Jump to content
Sign in to follow this  
Ste

Quanti server può amministrare un sys admin

Recommended Posts

Una interessante discussione su Slashdot ripreda da DatacenterKnowledge ( http://www.datacenterknowledge.com/archives/2009/12/30/how-many-servers-can-one-admin-manage/ [url=http://www.datacenterknowledge.com/archives/2009/12/30/how-many-servers-can-one-admin-manage/?utm-source=feedburner&utm-medium=feed&utm-campaign=Feed%3A+DataCenterKnowledge+%28Data+Center+Knowledge%29&utm-content=Google+Reader][/url]), una domanda che magari vi sarete fatti come clienti molte volte: quanti server gestisce un singolo sysadmin? 100? 200? di più ancora?

 

Rich fa qualche esempio, si passa dai circa 130 server per singolo ingegnere di Facebook (facendo riferimento ai loro 30.000 server) ai 1000/2000 server che dovrebbe gestire ciascun ingegnere di Microsoft. Quale è la vostra idea e su quali parametri basarla?

 

Estendo la domanda, nel caso di un servizio managed solitamente come avviene la manutezione dei server e quante impersone vengono impegnate in un classico piano full managed? Possibile davvero seguire 130 server, ovvero 130 clienti per sistemista. Io penso che tutto dipenda dalla tipologia di server e applicazioni, ma a voi la parola! :approved:

 

Buon inizio 2010!

Edited by Ste

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Stefano,

 

buon 2010 anche a te. :)

 

Credo che il rapporto sistemista/server gestiti sia direttamente proporzionale a questi 3 fattori:

 

1) Quantitativo di attività per server su base giornaliera

2) Durata dell'intervento

3) Tipo di attività

 

Puoi quindi immaginare che, per attività di routine, 130 server da gestire possono essere pochi per una persona.

Se invece devo aggiornare/ricompilare il kernel a 130 server e controllare che tutto sia a posto la vedo, a dir poco, difficile se voglio mantenere una tempistica di delivery accettabile per il mio cliente.

 

Ciao,

 

Fabrizio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

 

un piccola nota sulla citazione di Stefano sui 130 server/persona dell'infrastruttura di facebook:

Quell'esempio è da imputare a server in clustering/bilanciamento che non funzionano in modo indipendente ma in sinergia con il resto della struttura questo vuol dire che i criteri di manutenzione sono identici per tutte le migliaia di macchine, idem per l'hardware che spesso è identico.

Quindi ho l'impressione che il calcolo sia fatto in base al numero di sistemisti diviso il numero totale di server e servizi gestiti.

 

Sui 1000/2000 server/persona di Microsoft se cliccare su Next, Next, Next e Finish vuol dire gestire, ok ci puo' stare quel numero.

 

I calcoli sulla gestibilità si fanno in base alle strategie della struttura, quindi i presupposti sono:

 

- Automazione

- Monitoraggio

- Ridodanza

- Statisca sulla tipologia di cliente

 

Un'infrastruttura che automatizzata dal deploy al provisioning finale del servizio e implementa un monitoraggio attivo può essere gestita e scalata da pochissime persone che alla fine si devono preoccupare solo dei guasti e aggiornamenti.

 

Per invece rispondere a Fabrizio:

nei contratti Managed è già calcolato un tempo medio per ogni intervento e l'assistenza si limita ad elementi atti a erogare il servizio finale, quindi la maggior parte delle operazioni possono essere automatizzate, questo lascia tempo alle casistiche particolari che ovviamente vengono conteggiate a parte.

 

Questo può sembrare una cosa limitante ma per certi clienti è necessario per non finire ad impiegare un sistemista per ogni server :)

 

 

Ancora Buon Anno

Leo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto anche a me sembra strano il numero di Facebook.

 

Credo che la maggior parte dei server di FB non vengano mai toccati via SSH. Li attivano con un'immagine o qualcosa di simile e via finchè non muoiono.

 

Probabilmente paragonare Microsoft e FB all'amministratore che gestisce server con contratti managed è un non-sense.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti,

 

un piccola nota sulla citazione di Stefano sui 130 server/persona dell'infrastruttura di facebook:

Quell'esempio è da imputare a server in clustering/bilanciamento che non funzionano in modo indipendente ma in sinergia con il resto della struttura questo vuol dire che i criteri di manutenzione sono identici per tutte le migliaia di macchine, idem per l'hardware che spesso è identico.

Quindi ho l'impressione che il calcolo sia fatto in base al numero di sistemisti diviso il numero totale di server e servizi gestiti.

 

Sui 1000/2000 server/persona di Microsoft se cliccare su Next, Next, Next e Finish vuol dire gestire, ok ci puo' stare quel numero.

 

I calcoli sulla gestibilità si fanno in base alle strategie della struttura, quindi i presupposti sono:

 

- Automazione

- Monitoraggio

- Ridodanza

- Statisca sulla tipologia di cliente

 

Un'infrastruttura che automatizzata dal deploy al provisioning finale del servizio e implementa un monitoraggio attivo può essere gestita e scalata da pochissime persone che alla fine si devono preoccupare solo dei guasti e aggiornamenti.

 

Per invece rispondere a Fabrizio:

nei contratti Managed è già calcolato un tempo medio per ogni intervento e l'assistenza si limita ad elementi atti a erogare il servizio finale, quindi la maggior parte delle operazioni possono essere automatizzate, questo lascia tempo alle casistiche particolari che ovviamente vengono conteggiate a parte.

 

Questo può sembrare una cosa limitante ma per certi clienti è necessario per non finire ad impiegare un sistemista per ogni server :)

 

 

Ancora Buon Anno

Leo

 

Ciao Leonardo, benvenuto ;) grazie anche per la risposta. Si quel che fai notare è giusto, penso che l'esempio fatto relativo a MS e FB sia da distinguere certo, cosi come bisogna notare che all'interno di facebook diversi ingegneri si occupano di server con un solo compito (memcached, mysql, e via dicendo).

 

Sarebbe invece interessante approfondire il discorso managed, nel caso di un full managed io posso richiedere l'installazione di sw e risoluzione di diversi problemi, mi sembra difficile poter automatizzare le operazioni, la sola cosa è una statistica sul cliente, impossibile però per una nuova attività o per tanti clienti nuovi ogni mese.

 

Per Fabrizio, visto che sei il primo provider a intervenire, come siete organizzati? Altri vogliono portare la propria testimonianza? ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Fabrizio, visto che sei il primo provider a intervenire, come siete organizzati? Altri vogliono portare la propria testimonianza? ;)

 

Nel nostro caso, non dovendo ( ancora :D ) gestire migliaia di server, le attività di supporto per servizi managed sono "ridotte" ad interventi di routine che, spesso, sono automatizzate in modo da ridurre al minimo l'effort.

 

Per attività in cui si rende necessario un intervento prima hw e poi sw, poichè siamo in Housing a Francoforte, c'è il personale on-site che viene attivato on-demand da noi ed al quale vengono fornite tutte le direttive (con una scaletta operativa step by step) per eseguire/completare l'intervento hw.

E' poi in carico a noi tutto ciò che riguarda la parte sw che viene eseguita in remoto.

 

Nel caso di interventi hw/sw particolarmente critici, ma non in emergenza, siamo stesso noi ad accedere al Datacenter ed a svolgere il tutto autonomamente.

 

Ciao,

 

Fabrizio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

 

piccola premessa per Stefano, ti ringrazio per il benvenuto, ma non sono per niente nuovo :) io sono Leonardo di Hostinglab se ti ricordi ci siamo conosciuti anche di persona a Milano, ho abbandonato l'utente registrato come provider dato che ho lasciato quella società e non ha senso fare pubblicità gratuita.

 

Per questo motivo ho rispolverato il mio account personale che non ho mai usato, quindi porto la mia esperienza come se fossi un provider :asd:

 

 

Tornardo al Topic:

 

Abbiamo mi pare di comune accordo deciso di non considerare grossi network, perchè sono ambienti completamente diversi da quello che ci interessa.

 

 

Quindi per mio parere è impossibile stipulare un contratto di full-managed, in quanto ti vincolerebbe troppo alle "lune" del cliente che potrebbe chiederti pure di collegare la macchina del caffè in vpn con il server solo perché il contratto di asssitenza lo permette.

 

Prendendola da un'altro punto di vista il contratto di gestione è utile per avere sempre la macchina aggiornata, monitorata ed efficente il che incrementa la garanzia e l'affidabilità, per quanto riguarda tutte le richieste particolari ha più senso valutare progetto per progetto in modo da dare al cliente il miglior servizio ottimizzando anche il personale tecnico che lo deve svolgere.

 

Quindi si può pensare a tariffa per progetto concluso o tariffa oraria a seconda dell'entità e della forza lavoro da impegare.

 

 

 

Piccola nota che mi ha richiamato alla mente Fabrizio:

Un datacenter abbastanza importante di cui non faccio nome, senza personale di guardia l'ho abbandonato di recente spostando una struttura abbastanza grossa appunto perchè di notte/festivi era impossibile avere accesso o risposta, e addirittura un semplice riavvio non veniva evaso in orario di ufficio non prima di 4 ore.

 

Quindi per avere una struttura efficente è necessario avere un partner tecnologico che garantisca un intervento proattivo, oltre che a munirsi di una serie di strumenti che ti permettano di svolgere tutte le fasi di manutenzione in remoto (riavvio, reinstallazione, diagnostica)

 

Oltre che ad un buon servizio al cliente finale si facilita e si rende migliore il lavoro del personale tecnico che gestisce la struttura.

 

Saluti

Leo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quindi per mio parere è impossibile stipulare un contratto di full-managed, in quanto ti vincolerebbe troppo alle "lune" del cliente che potrebbe chiederti pure di collegare la macchina del caffè in vpn con il server solo perché il contratto di asssitenza lo permette.

Non condivido questa affermazione.. i contratti di assistenza come tutti i contratti sono stipulati tra le parti e quindi prevedono solo quello che è indicato nell'accordo.

Se ho un contratto full managed con un mio cliente questo può fare tutte le richieste che rientrano nel contratto e non chiedermi di (appunto) collegare il server alla macchina del caffè :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non condivido questa affermazione.. i contratti di assistenza come tutti i contratti sono stipulati tra le parti e quindi prevedono solo quello che è indicato nell'accordo.

Se ho un contratto full managed con un mio cliente questo può fare tutte le richieste che rientrano nel contratto e non chiedermi di (appunto) collegare il server alla macchina del caffè :)

 

Esatto, perchè comunque il full-managed è full solo a parole, perchè quello che devi o non devi fare è ben definito nel contratto.

 

 

OFF TOPIC BOX
We Leonardo poi mi spieghi questa eh: http://www.deepreflect.net/room/03.jpg perchè anche io sono pieno di pc in casa, ma da riempire due switch no O_O

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×