Jump to content
Sign in to follow this  
freesailor

Cerco provider email professionale con caselle "spaziose".

Recommended Posts

Salve a tutti.

Mi scuso per la prolissità ma preferisco spiegare nel dettaglio (magari serve pure a qualcun altro).

Sto cercando di trovare un provider di email professionale, da prendere al posto di Aruba (che comunque non sembra andare malissimo, nonostante se ne dica di solito peste e corna!), per una piccola azienda che ha bisogno di una cinquantina di caselle di posta (prevedibili al massimo un centinaio nei prossimi anni, in caso di crescita).

Le esigenze principali sono:

1) caselle da una decina di GB espandibili fino ad una trentina di GB o, in alternativa, spazio di archiviazione aggiuntivo per backup off-line (gestiti dal provider) per almeno 10 GB a casella, meglio se 20 GB. Questo per dover evitare di fare necessariamente backup locali per tenere salvataggi della posta da un minimo di cinque anni fino a dieci anni. Le caselle da espandere sui 25-30 GB dovrebbero essere una ventina sulle 50 complessive. Aruba come standard ha caselle da solo 1 GB e questo è il motivo principale per fare un cambiamento.

2) zero problemi con l'uso di client Outlook e, meglio ancora e se tecnicamente possibile, buona e trasparente integrazione con Outlook (tipo che l'antispam del provider butta le email incriminate direttamente in "Posta indesiderata" di Outlook invece di lasciarle in "Spam" e accessibili solo da interfaccia web, come fa Aruba).

3) filtro antispam del provider almeno parzialmente controllabile da parte del postmaster dell'azienda, nel senso di poter mettere whitelist (e magari pure blacklist) a livello globale (dominio aziendale di posta) invece di lasciar fare tutto al provider e/o dover agire a livello di singola casella e/o dover mettere blacklist sui singoli client.

4) protocollo IMAP (ma questo direi che lo offrono tutti).

5) accesso anche web, sia per gli utenti che per il postmaster (e anche questo credo lo diano tutti).

6) accesso da smartphone, sia Android che iPhone (dubito che ci siano provider che non lo consentono).

7) possibilmente costo annuo complessivo, compreso un dominio aziendale e circa 50 caselle, non molto oltre 1000 euro + IVA.


Finora ho visto (più o meno bene) le offerte di:

- Qboxmail: mi è sembrata la più vicina alle mie esigenze (caselle di grandi dimensioni, 8 GB, con spazio aggiuntivo fino a 25 GB a 2 euro/mese se richiesto, costo non eccessivo intorno ai 700 euro/anno + IVA per 50 caselle da 8 GB ciascuna; dimensionando invece 30 caselle da 8 GB e 20 da 25 GB sarebbero 840 euro/anno + IVA).

- lo stesso Aruba acquistando per 20 caselle 5 pacchetti GigaMail (costo annuo 5 euro + IVA) per portarle ognuna a 25 GB: il costo annuo diventa 530 euro, molto competitivo ma va considerato che 30 delle 50 caselle resterebbero a solo 1 GB (mentre con Qboxmail le stesse 30 avrebbero già di base 8 GB ciascuna, buono per qualsiasi sforamento imprevisto).

- Kolst: per le mie esigenze dovrei come minimo dimensionare un server da 500 GB (vale a dire in media 10 GB a casella), che è già il massimo possibile, e mi costerebbe 1500 euro/anno + IVA. Non c'è competizione con Qboxmail, nè sul prezzo nè sulle prestazioni.

- Gmail G Suite: caselle ampie (30 GB) e immagino servizio professionale ma costo elevato (2000 euro/anno + IVA per 50 caselle da 30 GB). Non mi sembra ne valga la pena, a costo doppio.

- Fastweb Fastmail: offerta deludente, non costa pochissimo (sui 900 euro/anno per 50 caselle da solo 1 GB) e offre poco di più di quanto offre Aruba standard (la caselle sono da solo 1 GB, come Aruba, e per quanto ho visto non espandibili; nessuna possibilità di avere spazio aggiuntivo neppure per backup offline). Mi sembra un servizio molto più per uso personale che aziendale.



Fatta tutta questa lunga e noiosa premessa, faccio alcune domande puntuali:

- qualcuno ha esperienza diretta di Qboxmail?
- esistono altri provider (italiani o con supporto in Italia) che offrono più o meno quello che offre Qboxmail (vedi sopra)?
- c'è secondo voi qualche motivo per cui dovrei riconsiderare anche Kolst o Gmail G Suite, che pure sono fuori dai parametri di scelta ciascuna per diverse ragioni, stante che l'upgrade di Aruba è comunque un'opzione (e pure la più semplice da adottare) e che Fastweb mi pare invece del tutto fuori gioco?

Grazie.



 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

Personalmente ti consiglio la Gsuite, costa un pò ma devi comunque considerare che incluso nel prezzo c'è tutta la suite di google (Gdrive, Gcalendar..).

Dovresti provare a sentire qualche provider direttamente, probabilmente ti sapranno fare un'offerta personalizzata in base alle tue esigenze.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Microsoft Exchange? 3 euro al mese per ogni casella. Outlook, webmail, IMAP e qualcosa come 100 GB di spazio o più.

 

Grazie, in effetti dopo aver valutato le alternative mi starei orientando su questa soluzione. Costa più di quanto speravo ma mi pare la scelta migliore.

 

Il dubbio che resta è se non ci si leghi un pò troppo a Microsoft, in particolare quanto bene possa funzionare anche con client diversi da Outlook.

Questo perchè è sorta pure l'idea di non estendere il numero di licenze Office e usare per la maggior parte delle nuove postazioni (che non siano di "power users") una suite free, tipo LibreOffice, e un client di posta free, quasi certamente Thunderbird.

Sulla carta dovrebbe funzionare (con IMAP supportato in Exchange Online, qualche anno fa mi pare non fosse supportato ma ora viene dichiarato esserlo), però mi chiedo se non ci siano "inghippi" che ne ostacolino l'uso (magari da parte di MS per spingere l'uso di Outlook ...)

 

Così come vorrei essere sicuro che su Exchange Online possano essere supportati contemporaneamente sia IMAP che MAPI, ovvero che l'uso di IMAP non impedisca il collegamento degli Outlook con supporto dei calendari ecc.

Le funzioni collaborative e di sincronizzazione ci possono interessare solo per i "power users" (direzione, amministrazione) e per questi si terrebbe la suite MS Office, ma bisogna che il loro accesso da Outlook via MAPI possa coesistere con l'accesso IMAP degli altri.

Anche qui, non vedo perchè non dovrebbe essere così, però ...

 

Se avete informazioni su questi due punti, molte grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×