Jump to content
caygri

Register.it che beffa!

Recommended Posts

C'è chi ti vende una soluzione e-commerce con dominio, hosting, certificato SSL ed assistenza in modo indissolubile; tutto o niente da contratto e non è affatto raro. Molte web agency lo fanno da prassi e secondo modalità ancora più limitanti. Non vedo quindi cosa ci sia da meravigliarsi se un Provider decide di vendere 2 servizi, sulla carta separati, in un'unica soluzione. Che poi ci sarebbe da discutere cosa si intende per "servizi separati". Perchè solo hosting e dominio sono separati? Se ci pensi bene c'è molto di più: dominio, gestione DNS, spazio web, email ecc. Capisco che possa dar fastidio quello che fa Register ma loro non sono i primi e certamente non è illegale o scorretto.

 

le webagency sono una cosa e vendono all'utente finale il sito con tutti i servizi associati, i provider un'altra.

io posso volere avere il dominio separato dall'hosting perche' se ho un contenzioso con il provider di hosting voglio essere libero di prendere un altro hosting senza dover lottare per avere un auth code (e non e' certo la prima volta che succede).

certo, ci sono altri servizi che possono essere differenziati e sarebbe sicuramente meglio tenere tutto separato e scorporabile, pagando solo per quello che effettivamente si utilizza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma se poi non ti chiamano più...non ti possono x leggere CANCELLARE IL SITO.

Loro hanno cancellato un sito...è illegale fidati. 

 

Da contratto loro intendono dominio & hosting come un unico servizio inscindibile e, sempre da contratto, nel momento in cui interrompi il rapporto loro non sono tenuti a mantenere alcunchè. Prima di recedere dal contratto sta al cliente sincerarsi di aver preso le dovute precauzioni.

 

le webagency sono una cosa e vendono all'utente finale il sito con tutti i servizi associati, i provider un'altra.

 

Stiamo parlando di un servizio. Che questo lo eroghi una webagency piuttosto che un provider, un ISP, un calzolaio o idraulico non toglie nè aggiunge nulla agli obblighi verso il cliente. Essere provider non ti rende più o meno responsabile di una webagency.

 

io posso volere avere il dominio separato dall'hosting perche' se ho un contenzioso con il provider di hosting voglio essere libero di prendere un altro hosting senza dover lottare per avere un auth code (e non e' certo la prima volta che succede).

certo, ci sono altri servizi che possono essere differenziati e sarebbe sicuramente meglio tenere tutto separato e scorporabile, pagando solo per quello che effettivamente si utilizza.

 

Non è rilevante quello che vuoi tu come cliente nè cosa sarebbe meglio fare secondo i tuoi canoni. Io come cliente potrei anche esigere che nel dominio sia incluso un mazzo di fiori ma se il mio provider di fiori non ne vuole sentire parlare, non ho nulla a pretendere. Infine la "differenziazione" non la fa il cliente ma il fornitore con il suo contratto. Lo so che è brutto da dire ma se non ti piace non comprare e rivolgiti altrove. Quello che sta scritto nel contratto, brutto o bello che sia, è da tenere in considerazione al pari delle caratteristiche del piano hosting che stai acquistando. Se mi serve un hosting PHP + MySQL non compro un hosting ASP + Oracle. Allo stesso modo se mi serve tenere separati hosting e dominio perchè "per me è meglio che sia così" non compro da Register che li considera come un'unica cosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da contratto loro intendono dominio & hosting come un unico servizio inscindibile e, sempre da contratto, nel momento in cui interrompi il rapporto loro non sono tenuti a mantenere alcunchè. Prima di recedere dal contratto sta al cliente sincerarsi di aver preso le dovute precauzioni.

 

e questa e' una sacrosanta verita'. come lo e' il verificare bene le condizioni in fase di sottoscrizione.

 

Stiamo parlando di un servizio. Che questo lo eroghi una webagency piuttosto che un provider, un ISP, un calzolaio o idraulico non toglie nè aggiunge nulla agli obblighi verso il cliente. Essere provider non ti rende più o meno responsabile di una webagency.

 

non si tratta di responsabilita', ma di offerta e di ruoli: e' molto probabile che una webagency oltre a sviluppare il sito, offra al cliente un pacchetto completo di hosting e dominio. che poi la webagency compri il dominio da godaddy e l'hosting da aurba o che faccia tutto da aruba, e' totalmente trasparente per il cliente.

se ci sono rogne, l'interfaccia del cliente e' la webagency, non il/i provider.

fermo restando che il provider puo' fare quel che gli pare finche' lo scrive chiaramente nel contratto (e register lo fa), io trovo poco professionale questa modalita' di comportamento.

 

Non è rilevante quello che vuoi tu come cliente nè cosa sarebbe meglio fare secondo i tuoi canoni. Io come cliente potrei anche esigere che nel dominio sia incluso un mazzo di fiori ma se il mio provider di fiori non ne vuole sentire parlare, non ho nulla a pretendere. Infine la "differenziazione" non la fa il cliente ma il fornitore con il suo contratto. Lo so che è brutto da dire ma se non ti piace non comprare e rivolgiti altrove. Quello che sta scritto nel contratto, brutto o bello che sia, è da tenere in considerazione al pari delle caratteristiche del piano hosting che stai acquistando. Se mi serve un hosting PHP + MySQL non compro un hosting ASP + Oracle. Allo stesso modo se mi serve tenere separati hosting e dominio perchè "per me è meglio che sia così" non compro da Register che li considera come un'unica cosa.

 

invece e' decisamente molto rilevante quel che voglio io, perche' quel che voglio io influisce sulla mia scelta. e se il provider non tiene conto delle esigenze dei clienti, prima o poi li perde.

e' altresi' chiaro che non comprero' cose che non mi aggradano, ne' che non soddisfano le mie esigenze. ma non sei certamente tu a dovermelo dire.

ci si sta lamentando di un comportamento che sicuramente non ci si aspetta ed e' utile dare evidenza di certe dinamiche in cui magari ci si puo' scontrare e rimanere scottati.

 

ribadendo, in ogni caso, la necessita' per tutti di leggere attentamente i contratti quando si sottoscrive un servizio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su questo sono perfettamente d'accordo con te. Anche io trovo che quello che fa Register sia una scomoda forzatura e una strategia che prima o poi ti porta a perdere clienti. In tal senso l'unica forma di protesta è non acquistare nulla da loro.

 

Sono intervenuto solo perchè qualcuno aveva cominciato a ventilare l'ipotesi che tutto quello che fa Register fosse illegale. Non scherziamo :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma se poi non ti chiamano più...non ti possono x leggere CANCELLARE IL SITO.

 

 

"Non ho capito il tuo esempio...puoi scriverlo in un italiano migliore?"   (cit.)

 

 

 

Loro hanno cancellato un sito...è illegale fidati. 

 

 

E' illegale perchè lo scrive Caygri su un forum?

In Italia, abbiamo due codici: civile e penale (poi ci sono anche i due rispettivi Codici di procedura, ma te li risparmio).

In prima approssimazione, possiamo definire "illegale" qualcosa che vioal palesemente almeno un articolo di questi due codici.

Considerato che entrambi li trovi in rete... ti dispiacerebbe, di grazia, indicarmi QUALE articolo di legge abbia violato register.it?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo è successo perché il vecchio provider non ha disattivato la zona nei propri DNS, non perché non ha eliminato il piano di hosting.

 

No: il dominio era registrato su un registrar esterno, che forniva anche i DNS. Quando il dominio è stato trasferito, le relative zone DNS erano state cancellate correttamente.

Quello che però è successo è che un qualche server SMTP in giro per il mondo non se ne è accorto (o perchè lavorava con DNS in cache, o perchè si appoggiava ad un server DNS incastrato che non si è aggiornato).

Il risultato è che chi inviava email attraverso questo SMTP (e, per sfiga e Murphy, era un cliente dell'ex titolare del servizio) lo inviava al VECCHIO server e non al nuovo.

Se il servizio fosse stato disattivato, il mittente avrebbe ricevuto almeno un messaggio di errore; invece così sono andati avanti settimane.

(Si, certo, la colpa principale era del beduino che aveva lasciato che un server SMTP lavorasse con DNS d'epoca... ma in questi frangenti di solito gli utenti non sono molto disponibili a questi sottili distinguo... :D )

Share this post


Link to post
Share on other sites

@caygri ho spostato i messaggi di flame in cui veniva accusato Revhosting senza alcuna prova in una sezione protetta. Fermo restando che Revhosting ha ovviamente facoltà di tutelarsi come meglio crede nelle sedi opportune.

 

Al prossimo flame verranno presi provvedimenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

10 - DIRITTI DI PROPRIETà INTELLETTUALE E/O INDUSTRIALE: Register.it rimane l'unica titolare dei diritti proprietari e di sfruttamento economico relativi a invenzioni e programmi (inclusi software, documentazione e programmi scritti, studi, ecc) e a quant'altro sia stato preparato, realizzato, sviluppato in funzione dei Servizi acquistati attraverso i singoli OdS dal Cliente, al quale è concesso solo un diritto d'uso limitato e non trasferibile.


 

siccome il software è loro, nel momento in cui tu porti via il dominio da loro loro ti impediscono di portati via il sito per il suddetto punto presente qui:


 

contratto che hai accettato al momento dell'ordine

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×