Jump to content
Sign in to follow this  
bright

new server - realizzazione webfarm

Recommended Posts

Umh, intanto per costruire una webfarm servono capitali enormi che ben difficilmente stanno in mano ad una persona che va a chiedere su un forum (con tutto il rispetto eh). Dietro a queste strutture ci sono società e scatole cinesi a iosa, non siamo più nei primi anni '90. Magari, più che scoraggiare, chi è intervenuto ha soltanto dato un riscontro un po' più reale sulla situazione in cui ci si potrebbe infilare.

 

Ok, servono enormi capitali, ma non è detto che deve inziare con il costruire una nuova i.net. E comunque sono investimenti, chi ti dice che magari non ha dei soci, o che non ha dove farseli prestare, o meglio ancora, non ha da chi farsi finanziare?

 

Il proprietario de che? Hai mai visto una webfarm con una ragione sociale individuale? Per parlare di guadagni, poi, devi prima rientrare gli investimenti e di sti tempi e con la concorrenza attuale ci possono volere anni (se rimani in piedi abbastanza).

Il proprietario, nel senso i dirigenti/soci , non attacchiamoci alle singole parole per favore. Certo che ci possono volere anni, ma per cosa non ci vogliono? Le aziende non vanno in attivo appena le si creano.

 

Per creare concorrenza devi avere la forza di farla. Il discorso su chi ci abita vicino è piuttosto insensato dal punto di vista del cliente, mentre se si parla di creazione di posti lavoro può reggere.

Oltre ai posti di lavoro, è più conveniente per i webmaster, singoli o associazioni, che non possono spendere tanti soldi per l'assistenza, e gli fa comodo avere vicina la webfarm.

 

Non prendermi per un razzista o un elitarista, ma se al sud non ci sono le strutture è soltanto perché non ci sono le condizioni politiche perché esistano, purtroppo, e per tutto ciò ringraziate le classi politiche di ogni colore/schieramento che hanno assoluto interesse perché le cose rimangano così.

Certo, ma non dico di andarle a fare in posti impossibili, a sud ci sono grandi città, che bene o male è possibile far qualcosa.

 

I sistemisti sono sistemisti, del nord del sud dell'est o dell'ovest e non glielo dice il medico di fare questo lavoro. Ogni lavoro, poi, ha posti in cui puoi fare bene e a volte ciò richiede il trasferimento (io ne sono un esempio), se ti va di farlo bene, se no fai altro a casa, la storia dell'oligopolio non regge perché non vai ad ingrassare proprio niente dato che sei pagato. Se intendi che sei sottopagato e l'azienda ci straguadagna allora si tratta di "attributi" personali del sistemista in questione che non deve scendere troppo in basso, se lo fa, beh, 'zzi suoi.

Aspè, per il discorso dei prezzi, mi riferisco a quello per i clienti, i sistemisti penso che tutto sommato son ben pagati.

 

Offerte lowcost? Ma non si parlava di farm? Qui mi sa che stiamo facendo un calderone, la scala dei servizi è piuttosto ampia, ma potrei aver capito male io.

Si, il lowcost centra, perchè se le webfarm tengono prezzi alti, come si possono fare offerte low cost?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ok, servono enormi capitali, ma non è detto che deve inziare con il costruire una nuova i.net. E comunque sono investimenti, chi ti dice che magari non ha dei soci, o che non ha dove farseli prestare, o meglio ancora, non ha da chi farsi finanziare?

Se non costruisci la "nuova inet" duri due mesi e vai a gambe all'aria. Internet ha accorciato le distanze e tantissimi non si fanno problemi sulla distanza (basti vedere chi usufruisce di farm estere). Il mercato non è più in startup, ormai ci sono i "grossi", se vuoi battagliare devi essere preparato.

Il proprietario, nel senso i dirigenti/soci , non attacchiamoci alle singole parole per favore. Certo che ci possono volere anni, ma per cosa non ci vogliono? Le aziende non vanno in attivo appena le si creano.

Ma se non sei preparato vai del culo in pochissimo tempo, soprattutto in un mercato ormai stabile e già occoupato.

Oltre ai posti di lavoro, è più conveniente per i webmaster, singoli o associazioni, che non possono spendere tanti soldi per l'assistenza, e gli fa comodo avere vicina la webfarm.

Perdona la franchezza, se un webmaster, associazione o qualsiasi altra cosa, non ha budget sufficiente per sopportare qualche migliaio di euro di spesa mensile per l'infrastruttura, beh faccia altro nella vita.

Certo, ma non dico di andarle a fare in posti impossibili, a sud ci sono grandi città, che bene o male è possibile far qualcosa.

Non mi sono spiegato bene, potenzialmente è ovvio che il sud possa dare molto, ma purtroppo, è risaputo che ci sono forze molto difficili da combattere da quelle parti (ed è un enorme peccato), insomma, per i politicanti di turno è un ottima sacca dove far sparire i soldi (a scapito degli incolpevoli abitanti del luogo).

Si, il lowcost centra, perchè se le webfarm tengono prezzi alti, come si possono fare offerte low cost?

Io non capisco come fai a dire che le webfarm hanno prezzi alti.

Ci sono lowcost a listino pubblico da 40 Euro al mese in giro e di sicuro queste offerte non sono "a rimetterci", 40 Euro a livello business è meno di zero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
voglio ricordare che aruba non è ne vicino al mix ne a nessun punto di interscambio... ma la banda c'è ed è ottima...

 

su questo hai ragione ! Però c'è anche da dire che 14 Gbit di Aruba ad Arezzo costano molto di più che 14 Gbit a Milano ! E soprattutto, qualora aruba decidesse di comprare altra banda da un altro carrier, dovrebbe sostenere dei costi non indifferenti per la stesura del circuito mentre se fosse a Milano o Roma costerebbe tutto meno ....

 

l'unico vantaggio di costruire in zone "remote" è il costo del terreno e dell'ICI !

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se non costruisci la "nuova inet" duri due mesi e vai a gambe all'aria. Internet ha accorciato le distanze e tantissimi non si fanno problemi sulla distanza (basti vedere chi usufruisce di farm estere). Il mercato non è più in startup, ormai ci sono i "grossi", se vuoi battagliare devi essere preparato.

Secondo il tuo modo di vedere, tutti gli hoster piccoli, dovrebbero essere già stati schiacciati, o erro?

 

Ma se non sei preparato vai del culo in pochissimo tempo, soprattutto in un mercato ormai stabile e già occoupato.

Può essere come dici tu, come può essere il contrario. Non tutti hanno bisogno di un servizio che faccia 1ms dagli stati uniti.

 

Perdona la franchezza, se un webmaster, associazione o qualsiasi altra cosa, non ha budget sufficiente per sopportare qualche migliaio di euro di spesa mensile per l'infrastruttura, beh faccia altro nella vita.

Tu parli come qualche migliaio di euro mensile fossero spiccioli. Le associazioni non profit non hanno enormi capitali, non è detto che il webmaster sia miliardario e il privato non sempre è ricco. Può avere un proggetto che vuole portare avanti, perchè dovrebbe spendere un mare di soldi di assitenza quando può andarci lui?

 

Non mi sono spiegato bene, potenzialmente è ovvio che il sud possa dare molto, ma purtroppo, è risaputo che ci sono forze molto difficili da combattere da quelle parti (ed è un enorme peccato), insomma, per i politicanti di turno è un ottima sacca dove far sparire i soldi (a scapito degli incolpevoli abitanti del luogo).

Infatti è vero, ma ti ho detto che non dovunque è così.

 

Io non capisco come fai a dire che le webfarm hanno prezzi alti.

Ci sono lowcost a listino pubblico da 40 Euro al mese in giro e di sicuro queste offerte non sono "a rimetterci", 40 Euro a livello business è meno di zero.

 

In Francia danno a 20 euro un burst di 100mbit. Sicuramente il server è una ciofeca, ma ho il parere di alcune persone che fanno streaming e riescono a tenere 70-80mbit, le offerte che dici tu a 40 euro, quanta banda ti danno? 2 mbit? Se questo è lowcost...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Secondo il tuo modo di vedere, tutti gli hoster piccoli, dovrebbero essere già stati schiacciati, o erro?

Che c'entrano gli hoster con le farm? Comunque, quando parti puoi pure essere piccolo ma devi già aver investito ed essere dimensionato per crescere velocemente. E purtroppo, un gran bel vizio tutto italiano è buttarsi volendo spendere poco e il risultato è sotto gli occhi di tutti, un mercato pieno di fregature e gente incompetente, quante aziende fanno un business plan serio quando partono?

Può essere come dici tu, come può essere il contrario. Non tutti hanno bisogno di un servizio che faccia 1ms dagli stati uniti.

Si certo, se parliamo del giocattolino per il cuginetto, se parliamo di una farm devi aver eun struttura coi controcazzi, no way.

Tu parli come qualche migliaio di euro mensile fossero spiccioli. Le associazioni non profit non hanno enormi capitali, non è detto che il webmaster sia miliardario e il privato non sempre è ricco. Può avere un proggetto che vuole portare avanti, perchè dovrebbe spendere un mare di soldi di assitenza quando può andarci lui?

Le migliaia di euro per una *persona* non sono spiccioli, per un'azienda *devono* esserlo altrimenti vuol dire che fai talmente poco business che non ti resta niente attaccato alle dita e poi per stare a galla cominci a tirar giù le mutande rompendo i maroni a chi le cose le fa bene.

L'ipotetico tizio che ha il progetto in canna, se non ha i soldi per farsi seguire da uno specialista, può far da se, vero, ma se può far da se vuol dire che è uno specialista e quindi guadagnerebbe molto di più a far consulenze, allora cosa rimane? Il solito che si improvvisa... de gustibus.

In Francia danno a 20 euro un burst di 100mbit. Sicuramente il server è una ciofeca, ma ho il parere di alcune persone che fanno streaming e riescono a tenere 70-80mbit, le offerte che dici tu a 40 euro, quanta banda ti danno? 2 mbit? Se questo è lowcost...

Ah, la France, la France, a 20 euro al mese, vai a malapena in pizzeria con la morosa, non prendiamoci in giro, questo è un overselling penoso che ovviamente gioca sul fatto che per un poweruser che frulla 80 Mbit ce ne siano molti che non ne fanno nemmeno 1. Stai tranquillo che se le risorse diventano un problema al low cost francese ti sbattono fuori in 10 secondi e ti attacchi al tram.

Ciò che va separato è un servizio serio da un giocattolo, se vogliamo parlare di giocattoli allora va bene ure il server dietro l'adsl di casa, se parliamo di business ervices, beh, parliamo di budget altrettanto seri.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Che c'entrano gli hoster con le farm? Comunque, quando parti puoi pure essere piccolo ma devi già aver investito ed essere dimensionato per crescere velocemente. E purtroppo, un gran bel vizio tutto italiano è buttarsi volendo spendere poco e il risultato è sotto gli occhi di tutti, un mercato pieno di fregature e gente incompetente, quante aziende fanno un business plan serio quando partono?

È sicuramente un vizio italiano e te ne do ragione, ma non è detto che bisogna investire come se si dovessero ospitare milioni di clienti. Bisogna fare una struttura scalabile, questo si, ma le cose eccessivamente sovraddimenzionate, non giovano a nessuno.

 

Si certo, se parliamo del giocattolino per il cuginetto, se parliamo di una farm devi aver eun struttura coi controcazzi, no way.

Come detto da qualcuno, Aruba è la prova che non è detto che la qualità della banda siccome è distante da Milano sia male, dipende da come la si proggetta...

 

Le migliaia di euro per una *persona* non sono spiccioli, per un'azienda *devono* esserlo altrimenti vuol dire che fai talmente poco business che non ti resta niente attaccato alle dita e poi per stare a galla cominci a tirar giù le mutande rompendo i maroni a chi le cose le fa bene.

L'ipotetico tizio che ha il progetto in canna, se non ha i soldi per farsi seguire da uno specialista, può far da se, vero, ma se può far da se vuol dire che è uno specialista e quindi guadagnerebbe molto di più a far consulenze, allora cosa rimane? Il solito che si improvvisa... de gustibus.

Le persone magari hanno un progetto, che sanno che deve rendere, ma non a breve termine, e comunque la sua resa non può essere sprecata per la sola assistenza. Tu sei del nord, e forse non lo sai che a Sud ci sono aziende anche medio/piccole che hanno sala computer e sistemisti. Per queste, non sarebbe male posizionare le loro strutture vicino, risparmiando parecchio, visto che i tecnici già li hanno...

 

Ah, la France, la France, a 20 euro al mese, vai a malapena in pizzeria con la morosa, non prendiamoci in giro, questo è un overselling penoso che ovviamente gioca sul fatto che per un poweruser che frulla 80 Mbit ce ne siano molti che non ne fanno nemmeno 1. Stai tranquillo che se le risorse diventano un problema al low cost francese ti sbattono fuori in 10 secondi e ti attacchi al tram.

Ciò che va separato è un servizio serio da un giocattolo, se vogliamo parlare di giocattoli allora va bene ure il server dietro l'adsl di casa, se parliamo di business ervices, beh, parliamo di budget altrettanto seri.

 

Ti tagliano a 5mbit se ne fai davvero eccessivo, sempre di più di quanto offrono in italia, e comunque c'è chi riesce a tenere 70-80 mbit. Indubbiamente un giocattolo, ma il low cost è quello.

Share this post


Link to post
Share on other sites
È sicuramente un vizio italiano e te ne do ragione, ma non è detto che bisogna investire come se si dovessero ospitare milioni di clienti. Bisogna fare una struttura scalabile, questo si, ma le cose eccessivamente sovraddimenzionate, non giovano a nessuno.

 

Ma per curiosità, come fai a costruire una webfarm investendo poco ? O meglio, secondo te, quale è la cifra "minima" da investire ?

 

 

Sinceramente solo pensando ai mattoni, all'aria condizionata, ai generatori, agli ups, al pavimento, all'impianto elettrico, agli armadi rack, ai patch panel, ai cavi, alle telecamere, ai sistemi di sicurezza, al sistema antincendio .. tutto ovviamente ridondato penso proprio si spenda SICURAMENTE sopra il milione di Euro.

Basti pensare che per ristrutturare un negozio da 100/150mq. si spendono tranquillamente 100.000€ si può subito immaginare a quanto si può arrivare per una farm !

Share this post


Link to post
Share on other sites
È sicuramente un vizio italiano e te ne do ragione, ma non è detto che bisogna investire come se si dovessero ospitare milioni di clienti. Bisogna fare una struttura scalabile, questo si, ma le cose eccessivamente sovraddimenzionate, non giovano a nessuno.

Concordo con te, ma purtroppo, in una farm, ci sono i muri e relativi permessi, quindi non puoi fare una farm seria senza avere almeno una decina di sale (vuote all'inizio) che poi andrai ad allestire col tempo. Un edificio che possa fare da farm, poco poco sono qualche milionata di euri, poi c'è la connettività ed il personale di farm ed i milionns si moltiplicano. Quindi concordo con te che non deve essere fatto "tutto subito", ma, come vedi qui non si tratta di aggiungere un rack, ma di costruire ed i costi sono ovviamente altissimi per la maggior parte delle società "granose" italiane del settore.

Come detto da qualcuno, Aruba è la prova che non è detto che la qualità della banda siccome è distante da Milano sia male, dipende da come la si proggetta...

Verissimo, ma non mi risulta che Aruba sia partita con due spiccioli.

Le persone magari hanno un progetto, che sanno che deve rendere, ma non a breve termine, e comunque la sua resa non può essere sprecata per la sola assistenza. Tu sei del nord, e forse non lo sai che a Sud ci sono aziende anche medio/piccole che hanno sala computer e sistemisti. Per queste, non sarebbe male posizionare le loro strutture vicino, risparmiando parecchio, visto che i tecnici già li hanno...

Potrebbe essere un'interessantissima linea di business e mi chiedo perchè nessuno si sia mai buttato su un mercato potenziale così, forse perchè portare fuori le proprie strutture è comunque un costo alto (mica un risparmio), boh, non saprei...

Ti tagliano a 5mbit se ne fai davvero eccessivo, sempre di più di quanto offrono in italia, e comunque c'è chi riesce a tenere 70-80 mbit.

Alias per 20 Euri hai uno scassone con 5MBit di banda garantiti, beh, direi che cominciamo a ragionare e non mi sembra che siamo molto lontani dall'italico paese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×