Jump to content
Sign in to follow this  
ccl3no2

Diventare un "autoprovider" per dividere una linea ADSL. Come fare (Se possibile)?

Recommended Posts

Buon 2012 a tutti!

Eccomi qui a rompere ancora un po' l'anima a qualche esperto di cui chiedo ogni tanto assistenza icon_smile.gif

Innanzitutto mi scuso se magari questa non è proprio la sezione giusta, ma mi è sembrata la più idonea.

Ed ecco il tutto: ho in questo momento 3 abbonamenti per 3 linee ADSL: la casa, lo studio e il laboratorio. Le postazioni di cui sopra sono, se pur non troppo distanti, sparse in tre zone differenti della città, quindi di rete via cavo non se ne parla, nè tantomeno quella wireless, essendoci degli ostacoli interposti tra i vari fabbricati. Proprio la scorsa settimana ho trovato una azienda che offre un servizio ADSL a 50 Megabit via "radiofibra", vale a dire un collegamento via radio del cosiddetto "ultimo chilometro" che si collega direttamente a una fibra ottica dell'azienda fino al loro server. Sembra effettivamente qualcosa di allettante. In primis: dite che potrebbe essere un collegamento effettivamente valido o questi generi di linee sono soggette a "cadute" dovute a interferenze del segnale radio ed è meglio rimanere via cavo?

Ma, comunque, veniamo al nocciolo della questione: se fosse davvero qualcosa di valido, dato che mi pare che questa azienda sembra essere seria, infatti prima vengono a verificare se effettivamente c'è una copertura del segnale stabile, altrimenti non ti attivano alcunchè, mi ritroverei ad avere un servizio ADSL a ben 50 Megabit (Che poi, se si segue lo standard, saranno effettivi circa 46 Megabit). Un'ottima velocità di segnale, niente da dire. A questo punto mi è venuta in mente un'altra cosa: cosa me ne faccio di 3 abbonamenti differenti quando magari potrei dividere un segnale da 50 Megabit per usarlo sulle mie tre postazioni contemporaneamente? Se fosse fattibile, potrei far diventare lo studio una sorta di server per dividere la linea da 50 Megabit tra studio, casa e laboratorio, tanto, anche se dividessi il segnale equamente, sarebbero comunque circa 16 Megabit per ogni linea, il che non è poco.

Il problema sta però in questo: come potrei diventare io provider di me stesso, dividendo il segnale da 50 Megabit per ciascuna delle mie 3 linee costruendo una sorta di rete privata remota? icon_confused.gif Praticamente dovrei, presumo, costruire un piccolo server in studio che poi distribuisca la linea allo studio, alla casa e al laboratorio con tanto di indirizzi IP statici, DNS e così via in modo che le altre postazioni possano collegarsi come oggi io mi collego al segnale della Telecom.

Già, ma io sono capace di montare, smontare e impostare i parametri di un computer, non di progettare questo genere di cose, quindi mi servirebbero un bel po' di istruzioni in merito, per riuscire prima di tutto a sapere se è fattibile una cosa del genere o se ci sono altre alternative a ciò che chiedo e, in secondo luogo, come costruire e impostare tutto ciò. Sono anche disposto a pagare un tanto al metro di istruzioni icon_mrgreen.gif a chi me le scriverà, ma, almeno, sapere come realizzare il tutto, se è realizzabile, mi sarebbe davvero utile. Grazie mille!

----

P.S.: il computer adeguato ce l'ho già: Windows 7 64 bit, dual AMD opteron 6282 16 core, 32 Giga di RAM, 4 porte gigabit indipendenti, 8 dischi fissi per un totale di circa 1,64 Terabytes e un NAS in RAID 5 da 5 Terabytes oltre, naturalmente, a un modem router che mi collega all'attuale rete Telecom a 20 megabit.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A dire il vero non è importante un "server" (che in teoria dovrebbe chiamarsi gateway) per dividere la connessione, quello serve quando vuoi condividerla con delle specifiche policy o limiti. Tu al router del tuo ufficio puoi attaccare quanti pc vuoi, e, banalmente, attaccarci casa significa solo usare un cavo più lungo.

 

Posso dirti tranquillamente che anche se si tratta di pochi km o anche poche centinaia di metri il cavo è antieconomico (infatti non lo fa quasi nessuno, a Milano specialmente è pieno di uffici in edifici diversi anche abbastanza vicini però collegati via internet), totalmente antieconomico (un centomila euro al km). Via radio non lo so, ma penso non sia facile occupare frequenze (tra permessi e tutto).

 

In definitiva no, è abbastanza un sogno poter fare questo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a tutti per la celerità delle risposte. Effettivamente me lo immaginavo che non sarebbe stata una cosa facile...

 

-EvolutionCrazy, ti assicuro che le 4 porte gigabit che ho sono indipendenti, ciascuna con il proprio canale dedicato: non avrei speso circa 1200 Euro se non avessi saputo che spendevo in un dispositivo di qualità ottima e affidabile al 1000%.

 

-ETR, anzichè fare tentativi vari di accomunare i 3 punti su una mappa, mi sono cimentato in un montaggio fotografico satellitare indicando poi i punti in un secondo momento. Come potrai vedere sull'immagine, i vari fabbricati sono collocati, se pur non eccessivamente distanti in linea d'aria, in 3 punti opposti della città. Per quanto riguarda i tetti ti posso dire che ne ho pieno accesso senza limitazione alcuna. Lo studio è all'ultimo piano del palazzo contrassegnato, il dodicesimo per l'esattezza, a una altezza di circa 43 metri rispetto al livello stradale, quindi di ostacoli non ce n'è a 360°. I problemi arrivano con la casa e il laboratorio: la casa è un fabbricato cielo/terra in centro storico e qui ho davanti un bel po' di fabbricati (Chiesa inclusa) che non mi permetto di avere una vista diretta del palazzo di casa; unico punto di riferimento sarebbe il campanile della chiesa che ho di fronte, ma chi riesce a convincere i frati di lasciarmi eventualmente installare una piccola antenna di replica, anche se li conosco da circa 40 anni? Va beh, tentare non nuoce, dicono...

Per il laboratorio siamo allo stesso punto, anche peggio direi: la zona è tutta di palazzine degli anni 60, tutte quante alla stessa altezza; in più c'è anche la collina del castello che fa da ostacolo interposto tra lo studio e il laboratorio. Potrei tentare di chiedere di mettere una antenna sulla torre più alta del castello, ma credo sia una impresa più che impossibile, dato che su quella torre ci sono già le antenne trasmittenti della polizia, quindi...! L'unica soluzione sarebbe postare una antenna sulla montagna retrostante: lì di ostacoli non ce n'è proprio. Ah, dimenticavo: le distanze lineari in linea d'aria sono le seguenti, con l'approssimazione di 50 centimetri: studio-casa: 1388 metri, studio-laboratorio 2259 metri.

Tu avresti qualche altra sorta di suggerimento in merito?

post-8630-14246368407471_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

La cosa più logica sarebbe installare il gateway a casa, però dalla mappa mi pare che c'è comunque troppa roba in mezzo.

Ma perchè faresti questa cosa? Per risparmiare una 40ina di euro al mese?

Non che io ci sputerei sopra, ma alla fine il costo di apparati e impicci vari prima di essere ammortizzato.... te lo dico perchè anni fa mi informai per fare qualcosa di simile solo tra studio e casa. Nel mio caso il tutto era dettato dal fatto che a casa l'adsl non arrivava. Io sono abbastanza aperto in linea d'aria ma i km sono maggiori e insomma alla fine meno male che finalmente la telecom si è degnata di portarmi la linea a casa perchè neanche spendendo cifre importanti c'era qualcosa che mi convinceva a pieno.

 

P.s. sul mettere ripetitori in proprietà altrui (un castello poi...) non ci spererei proprio se non pagando un affitto che ti costerebbe sicuramente più delle 3 linee.

Share this post


Link to post
Share on other sites

investendo qualche migliaio di euro, le distante sono tranquillamente percorribili anche senza visibilità ottica...ma come giustamente detto da Uno, i 40 euro al mese che risparmi, coprono l'ammortamento degli apparati ? :)

Diverso è se fossi stato a 500 metri dove con una antenna da 50 euro te la cavi.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
te lo dico perchè anni fa mi informai per fare qualcosa di simile solo tra studio e casa. Nel mio caso il tutto era dettato dal fatto che a casa l'adsl non arrivava. Io sono abbastanza aperto in linea d'aria ma i km sono maggiori e insomma alla fine meno male che finalmente la telecom si è degnata di portarmi la linea a casa perchè neanche spendendo cifre importanti c'era qualcosa che mi convinceva a pieno.

Per curiosità quanti anni fa era? Era folle il costo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per curiosità quanti anni fa era? Era folle il costo?

 

secondo me dipende tutto dal protocollo che vuoi usare e dalla qualità del risultato!

Se ti accontenti di 2-3 Mbps, metti due access point in PtP con una bella coppia di antenne direzionali e con 200 euro ti fai anche 1 km....

 

se vuoi 30 Mbps con latenza inferiore a 10ms e stabili anche in caso di maltempo allora ti prendi una bella coppia di PtP Alvarion in Wimax e ci spendi 8000 euro :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×