Jump to content
Sign in to follow this  
cbs

Quando si dice la professionalità ...

Recommended Posts

Ciao a tutti,

 

spesso e volentieri ci troviamo a spiegare, e dimostrare, ai nostri clienti che i problemi che incontrano con la posta elettronica sono dovuti alla "sbadatezza" altrui.

 

Vi riporto un esempio fresco fresco.

 

Un cliente ci segnala che non riesce ad inviare e-mail agli utenti del dominio "fmi.it" ovvero Fiera Milano SPA.

 

Facciamo le verifiche del caso ed ecco cosa scopriamo:

 

alessice@pc1-linux:~$ nslookup -query=mx fmi.it 
Server: 192.168.5.1 
Address: 192.168.5.1#53 
Non-authoritative answer: fmi.it 
mail exchanger = 10 recitlexch03nat.fmi.it. fmi.it 
mail exchanger = 20 mx2.it.colt.net.

Il dominio ha due MX, un primario, quello con numero 10, ed uno secondatio, quello con numero 20. Nel caso il primario non risponda il secondario prende le e-mail in carico e le consegna al primario quando torna attivo.

 

Bene, adesso il primario non risponde:

 

alessice@pc1-linux:~$ telnet recitlexch03nat.fmi.it 25
Trying 62.152.117.152...
telnet: Unable to connect to remote host: Connection timed out
alessice@pc1-linux:~$ date
gio feb 25 17:52:00 CET 2010
alessice@pc1-linux:~$ 

Niente paura penserete, le e-mail le prende in carico il secondario, si ed ecco come:

 

<XXXXXX@fmi.it>: host mx2.it.colt.net[213.215.158.36] said: 553 sorry, that
   domain isn't in my list of allowed rcpthosts (#5.7.1) (in reply to RCPT TO
   command)

Fantastico, il secondario, dal messaggio di errore si riconosce che si tratta di qmail, non è configurato per accettare le e-mail di "fmi.it", quindi tutte le e-mail tornano indietro al mittente.

 

Piccola distrazione di qualche tecnico sbadato che sta facendo perdere diverse e-mail ad un loro cliente ...

 

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quoto, personalmente non uso gli MX secondari.

Potevano aver senso anni fa, quando le linee erano molto più costose di oggi e si pagava a consumo.

MX primario sulla linea 'flat' ed il secondario da usare in caso di emergenza sulla linea costosa.

 

Oggigiorno, con le linee costano sempre uguale (euro più euro meno) se fai un secondario, tanto vale fare un pari priorità ed usare il bilanciamento.

 

Il server lo devi comunque attivare e configurare, tanto vale usarlo, che senso ha tenerlo fermo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Li puoi incrociare, in modo da lasciare magari il primario con le mailbox ed il secondario con un sistema di queue che invia comunque al primario e viceversa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questo scenario, no:

 

MX1

mailbox dominio aaa.com

secondario bbb.com

 

MX2

mailbox dominio bbb.com

secondario aaa.com

 

Il secondario deve avere priorità 20, così SE POSSIBILE spari direttamente al primario che le butta nella MBOX. Se non è possibile le spari al secondario, che le tiene in coda finchè non può inviarle alla mailbox. Non ha senso metterli a pari priorità, perchè uno salva direttamente su disco, l'altro invia al primo le mail, usando comunque banda interna e aumentando inutilmente il carico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo spreco della banda per la posta (come ho scritto) oggigiorno è trascurabile.

In configurazioni anche leggermente complesse avrai comunque le mailbox separate dagli MX, pertanto avresti sempre un transito in più.

 

Quello che dici è vero solo se hai le mailbox sopra l'mx. In tal caso, ricevere la posta sul secondario per spararla al primario dove hai le mailbox sarebbe uno spreco, anche se minimo, di risorse.

 

Ma se le caselle sono gestite da un server esterno, ricevere sul primario o sul secondario non cambia assolutamente nulla.

Al massimo lavorerei con ETRN.

 

Comunque, siamo ot, dopo mi bastonano....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siamo andati OT rispetto a quello che forse voleva dire Alessio ad inizio post, aggiungo una mia considerazione: noto che vi sono diverse aziende, anche note, che affidano i propri servizi ad aziende lowcost, anche per il management, o ancora portano tutto all'estero.

 

La "cultura" in questo settore specifico, per la gestione dei sistemi, è ancora tutta da sviluppare, anche nelle aziende.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×