Jump to content
Sign in to follow this  
Redazione Hosting Talk

Pagamenti mensili nei servizi shared hosting? La differenza con gli USA

Recommended Posts

Voglio riprendere qui, nel blog, una interessante discussione avviata da Serverweb nel nostro forum che vuole cercare di capire quali siano i motivi che portano a scegliere un servizio hosting USA pur consapevoli dei problemi di overselling alla base di molti servizi. Di questo abbiamo parlato tante volte, e non voglio andare oltre, tuttavia nel corso della discussione è sorta un'interessante nota: all'estero è possibile, quasi sempre, pagare mensilmente i servizi di shared hosting, in Italia questo non è quasi mai possibile.

 

leggi tutto

 

 

 

Leggi il resto di Pagamenti mensili nei servizi shared hosting? La differenza con gli USA sul blog di HostingTalk.it

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che i motivi principali siano due:

 

  1. Le commissioni per il pagamento con carta di credito sono sia percentuali sulla somma che fisse (per tot euro pagati, ad esempio, i circuiti si prendono il 3,5% + 0,35 euro fissi). quindi se si pagano otto euro mensili (8x12=96euro) sono quasi una mensilità persa per pagare le spese.
  2. Tutti fanno il pagamento per l'hosting annuale e in Italia siamo come le pecore (ovvero ci copiamo), realizzando magari senza volerlo una specie di cartello (forse è una cosa che fa parte della nostra cultura, ovvero ce l'abbiamo nel DNA?)

Considerazioni: siamo piuttosto diffidenti verso i nuovi mezzi di pagamento (carte di credito, bonifici online...); avete mai ricevuto una richiesta da parte di un cliente per pagare con il bollettino postale? Perdere un sacco di tempo presso gli uffici postali sembra non essere ancora un problema.

Per quanto riguarda il secondo punto, invece, il fatto di non poter disporre di un sistema, magari anche trimestrale, ci penalizza (dal punto di vista dell'utente e non del provider): se un piano hosting si rivela poco performante o qualche clausola nascosta (o non ben considerata) non ci permette di fare ciò che avevamo pensato, fregati. Soldi persi.

:approved:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vendere un servizio con cadenza mensile potrebbe far crescere considerevolmente i lavori di setup e sospensione dei servizi. Nel pagamento mensile credo rientri una buona parte di utenti poco sicuri o che vogliono semplicemente provare il servizio. Finito il contratto non è quindi da escludere che alcuni non rinnovino. A questo punto tra setup, eventuale supporto, interventi, sospensione del servizio ne è valsa effettivamente la pena?

 

Sicuramente è comodo per i clienti ma forse meno per un provider. Un mese vola ed è cheap :D

Edited by revhosting

Share this post


Link to post
Share on other sites

probabilmente gli utenti all'estero sono più puntuali e precisi dei nostri connazionali ;-)

io perdo già un sacco di tempo in solleciti distacchi e riallacci con i clienti che pagano annualmente.. figurarsi se dovessi fare tutto questo ogni mese.

Trovi anche quello che si lamenta se dopo oltre 30 giorni di ritardo gli sospendi il servizio...

 

Non dimenticate poi che all'estero paghi e chi si è visto si è visto.. qui dobbiamo fare una fattura per ogni transazione e sono costi aggiuntivi anche quelli... 12 fatture all'anno per ogni cliente (il mio commercialista sarebbe contento)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×