Jump to content
Sign in to follow this  
Giulio Frandi

Se DELL entrasse nel settore hosting (o cloud computing)

Recommended Posts

Citazione:

 

Se google entrasse nel settore hosting...

Andrea una cosa è pretendere il 100% di up senza SLA una cosa sono i down giornalieri.

 

Io aspetto che arrivi Google nell'hosting. Darà il servizio migliore del mondo a 10 dollari l'anno e a quel punto giù tutti a pedalare.

 

--------------------------------

 

Io invece mi son sempre chiesto cosa succederebbe se fosse DELL ad entrare nel settore dell'hosting o del cloud computing.

 

In fondo, Google non mi fa paura perché ha una cultura dell'innovazione (-->dei margini alti) ed entrare in un settore di commodities (-->Hosting o Cloud Computing con i margini risicati che conosciamo) vorrebbe dire cambiare tutta la cultura aziendale.

 

Invece DELL ha:

 

1) Una forte esperienza nell'operare in maniera profittevole nei settori a margine risicato

2) I server, i call center per la vendita ed il supporto e la base clienti già qualificata

 

Gli basterebbe costruire o rilevare qualche datacenter strategicamente piazzato o riorganizzare le infrstrutture (le fabbriche) già esistenti e sparse per il mondo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La citazione mi sembra mia.

 

Beh secondo me una cosa è vedere l'ingresso di Google nell'hosting, tutt'altra cosa è per Dell. Ha si i call center ma istruirli per un servizio di hosting sarebbe anche più difficile che prendere quelli che fanno ora assistenza su google sites e farli rispondere ad un telefono.

 

Insomma, e se il Carrefour entrasse nell'hosting? Le sedi le ha. Invia anche una pubblicazione a casa una volta al mese dove può farsi promozione.

 

No, non ha senso, e la firma l'ho vista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Insomma, e se il Carrefour entrasse nell'hosting? Le sedi le ha. Invia anche una pubblicazione a casa una volta al mese dove può farsi promozione.

 

Potrebbe essere una strategia di diversificazione anche per loro, fra l'altro hanno la sede italiana proprio qui in via Caldera nel palazzo di fronte al Mix. :)

 

Altre società di grande distribuzione (Amazon) l'hanno fatto con successo.

 

Beh secondo me una cosa è vedere l'ingresso di Google nell'hosting, tutt'altra cosa è per Dell. Ha si i call center ma istruirli per un servizio di hosting sarebbe anche più difficile che prendere quelli che fanno ora assistenza su google sites e farli rispondere ad un telefono.

 

Al di là delle facili battute sulle società di grande distribuzione, il mio pensiero va sinceramente ai fabbricanti di hardware e fra questi a DELL che conosco meglio. E' sicuramente lei ad aver ragione, altrimenti lo avrebbero già fatto. :)

 

Deve dunque esserci un motivo per cui quest'ipotesi é una corbelleria strategica, ma non mi viene in mente.

 

Ci pensavo già tre anni fa quando Michael DELL riprese la direzione attiva della sua azienda dicendo che avrebbe messo maggior enfasi sui servizi. Mi dicevo: "Stai a vedere che l'hosting ed a maggior ragione il cloud computing potrebbero essere un modo di vendere potenza di calcolo e servizi in una forma diversa da qualche server fisico nel classico package del tipo U rackabile standard".

 

L'argomento che lei cita, quello relativo ai call center, non lo condivido. Quando vi lavoravo, il call center DELL era già in grado di fornire degli ottimi servizi managed per quanto riguarda l'hardware ed i software di sistema. Suppongo che oggi abbiano anche ottime competenze per i prodotti standard di virtualizzazione di cui saranno sicuramente uno dei primi distributori a livello mondiale. Forse il loro personale é più formato sugli ambienti Windows che su quelli Linux od open source, ma saprebbero senza fatica attirare i talenti necessari in un paio di quarter.

 

Le vengono in mente altri motivi per cui un fabbricante di hardware non potrebbe trovare un interesse strategico a diversificarsi nel Managed Hosting o nel Cloud Computing?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dell produce hardware e da qui a offrire servizi dovrebbe completamente ristrutturarsi. Può arrivare a fare quello che fa già con grandi compagnie, allestendo i loro data centers, creando soluzioni ad hoc per i server e le piattaforme (inclusa virtualizzazione), ma di fatto non credo che abbia interessi a diventare un operatore nel campo del cloud computing, quando i suoi clienti stanno facendo proprio quello e lo sanno fare molto meglio di lei :)

 

Forse la cosa avrebbe senso se Dell fosse una HP, anche questa produce hardware e fornisce anche servizi enterprise, ma sono compagnie abbastanza differenti. Mia opinione ovviamente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giulio, diamoci del tu, siamo su un forum.

 

Non ho capito, hai citato una mia frase dove parlavo di Web Hosting, PHP e MySQL, stiamo facendo lo stesso discorso per Dell o mi stai paragonando Dell ad una Rackspace Cloud o qualcosa di simile? Se è la seconda, devo rifare il discorso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo proprio si riferisca ad una azienda più grande come dici, da qui la mia risposta. Non è pensabile che una compagnia del genere entri nel settore hosting "comune".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un'azienda come DELL ha un solo modo per entrare in un mercato che non è il suo "abituale" : acquisire un player di quel mercato e "ristrutturarlo" .

In questo modo avrebbe un nuovo brand di prodotti, un known-how dedicato, abbatterebbe i costi del player acquisito facendogli delle forniture a prezzi di costo (ergo diminuzione costi operativi legati all'infrastruttura) il che non rende automaticamente competitivi ma abbassa comunque i costi che vanno in ammortamento (il che non guasta!) garantendo agli azionisti dei dividendi più "sani" tanto da giustificare l'investimento.

Ovviamente parliamo di pure fantasie ma il discorso è applicabile in generale e seppur in periodo di crisi (io direi stagnazione dei capitali) penso che investimenti del genere siano sempre validi e profittevoli .

Share this post


Link to post
Share on other sites

...acquisire un player di quel mercato e "ristrutturarlo" ...

... nuovo brand di prodotti, un known-how dedicato, abbatterebbe i costi del player acquisito facendogli delle forniture a prezzi di costo ...

...garantendo agli azionisti dei dividendi più "sani" tanto da giustificare l'investimento...

... penso che investimenti del genere siano sempre validi e profittevoli ...

 

Ecco. Qui sta il punto, Per far crescere il valore di un'azione bisogna:

1) Offrire un razionale che porti a credere che il fatturato aumenterà in maniera profittevole

2) Offrire un razionale che porti a credere che i costi diminuiranno più rapidamente che il fatturato

 

Google fattura, fondamentalmente, pubblicità. Quando acquisice Youtube, DoubleClick o GrandCentral siamo nel caso uno. L'idea di Google Energy é da collegare al caso due, perché farebbe risparmiare sui costi elettrici di datacenter. Se Google decidesse di fare hosting o cloud computing sarebbe una diversificazione verso un settore a più debole margine%. Non ne vedo il razionale.

 

Invece per un fabbricante / assemblatore di hardware, il cui mestiere é fatturare potenza di calcolo sotto forma di server, potrebbe aver senso diventare in grado di fatturarla sotto qualche forma "As A Service" onde aumentare il fatturato per cliente fornendo non solo ferro ma anche servizi a valore aggiunto.

 

Dell produce hardware e da qui a offrire servizi dovrebbe completamente ristrutturarsi.

 

Attenzione: DELL ha anche una forte componente di distribuzione (il modello di vendita diretto) che fa somigliare parte del suo business a quello di aziende come Darty o Carrefour. Per queste società é stata da tempo dimostrata l'importanza della diversificazione sul servizio (la lavatrice installata da Darty, la carta di credito Carrefour).

 

Anche aziende come Leroy Merlin le offrono l'occasione di comprare la piastrella installata e configurata, semplicemente perché subappaltano i lavori ad una rete di artigiani da loro qualificati. DELL fa già la stessa cosa da ormai qualche anno. Per esempio, se lei dirige una PMI, può chiedere di avere il suo server ed i suoi client di rete consegnati presso di lei e configurati. Sarà un tecnico locale in subappalto ad effettuare i lavori.

 

Questa tendenza é molto forte e gradita alla grande distribuzione (molto margine + pochi capitali necessari) ma é un pò innaturale per molti clienti ("il mio tecnico di fiducia me lo scelgo io"). Per questo mi é sempre parso che la diversificazione nei servizi di hosting potesse essere interessante per un costruttore informatico. Tuttavia nessuno ha fatto mosse in tal senso. Il mio ragionamento deve dunque avere una falla, ma non capisco dove.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè le companie automobilistiche non mettono sul mercato la macchina ad idrogeno? Perchè si auto-distruggerebbe il mercato, semplice :)

 

Stessa storia vale per DELL se aprisse un settore nell hosting

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perchè le companie automobilistiche non mettono sul mercato la macchina ad idrogeno? Perchè si auto-distruggerebbe il mercato, semplice :)

 

Stessa storia vale per DELL se aprisse un settore nell hosting

 

Dal mio punto di vista il paragone è campato in aria, perché Dell non è già presente nel settore dei servizi con offerte di dedicati/vps & Co.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×