano 2:

una l'hai già trovata...

Penso che però volendoci fare un pannello sia meglio di tutto far inserire le configurazioni personali tramite pannello se non esite un modo semplice di farlo tramite le config normali.

oppure opti per un altro webserver "leggero" che supporti una feature simile agli .htaccess di apache (mi pare che Hiawatha abbia quello che cerchi, ma non ne sono troppo sicuro)

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

oppure opti per un altro webserver "leggero" che supporti una feature simile agli .htaccess di apache (mi pare che Hiawatha abbia quello che cerchi, ma non ne sono troppo sicuro)

 

Interessante, sto leggendo la documentazione.

 

Ieri ho visto anche Cherokee Web Server che mi sembra una buona alternativa, lo sto studiando.

Altrimenti volendo spendere qualche decina di euro Aprelium - Abyss Web Server

 

Tra parentesi questi due integrano un pannello web per la configurazione, cosa che sebbene inutile volendo integrare tutto l'hosting in un unico pannello, potrebbe essere interessante per testare, impratichirsi con le configurazioni o anche da usare in emergenza. Comunque i pannelli nativi si possono disattivare

 

Nginx invece non riesco a farmelo piacere

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×