Categorie
Connettività

Internet, l’Italia viaggia a due velocità

Dispositivi mobili in costante crescita, postazioni fisse in ritardo. L’utilizzo di internet in Italia viaggia sempre più a due velocità, con smartphone e tablet a far da traino, secondo standard ben superiori alla media europea. Viaggia bene la banda larga mobile, con prospettive rosee anche per il prossimo biennio, il termine che si è preposta Telecom Italia per l’implementazione della tecnologia LTE. Le frequenze 4G, acquistate lo scorso anno, garantiranno un’importante step in avanti a livello di velocità di navigazione.

L’equivalente di LTE per la fruizione da PC sarà rappresentato dalla linea ultrabroadband, che entro il 2014 raggiungerà 100 città italiane, per un totale di 6 milioni di unità immobiliari. Su per giù, il 40% della base di utenza, che verrà servito da Telecom Italia tramite l’architettura FTTcab (Fiber to the cabinet). Con la fibra ottica si punta a colmare il gap del Belpaese rispetto agli altri paesi dell’Unione, che sfruttando le linee TV-via cavo hanno seguito strategie operative differenti.

Focalizzata da una parte sui progetti di breve-media scadenza, Telecom è alle prese dall’altra parte con i problemi di concorrenza. Oggetto del contendere è il servizio di rete fissa, in particolare riguardo ai canoni di Unbundling Local Loop, che permettono ad operatori terzi (come Wind, per esempio) di usufruire delle infrastrutture intitolate ad un altro operatore (in questo caso, Telecom). Il 50% delle linee ad alta velocità nazionali, 7 milioni su 14, funzionerebbero secondo questa modalità.

Troppo poco però a giudizio degli altri player del mercato, che chiedono maggiore liberalizzazione, e canoni più accessibili. Telecom da parte sua risponde facendo notare come le tariffe nazionali siano solo lievemente più elevate della media UE. In mezzo si pone l’Autorità Garante per le Comunicazioni, con un invito alla conciliazione, e l’impegno a rivedere il listino triennale degli altri prodotti offerti dagli operatori, come ULL dei doppini, Bitstream Asdl, e Wlr.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.