Jump to content
Sign in to follow this  
Redazione Hosting Talk

USA: decine di siti web con materiale pirata sono offline

Recommended Posts

generic-icon-security.thumbnail.png

Un giro di vite senza precedenti negli Stati Uniti condotto dal Department of Homeland Security, teso a portare offline decine di siti web accusati di fornire link e facilitare la distribuzione di materiale coperto da copyright, compresi quindi molti siti torrent, al pari del già citato The Pirate Bay. Il proprietario di Torrent-Finder.com ha trovato il proprio sito offline in pochi minuti, dapprima con un cambiamento di DNS non previsto ha contattato il suo provider GoDaddy, all'oscuro di tutto, il quale ha confermato la decisione e l'attuazione da parte della stessa ICANN.

 

preview

 

 

leggi tutto

 

 

 

Leggi USA: decine di siti web con materiale pirata sono offline

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eh bhe certo. Gli chiudono il sito pirata dove sputt***** materiale protetto da copyright e lamentano la censura. Cattivoni!

NI

hanno colpito, tra gli altri, un motore di ricerca ... anche con google si trovano i torrents perchè google.com è ancora visibile ?

Se da un lato condivido il fatto che si parli a vanvera di libertà violate, dall'altro sono stati colpiti siti di pura ricerca che non contengono manco i torrent e non fungono da tracker.

Mi aspetto che anche google venga oscurato per lo stesso motivo sennò è tempo perso e pura ostentazione di stupidità e di ignoranza. (cosa ben più pericolosa)

Share this post


Link to post
Share on other sites
NI

hanno colpito, tra gli altri, un motore di ricerca ... anche con google si trovano i torrents perchè google.com è ancora visibile ?

Se da un lato condivido il fatto che si parli a vanvera di libertà violate, dall'altro sono stati colpiti siti di pura ricerca che non contengono manco i torrent e non fungono da tracker.

Mi aspetto che anche google venga oscurato per lo stesso motivo sennò è tempo perso e pura ostentazione di stupidità e di ignoranza. (cosa ben più pericolosa)

Non mi riferisco agli "innocenti" o presunti tali

Intanto nel web americano scoppia la polemica per quello che sembra un provvedimento mirato alla censura della rete, molti si interrogano su come evitare che il proprio sito web venga redirettato tramite DNS verso altri server, senza che i gestori vengano avvisati.
L'avevo intesa come i colpevoli che, oscurati per ovvi motivi, lamentano la censura. Come un bancarottiero che lamenta l'accanimento delle forze dell'ordine nei suoi confronti. Il classico rigirarsi la frittata. Edited by revhosting

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×