Jump to content
Sign in to follow this  
imsims

la moda dei vps e cloud ... forse mi sfugge qualcosa...

Recommended Posts

hai centrato il punto, le i/o su hdd di una vps fanno pena. mysql non ne parliamo.

certo, i dischi SATA sul dedicato sono sicuramente piu' performanti di una SAN connessa in fibra che ha dischi SAS da 15k giri al minuto in Raid 10, vero? :icon_dho:

 

sulla vps da 10 euro non ci fai girare neanche asterisk con 2 utenti.

io attualmente uso un VPS (su un mio dedicato, ma il discorso prestazioni non cambia) con 512Mb di ram per gestire il centralino con circa 15 utenti.

 

vi riempite la bocca di Xeon solo perchè fa figo, quando il collo di bottiglia sono le I/O da hdd

e non certamente la cpu. a meno che non ti tieni tutto in ram, ma guardacaso la ram delle vps

del cloud la paghi neanche fosse Gold24.

come ho gia' detto in precedenza, il cloud non e' la panacea di tutti i mali. se hai bisogno di accessi forti in I/O hai bisogno di server dedicati, magari mettendo delle SSD. ma sono esigenze diverse che risolvono problemi diversi.

 

onestamente il clodu non è ne piu ne meno dei 4 salti in padella findus:

siccome tutti vogliono la pappa pronta perche non devono fare un cazzo altrimenti gli suda il fondo schiena

ergo non mi stresso a gestire il backup/failure ergo pago.

 

contenti voi contenti tutti, io preferisco gestire da me e pagare 1/10.

questa tua affermazione e' indice del fatto che parli senza nemmeno sapere come funziona un'infrastruttura cloud.

il problema non e' il backup (che devi fare comunque), ma la fault tolerance: se ti si rompe un server, devi aspettare che il provider sostituisca il pezzo guasto. in un'infrastruttura cloud, se ti si rompe il server, la tua VM viene spostata in pochi minuti su un altro server e sei online con un disservizio minimo se non nullo.

il problema e' l'assorbimento dei picchi: con un dedicato tu hai quelle risorse e basta, una volta che son finite le prestazioni calano. con il cloud tu puoi incrementare a caldo le risorse a tua disposizione assorbendo quindi le richieste non previste e lasciando inalterate le prestazioni. e lo puoi fare pagando solo per il tempo di effettivo utilizzo.

se brucia il datacenter (qualcuno ha detto aruba?) avvii le VM su un altro datacenter e in pochi minuti sei di nuovo online. con un dedicato non puoi farlo.

 

e' possibile che il cloud non risponda alle tue esigenze e che per te vada meglio un server dedicato, ma da qui ad affermare che il cloud e' una presa per il culo ce ne passa davvero.

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
(aaaahhhhaahahahah)^64

 

Immagina se in questo forum invece di risponderti tutti avessero fatto una risata tipo:

Buuaahahahahahahha

 

al solo fatto che manco sei capace di scrivere "cloud".

 

Invece hanno cercato di farti capire qualcosa. Il mod. ha perfettamente ragione quando ti promette il ban per comportamenti simili. Il cafone fallo a casa tua, non a casa d'altri...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Immagina se in questo forum invece di risponderti tutti avessero fatto una risata tipo:

Buuaahahahahahahha

 

al solo fatto che manco sei capace di scrivere "cloud".

 

Invece hanno cercato di farti capire qualcosa. Il mod. ha perfettamente ragione quando ti promette il ban per comportamenti simili. Il cafone fallo a casa tua, non a casa d'altri...

 

Evitiamo risposte del genere che potrebbero generare flame... se l'utente vuole può chiedere tramite MP chiarimenti ;)

 

Ritornando IT, ho fatto proseguire il discorso solo perché potrebbero essere utili le spiegazioni date da alcuni intervenuti per i neofiti; perché espressioni come "vi riempite la bocca di Xeon solo perchè fa figo" in un forum dove intervengono addetti del settore e professionisti, quando si parla di disaster recovery, ridondanza e di servizi di un certo livello, fa veramente ridere.

 

Ci sono cloud provider (anche italiani) che offrono soluzioni altix (solitamente usate in ambito HPC) che scalano fino a 90 e passa socket, mi chiedo loro come verrebbero definiti a questo punto...

 

Inoltre, come al solito, si prendono per cloud soluzioni che non lo sono, e si parte dalle perfomance di quelle soluzioni per fare di tutta l'erba un fascio.

 

Mi fermo qui perché è inutile andare avanti e per principio non lo faccio neanche quando vedo certi atteggiamenti, onore a chi è intervenuto ed ha spiegato qualcosa ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
certo, i dischi SATA sul dedicato sono sicuramente piu' performanti di una SAN connessa in fibra che ha dischi SAS da 15k giri al minuto in Raid 10, vero? :icon_dho:

 

 

io attualmente uso un VPS (su un mio dedicato, ma il discorso prestazioni non cambia) con 512Mb di ram per gestire il centralino con circa 15 utenti.

 

 

come ho gia' detto in precedenza, il cloud non e' la panacea di tutti i mali. se hai bisogno di accessi forti in I/O hai bisogno di server dedicati, magari mettendo delle SSD. ma sono esigenze diverse che risolvono problemi diversi.

 

 

questa tua affermazione e' indice del fatto che parli senza nemmeno sapere come funziona un'infrastruttura cloud.

il problema non e' il backup (che devi fare comunque), ma la fault tolerance: se ti si rompe un server, devi aspettare che il provider sostituisca il pezzo guasto. in un'infrastruttura cloud, se ti si rompe il server, la tua VM viene spostata in pochi minuti su un altro server e sei online con un disservizio minimo se non nullo.

il problema e' l'assorbimento dei picchi: con un dedicato tu hai quelle risorse e basta, una volta che son finite le prestazioni calano. con il cloud tu puoi incrementare a caldo le risorse a tua disposizione assorbendo quindi le richieste non previste e lasciando inalterate le prestazioni. e lo puoi fare pagando solo per il tempo di effettivo utilizzo.

se brucia il datacenter (qualcuno ha detto aruba?) avvii le VM su un altro datacenter e in pochi minuti sei di nuovo online. con un dedicato non puoi farlo.

 

e' possibile che il cloud non risponda alle tue esigenze e che per te vada meglio un server dedicato, ma da qui ad affermare che il cloud e' una presa per il culo ce ne passa davvero.

 

ciao

 

quindi tu paragoni un SATA diretto a un "quellochevuoitu" virtualizzato!?!? ma stai scherzando vero... pensi che la virtualizzazione sia a costo zero? il fatto di avere un hdd embedded in un file pensi che sia a costo zero?

vabbe siamo messi male... qua il marketing fa miracoli...

 

asterisk su vps, vorrei vedere se ti chiamano tutti e 15 e magari in quel frattempo la cpu shared della tua vps e per i fatti propri se poi hanno proprio una bella telefonata... ma per piacere..

 

ma hai letto ilmio post precedente? forse qua si fa finta di non capire: ho detto che la VM va benissimo ma la usao io a partire da Esxi5.0 e sono online come dici tu in 2 minuti se ce una failure,

 

NON ME LA FACCIO RIVENDERE A 100 volte il suo costo nullo è chiaro? o no.?

 

usando Esxi5.0 o xen server direttamente si hanno i vantaggi del cloud a costo zero

con un rapporto prezzo/prestazioni spaventosamente piu vantaggioso di un vps o cloud

 

vorreste negare questo? siamo alla frutta...

 

per quanto riguarda chi ancora si ostina a ribattere sulla risata^64, quello è solo un prestesto

per non rispondere quando non si è d'accordo sulle idee.

una risata una battuta non è la fine del mondo, solo gli ipocriti se la prendono.

come io sono stato deriso per evidenti errori di battitura, a cui nenanche ho risposto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
quindi tu paragoni un SATA diretto a un "quellochevuoitu" virtualizzato!?!? ma stai scherzando vero... pensi che la virtualizzazione sia a costo zero? il fatto di avere un hdd embedded in un file pensi che sia a costo zero?

vabbe siamo messi male... qua il marketing fa miracoli...

 

Anche l'ignoranza fa miracoli.

 

Sai cos'è fiberchannel? Infiniband? Sai cos'è una LUN?

 

HDD embedded in file lo fai tu col serverino del cavolo, non a certi livelli, beata ignoranza.

 

Smettiamola di prenderci in giro, tutto ruota attorno al bugdet ed a cosa sia prioritario per te; se il tuo budget non è tale da poterti permettere feature di un certo livello, puoi solo ripiegare nella soluzione home-made con server monoalimentatore, hd sata, ctrl raid software & Co.

 

Sono 2 soluzioni completamente diverse, lascia perdere chi ha tolto dalla propria pagina di offerte VPS l'adesivo "Web2.0 ready" e ci ha appicicato "Cloud powered", quello non è cloud computing, è marketing.

Edited by Antonio

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusami carissimo, ma l'ignoranza sarà da parte tua.

 

1)tu confondi la banda complessiva di un collegamento multisherato con le I/O è come condondere i Mb/s col ping ...

 

2)infatti gli SSD enterprise li usano perchè sono tutti ignoranti.

 

3)certo perchè il filesystem che crea vmware o xen server alla fine non crea un file conteiner dove ce la tua macchina virtuale...

 

ma hai usato mai un software di virtualizzazione? sai come lavora? c'è l'hai un'idea di cose un hypervisor

pensi che funziona con la bacchetta magica?

a parte l'accesso diretto alla CPU grazie al support hardware il resto fa pena nella virtualizzazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusami ma mi sfugge una cosa.

 

Tu dici che in caso di guasto impieghi 30 secondi ad accendere un altro server e ripartire, ma nel caso ti prenda fuoco il DC (come successo ad aruba) come fai ad arrivare a tutti i tuoi server?

Share this post


Link to post
Share on other sites

mettiamo anche che cada un'asteroide no?

 

scusa ma se prende fuoco il DC dove hai il cloud?

 

ma che discorso è?

 

posso avere delle copie di nbackup settimanali, posos prendere il secondo server storage su un'altro DC

se proprio devo pensare anche al prende fuoco!

 

ma vi state arrampicando sugli specchi... ma da morire...

Share this post


Link to post
Share on other sites
scusami carissimo, ma l'ignoranza sarà da parte tua.

 

1)tu confondi la banda complessiva di un collegamento multisherato con le I/O è come condondere i Mb/s col ping ...

 

2)infatti gli SSD enterprise li usano perchè sono tutti ignoranti.

 

3)certo perchè il filesystem che crea vmware o xen server alla fine non crea un file conteiner dove ce la tua macchina virtuale...

 

ma hai usato mai un software di virtualizzazione? sai come lavora? c'è l'hai un'idea di cose un hypervisor

pensi che funziona con la bacchetta magica?

apparte l'accesso diretto alla CPU grazie al support hardware il resto fa pena nella virtualizzazione.

 

1) 2) 3) eh?

 

Forse o sei rimasto tu indietro, o non so proprio dove tu voglia andare a parare.

 

In ambiente clustered vedere solo le I/O di un hd è come dire che si ha una ferrari che va a 300km/h e la si pensa di usare alla sua velocità massima su una strada provinciale nell'ora di punta. In un ambiente clustered le prestazioni del settore storage sono date da iops, latenza e banda passante che ti offre la tecnologia scelta per interconnettere nodi di computazione e storage.

 

Con connessioni fiberchannel o infiniband puoi avere latenze pressoché nulle per quanto riguarda la connettività; se poi usi infiniband con RDMA, la latenza è nell'ordine dei μs ed hai a disposizione dai 10 ai 120Gbit/s per ogni link. Quindi, dicendo questo, abbiamo già azzerato la differenza tra DAS e storage remoto.

 

Secondo: le SAN attuali utilizzano sia HD 15k SAS sia SSD enterprise per il caching, rindondano i dati X volte, non ci sono SPOF, possono tirarti svariati GB/s di throghput, ed un quantitativo di iops che dipende da come si è deciso di configurare la SAN ma, di base, sei sicuramente sopra i livelli di un HD Sata o di un raid 1 o 10 di hd sata.

 

Inoltre vmware o xen o quel che è, puoi settarli per usare nativamente una lun (e su quella lun settare tutta una serie di informazioni a seconda delle prestazioni che vuoi raggiungere); sarebbe l'equivalente di una partizione apposita fatta sul tuo DAS (forse con questo esempio capisci di cosa sto parlando).

 

EDIT: Poi parli di hypervisor, so bene come lavorano, ma non stiamo parlando di server fisico VS ambiente virtualizzato, dato che tu pensi di usare esx (immagino esxi a questo punto).

 

EDIT2: Gli xeon di cui ci si riempe la bocca per fare i fighi, nell'ultima incarnazione hanno migliorato di molto la gestione dell'I/O, migliorando le VT-d ed introducendo altre librerie apposite.

Edited by Antonio
sistemata un pò l'ortografia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×