Guida alla scelta della soluzione hosting dedicata, VPS o Server dedicato

Scegliere una soluzione di hosting diventa sempre piu complesso. Esistono diverse tipologie di servizi offerti: Dedicato, Condiviso, Virtuale, Gestito, Co-Located e Cloud. Bisogna quindi sapersi orientare e capire quale di queste formule faccia al caso proprio. Una tendenza che si e affermata negli ultimi due anni nel mercato italiano e stata quella delle soluzioni dedicate. Con questa formula vi viene riservato un server fisico o virtuale dove e ospitata la vostra piattaforma web.

Scegliere una soluzione di hosting diventa sempre più complesso. Esistono diverse tipologie di servizi offerti: Dedicato, Condiviso, Virtuale, Gestito, Co-Located e Cloud. Bisogna quindi sapersi orientare e capire quale di queste formule faccia al caso proprio.

Una tendenza che si è affermata negli ultimi due anni nel mercato italiano è stata quella delle soluzioni dedicate. Con questa formula vi viene riservato un server fisico o virtuale dove è ospitata la vostra piattaforma web. Avete il completo controllo del server. Le risorse di CPU e RAM sono a vostra disposizione e potete decidere se ospitare più domini o un unico sito.  Dal vostro punto di vista dovete capire se conviene utilizzare una soluzione fisica o una virtuale. Nel primo caso vi verrà riservato un intero server fisico mentre nel secondo caso vi verrà riservato una “macchina virtuale”, un server fisico software ed emulato all’interno di un sistema software più complesso che ne ospita diverse altre.

Sia nel caso di server fisico che virtuale l’utente ha tipicamente il completo controllo del sistema. Esso è responsabile della configurazione del server, quindi di software come Apache, MySQL, PHP se si tratta di una piattaforma Linux o del sistema Microsoft ASP.Net se si tratta di una piattaforma Windows. Oltre a questo con l’ausilio di un apposito pannello di amministrazione l’utente può anche agganciare su quella macchina più domini e quindi all’occorrenza creare anche più siti web.

Questo articolo è offerto da Register.it:

Register.it è leader italiano nel settore della registrazione domini con oltre 1.5 milioni di domini registrati e nel campo delle soluzioni professionali di Hosting. La compagnia fornisce anche soluzioni di hosting professionale, per privati e aziende. Puoi seguire Register.it anche sulla pagina HostingTalk.it dell’azienda

Prima di scegliere il tipo di soluzione dedicata

Prima di scegliere però quale di queste due soluzioni adottare dovrete per prima cosa chiarirvi le idee su cosa intendete realmente fare. Il programmatore o la web house che opta per una opzione dedicata è spinto dall’esigenza di dover offrire un servizio web più professionale, per un pubblico più o meno vasto, e che necessità una potenza di calcolo definita e controllabile. Quindi per prima cosa conviene capire quali sono le proprie esigenze in termini di servizi web, utenza, traffico.  

Ovviamente va anche tenuto conto del budget economico che si ha a disposizione; scegliendo una tipologia di web eccessivamente potente, rispetto a quelle che sono le vostre reali esigenze, potrebbe costarvi troppe risorse e denaro, mentre una soluzione non adatta al vostro traffico, potrebbe compromettere la velocità e l’affidabilità del vostro sito.

Una volta definite le caratteristiche del vostro servizio potrete iniziare a valutare quale delle due tipologie di soluzione dedicata utilizzare: fisica o virtuale?

La soluzione dedicata di tipo virtuale

La soluzione di tipo virtuale

Iniziamo col parlare delle soluzione dedicata di tipo virtuale spesso indicata in gergo con VPS ovvero Virtuale Private Server.  Essa si basa sulla tecnologia della “virtualizzazione”, applicabile tanto all’ambito software quanto a quello hardware,  e che prevede la creazione di una versione virtuale di una risorsa che di norma è fisica (un server, un componente di rete, un firewall, ecc…).

Un tipico esempio è la virtualizzazione X86 che consente l’esecuzione di più sistemi operativi sulla stessa macchina grazie a  software come VirtualBox, Vmware Workstation o Parallels Desktop. Il sistema che ospita l’ambiente virtuale (ad esempio Windows Vista) si identifica con il termine “host”, mentre il sistema operativo virtualizzato (Linux Ubuntu) viene definito “guest”.

Quest’ultimo condivide con l’host le stesse risorse hardware, che tuttavia vengono allocate e garantite dal software di virtualizzazione in modo tale che il sistema virtuale possa lavorare con le stesse performance di un sistema fisico.

La virtualizzazione applicata all’ambito del web hosting consente di creare, su un unico server fisico, più macchine virtuali. L’utente che acquista un servizio dedicato di tipo virtuale può in molti casi scegliere tra più soluzioni che si differenziano nella tipologia di CPU emulata, la quantità di RAM riservata, la dimensione e la tecnologia del disco fisico e la banda disponibile per il collegamento di rete.

Vantaggi e svantaggi di una VPS

Vantaggi e svantaggi di una VPS

Per un hoster provider i principali vantaggi delle offerte virtualizzate sono: la possibilità di allestire il servizio su un numero minore di server fisici; la riduzione dei costi energetici conseguenti (dato il minor numero di macchine); risparmio economico inerente l’affitto dello spazio in webfarm (fattore che incide pesantemente nel bilancio di un’azienda di questo settore).

A questi va aggiunta la possibilità di offrire al cliente maggiori garanzie e una ridondanza di qualità superiore. Il cliente che acquista un server virtuale, a sua volta, può utilizzare un vero e proprio ambiente dedicato che gli consente quindi di agire sul sistema come se si trattasse di una macchina fisica, potendo impostare a piacimento la configurazione dei servizi e del sistema operativo. Non va dimenticato inoltre che l’utilizzo della virtualizzazione, proprio perché usufruisce di una maggiore ridondanza del servizio, garantisce al cliente una possibilità di downtime quasi inesistente. I moderni sistemi di virtualizzazione consentono infatti il trasferimento automatico delle VPS da un nodo all’altro, nel caso si verifichino guasti hardware (Live Migration System).

Tipicamente lo svantaggio principale per un cliente che intende utilizzare un VPS è il poco controllo che ha sulle performance globali della macchina virtuale. Egli può certamente intervenire sulla configurazione del software (sistema operativo e piattaforma web da installare) ma non è in grado di controllare il come la macchina virtuale viene allocata e gestita. Piattaforme di virtualizzazione come Virtuozzo, estremamente diffusa sul mercato americano, consentono di installare su di uno stesso server fisico centinaia di macchine virtuali.

In questi scenari le prestazioni della VPS non sono tipicamente garantite a tutto svantaggio di chi ne ha acquistata una. Il vantaggio è tutto dell’host provider che riesce a proporre una soluzione con costi di gestione molto bassi. Alcuni host provider affiancano oltre alla configurazione VPS dei termini di condizione che riportano le performance di esecuzione garantite; variazioni a  queste condizioni di utilizzo possono richiedere un sovrapprezzo da concordare in separata sede.

La soluzione dedicata di tipo fisico, il server dedicato

La soluzione dedicata di tipo fisico, il server dedicato 

Passiamo ora ad analizzare la seconda tipologia di soluzione dedicata, quella fisica, il server dedicato. Come già detto questa soluzione consiste nel noleggiare una macchina server tipicamente messa a disposizione dall’host provider e di scegliere tra una o più configurazioni hardware a catalogo. In questo caso l’utente deve per prima cosa individuare la configurazione hardware e poi capire quale delle due forme di gestione utilizzare: Co-Located o Gestito?

Il primo passo da affrontare nella valutazione di una soluzione dedicata è la scelta dell’hardware da utilizzare. Partendo dal fatto che possiamo affidarci al nostro provider per la tipologia di server e la marca di quest’ultimo, dovremo invece decidere in prima persona quale processore utilizzare, quale quantità di memoria, il numero e la capacità di dischi, e magari anche la configurazione di questi ultimi. In alcuni casi è anche possibile perfezionare il pacchetto affiancando al server dedicato anche un firewall dedicato e questo per soddisfare eventuali ulteriori esigenze di sicurezza. Inoltre potrebbe anche essere necessario scegliere il numero di interfacce di rete da installare, quindi il numero di indirizzi IP statici da usare, e la banda di rete verso internet (quindi di upload) che si intende offrire.

Una volta individuata la configurazione hardware della soluzione dedicata bisognerà poi valutare il modo col quale gestire questo server fisico. Potrete scegliere di farlo gestire interamente all’host provider, ed in questo caso si parla di soluzione di tipo “Gestito”, oppure potrete scegliere di gestirlo interamente voi stessi, ed in questo caso si parla di soluzione di tipo “Co-Located”. 

Housing e Colocation

In alcuni casi gli host provider consentono anche di installare presso i propri laboratori un vostro server fisico, si parla di “Housing Colocation”.

Voi scegliete il server fisico da acquistare, tipicamente bisogna orientarsi verso una soluzione di tipo rack-mount cioè da alloggiare in una postazione di un rack, e poi lo fate recapitare presso l’host provider che provvederà ad installarlo fisicamente ed a metterlo in linea su internet. Questo tipo di soluzione spesso risulta più fastidiosa da gestire perchè oltre della configurazione software, che è quasi sempre a vostro carico, dovrete farvi carico anche della gestione delle “assistenze tecniche” concordando

Strumenti di gestione 

Sia nel caso di soluzione dedicata Fisica che di soluzione dedicata Virtuale avrete a disposizione una serie di strumenti per poter gestire da remoto la vostra macchina server.

Tipicamente gli host provider mettono a disposizione due tipi di pannelli di controllo accessibili tramite web per mezzo di un normale web-browser: il pannello di controllo della macchina ed il pannello di configurazione delle configurazioni internet.  

Il pannello di controllo della macchina consente di amministrare la macchina remota e di effettuare operazioni come il riavvio, la configurazione dei servizi software remoti (posta, dns, firewall software, …), la configurazione dell’accesso da terminale, ed il monitoraggio del sistema in termine di risorse hardware e software impegnate.  Il pannello di configurazione delle configurazioni internet consente invece di configurare i servizi internet installati tra cui il web server, il server di posta, il DNS locale e così via. Ovviamente alcune di queste operazioni potranno essere effettuate anche tramite il terminale agendo direttamente sui file di configurazione e provvedendo ad un riavvio manuale dei singoli servizi.

Soluzioni a confronto

Uno degli aspetti più complessi da valutare nella scelta di una soluzione dedicata è la questione del costo. Ciascun host provider offre più soluzioni VPS e soluzioni Dedicate Fisiche che si differenziano per le caratteristiche delle configurazioni hardware.

Confrontare e capire quale delle soluzioni sia la più conveniente risulta spesso molto difficile ed in questi casi l’esperienza ed il rapporto consolidato con gli host provider è il metro più oggettivo per valutare la soluzione migliore dal punto di vista del rapporto tra costo e prestazione.  Esistono diversi parametri che possono influenzare il costo totale della soluzione, oltre alle caratteristiche hardware alcuni host provider differenziano le offerte anche per numero di interfacce di rete, per numero di domini DNS gestibili e così via. 

I costi di una soluzione VPS partono da 10 Euro al mese fino ad arrivare ad offerte che hanno un costo di 60 Euro al mese, ed in taluni casi anche più. Si comprende quindi che i costi annuali variano quindi trai 120 Euro e quasi i 1000 Euro, ed anche più; ovviamente si parla di costi IVA esclusi. I costi di una soluzione Dedicata Fisica sono tipicamente più alti e la forbice varia tra  i 30 Euro mensili fino ad arrivare anche a 400 Euro mensili. In questo caso i costi annui risultano certamente più esorbitanti. Si comprende quindi come l’analisi dei ricavi mensili che la propria applicazione potrà portare è di fondamentale importanza. Uno studio approfondito con proiezione dei ricavi la più precisa possibile vi consentirà di dimensionare ed investire in maniera più oculata. 

Questo articolo è offerto da Register.it:

Register.it è leader italiano nel settore della registrazione domini con oltre 1.5 milioni di domini registrati e nel campo delle soluzioni professionali di Hosting. La compagnia fornisce anche soluzioni di hosting professionale, per privati e aziende. Puoi seguire Register.it anche sulla pagina HostingTalk.it dell’azienda