Jump to content
Sign in to follow this  
anto78

Partita IVA: Quale codice attività scegliere per Impresa di Hosting?

Recommended Posts

Salve a tutti

Sto pensando di aprire un'impresa individuale che venderà online servizi di hosting e mi trovo alle prese con l'apertura della Partita IVA, ma ho parecchi dubbi su quale codice attività scegliere.

Sono indeciso tra questi 2 che mi sembrano i più appropriati:

1) Codice ATECO 2007 --> 47.91.10 Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via Internet.

2) Codice ATECO 2007 --> 63.11.30 Hosting e fornitura di servizi applicativi (ASP).

 

Sembra che il codice 63.11.30 corrisponda maggiormente al tipo di impresa che vorrei mettere su, ma io fornirei esclusivamente servizi di hosting... sarei in pratica un hoster e non un provider o ISP, dato che non mi occuperò di reti e connessioni... e quindi non so se questo codice può andare bene o se è riservato ai Provider; inoltre mi sembra di aver letto tempo fa che per diventare un provider occorrono autorizzazioni ministeriali e altri adempimenti burocratici (non previsti per gli hoster credo) e non vorrei trovarmi costretto a dover richiedere queste ulteriori autorizzazioni (pur non essendo un ISP) se scelgo questo codice attività.

 

Il codice 47.91.10 sembra invece più generico e rivolto ad ogni attività di commercio elettronico, per cui suppongo che possano rientrarvi anche i servizi di hosting: credete che potrebbe andare bene questo codice per la mia atività?

 

Rivolgo queste domande a tutti e soprattutto a chi già si occupa di hosting...

Vi ringrazio in anticipo per l'aiuto che vorrete offrirmi...

Saluti

Anto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao e grazie per la risposta WizOfOz...

Non mi sono ancora rivolto ad un commercialista, perchè, prima di passare alla fase operativa, vorrei avere le idee più chiare e poi vivo in una piccola città del sud e non credo che qui ci siano commercialisti esperti in questo genere di problemi.

Per cui, onde evitare in futuro di dover affrontare problemi burocratici imprevisti, speravo che qualcuno mi dicesse, anche in base alla sua esperienza, quale codice attività è più opportuno scegliere per aprire un'impresa di hosting.

 

Io tenderei ad orientarmi sul codice 63.11.30 che sembra più adeguato per l'Hosting, ma se comporta altri adempimenti burocratici allora forse è meglio usare l'altro codice... che ne pensate?

 

Quali autorizzazioni sono necessarie per aprire una impresa di hosting che svolga solo attività online?

1. Comunicazione al Comune di avvio attività --> si usa il modello Com 6-bis? Trascorsi i 30 giorni di silenzio/assenso posso iniziare l'attività?

2. Partita IVA

3. Iscrizione alla Camera di Commercio --> l'iscrizione va fatta entro 30 giorni dall'inizio effettivo dell'attività..vero? Con quale documento va fatta l'iscrizione?

4. Iscrizione alla gestione commercianti INPS --> l'iscrizione all'INPS è automatica per effetto dell'iscrizione presso la CCIAA o occorre presentare qualche documento? Riceverò i bollettini da pagare direttamente a casa?

5. Occorre altro?

 

Ho bisogno davvero di aiuto... vi prego di darmi dei consigli... grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il concetto di "commercio" è ben diverso dai servizi. Se ho capito bene vuoi avviare un'attività di hosting, quindi di servizi il cui codice attività è completamente diverso. Purtroppo non ricordo a quale codice attività è associata la nostra P.IVA...so per certo che rientra nella categoria delle "altre attività legate all'informatica" e per cui in teoria non sarebbe possibile fare del commercio di prodotti informatici.

 

Ad ogni modo sono necessari:

 

1) Apertura della P.IVA

2) Iscrizione alla CCIAA

 

Per l'INPS non c'è da comunicare niente perchè è automatico a seguito dell'iscrizione alla CCIAA.

I versamenti INPS dovrai farli online tramite il modello F24 (vale anche per IVA/IRPEF etc...) ...riceverai comunque a mezzo posta dall'INPS tutte le informazioni necessarie per i versamenti (importi/scadenze/codici versamento etc...)

 

Dovrebbe essere tutto ma ti conviene chiedere ad un qualsiasi commercialista perchè sono pratiche burocratiche abbastanza normali.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi ringrazio tantissimo Flame Networks e WizOfOz per le risposte ... siete stati gentilissimi.

 

Credo di aver compreso quello che mi avete detto, ma ho ancora un dubbio relativo al fatto se sia obbligatorio o meno presentare al Comune di residenza la Comunicazione di inizio attività: sapevo che non è obbligatoria se si effettuano vendite solo a imprese o cmq a titolari di partita IVA, ma io penso di vendere anche a privati cittadini... quindi suppongo che dovrei presentarla... solo che ho notato che non ne hai fatto menzione nel tuo post Flame Networks... e adesso non saprei davvero se doverla presentare o meno...

 

Per quanto riguarda il codice attività, alla luce di quanto mi avete detto, ritengo di poter scartare quello che si riferiva al commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto via Internet, trattandosi effettivamente di prestazione di servizi.

Inoltre, ho cercato il 72600 che mi hai segnalato WizOfOz; in base a quello che ho trovato sul sito dell'agenzia delle entrate, il codice 72600 adesso dovrebbe corrispondere al codice ATECO 2007 62.09.09 "Altre attività dei servizi connessi alle tecnologie dell'informatica nca".

Tuttavia, il codice ATECOFIN 2004 72.60.0 veniva usato per "Housing", per "Altre attività connesse all'informatica" e per "Hosting/Fornitura di servizi applicativi (ASP)"; mentre adesso queste 3 attività sono identificate da 3 codici diversi, tra cui il codice 63.11.30 (Hosting) che ho citato nel mio post di apertura.

Adesso, quindi, non so bene se usare il codice che mi avete indicato o se devo necessariamente scegliere quello che identifica l'attività di Hosting/Fornitura di servizi applicativi...

 

Vi chiedo cortesemente ancora un aiuto in merito a questi altri dubbi che ho... vi ringrazio in anticipo per la disponibilità

Buona giornata

 

PS: Dimenticavo una cosa.

So che alla fine dell'Homepage è necessario inserire il numero di Partita IVA.

Mi chiedevo, però, se occorre anche mettere il nome dell'impresa per esteso: nel mio caso, trattandosi di un'impresa individuale, dovrei mettere per esempio NomeImpresa di Mario Rossi? o può bastare l'indirizzo del sito web, es. Nomedominio.com?

 

Desideravo anche mettere la parola "Copyright" e relativo simbolino in fondo alla Home: sapete se occorrono autorizzazioni particolari per poter inserire questa dicitura?

Ho visto che parecchi siti e-commerce la utilizzano, ma non ho idea di cosa fare per ottenerla o se può essere liberamente inserita da chiunque...

 

Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sinceramente non ricordo se è necessario comunicare qualcosa al comune dove c'è la sede legale dell'azienda. Solitamente mi pare che si faccia solo per determinate attività commerciali (negozi etc...) perchè poi ci sono le visite ispettive dei funzionari preposti.

Sul sito deve essere indicata la ragione sociale e la partita iva.

Per il copyright non ne ho idea.

Dovresti comunque rivolgere le tue domande ad un commercialista per schiarirti le idee...poi ti fai due conti (proprio i soldi eh...) e decidi. :)

Considera che solo il commercialista, se ti dice bene, ti costa 600 € l'anno.

Mettici i contributi INPS che sono circa 3000 € l'anno se è una ditta individuale...poi le tasse che è il 20% fino a 33.000 € di fatturato su base annua e ancora non hai venduto niente.

Non ti voglio scoraggiare ma devi valutare bene TUTTI i costi di gestione e mantenimento.

Buona fortuna. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Flame Networks per l'incoraggiamento...o era piuttosto un tentativo di dissuasione?!?....scherzo...

 

Ero già consapevole dei costi INPS e, pur sembrandomi sinceramente un pò eccessivi per una nuova impresa, li avevo già messi in conto.

Poi pensavo di poter fruire del regime fiscale agevolato per le nuove attività e in questo modo dovrei pagare un'imposta sostitutiva dell'IRPEF del 10% fino a 45 000 euro di fatturato oltre a poter usufruire di diverse semplificazioni contabili (non tenere scritture contabili nè registri IVA e versare l'IVA una sola volta all'anno). Così facendo, spero di poter riuscire anche a contenere il più possibile le spese per il commercialista, almeno fino a quando non avrò ingranato...

Cmq ti ringrazio per l'indicazione del costo annuo per un commercialista... sinceramente non ne avevo idea e 600 euro mi potrà servire come metro di paragone.

 

Insomma...tirando un pò la cinghia nei primi tempi, ammesso che riesca a gestire tutto dal punto di vista tecnico, e con un pò di fortuna e qualche buona idea spero di poter avviare questa attività... poi come andranno le cose potrà dirlo solo il tempo, ma io sono fiducioso... incrociamo le dita....ahahahahahha

 

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate se intervengo ancora sulle autorizzazioni richieste per aprire una impresa di hosting... ma avrei bisogno di sapere se è necessaria l'autorizzazione del Ministero delle Comunicazioni.

Gli hoster che frequentano questo forum hanno richiesto un'autorizzazione ministeriale per aprire la loro impresa?

Grazie in anticipo per la collaborazione

Anto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×