Jump to content
Sign in to follow this  
csaffi

Consigli Architettura e Sincronizzazione database

Recommended Posts

Non hai pensato alla possibilita' di andare in colocation da qualche parte con l'infrastruttura che hai attualmente ?

 

Penso che risolverebbe la questione del driver windows e ti permetterebbe di mantenere quello che gia' hai.

 

 

Non è possibile la co-location di tutto il sistema all'esterno dell'azienda, a causa della parte legacy, che ad esempio è strettamente legata agli indirizzi IP dei computer locali ed anche alle stampanti locali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non è possibile la co-location di tutto il sistema all'esterno dell'azienda, a causa della parte legacy, che ad esempio è strettamente legata agli indirizzi IP dei computer locali ed anche alle stampanti locali.

 

Questo lo puoi risolvere con una VPN. Magari sto semplificando troppo, ma io la considererei come opzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questo lo puoi risolvere con una VPN. Magari sto semplificando troppo, ma io la considererei come opzione.

 

Ti ringrazio per il consiglio, ma credo che non accetterebbero mai in azienda di migrarlo all'esterno, è un'applicazione troppo critica, senza la quale si fermerebbe tutta l'attività, dunque non possiamo esporci ad eventuali downtime dovuti magari alla connettività.

 

Attualmente abbiamo 2 ADSL, una primaria con telecom che utilizziamo per l'ecommerce, ed una secondaria con infostrada che utilizziamo per la navigazione web, ed effettuiamo un cambio di gateway manualmente sulla ADSL secondaria in caso di problemi sulla primaria...

 

Magari potrei aggiungere una terza linea 3G, in caso si verificassero problemi sulle reti telecom, che poi si ripercuotono ovviamente anche sugli altri gestori. E sarebbe ottimo se esistesse qualcosa (un firewall o altro) che switchasse in automatico sulla linea migliore in caso di problemi.

 

In questo modo forse la soluzione master/master potrebbe essere stabile ed andare bene.

 

Cosa ne pensate?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ti ringrazio per il consiglio, ma credo che non accetterebbero mai in azienda di migrarlo all'esterno, è un'applicazione troppo critica, senza la quale si fermerebbe tutta l'attività, dunque non possiamo esporci ad eventuali downtime dovuti magari alla connettività.

 

Attualmente abbiamo 2 ADSL, una primaria con telecom che utilizziamo per l'ecommerce, ed una secondaria con infostrada che utilizziamo per la navigazione web, ed effettuiamo un cambio di gateway manualmente sulla ADSL secondaria in caso di problemi sulla primaria...

 

Scusa, tu innanzitutto parli di servizi critici, poi dici che sono appoggiati, al momento, su due ADSL ? Io direi che prima di tutto conviene che vi sediate a pensare quanto questa struttura sia critica per voi, e poi pensiate a qualche connettivita' piu' seria sulla quale appoggiare il tutto. Io direi che conviene pensare almeno ad una SHDSL.

 

Magari potrei aggiungere una terza linea 3G, in caso si verificassero problemi sulle reti telecom, che poi si ripercuotono ovviamente anche sugli altri gestori. E sarebbe ottimo se esistesse qualcosa (un firewall o altro) che switchasse in automatico sulla linea migliore in caso di problemi.

 

In questo modo forse la soluzione master/master potrebbe essere stabile ed andare bene.

 

Cosa ne pensate?

 

Io eviterei di mettere un servizio critico su una linea 3G, fosse anche solo come terza opzione. Ripeto, pensate prima all'infrastruttura di base, poi al resto.

 

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fossi in voi chiederei un preventivo a qualche azienda che si occupi sia di hosting che di connettività per le PMI... qui c'è da fare un'analisi seria e approfondita delle esigenze e del budget, che francamente su un forum pubblico non farei... vi serve un partner tecnico...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fossi in voi chiederei un preventivo a qualche azienda che si occupi sia di hosting che di connettività per le PMI... qui c'è da fare un'analisi seria e approfondita delle esigenze e del budget, che francamente su un forum pubblico non farei... vi serve un partner tecnico...

 

Grazie per la risposta Andrea. Avresti suggerimenti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
In questo modo forse la soluzione master/master potrebbe essere stabile ed andare bene.

 

Cosa ne pensate?

Che i cluster MySQL master/master già possono diventare incoerenti con una facilità impressionante all'interno di una rete locale e che incapsulare le comunicazioni in una VPN che poi deve camminare su delle ADSL mi fa un po' paura.

 

Per una soluzione simile ho utilizzato la fibra e nonostante tempi di latenza ottimi e contratti ipercarrozzati, qualche momentaneo problema può sempre capitare e le desincronizzazioni portavano a risultati mostruosi.

 

Abbiamo raggiunto comunque un risultato ottimo, buttato via MySQL :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
Che i cluster MySQL master/master già possono diventare incoerenti con una facilità impressionante all'interno di una rete locale e che incapsulare le comunicazioni in una VPN che poi deve camminare su delle ADSL mi fa un po' paura.

 

Per una soluzione simile ho utilizzato la fibra e nonostante tempi di latenza ottimi e contratti ipercarrozzati, qualche momentaneo problema può sempre capitare e le desincronizzazioni portavano a risultati mostruosi.

 

Abbiamo raggiunto comunque un risultato ottimo, buttato via MySQL :D

 

 

Grazie per la risposta Valeriano. Voi come avete risolto esattamente?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grazie per la risposta Valeriano. Voi come avete risolto esattamente?

Avendo una distribuzione geografica su 4 sedi, abbiamo creato apposite VPN per avere un'unica rete basata su fibra.

A quel punto abbiamo distribuito un cluster database ma il MySQL ci dava continui problemi perché era sufficiente saltasse un link per creare dati incoerenti visto che, in master/master il nodo isolato credeva di essere l'unico sopravvissuto (questo è comunque un problema comune a tutti i cluster se non hai un link secondario per fare heartbeat in qualche modo).

A parte questo, la resincronizzazione era poi un macello considerato che l'azienda per cui ho studiato questa soluzione fa un uso pesantissimo di letture/scritture su db.

Dopo un po' di test si è finalmente deciso di buttare via MySQL (che, tra l'altro odio da sempre) per un cluster SQL Server. So che qualcuno inorridirà (pure io non è che amo tanto i prodotti M$) ma abbiamo ottenuto un sistema decisamente più stabile e scalabile.

Naturalmente poi abbiamo comunque dovuto configurare, secondo alcune regole interne, i vari nodi in modo che tutti fossero secondari tranne la sede principale.

 

Considera che questo tipo di ambiente è differente da quello che descrivi tu per cui farei una serie di test ben precisi prima di procedere in produzione provando letteralmente a "scassare" i vari link per verificare che la coerenza dei dati non vada a farsi benedire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×