Jump to content
Sign in to follow this  
Ste

Il fenomeno VPS, a che punto siamo?

Recommended Posts

Quello che dici è vero per lo snapshot, infatti è fornito OnDemand e viene effettuato in collaborazioe del cliente, al quale chiediamo sempre di interrompere eventuali DB in esecuzione. Fermo restando, concorderai anche te che rimane comunque un potentissimo strumento che velocizza molto la normale manutenzione del sistema.

 

Senza ombra di dubbio lo strumento è molto potente. Lo snapshot, infatti è un ottimo mezzo di disaster recovery (e non di backup).

Ad essere sincero non l'ho mai preso in considerazione per il fatto che fai molto in frett a riempire uno storage (ovviamente) mentre, con un backup ben configurato spendi molto meno in termini di spazio, ovvio che sono due cose ben diverse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se fornito dalla farm di solito è Tivoli (il client esiste per lnx ed è ottimo).

Se ti fai in casa il server di backup, Mondo tutta la vita (o Bacula per sistemi dove l backup non è inteso come disaster recovery).

 

Anche Legato Networker non è male :approved:

Share this post


Link to post
Share on other sites
I vantaggi di una soluzione di VH rispetto ad un MH tradizionali sono fondamentalmente riconducibili a tre aspetti:

 

  1. maggiore affidabilità della soluzione garantita dal fatto che ciascun server virtuale risiede su un cluster di macchine fisicamente distribuite e sempre allineate. In caso di guasto di una macchina, il server virtuale viene automaticamente migrato sulle altre macchine del cluster senza interrruzionie del servizio
  2. costi inferiori della soluzione dovuti dall’utilizzo di una piattaforma hardware condivisa che si sostituisce alle costose architetture costituite da server dedicati in cluster
  3. tempi di attivazione inferiori indipendenti dai tempi di approvigionamneto dei materiali e relative installazioni/test

http://www.hostingtalk.it/interviste/interviste-ai-provider/interoute-lhosting-del-futuro-e-virtualizzato/

Share this post


Link to post
Share on other sites

ritorno sulla discussione dopo un po, dato che ho letto tutto solo ora ( come avviene spesso, manca il tempo! :D ) .....la mia riflessione era diretta a capire se ci sia ancora effettivamente spazio per questo prodotto, almeno in italia.

 

All'estero, in USA, non ha mai sostituito del tutto il settore dei dedicati, che non si è sentito nemmeno minacciato, in Italia la cosa è stata diversa, si è maggiormente pensato che potesse sostituire i dedicati, e qualche provider lo ha proposto proprio con queste considerazioni.

 

Concordo con Vincenzo che per ora la vrtualizzazione, dal punto di vista economico, porti un grosso vantaggio ai datacenter, ma dall'altro ci si rende conto che facilita molto in condizioni "mission critical"....Interoute nell'intervista ha mostrato bene cosa significhi virtualizzazione anche geografica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve,

Ritorno sulla discussion esolo per dire che , probabilmente, Noi in Italia abbiamo avuto una visione "distorta" dell' utilizzo delle VPS ...

Personalmente penso che le VPS possano essere viste come un' evoluzione dell' Hosting Condiviso e non come una seria alternativa al Server "dedicato" ...

 

Ciao !!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×