Jump to content
Sign in to follow this  
pchs

Un interessante articolo sul perchè Linux non sostituirà ma Windows

Recommended Posts

Diciamo che come linea di pensiero è abbastanza veritiera e mi sento di quotarlo per un buon 90%!

Lasciamo perdere i commenti dei linuxari più accaniti: loro hanno obiettività pari a 0.

Share this post


Link to post
Share on other sites

essendo stato utente Commodore, Amiga, Windows, Mac e Linux ( come tempo assoluto più Windows che altro ) provo a discutere seriamente dell'argomento...

 

"User friendly? Non esattamente."

 

Direi che dipende più che altro dall'utente. Dovremmo innanzitutto definire il target no? All'epoca di cui parla Linux aveva come target ( e per la stragrande maggioranza lo mantiene ) un utente skillato, che sa cosa fa e non si spaventa alla vista della linea di comando. Per questo tipo di utente la bash è molto più che user friendly: è l'interfaccia migliore.

Non a caso Linux è più diffuso sui server, regno incontrastato degli amministratori di sistema con le palle.

 

"configurare correttamente tutto l'hardware perché funzionasse a dovere"

 

boh forse voleva scrivere software perchè se non funziona l'hardware non funziona a prescindere dal sistema operativo.

 

"Linux è bello perché è puro, e noi siamo tosti, coerenti e irreprensibili perché usiamo Linux”

 

beh in tutto questo c'è un fondo di verità ( come in tutte le leggende ): grazie al target scelto, l'utente Linux deve essere mediamente più skillato di quello windows... lapalissiano.

 

"Il concetto stesso di "distribuzione" è più che nebuloso al grande pubblico."

 

E chissenefrega: se sono interessati si informeranno. RTFM è un acronimo ricorrente.

 

"I linari aberrano la semplicità"

 

( ma non è aborrono?)

in parte è vero: però mi sembra un po' riduttivo. Più che altro si cerca di dare quello che chiede la comunità: ci sono distro che girano veramente OVUNQUE... avete paura della possibilità di scelta?

 

"Se la comunità Linux, e in generale Open Source, fosse stata veramente unita"

 

cosa vuol dire unita? Proporre un prodotto solo? Microsoft non è unita?

 

"il sistema operativo deve essere completamente trasparente e deve essere solo un mezzo efficiente e affidabile tramite il quale fruire dei contenuti"

 

bene: per ora non esiste ( purtroppo )... anche per via dei driver e di tutti i vari problemi di interfacciamento tra hardware e software

 

se vi interessa c'è la discussione sulle nuove interfacce desktop http://forum.diodati.org/messaggi.asp?f=5&id=1543

 

se vi interessa provare un'interfaccia come quella che auspica c'è Archy

http://jef.raskincenter.org/home/index.html

 

siete pronti ad abbandonare desktop, applicazioni, file e cartelle?

Share this post


Link to post
Share on other sites

concordo in buona parte con quanto scritto nell'articolo.

Se Linux avesse avuto uno sviluppo meno "frammentato" e non ci fossero state tante distro, credo che sia tecnologicamente che evolutivamente il gap di mentalità e di "conoscenza" (termine usato in maniera impropria) tra Windows e Linux sarebbe stato ridotto veramente ai minimi termini.

 

in un comento su http://blog.hostingtalk.it/2007/04/alla_ricerca_del_sistema_opera.php#comments

 

erano state già espresse certe perplessità ... la logica "...Dividi et impera..." a cui il progetto ha ceduto (io spero non si sia suicidato ...) non credo prometta nulla di buono negli anni in avvenire ...

 

edit:

 

L'hardware deve essere configurato per funzionare, se non funziona il sistema è rotto, se non si configura, una parte del sistema sarà semplicemente "spenta" sono 2 concetti separati e distinti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me la chiave dell'articolo è in queste parole:

 

La mia conclusione è - lo insegna anche la storia - che il concetto di "Divide et Impera" è decisamente deprecato (ndr: vedi nota precedente). I geniali e ribelli fautori dell'Open Source non sono mai riusciti ad andare d'accordo per più di qualche settimana e finora sono stati uniti solo dall'odio nei confronti di Bill Gates, il signore incontrastato dei software chiusi.

 

Vi parlo da sviluppatore signori: realizzare applicazioni sotto Linux è una tragedia per chi vuole impiantarci un business. Il concetto di riusabilità del codice non esiste e già il primo problema è gnome o kde? Scegliere uno significa avere un'interfaccia incoerente e non integrata con l'altro. L'integrazione tra applicazioni diverse poi è un'altra tragedia dovuta alla mancanza di visioni comuni: sotto Mac ho Cocoa e AppleScript, sotto Win ho il COM (se voglio stare sull'unmanaged) o il .NET (se voglio stare sul managed) e riesco molto facilmente ad usare ed a integrare il mio software con il desktop e con gli applicativi installati.

 

Sotto Linux ci sono troppe visioni diverse e troppo spreco di risorse e in questo clima è già un successo che non ci sia stato alcun fork sul Kernel (anche se Cox e Arcangeli avevano fatto il 'loro' kernel).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Onestamente io condivido il modello di sviluppo "Open Source", solo che per un progetto tipo Linux ( o meglio l'insieme del software che gira sul kernel Linux) questo modello porterà, nel medio periodo (3-5anni) ad avere un gap enorme tra il sistema operativo e l'hardware su cui "dovrebbe" girare ... il mio discorso verte su questo e la frammentazione delle community di sviluppo accentuerà ancora di più questo fenomeno che comunque si inizia ad avvertire già oggi.

A mio avviso se, utopisticamente parlando, ci fosse una concentrazione di risorse verso una sola distro, le cose cambierebbero e non di poco, perchè i vari ruoli nel progetto avrebbero a disposizione molta più gente e ci sarebbe un buon gruppo di manutenori per ciascun componente/programma del sistema.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ci fosse una concentrazione di risorse verso una sola distro

ma questo non avrebbe alcun senso: ci sono certe distro che stanno su una pen usb e altre che stanno su vari dvd

ci sono certe che sono più veloci perchè si compila il software per l'hardware specifico

altre tipo alcune derivate debian che invece puntano alla semplicità della gestione del software rinunciando a un minimo di performance

alcune sono ottimizzate per i server

altre sono ottimizzate per il real time

alcune sono ottimizzate per il desktop

alcune sono più aggiornate e quindi bacate, mentre altre hanno software più vecchio e stabile

 

per non parlare del supporto hardware che non è mica unico!

 

e così via :cartello_lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×