Jump to content
Sign in to follow this  
Ste

VOIP e comunicazione, un complemento ai servizi di hosting?

Recommended Posts

Mi ha incuriosito questa notizia di GigaOM che parla di una new entry nel mondo del voip e delle soluzioni di comunicazione orientate alle aziende: Is Bandwidth.com the Future of VoIP and Voice? – GigaOM

 

Per chi legge WHT (si ne sono un lettore accanito! :)), avrà notato che vi sono molte discussioni inerenti anche il Voip e in generale una serie di soluzioni per la comunicazione telefonica aziendale. In Italia non mi sembra che vi siano molte società che si occupano di soluzioni voip aziendali e affiancano ad esse un pacchetto completo per hosting/housing o gestione online. Solamente un mercato ancora piccolo per emergere da noi? o esigenze già coperte dagli operatori più grandi?

La mia idea è che sia un prodotto fortemente integrabile nelle soluzioni che vengono proposte alle aziende, a fianco di contratti per hosting/housing, soprattutto in alcune realtà dove l'azienda si occupa della gestione (managed direi) di tutta la parte web del cliente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

purtroppo ste il voip in italia si svilupperà solo marginalmente, me ne occupo da un paio d'anni e noto evidenti limiti tecnici su infrastruttura italiana.

Mi spiego, tutte le aziende italiane hanno il classico numero (o numeri) telecom che restan vincolati alla linea tradizionale per volere del cliente (è sempre così inutile ragionare su casi diversi), questo ti porta a una soluzione con server in loco e non in farm, server in loco che monta una scheda zap, fin qui tutto bene se non nel limite delle eventuali utenze esterne che vengon limitati dalla qualità della linea adsl dell'azienda.

Seconda problematica, la scheda zap è studiata per linee analogiche che non sono quella italiana (e parliamo di hardware di qualità come Digium non di sottomarche), quindi fino a che vuoi fargli fare cose semplici van bene ma se vuoi metter su un IVR o una mailbox puoi aspettarti una serie di problemi (linea che resta occupata quando chi ti ha chiamato chiude prima del tempo ecc).

Insomma ci sono una serie di problematiche che anche a fronte di una configurazione ottimale limitano il reale utilizzo del voip in italia.

Gli unici casi in cui funziona, e anche bene, è per le aziende che lo scelgono in fase di startup quindi non hanno il vincolo del server in loco ma piazzano il tutto in farm ... ma è una percentuale così bassa che non fa mercato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Alex per la tua testimonianza, da inesperto del campo, sono portato a pensare che via comunque un risparmio per l'azienda, per cui di fatto si tratta solo di problemi di "mentalità". Dovrebbero cadere di fronte alla visione di un costo minore, no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

si la possibilità di risparmio interessa a tutti soprattutto a chi necessita di collegare sedi separate ma il vincolo della linea analogica per la mentalità italiana è ancora troppo grande

Share this post


Link to post
Share on other sites
si la possibilità di risparmio interessa a tutti soprattutto a chi necessita di collegare sedi separate ma il vincolo della linea analogica per la mentalità italiana è ancora troppo grande

 

Perchè? A cosa fai riferimento?

Sono interessato al discorso, ma non vedo per quale motivo la linea analogica sia un vincolo.

 

Credo sia più un problema di stabilità delle linee ADSL. Se hai tutto voip, l'unico modo che hai per inviare e ricevere chiamate è tramite la linea adsl.

La qualità di queste linee in Italia spesso lascia a desiderare. Se hai la linea disturbata, intasata o peggio ancora non funzionante, ti ritrovi fermo anche con tutta la telefonia.

 

Quante volte capita in un anno di aver problemi con l'adsl?

5, 6, 10 volte? 10 volte che resti senza telefono. Per una azienda è gravissimo.

Personalmente con la linea analogica saranno almeno 10 anni che non ho disservizi. Il telefono quando ti serve c'è. l'ADSL chissà.....

 

Non credo sia un problema di mentalità, bensì di infrastrutture necessarie per una migrazione al voip. Semplicemente Internet in Italia non è affidabile a tal punto da consentire la dismissione completa dei telefoni analogici.

a prezzi umani intendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

il discorso è complesso da trattare qui ale se ti interessa ci possiam sentire in privato, comunque a grandi linee ovviamente il limite del traffico voip fuori dalla lan in cui si trova il centralino è fatto dall'upstream della linea adsl come è ovvio. Ma per le piccole / medie imprese questo non risulta problematico. Il problema reale è la degradazione della linea analogica che entra nel centralino, che non permette ai vari IVR, queuemanager ecc di identificare il "bianco" e far cadere una chiamata che è stata chiusa prima del tempo dall'altro capo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mi riferivo ai problemi di natura 'tecnica' sui quali concordo (si però risolvono abbastanza facilmente con l'acquisto di gateway dedicati in modo da fare un centralino full-voip, senza schede analogiche).

 

Mi riferivo piuttosto alla tua frase in cui dici che è difficile abbandonare la linea analogica a causa della mentalità Italiana.

Io non credo sia un problema di mentalità ma bensì un problema di infrastrutture ADSL.

IMHO le linee italiane attuali non hanno un grado di affidabilità tale da permettere l'abbandono, in toto, delle linee telefoniche adsl.

Noi per primi facciamo centralini VoIP presso i clienti, e li facciamo full-voip, ma una linea di emergenza analogica la facciamo attivare sempre, non perchè il nostro centralino sia meno affidabile di quello tradizionale (si spacca tanto quanto un centralino analogico), ma piuttosto per problemi di adsl o di degrado. se butta male, rispondi al telefono anche senza ADSL.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E no, il telefono ti deve funzionare anche in entrata.

Sopratutto in entrata, in uscita se butta male chiami con il cellulare, ma se sei senza ADSL (telecom ad esempio si prende 72 ore di tempo per la risoluzione guasti) come spieghi ai clienti che sei isolato se non possono nemmeno chiamarti dato che il centralino essendo voip è isolato?

Share this post


Link to post
Share on other sites
E no, il telefono ti deve funzionare anche in entrata.

Sopratutto in entrata, in uscita se butta male chiami con il cellulare, ma se sei senza ADSL (telecom ad esempio si prende 72 ore di tempo per la risoluzione guasti) come spieghi ai clienti che sei isolato se non possono nemmeno chiamarti dato che il centralino essendo voip è isolato?

no guest io parlo di linee business non di residenziali ... i tempi mi pare siano minori

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×