Jump to content
Sign in to follow this  
Redazione Hosting Talk

Anche Pingdom decide di tornare sulla retta via, 6 cose da sapere sul webhosting

Recommended Posts

Finalmente anche un blog influente come Pingdom dedica un post "serio" all'argomento hosting, cercando di portare alla mente dei lettori quali sono i miti da sfatare nel mondo hosting, mi verrebbe da dire che loro, negli USA, ne hanno più bisogno che noi in Italia, ma a giudicare dalle richieste che vedo su HostingTalk.it ogni tanto, l'illimitato e l'affidabilità a 30 euro annui vanno ancora molto di moda.

 

leggi tutto

 

 

 

Leggi il resto di Anche Pingdom decide di tornare sulla retta via, 6 cose da sapere sul webhosting sul blog di HostingTalk.it

Share this post


Link to post
Share on other sites

cara redazione ancora una volta gli amici di oltreoceano stentano a capire che le risorse illimitate non esistono da nessuna parte ! :cartello_lol::cartello_lol:

Offrire banda illimitata e spazio illimitato ne va della qualità di un servizio che si offre !!

E vedo dice uno che manco lavora nel settore ! :emoticons_dent2020::emoticons_dent2020::emoticons_dent2020:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maggior visibilità agli articoli oltre oceano ma non a quelli di casa nostra:):):)

Incollo un articolo un pò prolisso.

 

 

 

 

 

Il mercato italiano è sempre stato segnato, nel corso degli anni, se pur con un po’ di ritardo, dalle vicende degli United States Of America.

A fine millennio in Usa iniziò la corsa alla vendita, a livello mondiale, dei server dedicato e, in quel periodo, l’Italia stava ancora cercando di capire se un server era un PC o una lavatrice dove poter inserire una rivista. Stiamo esagerando….ovviamente!

In Italia in quel periodo le società di hosting si contavano su due mani. Su una se si parlava di società di hosting con propria struttura.

I grandi nomi di quel tempo iniziarono, la maggior parte, con dei server acquistati negli USA, pagando qualche centinaio di dollari al mese. Purtroppo in quel periodo il dollaro aveva un gran potere di acquisto (circa 2000/2200 lire italiane).

Mentre in USA dilagavano le società che vendevano server dedicati, in Italia iniziava a marciare il mercato dell’hosting con prezzi, per Mega di spazio web, abbastanza alti.

A quel tempo si parlava di costo per registrazione dominio dai 35.000 ai 50.000 lire +iva, spazi web da 10,20,50,100 Mega (CAVOLI!! 100MB) sui 100/200,000 lire.

Vi erano ditte che vendevano a meno dei prezzi su indicati, come pure ditte che per 10 Mega di spazio e 1 email si facevano pagare 500.000 lire.

Il mercato era agli albori e non tutti erano in grado di sapere come entrare nel web per acquistare spazio web. In quel periodo vi era anche molta diffidenza nel pagare con carta di credito e soprattutto pochissime banche erano in grado di mettere a disposizione dei provider un circuito di POS Online (Banca Sella ha insegnato molto) e Paypal era appena nata.

Nei primi 3 anni del millennio si vide un boom pazzesco di queste società di hosting. Alcune si son perse per strada, altre sono state salvate da altre aziende, altre ancora hanno fatto la storia dell’hosting italiano e sono ancora in essere. Il mercato si aprì a macchia d’olio e tutti iniziarono a fare questo “”semplice”” “”mestiere””.

Dal 2003/2004 al 2008 si è visto un po’ di tutto nel settore hosting ma senza quei reali sconvoglimenti accaduti in USA.

Mentre in Italia si faceva e si fà la guerra a suon di qualche centinaio di Mega, in USA si combatteva la concorrenza a colpi di CENTINAIA di GIGA disponibili per i piani hosting.

Edited by Serverweb

Share this post


Link to post
Share on other sites

DOMANDA: “è vero che ci sono dischi immensi, ci sono storage paurosi, ma sarà poi così vero che è possibile uplodare anche 500Gb o 1500Gb di sito web?”….la risposta la conosciamo già!

 

 

Oppure è più realistico il mercato di chi offre spazio web illimitato visto che all’illimitato non si può dare un reale valore statico?

Forse è proprio per questo motivo che diverse società oltre oceano stanno nuovamente passando dall’offrire spazi web da centinaia di Giga a spazi illimitati?

Web Host Directory: The best free source of web hosting services in a searchable web host directory. Powerful web host search engines, reviewed web hosts, awards, news and much more! ha pubblicato alcuni articoli contro l’uso improprio di tali offerte, offerte viste dagli esperti, e non, come “trucchi pubblicitari per attirare clienti”.

Tutti sono consci di questo trucco, però tutti continuano ad acquistare piani con 1000 GIGA o SPAZIO ILLIMITATO.

Qui voglio quotare ciò che indica l’articolo su webhostdir e altri post in rete:

“”L’amore è eterno finche’ dura!” beh, anche lo spazio disco, ve lo assicuro, è illimitato finchè dura.

E ‘meglio pagare di più, ma dormire bene la notte? Una nuova Mercedes a 5000 dollari sembra sospetta?
L’energia è limitata, l’acqua e il petrolio sono limitati. L’ampiezza di banda è come un tubo di acqua. In base al diametro solo una ben precisa quantità di acqua potrà passare per un determinato periodo di tempo. Non si può spingere l’intero oceano attraverso un tubo di 5 pollici per un mese. Per quanto possa essere grande il diametro vi è una limitazione. Cosa dire dell’ illimitato spazio su disco? Avete mai visto un disco rigido con capacità illimitata?
“”

Chiarissimo il messaggio. Chiarissima anche la spiegazione successiva dove, giustamente, si evidenzia il fatto che, tutte queste società, hanno policy molto restrittive dove indicano “pene” severe per i “trasgressori”.

Il messaggio, come detto, scusate la ripetizione, è chiarissimo però è fondamentalmente campato in aria per un semplice motivo: loro stessi pubblicizzano siti che offrono l’UNLIMITED / UNMETERED e, soprattutto, alla “fine della fiera” o della “bella parabola”, i più grossi Provider USA, offrono l’illimitato. In UK non c’è ancora questa moda. I più grandi Provider Uk ragionano ancora come in Italia

A questo punto le domande sono:

a) come gli States a breve le maggiori società di hosting italiano inizieranno la guerra a colpi di 5000 GB di spazio web, una SAN completa, oppure andranno tutti verso l’illimitato?

b) conviene essere fiscali, precisi e dire le cose come stanno offrendo quote precise di risorse, quote realistiche di spazio web, email, traffico, banda, utili a racimolare qualcosa sul mercato odierno oppure adeguarsi a questa vecchia pratica dell’illimitato o giga a go-go, prendendo un po’ in giro il cliente ma utile per imporsi sul mercato?

Meglio dare una certa quantità di spazio web limitata da utilizzare anche come storage di proprie immagini (esempio) oppure offrire l’unmetered / illimitato e poi far firmare una policy dove si accetta il fatto che su quello spazio web devono essere presenti solo file html o php e qualche immagine del sito web?

Come sempre…Ai posteri l’ardua sentenza:)

 

 

In Italia chi lavora tanto sono coloro che offrono tali illimitati. tutti odiano tale parola ma tutti la comprano:). C'è anche chi dice di dare illimitato e poi scrive che offre solo un tot di giga.

 

C'è chi dice ti dò un tot di giga compresi nel prezzo ma puoi usarne quanti ne vuoi vista la banda aperta e paghi la differenza ma viene preso per pazzo!

 

 

No Illimitato? no Party!

 

 

alla fine per chi deve comprare sembra che questa sia la parolina chiave per l'audience e il successo

 

 

Buttata là. A voi la sentenza per riscaldare il thread in modo idoneo ovviamente.:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×