Jump to content
Sign in to follow this  
inesorabile

Guida per installare pannello di controllo ispCP su VPS linux

Recommended Posts

Si potrebbe verificare che in un server vps che avete scelto si ha il sistema operativo nudo e crudo.

 

Quando il server è basato su windows non c'è problema: windows server ha già tutto (o quasi...) per gestire applicazioni web.

E comunque l'installazione di eventuali software aggiuntivi (come microsoft sql) è semplice ed intuitiva.

 

Diametralmente opposto è il discorso su server con distribuzione linux.

 

Tuttavia, installare un pannello di controllo su distri linux non è così complicato come si possa pensare, anche per chi non è espertissimo su ambiente linux (saranno facilitati gli utenti che hanno avuto esperienze con il famigerato Dos... )

 

Uno dei pannelli di controllo più potenti ed intuitivi è sicuramente ispCP di Omega, ed è ,soprattutto, completamente gratuito.

 

Al pari di Cpanel, Plesk Panel, ed altri software a pagamento, offre un interfaccia semplice ed intuitiva in grado di gestire infiniti siti web, con relativi db mysql, accounts ftp, email, etc.

 

Prima cosa, accedere al terminale SSH, aggiornare il sistema, creare la directory, scaricare e scompattare l'ultima versione di ispCP Omega.

 

Questi i comandi:

 

apt-get update

apt-get upgrade

apt-get install tar bzip2 wget

mkdir -p /usr/local/src/ispcp

cd /usr/local/src/ispcp

wget http://downloads.sourceforge.net/ispcp/ispcp-omega-1.0.4.tar.bz2

tar -xjvf ispcp-omega-1.0.4.tar.bz2

 

 

Andiamo ora nella directory creata digitando:

 

cd ./ispcp-*

 

Dovremmo ora editare il file sources.list ed aggiungere una linea a fine lista:

 

nano /etc/apt/sources.list

deb http://ftp.de.debian.org/debian/ lenny main contrib non-free

 

Dovremmo ora scaricare il pacchetto specifico per debian 5:

 

apt-get install $(cat ./docs/Debian/debian-packages-lenny)

 

Importante: alle domande rispondete: "NO" per quanto riguarda il courier "screen", mentre nel "postfix" mettete "internet site". Inserite ora il dominio

 

principale del sito senza www e con estensione .tlc (quindi vostrosito.tlc). Alla domanda sul modo di installazome do PROFTPD rispondete "standalone".

 

A questo punto occorre copiare i file nella directory principale del server:

 

cp -Rv /tmp/ispcp/* /

 

 

Una volta fatta questa operazione, bisogna configurare mysql:

 

mysql_secure_installation

 

Ricordate di inserire una password che non dimenticherete!!!

 

Spostiamoci ora nella directory contenente l'installazione del pannello di controllo e lanciare l'installazione:

 

cd /var/www/ispcp/engine/setup

perl ./ispcp-setup

 

Abbiamo ora terminato l'installazione. Possiamo cancellare le directory create in precedenza:

 

rm -fR /tmp/ispcp

 

A questo punto possiamo accedere al pannello di controllo del server digitando l'ip nel browser.

 

Buon lavoro a tutti!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tuttavia, installare un pannello di controllo su distri linux non è così complicato come si possa pensare, anche per chi non è espertissimo su ambiente linux (saranno facilitati gli utenti che hanno avuto esperienze con il famigerato Dos... )

Concordo che, guida alla mano, sia facilissimo installare questo pannello. Non vedo il nesso con utenti dossati, ma probabilmente non ho capito cosa vuoi dire.

Uno dei pannelli di controllo più potenti ed intuitivi è sicuramente ispCP di Omega, ed è ,soprattutto, completamente gratuito.

Primo, non è gratuito, ma open source, che poi, incidentalmente non devi pagare per averlo è un altro paio di maniche.

Secondo, avendolo testato per un po', bisogna essere imparziali ed ammettere che non si avvicina manco lontanamente, in quanto a funzionalità, ad un Cpanel. E' altresì vero che, essendo piuttosto limitato, è più semplice da usare, ma ci sono altre controindicazioni che è bene che l'utente conosca.

 

I problemi in cui si incorre usando Omega sono, fondamentalmente due:

*la reattività della community che ci sa dietro

*la sicurezza

 

I due punti sono strettamente correlati visto che la sicurezza assoluta non esiste e dire che, questo software venga patchato lentamente sulle vulnerabilità è un eufemismo.

Inoltre, è un pannello che tende a "rompersi" facilmente con numeri importanti ed è ancora davvero troppo giovane per essere utilizzato come soluzione di produzione.

 

Tutto ciò, è naturale, poichè parliamo di software open, ma va detto, allora, che l'admin che decide di usarlo, non può limitarsi a scaricarlo ed installarlo ma deve anche conoscerne le procedure in modo da poter intervenire in caso di bisogno sul codice stesso (e magari shararlo poi con la community).

Ho visto, qualche giorno fa, proprio una macchina con Omega ed il proprietario che avrebbe pagato un Cpanel x 3 pur di levare le castagne dal fuoco (con i suoi clienti incazzati come biscie).

Naturalmente non sapeva che pesci pigliare visto che non è un programmatore ed alla fine ci siamo smazzati una migrazione totale su un software più maturo. Se avesse pagato subito un cpanel o un plesk, certe rogne non le avrebbe avute e comunque avrebbe avuto un supporto di un certo tipo. Alla fine ha speso di più e fatto una brutta figura nei confronti dei suoi utenti.

 

Quindi, prima di consigliare a qualcuno un software del genere per uso che sia appena superiore al test, preoccupiamoci anche di informarli bene dei rischi a cui vanno incontro.

 

Per il resto, la guida mi sembra semplice e ben fatta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Concordo che, guida alla mano, sia facilissimo installare questo pannello. Non vedo il nesso con utenti dossati, ma probabilmente non ho capito cosa vuoi dire.

 

Intendeva DOS non DoS :) ti ricordi quella finestrella nera in cui scrivi i comandi su un PC con i vecchi sistemi operativi della Digital Research e Microsoft ? :D :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Intendeva DOS non DoS :) ti ricordi quella finestrella nera in cui scrivi i comandi su un PC con i vecchi sistemi operativi della Digital Research e Microsoft ? :D :D

 

Ricorda bene, lui tutt'ora ha quella finestrella nera su OSX.

Peccato che il DOS funzionava ed OSX no.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(si si, ok, ora scappo)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gia, ricordo anch'io che nelle versioni più moderne (era post scoperta dell'America) c'era pure un comando che faceva la macumba al pc e faceva partire una mezza gui scopiazzata da qualche ignaro cantinaro... :asd::asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Intendeva DOS non DoS :) ti ricordi quella finestrella nera in cui scrivi i comandi su un PC con i vecchi sistemi operativi della Digital Research e Microsoft ? :D :D

 

ROTFL, una figura di M colossale, non mi è proprio venuto in mente il S.O. rubato da Bill a quel poveraccio... :asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×