Jump to content
Sign in to follow this  
Deflagrator

Passare alla Cloud, qual è stata la vostra esperienza?

Recommended Posts

Passare alla cloud, impone un cambio netto di visione della propria infrastrutta, non solo a livello hardware, ma soprattutto a livello applicativo. Infatti, sulla cloud si può contare su sistemi molto più personalizzati (se prima si era su hosting), e con possibilità di espandare dinamicamente in base alle necessità le risorse a propria disposizione.

 

Se prima per assorbire i picchi ci si doveva dotare di costese infrastrutture, o magari di costosi piani hosting, questo oggi può essere evitato, a patto di aver ottimizzato il proprio applicativo per poter trarre tutti i vantaggi da queste piattaforme.

 

Chi ha affrontato il passaggio alla cloud, quale è stata la vostra esperienza? La ripetereste? Avete adattato la vostra applicazione per questo tipo di piattaforma?

 

PS mi rivolgo non solo ai clienti, ma anche ai provider che hanno spostato la propria infrastruttura su cloud.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io posso dare una visione da fruitore di servizi cloud: ne sono piacevolmente colpito e difficilmente tornerei indietro, ma non sono totalmente soddisfatto per alcuni motivi.

 

  • il termine cloud e' usato ovunque e spesso a sproposito: la gente scrive "cloud server" sul proprio sito e poi non sono cloud, vuoi per un motivo, vuoi per un altro; quindi la scelta del provider a cui affidarsi diventa difficile e bisogna districarsi tra offerte finte-cloud e vero cloud.
  • un altro mito da sfatare e' che il cloud sia economico per l'utente finale: col cloud non si risparmia, ma si paga quel che si utilizza. un problema derivante da questo concetto e' la difficolta' nell'effettuare una previsione di spesa, e per molte aziende questa cosa e' fuorviante.
  • in vari casi ho notato che i problemi principali delle VM in cloud riguarda il sottosistema disco, spesso sovraccarico pure avendo SAN belle carrozzate; la cosa si ripercuote sulle prestazioni.

 

i vantaggi del cloud che ho "sfruttato" sono vari:

 

  • la fatturazione oraria/giornaliera e il "pay-per-use" sono comode quando si ha bisogno di istanze per brevi periodi contendo in questo caso la spesa (non devi pagare una VM per un mese, ma pochi giorni)
  • scalabilita' verticale delle risorse, sia manuale che automatica (l'autoscaling di amazon, per esempio)
  • alta affidabilita' delle VM in caso di guasti hardware (anche se questa non e' una caratteristica solo del cloud, ma ora le VM in HA sono definite quasi sempre cloud; cfr. al primo punto degli svantaggi)
  • ridondanza geografica
  • possibilita' di sfruttare le API di servizi cloud messi a disposizione dal provider (tipo l'object storage)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho utilizzato per diversi mesi il cloud aruba, e adesso sono tornato su un server dedicato.

Le prestazioni del disco sono peggiorate col tempo, e l'idea di poter continuare ad avere un peggioramento delle prestazioni da un momento all'altro non mi piace per nulla.

Anche perchè sul risparmio reale è tutto da vedere, perchè è vero che puoi avere delle istanze per alcune ore e poi distruggerle, ma i costi per ora delle risorse sono alti rispetto ad un semplice dedicato. Considerato che ad esempio il costo di un core non è proprio bassissimo, ed è comunque garantito al 50%(Almeno nel mio caso con Aruba, ma dove lo danno totalmente garantito il costo è più alto per cui sei comunque li).

 

Questa fissa del cloud = risparmio, a me sembra semplice roba da marketing, ed un esempio concreto con tanto di numeri non si è ancora visto, nemmeno qui su HostingTalk.

 

Avere un cloud su un unico data center mi sembra piuttosto inutile, risolvi il problema di un guasto hardware, ma non sei immune a tanti altri problemi che possono verificarsi.

 

Prendendo per esempio HostingTalk che dice di essere distribuito in 3 data center diversi, penso abbia sicuramente un costo fisso in tutti e 3 per mantenere la sincronizzazione dei database.

Poi magari le altre istanze nei data center di riserva le attivano nel momento in cui c'è bisogno, e di norma costa "poco" tenere tutto sincronizzato.

Su un ecommerce è sicuramente una cosa che farei, ma su altri tipi di siti vale sempre la pena fare tutto ciò considerando i costi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io ho utilizzato per diversi mesi il cloud aruba, e adesso sono tornato su un server dedicato.

Le prestazioni del disco sono peggiorate col tempo, e l'idea di poter continuare ad avere un peggioramento delle prestazioni da un momento all'altro non mi piace per nulla.

vero, e' quel che dicevo prima riguardo il sovraccarico delle SAN utilizzate. poi ci son aziende come rackspace in cui (almeno quando ho cercato io qualche mese fa) le VM sono sui dischi locali in RAID 10 e l'hardware e' totalmente ridondato, ma non in cluster. certo, perdi la live migration e tutte le cose collaterali.

 

Anche perchè sul risparmio reale è tutto da vedere, perchè è vero che puoi avere delle istanze per alcune ore e poi distruggerle, ma i costi per ora delle risorse sono alti rispetto ad un semplice dedicato. Considerato che ad esempio il costo di un core non è proprio bassissimo, ed è comunque garantito al 50%(Almeno nel mio caso con Aruba, ma dove lo danno totalmente garantito il costo è più alto per cui sei comunque li).

 

Questa fissa del cloud = risparmio, a me sembra semplice roba da marketing, ed un esempio concreto con tanto di numeri non si è ancora visto, nemmeno qui su HostingTalk.

concordo pienamente.

 

Avere un cloud su un unico data center mi sembra piuttosto inutile, risolvi il problema di un guasto hardware, ma non sei immune a tanti altri problemi che possono verificarsi.

e' assolutamente inutile, se non per l'HA sull'hardware. poi non inizi ad usare roba ridondata geograficamente e li' ci si diverte.

 

Prendendo per esempio HostingTalk che dice di essere distribuito in 3 data center diversi, penso abbia sicuramente un costo fisso in tutti e 3 per mantenere la sincronizzazione dei database.

Poi magari le altre istanze nei data center di riserva le attivano nel momento in cui c'è bisogno, e di norma costa "poco" tenere tutto sincronizzato.

intendiamoci: il cloud non e' una VM in HA e bisogna uscire dal concetto stesso di server "monolitico".

tutti i servizi di amazon - per esempio - permettono una "modularizzazione" di questo concetto, spostando il punto focale dall'infrastruttura all'applicazione.

S3 e' ridondato geograficamente; RDS ti permette di attivare fault tolerance, replica master-slave, ridondanza geografica con un solo tastino nella dashboard; hai il load balancer e quindi le richieste vengono gestite nel miglior modo possibile; i file statici li metti su una CDN in modo da servirli nel modo piu' veloce possibile.

l'istanza, in fondo, tiene solo il codice web che si sta usando, e quello si spera che non cambi spesso.

insomma, il modo per fare vero cloud c'e', ma bisogna approcciare alla questione in modo diverso da "ok, prendiamo una VM e mettiamoci il sito".

 

ovviamente tutto cio' ha dei costi, che non sempre e' possibile sostenere. ma come si dice, non si fanno le nozze con i fichi secchi.

 

Su un ecommerce è sicuramente una cosa che farei, ma su altri tipi di siti vale sempre la pena fare tutto ciò considerando i costi?

dipende, certamente un ecommerce "produce" soldi ed ha senso investire. su un sito vetrina non credo si abbia bisogno della ridondanza geografica, dei contenuti su CDN e via discorrendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bhe, secondo me un risparmio c'è...

Ok, per un server il cui carico è mediamente costante, gli costerà sempre di più (anche se si potrebbe discutere sulla questione affidabilità di avere una macchina in cloud, che da certe sicurezza hardware, rispetto a un singolo server dedicato), però io penso magari alla realtà di servizi che hanno picchi in certi orari o in certi giorni. Certo se non sfrutti le api del sistema, e quindi non permetti l'autoscaling in base alle risorse necessarie, perdi tutti i benefici.

 

Per esempio un sito che ha un picco di utenza notevole per 1 ora al giorno, di un utenza media per 8-9 ore al giorno, e tutto il resto del tempo un utenza bassa, dal cloud potrebbe avere un netto risparmio, poichè con un server dedicato, dovrebbe acquistarlo alla potenza di quel picco di un ora al giorno.

 

Oltretutto secondo me vi è anche un risparmio per la ridondanza geografica. Un sito ridondato su 3 datacenter, con normali server dedicati, dovrebbe avere lo stesso ammontare di risorse hardware su tutti e 3. Mentre magari così si può tenere 1 istanza al massimo, e le altre 2 al minimo solo per la sincronizzazione, e in caso di necessità scalare su...

 

Certo, poi se parliamo della questione delle risorse decantate ma non reali è un altro problema, che ha sempre afflitto anche le vps (apparte quelle vmware). Quando leggi per esempio su amazon, "hai 2 ecu di processore" mi vien da ridere, perchè non c'è nessun modo di sapere a quanto corrispondono, e soprattutto, se li ho davvero nell'utilizzo...

 

L'asimmetria informativa nel cloud, fra clienti e provider è a mio modo di vedere troppo elevata. Bisognerebbe cercare di dare più trasparenza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedo che il vero concetto di cloud inizia ad essere recepito, non solo come semplice risparmio economico (che in infrastrutture basilari come ad esempio una singola istanza molto probabilmente non c'è).

 

Non posso che quotare. Purtroppo, come avete già detto, molti provider han preso la propria offerta di VPS (spesso nemmeno in HA) rinominandola in Cloud Server ed aggiungendo (non sempre) una fatturazione oraria, quando invece di cloud non hanno nulla.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Vedo che il vero concetto di cloud inizia ad essere recepito, non solo come semplice risparmio economico (che in infrastrutture basilari come ad esempio una singola istanza molto probabilmente non c'è).

Beh se ti servono risorse spot non vedo alternative equivalenti economicamente al cloud.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beh se ti servono risorse spot non vedo alternative equivalenti economicamente al cloud.

 

Nulla che non si possa fare tecnicamente con una normalissima VPS. E' semplicemente una questione commerciale, non tecnica. Il cloud non è solo una VPS con fatturazione oraria delle risorse, ma è molto di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×