Jump to content
Sign in to follow this  
ninox

manteiner affidabili e seri

Recommended Posts

Andiamo allora a fare un sunto per casi estremi - ecco 2 ipotetici esempi:

 

1) Facciamo finta che questo società non voglia accettare il trasferimento ad un altro manteiner - lo può fare? o c'è qualche obbligo a farlo per volontà del proprietario del dominio?

 

2) Facciamo finta che una società dove sono riposti questi domini falisca o che chiuda i battenti per altre forzature. Cosa succede a questi domini?

Mi pare che non possano essere trasferiti ad altro manteiner (specie quelli internazionali) o no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao

Un consiglio, poi se pensi che il n. dei domini sia il punto di maggior riferimento per capire la qualità/stabilità/potenzialità di una ditta sai già cosa fare.

 

In diversi hanno spiegato come funziona quella classifica ed è "quasi" reale a grandissime linee. A grandissime linee perchè mancano

>domini .it (vi sono ditte che il 70% dei domini sono .it) >> causa di questo alcune ditte sono su valori minoritari su webhostig.info

>seguono il DNS pertanto se una ditta lavora molto con i rivenditori e assegna ai rivenditori dns personalizzati, abbiamo una ditta in posizione assolutamente "sfavorita" inoltre

vi sono aziende che per proprie politiche usano dns diversi (dns legati a domini diversi) e se non si iscrivono a webhosting.info segnalando la cosa, utile per accorpare i vari dns, avranno una posizione "sfavorita"

 

In base a quanto indicato vi potrebbero essere ditte da te non valutate perchè non raggiungono i primi 20 o 30 posti, oppure webhosting gli assegna un tot di domini Y pur avendo un numero di domini gestiti notevolmente più alto di qualcuno che è nella X posizione e pertanto più facilmente visibile e meno "sfavorito".

 

La tua scelta, tornando al consiglio, si dovrebbe basare su

1) struttura informativa del sito (ampiezza delle informazioni)

2) tipologia di supporto che fornisce (email? telefono? telefono 199? call center? ticket? forum? chat? Faq?)

3) per ogni tipo di supporto fornito quali sono i tempi di risposta? le risposte sono di tipo personalizzato, risolutive oppure sono risposte tipo "leggi qui e là e su e giù"

4) tempi di attesa telefono

5) UPTIME garantito da sito o da sla e in ogni caso quanto viene dichiarato?

99.5 -99.9 - 99.95 - 99 e esso riguarda la linea, il server o è un dato inserito a caso?

6) il sito ha una bella lista di siti (ovvio che non tutti possono inserire i clienti, dipende anche da settore commerciale in cui sono incanalati) oppure via email fatti dare qualche dominio e chiedi se puoi contattarli (anche se non ha molto senso perchè potrebbero essere clienti mirati)

7) se hanno un forum fai un bel giro sui post e leggi cosa dicono. Molte volte un forum è lo specchio dell'azienda. Vi sono forum di ditte di hosting da cui si riesce a parcepire l'aria di come lavora la ditta stessa, di come si trovano i clienti.

8) guarda l'anzianità dell'azienda e chiedi informazioni. L'anzianità non è un dato certo per valutare la serietà perchè la ditta nata 1 anno fà potrebbe lavorare molto meglio di quella nata 10 anni fà. Chi ti dice che quella azienda nata 1 anno fà è composta da persone che precedentemente lavoravano presso altre aziende del settore o erano soci di qualche altra ditta, etc..etc...l'anzianità è importante ma non basilare

 

Tornando all'inizio del thread, scusami ma a meno che tu stia chiamando un call center è facile sentire cose che possano far pensare che uno stia dentro la cameretta del figlio a lavorare (esagerando):). Ti faccio due esempi

1) chiamato in questi giorni un grosso professionista della zona che conosco molto bene e sò che l'ufficio è immenso, 15 segretarie, etc..eppure ho sentito

-un bambimo piangere

-una banda che suonava

Il tipo ha l'ufficio in centro sopra alla piazza comunale e i vetri non sono doppi pertanto si sente di tutto e di più.

Personalmente qualche anno fà feci l'errore di prendere un ufficio in una palazzina dove i muri erano alti 1 dito e fra poco si sentivano anche rumori del WC.

Non puoi, a mio giudizio, basarti sui rumori di sottofondo per giudicare un azienda, come pure il n. dei domini. Vi sono ditte con 300, 500 domini che lavorano benissimo, ditte con 3000, 5000 domini che lavorano altrettanto bene, ma non perchè hanno meno domini di altri debbano essere rischiosi o non affidabili o MENO importanti a livello di mercato.

Eccoti un esempio esagerato> Ferrari vende meno auto della porsche

Ognuno sceglie la propria politica. C'è chi vuole arrivare a gestire un piccolo n. di domini e c'è chi vuole invece arrivare a gestire migliaia e migliaia di domini, politiche diverse, interessi diversi, management diverso, 740 non è detto che sia diverso:)

Chi sia più a rischio non si può dire, il mercato ci ha dato delle conferme eclattanti in questi anni dove aziende italiane e non, dichiarate infallibili hanno avuto dei gravi problemi.

 

Concludendo, scusa la lungaggine,

"ecco 2 ipotetici esempi:"

1) il titolare del dominio ha la facoltà di trasferirlo seguendo le linee guida delle policy. Nessuno può impedire un trasferimento a meno che vi siano casi particolari. I problemi eventualmente potresti averli per i domini non .it dove chi gestisce il dominio potrebbe non fornirti il codice di trasferimento, potrebbe bloccarti il trasferimento, potrebbe non inserire nell'admin una tua email. Queste possibilità sappi che ti possono capitare con la "piccola" come pure con la "grande" azienda.

 

2) per domini non .IT> sicuramente l'admin spiegando la situazione, non essendo solo lui cliente e pertanto il Registrar avrà varie notifiche di cambio, al Registrar, il Registrar gli andrà incontro "scavalcando" il rivenditore di domini

Per il .it non hai problemi, il dominio te lo sposti quando vuoi

 

Conclusione, visto che fondamentalmente le paure sembrano legate alla non trasferibilità causa "mela marcia", registrati un dominio .it almeno puoi cambiare mantainer quando lo desideri senza incotrar nessun tipo di problema però visto che hai 300 domini ti potrei consigliare soluzione definitiva e sicura al 100%

a) diventa mantainer (se hai molti domini .it, se no scegli un qualsiasi mantainer col prezzo e tempi di invio modulo accettabili)

b) scegli un bel Registrar di modo che sei autonomo

b) metti su un server dedicato almeno te li gestisci da solo senza pensare che la ditta possa chiudere

 

 

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
Eccoti un esempio esagerato> Ferrari vende meno auto della porsche

 

l' esempio non calza perchè la porsche è superiore a qualsiasi macchina esistente in commercio. Le fiat rosse non possono competere con loro!!

 

Scusami ma dovevo rispondere che qui mi hai colpito nel vivo :stordita:

 

 

Perchè ricordati che se una macchina potesse sognare, sognerebbe di essere una porsche!

Share this post


Link to post
Share on other sites
l' esempio non calza perchè la porsche è superiore a qualsiasi macchina esistente in commercio. Le fiat rosse non possono competere con loro!!

 

Scusami ma dovevo rispondere che qui mi hai colpito nel vivo :stordita:

 

 

Perchè ricordati che se una macchina potesse sognare, sognerebbe di essere una porsche!

ti posso bannare? :sbonk:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi siete stati tutti di grande aiuto credo veramente di avere le idee molto più chiare adesso.

 

Rimangono 2 domande in sospeso. Una già l'avevo fatta nel post precedente:

 

2) Facciamo finta che una società dove sono riposti questi domini falisca o che chiuda i battenti per altre forzature. Cosa succede a questi domini?

Mi pare che non possano essere trasferiti ad altro manteiner (specie quelli internazionali) o no?

 

L'altra (anch'essa fondamentale per completare la scelta):

 

Tra 2 società una che ha la propria webfarm nel proprio edificio (quindi completamente proprietaria di tutto) e l'altra che ha le le macchine presso qualche farm (tipo inet, telecom etc) quale ritenete più affidabile (e mi riferisco all'affidabilità di cui parlavo prima - non tecnica)?

 

Scusate la pignoleria, ma non si tratta di uno o qualche sito personale ma di tanti e non personali.

:fuma: Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

1) I domini .it possono essere sempre trasferiti dato che risponde direttamente il NIC e non devi avere nessun passaggio dal provider, per tutti gli altri solitamente è sufficiente contattare il MNT a cui si era affidato il provider e non ci sono problemi a recuperare il tutto (leggi:http://www.hostingtalk.it/forum/showthread.php?t=3590 alla fine fmortara ha recuperato tutto e la situazione era piu grave)

 

2) Guarderei che tipo di società è e che tipo di webfarm propria ha, c'è chi afferma di avere propria webfarm collocando i server in normali uffici(purtroppo succede anche se sono pochi) e chi realmente ha una farm proprietaria con tutte le caratteristiche che deve avere un datacenter :) In ogni caso siccome parli di affidabilità, chi ha farm propria ha sistemi ridondati per l'energia elettrica, ha piu carriers per la banda ecc :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×