Hadoop e Hortonworks, raccolti altri 100 milioni di dollari

Hadoop rappresenta un'opportunità di crescita incredibile per Hortonworks, che diventa protagonista di una nuova tornata di finanziamenti in venture capital

Continua senza sosta la scalata di Hortonworks, vendor di Hadoop che raggiunge 100 milioni di dollari di venture capital, raccolti sotto l’egida di BackRock e Passport Capital e con l’intervento degli investitori tradizionali come Dragoneer, Tenaya Capital, Benchmark, Index Ventures e Yahoo!.

L’obiettivo del finanziamento è permettere al gruppo di investire nuove risorse pecuniarie nell’incremento del reparto ingegneristico, garantendo così la crescita aziendale e l’opportunità di accettare nuove sfide.

Hortonworks opera in un mercato ad alto impatto di risorse e capitali e investe di continuo tutte le disponibilità pecuniarie e umane nello sviluppo di nuove caratteristiche da implementare per la piattaforma Hadoop e nel rilascio di nuove tecnologie open source che permettano di gestire e analizzare volumi di dati sempre più consistenti, continuando ad assistere i clienti e i partner nell’integrazione e personalizzazione dell’architettura Hadoop.Hadoop e Hortonworks, raccolti altri 100 milioni di dollari

Con quest’ultimo finanziamento, Hortonworks raggiunge quota 198 milioni di dollari in venture capital, ottenuti a partire dall’avvio aziendale avvenuto poco dopo la metà del 2011.  Altri vendor Hadoop concorrenti nel frattempo hanno avviato finanziamenti in venture capital per sostenere gli investimenti: così Cloudera ha raggiunto quota 300 milioni di dollari dal 2008, compreso un finanziamento da 160 milioni di dollari ricevuto circa due settimane fa.

Allo stesso modo, MapR ha ottenuto 59 milioni di dollari dal 2011.

Hortonworks si posiziona quindi fra le due concorrenti in termini di venture capital, ma il CEO Rob Bearden sottolinea come Hortonworks sia differente da tutti gli altri vendor di Hadoop. Secondo Bearden, infatti, tutte le concorrenti sono da sempre impegnate nello sviluppo di soluzioni proprietarie basate su Hadoop, mentre Hortonworks si preoccupa di sviluppare tecnologie all’interno dell’Apache Software Foundation, per migliorare le strategie dei clienti e dei partner senza imporre in modo assoluto le proprie soluzioni IT e cloud.

Hortonworks punta in alto con Hadoop

Questa strategia aiuta Hortonworks ad aumentare le vendite attraverso tutti i canali di promozione, con l’obiettivo di raggiungere risultati finanziari molto importanti entro i prossimi anni.

In un’intervista condotta da GigaOM a Bearden, il CEO ha citato alcune previsioni di mercato, secondo cui Hadoop e i prodotti da esso derivati dovrebbero raggiungere un giro di affari di oltre 25 milioni di dollari in pochissimi anni e in questa prospettiva si inserisce Hortonworks che punta a una revenue annuale di circa 1 miliardo di dollari fra il 2017 e il 2018.

In quest’ottica di forte incremento si inseriscono tutte le linee di investimento condotte dai finanziatori, che guardano a Hadoop come a un’opportunità di guadagno straordinaria su cui investire per ottenere lauti ritorni. La filosofia di sviluppo di Hortonworks, d’altra parte, sembra incontrare il favore di molti clienti che si affacciano per la prima volta alla piattaforma di Big Data Analysis open source e che cercano una soluzione non esclusiva, capace di integrarsi perfettamente con le infrastrutture IT e le risorse già disponibili.