Jump to content
Sign in to follow this  
sineverba

Posso ospitare una zona DNS sul mio Raspberry?

Recommended Posts

Ciao a tutti!

 

Ho un dominio registrato su un importante registrar, che attraverso il CNAME del WWW reindirizzo al DDNS impostato nel mio router.

 

Quando cambia l'ip della connessione di casa quindi non ho grossi problemi e riesco ad accedere ai miei servizi a casa tranquillamente tramite il mio www.

 

Ora la domanda che mi è venuta in mente... 

 

Vorrei agire sul benedetto A... quando cambia l'IP aggiornare direttamente il record A. Ovviamente non posso farlo a mano, è impossibile, e non ho possibilità di farlo a mano.

 

Ora la mia domanda è... Ma come potrei fare per avere sul mio raspberry tutta la zona DNS del mio dominio, compreso il record A?

 

Dovrei immagino farmi autorizzare due NS ? Considerate pure che il dominio è un .it...

 

Grazie mille!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo non mi è arrivata la notifica della risposta... :(

 

Ok, il "non puoi" vale solo per il .it? Per i .com è piu' permissiva la cosa?

 

 

Non ti chiedo la pappardella, tranquillo, puoi mettermi però sul corretto binario di ricerca con qualche "termine" o "indicazione" cosi continuo a studiare per conto mio? :)

 

Grazie ancora!

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, è proprio impossibile, per qualsiasi TLD.

 

vediamo il caso più semplice: tu hai nomedominio.it e vorresti annunciarlo con i due nameserver ns1.mionameserver.com ed ns2.mionameserver.com

Un nameserver autoritativo, per esser tale, deve essere a suo volta registrato come un record A.

Quindi, deve esistere un qualcosa del tipo 

 

ns1.mionameserver.com  A    100.100.100.100

ns2.mionameserver.com  A     100.100.100.100

 

dove 100.100.100.100 è il tuo IP dinamico.

 

Quindi, ogni volta che cambia il tuo IP, dovresti andare a modificare questi record A, aggiornandoli.

Però un record DNS ha anche una cosa chiamata TTL, e che è il tempo (in secondi) che un record deve esser ritenuto valido, anche se è conservato in cache.

In teoria non può essere inferiore a 300 (5 minuti), ma nella realtà molti server DNS i TTL inferiori a 3600 non li prendono in considerazione, e li "arrotondano" a 3600.

 

Quindi, tu dovresti  trovare il modo di aggiornare ogni volta i record A di ns1.mionameserver.com ed ns2.mionameserver.com

E comunque ad ogni cambio di IP avresti un blackout di durata variabile

 

Inoltre: lo scherzo ti funzionerebbe per un dominio .it (dove non vanno a controllare che i server DNS siano su IP differenti), ma ad esempio non ti potrebbe funzionare per un .de, che ha dei requisiti abbastanza più restrittivi sui server DNS

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie!

Alla fine ho trovato il mio workaround.

Gestisco il dominio tramite cloud flare che mi permette di scrivere i DNS tramite API. Da li viene facile un semplice script ogni 10 minuti di check IP esterno che se cambiato va ad aggiornare il record A.

Alla fine un personale DDNS :)

Grazie per la pazienza e la gentilezza e le spiegazioni!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×