Jump to content
Sign in to follow this  
mastro.c

Server dedicato per "enorme" sito Wordpress

Recommended Posts

Scusa ma secondo te uno che sbianca se a business avviato gli proponi un dedicato un po' carrozzato, accetterebbe costi 5-10 volte superiori a un WP PRIMA di iniziare il suo business?

chi ha detto che sviluppare su piattaforme diverse da WP costi 5-10 volte di piu'?

 

Tu lo hai solo provato, lo invece lo uso proprio, anche su siti di grandi dimensioni.

per "provato" intendo che c'ho lavorato e so come si comporta. da qui il mio affermare che drupal scala meglio. e cio' non vuol dire che WP non scala.

 

Alcuni siti da 100 e più milioni di pageviews te li ho citati, parecchi dei siti più visitati al mondo sono in WP, più di questo non so che dirti ancora per farti notare che è una soluzione usatissima e scalabile.

io continuo a ripeterti (e te l'ha fatto notare anche Alex) che i siti che hai citato usano WP solo per alcune parti, che, probabilmente, non hanno 100 milioni di pageviews.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tutto il network di blog di html.it, si basa su wordpress. Persino l'unico blog su movable type che avevano è stato passato a wordpress. E quelli di html.it penso che sappiano il fatto loro visto che sono del settore, eppure l'hanno usato... Io non penso sia un cms leggero, però mi sembrano esagerate le descrizioni tragiche che si fanno qui...

ma il blog di HTML.it NON e' il portale di HTML.it ... stiamo sempre li', WP lo si usa per determinate cose, ovvero il blogging...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, ma cosa cambia fra un sito e un blog? Se supporta x traffico se usato come blog, più o meno supporterà lo stesso per un sito... Che poi vi faccio notare che ormai la distinzione fra blog e siti, è sempre più sottile. Infatti ormai tutti i siti possono essere visti come blog e viceversa... Diciamo che il nome blog andrebbe associato solo a quelli strettamente personali...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ok, ma cosa cambia fra un sito e un blog?

la differenza non e' tanto nella definizione, ma nel fatto che tutti gli esempi portati fanno riferimento a blog all'interno di portali e di solito sono molto meno visitati rispetto al resto.

per farti un esempio, credo che la home di HTML.it sia molto piu' visitata dei singoli blog. o no?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non è detto che sia un problema applicativo.

 

Stando a come l'ha descritto mastro.c mi pare sia così. Eventuali ulteriori integrazioni ci aiuterebbero sicuramente a capire meglio.

 

WordPress (così come Drupal o Joomla o altro) è un sistema complesso che ha bisogno di configurazione ad hoc, soprattutto per siti ad alto traffico.

Quindi per esempio richiede particolari configurazioni di mysql, apache, etc, anche sulla base della tipologia del tuo sito e del tipo di traffico e di interazione.

 

Non mischiamo la m**** con la cioccolata. Drupal è la piattaforma utilizzata per il sito istituzionale della Casabianca, vorrà pur significare qualcosa.

 

L'idea che i requisiti di sistema debbano essere dettati dall'applicazione, è un concetto errato e che stravolge completamente il senso dell'informatica, del resto Von Neumann non era uno sprovveduto.

 

Potrei capire che mi richiedi PHP5, MySQL5 e un Webserver. Se già tu applicazione hai bisogno di 256 MB di RAM per funzionare, c'è qualcosa che non mi torna.

Eppure il LEM aveva soli 64 Kb di RAM ed è servito per andare sulla Luna.

 

E' ovvio che se il problema è di tipo applicativo te lo deve risolvere uno sviluppatore, ma senza la collaborazione di un sysadmin che sia in grado di analizzare i log con un minimo di cognizione e di conoscenza delle dinamiche di WordPress, è molto più dura.

I log si analizzano per ciò che sono, ovvero per effettuare un'analisi e relativo troubleshooting.

Non vedo perchè il sistemista debba essere esperto di WordPress (ma anche di Joomla, Drupal, e quant'altro) per rilevare un'eventuale criticità.

 

Anzi, al contrario, chi decide di utilizzare una determinata piattaforma applicativa deve conoscerla meglio delle proprie tasche, soprattutto se in ambito business.

 

Un bravo sistemista oltre ad evidenziare la criticità ed ottimizzare il sistema, dovrebbe anche darti dei consigli utili su come e dove intervenire. Se poi ha anche esperienza sulla tua piattaforma (in questo caso WordPress) ovviamente è ancora meglio :-)

 

...e magari metterti pure una patch al codice... :D

Su, siamo seri. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

io continuo a ripeterti (e te l'ha fatto notare anche Alex) che i siti che hai citato usano WP solo per alcune parti, che, probabilmente, non hanno 100 milioni di pageviews.

 

E io continuo a ripeterti che non è vero :-)

 

I siti che ti ho citato: TechCrunch , Mashable , Boing Boing , MP3.com e molti altri siti con visite nell'ordine dei milioni al giorno, usano WordPress per tutta l'infrastruttura.

Share this post


Link to post
Share on other sites
la differenza non e' tanto nella definizione, ma nel fatto che tutti gli esempi portati fanno riferimento a blog all'interno di portali e di solito sono molto meno visitati rispetto al resto.

per farti un esempio, credo che la home di HTML.it sia molto piu' visitata dei singoli blog. o no?

 

Guarda, html.it, quando worpdress non era ancora multiblog, dissero di averlo modificato a tale scopo(non vollero usare la versione mu), quindi la singola installazione gestisce tutti i loro blog, che non sono solo quelli del network oneblog.

 

Penso che se loro, che di tecnologie web ne capiscono, pur potendo costruirsi una piattaforma ex-novo, hanno preferito modificare wordpress, e addirittura trasferirci i blog di altre piattaforme, non deve essere proprio una schifezza come ne parlate voi...

 

Ripeto, non è leggero, come buona parte dei cms complessi... drupal dal mio punto di vista pure è un mattone, come tanti altri...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mischiamo la m**** con la cioccolata. Drupal è la piattaforma utilizzata per il sito istituzionale della Casabianca, vorrà pur significare qualcosa.

si, che va bene per fare il sito istituzionale della Casa Bianca.

 

L'idea che i requisiti di sistema debbano essere dettati dall'applicazione, è un concetto errato e che stravolge completamente il senso dell'informatica, del resto Von Neumann non era uno sprovveduto.

??? quindi secondo te non sono i dispositivi, i telefonini, i computer, etc, che si sono adeguati alle continue richieste degli utenti?

Siamo in un mercato, gli utenti chiedono qualcosa. Chi glie lo sa dare, vende. Chi non glie lo sa dare, non vende. Senza tirare in ballo Von Neumann.

 

Potrei capire che mi richiedi PHP5, MySQL5 e un Webserver. Se già tu applicazione hai bisogno di 256 MB di RAM per funzionare, c'è qualcosa che non mi torna.

eh si bisognerà spendere 5$ in più al mese di ram :-)

 

Eppure il LEM aveva soli 64 Kb di RAM ed è servito per andare sulla Luna.

Si infatti conosco un sacco di aziende che vendono applicazioni per andare sulla luna che stanno in meno di 64K. E' un business incredibile.

Io nell'89 scrivevo codice assembler per applicazioni di analisi strutturale, ma se devo fare un sito web nel 2011 non lo scrivo in assembler.

 

I log si analizzano per ciò che sono, ovvero per effettuare un'analisi e relativo troubleshooting.

Non vedo perchè il sistemista debba essere esperto di WordPress (ma anche di Joomla, Drupal, e quant'altro) per rilevare un'eventuale criticità.

 

Infatti, tutti sono alla ricerca di sistemisti che gli dicano: "il sistema è OK!" mentre la loro applicazione è giù. Per non parlare poi di quelli che dicono: "cambia CMS". Sono tutti consigli utilissimi, come non farne tesoro :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites
si, che va bene per fare il sito istituzionale della Casa Bianca.

 

Magari anche che è un sistema più solido, sicuro e meno da bimbiminkia.

 

??? quindi secondo te non sono i dispositivi, i telefonini, i computer, etc, che si sono adeguati alle continue richieste degli utenti?

Siamo in un mercato, gli utenti chiedono qualcosa. Chi glie lo sa dare, vende. Chi non glie lo sa dare, non vende. Senza tirare in ballo Von Neumann.

 

Dev'essere il software ad adeguarsi nel 90% dei casi e non il contrario. Sono tutti bravi a scrivere codice, ma chi veramente lo fa rispettando determinati concetti di ottimizzazione, sicurezza e pulizia del codice?

Tanto, basta che funziona no? ;)

 

 

eh si bisognerà spendere 5$ in più al mese di ram :-)

 

Facile aggiungere pezzi di ferro quando non si hanno le competenze giuste per ottimizzare un'applicazione. ;)

 

Si infatti conosco un sacco di aziende che vendono applicazioni per andare sulla luna che stanno in meno di 64K. E' un business incredibile.

Io nell'89 scrivevo codice assembler per applicazioni di analisi strutturale, ma se devo fare un sito web nel 2011 non lo scrivo in assembler.

Di quello che facevi nell'89 sinceramente mi interessa poco.

Neanche io lo scriverei in assembler, ma nemmeno lo farei con WordPress, Joomla, etc...

 

Infatti, tutti sono alla ricerca di sistemisti che gli dicano: "il sistema è OK!" mentre la loro applicazione è giù. Per non parlare poi di quelli che dicono: "cambia CMS". Sono tutti consigli utilissimi, come non farne tesoro :-)

 

No, sono tutti alla ricerca del sistema perfetto, che non dia mai problemi ma soprattutto se succede un problema la responsabilità dev'essere sempre del provider. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il consiglio "Cambia CMS" è sacrosanto e viene dato SEMPRE dopo questa discussione che riporto:

 

Sysadmin: "il tuo wordpress crea dei loop che collassano il server"

Utente: "impossibile! è il CMS più usato al mondo e io ho installato plugin creati dalle migliori menti uscite dal MIT"

S: "Beh i loop li crea, anche se upgradi l'hardware lui continuerà a usare tutta la ram possibile"

U: "impossibile! è il CMS più usato al mondo e io ho installato plugin creati dalle migliori menti uscite dal MIT"

S: "Possiamo creare una soluzione che bilanci il carico in quel modo eventualmente solo uno dei nodi avrà il problema non influenzando gli altri e lasciando il sito comunque online, ovviamente questa soluzione costerà molto di più della attuale"

U: "Perchè devo pagare di più??? è il CMS più usato al mondo e io ho installato plugin creati dalle migliori menti uscite dal MIT"

S: "Cambia CMS!" (qui spesso il sistemista, ormai sfinito, aggiunge anche una bestemmia a piacere)

 

Questa di cui sopra è la discussione tipica tra uno che i log li ha letti e cerca una soluzione e un webmaster che usa wordpress e direi che anche questa discussione ne è una ulteriore prova ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×